antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 30.06.14
Garbatella, assalto omofobo all'associazione Dì Gay Project: "Vi bruceremo tutti"
·
Garbatella, assalto omofobo all'associazione Dì Gay Project: "Vi bruceremo tutti" ·
Un attacco in piena regola, nella settimana dell'orgoglio gay, a neanche un mese dal Pride cittadino. E' successo mercoledì sera a Roma, alla sede dell'associazione Di'Gay Project contro la cui vetrata un gruppo di ragazzi ha lanciato frutta e sacchi pieni di escrementi gridando frasi violente e omofobe come "Morirete tutti, vi bruceremo, froci". Al Messaggero, la presidente Maria Laura Annibali ha raccontato che "i ragazzi (che erano all'interno della sede, ndr) si sono spaventati molto, ma nonostante questo, quando il gruppo di assalitori è fuggito, tre hanno iniziato a correre loro dietro, salvo poi perderne le tracce". Le forze dell'ordine stanno già indagando e faranno tesoro dei racconti dei testimoni dell'agguato.
"Siamo alla Garbatella da 14 anni e non ci era mai successo nulla - ha commentato Imma Battaglia, consigliera comunale di Sel che dell'associazione è stata presidente per molto tempo -. Mi chiedo se questo raid faccia parte dell'ennesimo giro di violenze che ci sono in questa città e per le quali abbiamo chiesto un incontro urgente al sindaco".
Imma Battaglia
Solidarietà all'associazione è arrivata dal mondo lgbt. In una nota, l'associazione napoletana "i Ken" esprime "la propria vicinanza e da coraggio alla presidente", mentre dalla Capitale arriva il sostegno del Circolo Mario Mieli che definisce quanto accaduto "un vile gesto omofobo".
"Il numero degli assalitori e il lancio di escrementi e cassette di vegetali - si legge nel comunicato diffuso dal presidente del Mieli Andrea Maccarrone - lascia pensare a un'azione di violenza politica pianificata e premeditata di una gravità intollerabile". "Denunciamo costantemente - conclude Maccarrone -come la grave mancanza di un sistema educativo aperto alla cultura delle differenze e la colpevole assenza di leggi positive che riconoscano i nostri affetti e le nostre famiglie, uniti ai discorsi di disprezzo e odio pronunciati con allarmante frequenza da politici, inconsapevoli e indegni del proprio ruolo, contribuiscano a creare un ambiente di complicità e di inaccettabile legittimazione che finisce per armare la mano dei violenti".
"Totale sostegno" all'associazione, arriva dal senatore di Sel Massimo Cervellini secondo cui "è quanto mai urgente il nostro lavoro nelle istituzioni, oltre che per una legge sui diritti civili, per politiche nazionali di inclusione e di educazione alle differenze a cominciare dal settore dell'istruzione".

Il giorno prima dell'aggressione, su una pagina Facebook intitolata "Repubblica Sociale Italiana di Salò", era comparsa l'immagine che vedete qui di fianco. Si tratta di un fotomontaggio in cui Hitler e Mussolini si allontanano sorridendo dall'ingresso di un campo di concentramento la cui insegna originaria (quel tremendo "Il lavoro rende liberi" che tutti ricordano) è stata sostituita con uno striscione del Gay Village con il motto "Abbiamo limiti non confini". I due dittatori si dicono tra loro "Dici che ci cascano?". Il riferimento è chiaramente ad un campo di concentramento destinato alle persone lgbt che, vale la pena ricordarlo, furono davvero perseguitate e internate durante il nazi-fascismo. L'ennesima incitazione all'odio che sul social network ha ottenuto 143 "like" e 98 condivisioni. L'immagine è comparsa anche sul profilo si un vigile urbano romano contro il quale è stato presentato un esposto al Comune.

Fonte: gayt.it


Un assalto in piena regola, condito da insulti omofobi e dal lancio di sacchi contenenti feci. Hanno colpito mercoledì sera, poco prima delle 23: obiettivo la sede alla Garbatella dell'associazione Dì Gay Project di Imma Battaglia. Un "commando" di almeno dieci ragazzi ha preso di mira l'ufficio, che ha un ingresso su strada, in via Costantino, al civico 82. All'interno erano in corso le prove per uno spettacolo teatrale da portare in scena al Gay Village, la manifestazione dell'estate romana iniziata la scorsa settimana.

LA PAURA
«Dentro c'erano 13 tra ragazzi e ragazze racconta la presidente dell'associazione, Maria Laura Annibali quando, all'improvviso, da fuori è apparso questo branco di persone. Avevano in mano dei sacchetti e della frutta, che hanno lanciato oltre la vetrata all'ingresso». Un blitz durato meno di un minuto, durante il quale sono state gridate minacce e insulti omofobi: «Morirete tutti, vi bruceremo, froci». I ragazzi si sono spaventati molto racconta ancora la Annibali ma nonostante questo, quando il gruppo di assalitori è fuggito, tre hanno iniziato a correre loro dietro, salvo poi perderne le tracce». Nelle prossime ore, i testimoni del fatto si recheranno in commissariato per sporgere denuncia alla polizia, tramite l'avvocato Valentina Ciaramella.

«Siamo ancora davanti ad un attacco omofobo, che è abbastanza insolito commenta la Battaglia, fondatrice e presidente onoraria dell'associazione, oltre che consigliera comunale, - Siamo alla Garbatella da 14 anni e non ci era mai successo nulla. Mi chiedo se questo raid faccia parte dell'ennesimo giro di violenze che ci sono in questa città e per le quali abbiamo chiesto un incontro urgente al sindaco. Forse questi omofobi sono venuti perché in Comune si è iniziato a discutere di unioni civili? O perché c'è stata la settimana rainbow? Quello che è certo, è che a Roma, ormai, c'è un allarme omofobia e bisogna intervenire».

IL PRECEDENTE
Venerdì scorso, intorno alla mezzanotte, era stato assaltato un pub, poco distante dalla sede di Dì Gay Project, in via Macigni Strozzi: un gruppo di giovani aveva aggredito con delle mazze 6 avventori del locale, anche loro giovanissimi, ferendoli. «Pezzi di merda, vi spacchiamo», avrebbero urlato i violenti mentre hanno fatto irruzione nel locale Birra. Per la Digos, dietro a quel blitz, ci sarebbe una matrice politica.

LA SOLIDARIETA'
«Esprimiamo solidarietà al Di Gay Project e a chi è stato vittima di questa azione aggressiva», ha detto Fabrizio Marrazzo, portavoce del Gay Center, che chiede «un incontro urgente al sindaco Marino perché questo episodio non pone solo problemi di sicurezza e di ordine pubblico ma la necessità di non isolare e indebolire la vita associativa della comunità lgbt». Per Aurelio Mancuso, responsabile Diritti del Pd di Roma, «l'assalto alla sede di Digayproject è un atto vile e ignobile. Il Partito democratico è e sarà sempre in prima linea, in tutte le sedi istituzionali affinchè vengano attivati tutti gli stumenti adeguati a prevenire e reprimere ogni forma di esclusione e di violenza». L'assessore alla Scuola, Alessandra Cattoi, auspica che vengano «subito individuati i responsabili dell'aggressione omofoba. Il Comune, da parte sua, continuerà a lavorare, insieme alle associazioni per promuovere un clima sociale e culturale inclusivo».

azioni_fasciste
r_lazio


articolo precedente           articolo successivo