antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 18.07.05
Verona 5 arresti e 30 denunce. Forza Nuova e nazisti
·

Verona, notte brava di un branco di ultras
Aggrediti cinque ragazzi, due ferite

La polizia di Stato di Verona ha arrestato cinque militanti dell’estrema destra, tra gli skinheads di Forza Nuova, e hanno denunciato un altro minore che assieme ad una trentina di persone della stessa area politica hanno aggredito cinque esponenti del movimento antagonista ferendone due. L’intervento delle volanti ha evitato il peggio alle cinque vittime (tre donne, tra cui una minore e due uomini) due delle quali sono state accompagnate all’ospedale della città veneta per essere medicate: una ha riportato la frattura della mandibola mentre l’altra alcune lesioni per le ferite da arma da taglio. I medici dell’ospedale li hanno giudicati guaribili tra i dieci e i quaranta giorni.
I presunti aggressori finiti in carcere sono accusati di lesioni gravi aggravate, danneggiamento aggravato e porto ingiustificato d’armi. Secondo quanto si è appreso hanno tra i 18 e i 23 anni e provengono due da Perugia, uno da Bolzano e due della provincia di Verona.
Quando sono stati fermati la polizia ha sequestrato loro un coltello a serramanico, un manganello retrattile telescopico e una piccozza frangivetri.
L’aggressione è avvenuta intorno alle quattro. Una volante della polizia di Stato, impegnata in servizio di controllo del territorio, percorrendo una strada laterale di Corso Porta Nuova, nel centro della città scaligera, ha scorto un parapiglia tra un folto gruppo di giovani. Quello che in un primo momento gli agenti pensavano fosse una rissa è stato scoperto invece essere un’aggressione da parte, appunto, di una trentina di giovani di estrema destra ai danni di cinque del movimento antagonista.
All’arrivo della volante, che nel frattempo aveva allertato la sala operativa della Questura, c’è stato un fuggi fuggi. Sul posto, nel frattempo, sono arrivate altre sei pattuglie delle volanti che hanno circondato la zona bloccando i giovani che erano stati visti assieme agli altri aggredire le vittime usando coltelli, caschi da moto, bastoni a manganelli.
I fermati portavano una maglietta attribuibile agli ultras del Verona Calcio e la polizia non esclude che provenissero tutti da una festa della Curva Sud della tifoseria della squadra scaligera che si era svolta in serata nel parcheggio antistante lo stadio Bentegodi. La trentina di tifosi si era poi diretta verso il centro della città e qui, probabilmente, qualcuno ha riconosciuto uno dei cinque esponenti che viaggiavano su una vettura. L’auto è stata accerchiata e bloccata e fatta oggetto di colpi con bastoni e caschi da moto alla carrozzeria e al parabrezza che è stato mandato in frantumi. Le cinque vittime sono uscite dalla vettura per tentare inutilmente la fuga.
L’arrivo della polizia è stato quindi provvidenziale.
Per tutta la mattinata sono proseguiti i controlli della Digos e delle volanti. Sono state fatte anche delle perquisizioni, coordinate dal Pm veronese Cristina Motta nelle abitazioni degli indagati dove sono stati recuperati altri manganelli, una fionda professionale e tre coltelli di vario genere. Accertamenti sono in corso per individuare gli altri aggressori e non sono esclusi provvedimenti di fermo nelle prossime ore.

dal Giornale di Sicilia


Tifo e politica. Arrestati per lesioni gravi cinque militanti di estrema destra e denunciato un minore In una trentina se la sono presa con cinque giovani (tre erano donne) della sinistra, picchiandoli con catene e cinghie e colpendone uno col coltello Notte di violenza in corso Porta Nuova Un gruppo di ultras dell’Hellas, reduce dalla festa allo stadio, ferisce due ragazzi

di Fabiana Marcolini
Dal «lancio del fumogeno» alla «corsa con salto della transenna», dai canti e birra, per qualche supporter dell’Hellas la nottata, passando per un pestaggio a tre esponenti di sinistra in corso porta Nuova, è terminata dapprima in camera di sicurezza della Questura e poi in carcere a Montorio. Ma non solo tifosi (qualcuno riconoscibile perchè indossava la maglia dell’Hellas), all’aggressione con catene, cinghie, caschi e anche coltelli ha partecipato, secondo la polizia scaligera che è intervenuta in massa all’altezza di volto san Luca per bloccare l’aggressione e che ha identificato per il momento sei persone, un gruppo di una trentina di appartenenti all’area dell’estrema destra. Un’aggressione con modalità terribili avvenuta alle 4 della notte tra sabato e domenica a cento metri da piazza Bra finita con tre feriti, cinque persone arrestate e un minorenne denunciato. Le generalità non sono state rese note (forse si conosceranno oggi) ma in carcere sono finiti F.P., classe 1981, e A.S. del 1982 entrambi di Perugia, il bolzanino M.C. di 23 anni, A.B. 22 anni di Isola della Scala, e M.B. del 1985 residente a Zevio. Denunciato invece G.M. veronese di 17 anni. Per tutti l’accusa formulata dal sostituto procuratore Maria Cristina Motta è lesioni gravi e danneggiamento (aggravati dal numero di persone) e porto illegittimo di armi. Uno dei due esponenti di sinistra, Pasquale, è attualmente ricoverato in ospedale a borgo Trento a causa di diversi traumi alla testa, alle costole e la frattura della mandibola, lesioni provocate da calci, pugni e cinghiate. Luca, invece, accoltellato quattro volte, è stato medicato e poi dimesso: per lui un’ottantina di punti di sutura alla gamba – a causa di due fendenti profondi, uno dei quali ha sfiorato l’arteria femorale – una ferita al braccio e l’aggressore lo ha colpito anche alla base del collo, a pochi centimetri dalla giugulare. Un miracolo che sia sopravvissuto. Una furia che non ha risparmiato nemmeno la fidanzata di Luca, gettata a terra e colpita con calci e cinghiate. Le altre due persone che erano sull’auto, la compagna di Pasquale e una ragazzina di nemmeno sedici anni, sono state «graziate» solo perchè qualcuno del gruppo avrebbe urlato «Le donne non si toccano». Ma le botte agli altri, le urla, i colpi sono proseguiti per interminabili minuti, fino all’arrivo delle Volanti, a cui si sono aggiunte pochi minuti dopo alcune auto della polizia municipale e dei carabinieri. Le forze dell’ordine sono arrivate in massa, a sirene spiegate e gli agenti di polizia sono riusciti a bloccare, in mezzo al fuggi fuggi generale, cinque persone. Il sesto, risultato poi minorenne, è salito sullo scooter cercando di darsi alla fuga ma è stato bloccato poco distante da una pattuglia: nel vano portaoggetti aveva un coltello a serramanico, un manganello telescopico e una piccozza frangivetro. Per terra i feriti, pesti e sanguinanti, sono stati soccorsi e affidati alle cure dei sanitari delle ambulanze giunte in corso porta Nuova. Tutt’intorno lo scempio, in mezzo alla strada la macchina su cui viaggiavano i cinque aggrediti, distrutta dai colpi. Perchè l’aggressione è iniziata così, con l’inseguimento dell’auto. Poche ore dopo si è arrivati ad una prima ricostruzione di quanto era a vvenuto in attesa degli sviluppi delle indagini affidate alla Digos, vista l’appartenenza delle persone coinvolte a gruppi politici antagonisti. Ma nella notte erano state eseguite alcune perquisizioni, una delle quali a casa del minore denunciato dove sono stati trovati due manganelli telescopici, una fionda professionale, numerose biglie in piombo e alcuni coltelli. Sequestrate anche una nocchiera in acciaio e una cintura con la fibbia sporca di sangue al ventenne di Zevio oltre a catene, cinghie e caschi utilizzati per colpire. Senza pietà.

arena di verona


I compagni delle vittime
«Tirati fuori dall’auto e massacrati di botte Volevano ucciderli»
Il Csoa «La Chimica» denuncia: «È solo l’ultimo episodio di una lunga serie di agguati e pestaggi»

Dalle prime ore del mattino gli amici del Csoa la Chimica, hanno fatto la spola in ospedale, monitorando ora per ora le condizioni di Luca e Pasquale, i due esponenti del movimento antifascista e antirazzista molto vicini al centro sociale, vittime dell’aggressione avvenuta in corso Porta Nuova domenica notte. «Quel che sappiamo è che Luca, Pasquale e le tre ragazze stavano passando in corso Porta Nuova quando hanno visto un gruppo di persone che stava picchiando alcuni ragazzi», spiega uno degli amici dei feriti, «non è chiaro ma pare fossero tre, a terra, presi a calci. Per questo si sono fermati, hanno urlato di smetterla e stavano per uscire dalla macchina quando il gruppo ha “spostato” l’attenzione su di loro». Questo è stato l’inizio.
I primi aggrediti sono riusciti a scappare, ma il gruppo si è scatenato contro gli occupanti della macchina: erano stati riconosciuti. A colpi di casco hanno ammaccato la carrozzeria, frantumato il parabrezza. Inutile il tentativo di evitare la furia, sono stati inseguiti, bloccati, tirati fuori dall’auto e gettati a terra.
«Pasquale è stato colpito con calci, spranghe, cinghiate. Anche Luca è stato circondato e mentre lo accoltellava il suo aggressore urlava che lo avrebbe ucciso», prosegue. «Hanno gettato a terra anche Pia, presa a calci nel ventre, colpita con le cinture. Le altre due ragazze avrebbero subìto la stessa fine se qualcuno del gruppo non avesse urlato che le donne non si toccano». Parlano a fatica di quel che è successo ma si sono alternati in ospedale dove Pasquale è ricoverato: «Non sappiamo quando sarà dimesso, lo tengono in osservazione. Luca invece è rientrato a casa nel pomeriggio, ma è sotto choc. Non vuol parlare con nessuno, non ce la fa».
Una giornata trascorsa a riflettere, non hanno voluto accentuare toni e scatenare reazioni. Poi in serata un comunicato in cui raccontano l’episodio e al termine commentano: «Si è trattato di una vile aggressione eseguita da estremisti di destra provenienti dalla festa degli ultras. Questo dimostra lo stretto legame tra frange del tifo organizzato dell’Hellas Verona ed estrema destra, come da noi più volte denunciato. Questo è solo l’ultimo episodio di una lunga serie di aggressioni ai danni di militanti del movimento e di immigrati, iniziata con l’omicidio di Dax a Milano ed intensificatasi in modo preoccupante negli ultimi mesi con un’escalation di agguati a mano armata da Brescia a Roma. Diffidiamo chiunque, sia nella stampa locale e nazionale, sia all’interno dei partiti di destra e di estrema destra, dal cercare di far passare quest’ulteriore aggressione come una rissa o un regolamento di conti tra opposti estremismi. Si è trattato di un tentato omicidio perpetrato a freddo».


Le reazioni sugli indagati
Forza Nuova: «I fermati non sono del partito»
Ma la federazione esprime solidarietà e accusa il centro sociale di Borgo Venezia

di Luigi Grimaldi

Da anni in città, sotto la cenere dei pessimi rapporti tra i poli radicali, cova il fuoco. Lo hanno dimostrato altri episodi di violenza più o meno eclatanti, ma con la barbarie dell’altra notte in centro è stata sfiorata la tragedia. La formazione politica che si è fatta sentire ieri per prima è stata Forza Nuova, il movimento che a Verona raccoglie le simpatie di molti giovanissimi. Lo ha fatto per dire che tra gli arrestati non c’è nessun suo iscritto e per smentire le prime notizie circolate sulle loro appartenenze a partiti e movimenti. Basta così? Niente affatto. La nota continua con accuse e solidarietà, quest’ultima, però, non rivolta ai feriti. Ecco una parte del testo di Forza Nuova: «Pur mancando ancora elementi tali da rendere chiari tutti i risvolti dell’accaduto, va segnalato il pesante clima di tensione che la sinistra sta cercando di creare inasprendo i toni dello scontro politico. Diversi, infatti, sono gli episodi di aggressioni ai danni di giovani di destra da quando è stato aperto il centro sociale di Borgo Venezia». «Pur non essendoci tra i fermati militanti di Forza Nuova», prosegue la nota, «esprimiamo solidarietà a quei giovani (quasi tutti non veronesi) che pensavano di trascorrere una piacevole serata in una città ospitale come Verona e si sono trovati coinvolti in questo episodio».
A Yari Chiavenato, segretario della federazione veronese, un paio di domande sono obbligatorie. La prima: «Che senso ha dare solidarietà a persone che non sono iscritte al partito?»
Risposta: «Perché può accadere che non c’entrino nulla, così come è accaduto a me con la storia del manichino allo stadio. Mi hanno arrestato e poi sono stato assolto».

Seconda domanda: che vuol dire «coinvolti in questo episodio»?
Risposta: «Suppongo che sia stata un’azione di difesa».
Con due persone in ospedale con serie ferite e di fronte a un branco di trenta persone che ha malmenato due ragazzi e una ragazza, meglio chiedere chiarimenti su certe posizioni anche al dirigente nazionale di Forza Nuova Roberto Bussinello, avvocato nominato ieri da tre dei cinque indagati per l’aggressione, e che da anni tenta di diffondere l’idea di un partito che prende le distanze dalla violenza. «Da politico, devo dire che questo episodio è un qualcosa che deve assolutamente trovare una risposta adeguata. Non si può andare avanti in questo modo. Confermo le aggressioni che avvengono da tempo ai danni di giovani di destra, ma qui è possibile che ci sia stata una reazione non condivisibile che è figlia di un’esasperazione che noi politici dobbiamo assolutamente togliere. Anche dall’altra parte, però, bisogna togliere situazioni che possono accendere queste micce, come, per esempio, quel centro sociale. Da avvocato, poi, dico solo che dovrò valutare tutti gli elementi».
Nella costellazione veronese dell’estrema destra ci sono varie galassie che confluiscono in diversi partiti, ma la nuova generazione alla quale appartengono i cinque arrestati spesso è fuori dalle militanze ufficiali. Resta il fatto che gli incroci ci sono, soprattutto durante le aggregazioni spontanee come in occasione di feste e concerti. Quanta fatica fanno i partiti ufficiali della destra radicale a contenere queste scorribande? Per Bussinello, nessuna: «I nostri ragazzi hanno sempre dimostrato una buona maturità politica».
E per Chiavenato, la storia dell’altra notte non può essere figlia di cattivi esempi, come l’incursione a Telenuovo e l’aggressione ad Adel Smith in diretta. Lui c’era, e ne è convinto: «Quella era una faccenda diversa, un’azione politica».

repressione_F
r_veneto


articolo precedente           articolo successivo