antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo
- "Fermate quel concerto", gli antifascisti di Bologna contro la band Taake

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertĂŹ miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattĂČ l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera
18.06.19 L’aggressione fascista ai ragazzi del Cinema America. E tutte le altre
14.06.19 Le scatole cinesi di CasaPound (Dossier ANPI)
10.05.19 Chi ha autorizzato la manifestazione di CasaPound a Casal Bruciato?
6.05.19 Chi è Francesco Polacchi, responsabile della casa editrice Altaforte
31.03.19 Forza Nuova e i legami con i pro vita del congresso di Verona
18.02.19 Svastica e malavita a Roma: ecco l'inchiesta che ha portato all'aggressione fascista
17.02.19 Neofascismo, cacciatori di fake news a Savona: "Quell'eccidio fantasma del monte Manfrei"
3.02.19 Nazi, ultras e tanta ‘ndrangheta.
20.01.19 Polonia Il delitto Adamowicz e il sottobosco di estrema destra

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 20.02.14
Brescia Strage, al via lâ??udienza in Cassazione Procuratore: «Maggi lâ??ideatore»
·
Eâ?? iniziato davanti alla quinta sezione penale della corte di cassazione il processo per la strage di piazza della Loggia a carico di Delfo zorzi, Carlo Maria maggi, Maurizo Tramonte e Francesco Delfino (ai soli fini civili). La procura di brescia e le parti civili ricorrono contro la sentenza di assoluzione della corte dAssise dâ??appello di Brescia. Il procuratore generale nella sua requisitoria eâ?? arrivato a una prima conclusione: Non puoâ?? essere che Carlo Maria Maggio, leader indiscusso di Ordine Nuove del Triveneto ad avere ideato e organizzato la strage di Brescia.

«Verrebbe meno la mia coscienza di cittadino se non chiedessi alla Corte di colmare, con gli strumenti che ha a disposizione, le lacune di una sentenza che non puĂČ essere accettata». Lo ha detto il Pg della Cassazione Vito Ambrosio chiedendo un nuovo processo per i 3 imputati della strage di piazza Della Loggia, pur «consapevole» che in caso di accoglimento delle richieste il tempo si allungherĂ  ulteriormente.

«La posizione del generale Delfino riassume e condensa la pagina piĂč amara» nella strage di Piazza della Loggia. A dirlo Ăš il pg della Cassazione Vito Dâ??Ambrosio nella sua requisitoria al processo per la strage di Brescia, sottolineando «il ruolo irrevocabilmente negativo di un uomo dellâ??apparato dello Stato, che Ăš il motivo per cui ci troviamo ancora in unâ??aula di tribunale» e la ricostruzione dei fatti «non Ăš affidata agli storici». Dâ??Ambrosio ha chiesto lâ??invio degli atti al giudice civile competente perchĂš anche se la posizione penale di Delfino, che allâ??epoca era comandante del nucleo investigativo dei Carabinieri e per questo primo ad indagare sulla strage, non puĂČ essere rivalutata dato che la procura generale di Brescia non ha promosso appello nei suoi confronti, valuti gli interessi dellâ??unica parte civile che ha avanzato ricorso contro di lui. Il pg ha contestato le risultanze del processo davanti alla Corte dâ??Assise dâ??Appello di Brescia che ha assolto Delfino, assieme agli altri tre imputati: «Ă? certo che non emergono prove! Questo Ăš un processo indiziario. Siamo a valutare indizi non prove!». Ha quindi ricordato che uno degli imputati del primo processo per la strage, Angelino Papa, «fu convinto da Delfino ad accusarsi della strage».

La procura di Brescia e le parti civili hanno fatto ricorso contro la sentenza di assoluzione della corte dâ??Assise dâ??appello di Brescia. Il procuratore generale nella sua requisitoria eâ?? arrivato a una prima conclusione: Non puĂČ essere che Carlo Maria Maggio, leader indiscusso di Ordine Nuovo del Triveneto ad avere ideato e organizzato la strage di Brescia
20 febbraio 2014

http://brescia.corriere.it/brescia/notizie/cronaca/14_febbraio_20/strage-via-l-udienza-cassazione-886c3ede-9a23-11e3-b6d7-4032582c678b.shtml




GiovedĂŹ 20 Febbraio, 2014
CORRIERE DELLA SERA - BRESCIA

Strage piazza Loggia, ultimo atto
Al via il processo in Cassazione
Per la cittĂ  Ăš lâ??ultima occasione per avere giustizia



Ă? lâ??ultimo atto per il processo sulla strage di piazza della Loggia. Una strage rimasta senza colpevoli a quarantâ??anni di distanza dallâ??esplosione della bomba che uccise Giulietta Banzi Bazoli, Livia Bottardi Milani, Euplo Natali, Luigi Pinto, Bartolomeo Talenti, Vittorio Zambarda, Alberto Trebeschi e la moglie Clementina Calzari. Tra oggi e domani i giudici della quinta sezione della Cassazione decideranno se accogliere o respingere il ricorso presentato dalla procura di Brescia e dagli avvocati di parte civile contro il verdetto di assoluzione pronunciato dai giudici della corte dâ??assise dâ??appello il 14 aprile 2012 a carico di Delfo Zorzi, Carlo Maria Maggi, Maurizio Tramonte e Francesco Delfino. La procura chiede un nuovo processo dâ??appello per Maggi, Zorzi e Tramonte; le parti civili chiedono un nuovo processo per Maggi, una sola parte civile, Giuseppe Montanti, rappresentata dallâ??avvocato Alessandro Magoni, chiede anche un nuovo appello per lâ??ex generale dei carabinieri Delfino e Cgil e Elvezio Natali, assistiti dallâ??avvocato Federico Sinicato, chiedono un nuovo appello anche per Tramonte.
Se gli «ermellini» respingeranno il ricorso verrĂ  messa una pietra tombale su unâ??inchiesta avviata nel 1993 quando il giudice istruttore Gianpaolo Zorzi, che stava scrivendo la sua ordinanza di non luogo a procedere dopo aver individuato il «marchio di fabbrica» della strage, inviĂČ alla procura di Brescia una nota di servizio del Sid, datata 6 luglio 1974. La velina Ăš riferibile alla «Fonte Tritone», alias Maurizio Tramonte, giovane di Lozzo Atestino assoldato dal Sid per riferire tutto quello che succedeva dentro lâ??Msi.
Nella velina si fa riferimento a fatti che portano dritti in piazza della Loggia, si parla dellâ??attentato che la mattina del 28 maggio 1974 costĂČ la vita di otto persone e il ferimento di altre 102. Nella velina câ??Ăš uno spunto che porta il procuratore aggiunto Roberto Di Martino e il sostituto procuratore Francesco Piantoni a indagare in veneto, fra i membri di Ordine Nuovo. Fonte Tritone parla di Giangastone Romani, leader storico della destra extraparlamentare veneta e di Carlo Maria Maggi, medico di Mestre, referente di Ordine Nuovo per tutto il Triveneto. La «preziosa» velina parla di una riunione che si tenne il 25 maggio a Abano Terme, a casa di Giangastone Romani. Nel corso della serata Maggi annunciĂČ la nascita di un troncone clandestino di Ordine Nuovo, «Ordine nero» che si sarebbe dedicato allâ??eversione violenta. Sempre nella velina si fa riferimento a un incontro a Roma tra Romani e Pino Rauti (pure lui imputato per concorso in strage nel processo di primo grado) con Maggi che commenta che la strage di Brescia «non doveva restare un caso isolato».
Le indagini della procura si arricchiscono anche della collaborazione di Carlo Digilio: dal 31 gennaio 1996 racconta tutto quello che sa sulla strage di Brescia fino alla morte nel 2005. E da collaboratore diventa indagato per concorso in strage per aver messo mano allâ??ordigno che, come racconta lui stesso, viene affidato a Mestre a Marcello Soffiati per essere portato a Milano e da lĂŹ arrivare nel cestino di piazza Loggia. I due pubblici ministeri lavorano per anni e arrivano a chiedere il rinvio a giudizio per sei imputati: Carlo Maria Maggi, Delfo Zorzi, Maurizio Tramonte, Francesco Delfino, Pino Rauti e Giovanni Maifredi. Tutti a processo per concorso nella strage di Brescia, una strage con la regia di destra e la collaborazione dei servizi segreti deviati. Il processo davanti alla corte dâ??assise presieduta da Enrico Fischetti inizia il 25 novembre del 2008 e dopo 150 udienze di dibattimento e altre 16 di discussione, la morte di Maifredi e la richiesta di assoluzione da parte dei pm per Rauti e la richiesta di ergastolo per Zorzi, Maggi, Tramonte e Delfino, si arriva alla sentenza il 16 novembre 2010: tutti assolti in base allâ??articolo 530 secondo comma. Lâ??assoluzione viene confermata il 14 aprile 2012 dalla corte dâ??assise dâ??appello presieduta da Enzo PlatĂš. Per i giudici di secondo grado la regia della strage Ăš sicuramente di destra, Ăš un attentato fascista. Ma per i giudici gli imputati individuati dalla procura non sono colpevoli, Zorzi e Maggi nulla ebbero a che fare con lâ??organizzazione dellâ??attentato, Tramonte era un infiltrato del Sid e non un eversore e Delfino - allâ??epoca della strage comandante del nucleo operativo dei carabinieri - non depistĂČ alcuna indagine. Per la corte dâ??assise dâ??appello Carlo Digilio, testimone chiave dellâ??accusa, Ăš il principale responsabile della strage insieme a Marcello Soffiati, considerato un fattorino-artificiere e a Ermanno Buzzi, probabile basista bresciano che segnalĂČ ai camerati veneti la manifestazione organizzata a Brescia dal Comitato antifascista per dire no alla violenza dopo la morte di Silvio Ferrari, ucciso in piazza del Mercato la sera del 19 maggio 1974 dallâ??esplosivo che portava sulla Vespa. La decisione ora spetta ai giudici romani della Cassazione. Se il ricorso sarĂ  accolto Brescia potrĂ  continuare ad attendere giustizia per i suoi otto morti.

Wilma Petenzi

documentazione
r_lombardia


articolo precedente           articolo successivo