antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo
- "Fermate quel concerto", gli antifascisti di Bologna contro la band Taake

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera
18.06.19 L’aggressione fascista ai ragazzi del Cinema America. E tutte le altre
14.06.19 Le scatole cinesi di CasaPound (Dossier ANPI)
10.05.19 Chi ha autorizzato la manifestazione di CasaPound a Casal Bruciato?
6.05.19 Chi è Francesco Polacchi, responsabile della casa editrice Altaforte
31.03.19 Forza Nuova e i legami con i pro vita del congresso di Verona
18.02.19 Svastica e malavita a Roma: ecco l'inchiesta che ha portato all'aggressione fascista
17.02.19 Neofascismo, cacciatori di fake news a Savona: "Quell'eccidio fantasma del monte Manfrei"
3.02.19 Nazi, ultras e tanta ‘ndrangheta.
20.01.19 Polonia Il delitto Adamowicz e il sottobosco di estrema destra

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 22.01.14
Brescia Nuova pista sulla morte di Silvio Ferrari
·
Massimo Giraudo al lavoro su delega del pm Francesco Piantoni che indaga sulla Strage

Nuova pista sulla morte di Silvio Ferrari Una ex amica ha raccontato le relazioni pericolose del giovane dilaniato in piazza Mercato


La morte di Silvio Ferrari non fu un incidente ma un omicidio e forse quella morte nasconde il sospetto che si sia voluto far tacere un pericoloso e potenziale testimone, un uomo di collegamento tra il neofascismo veneto e milanese. Ci sarebbe una testimonianza importante a dare vigore ad una nuova inchiesta del pubblico ministero Francesco Piantoni. Un??inedita testimonianza che arriva da una donna all??epoca amica di Ferrari ascoltata ieri dal colonnello dei carabinieri Massimo Giraudo, che sta lavorando per l??ultimo pm della strage di Brescia. «Ermanno Buzzi e Silvio Ferrari si conoscevano»: è questo che afferma la donna. Una circostanza sempre negata dal giro del Ferrari e acquisita come dato di fatto dai giudici di primo grado di Brescia e dalla Corte d??Appello di Venezia, secondo i quali a causare la sua morte era stata «l??imperizia nella confezione della bomba».

La nuova teste ha messo a verbale che «un pomeriggio entrai con Silvio in un bar di Brescia e lui salutò una persona che mi presentò come Ermanno Buzzi, che poi riconobbi nelle fotografie pubblicate dai giornali dopo la strage. Sono passati tanti anni ma credo fosse la fine del 1972, perché ricordo che Silvio si era appena iscritto all??università a Parma». Silvio Ferrari è sempre stato descritto come un solitario, «un cane sciolto» del sottobosco eversivo bresciano. Una tesi che però trova degli oppositori - come il dottor Francesco Piantoni, che la ritiene fasulla - e che porta a conclusioni fasulle. Come la stessa morte del neofascista, liquidata come una conseguenza d??imperizia. Ferrari non era alla sua prima azione. La perizia tecnica, escludendo che l??esplosione della bomba fosse stata accidentale, affermò che «avvenne nel momento stabilito». Cioè, le 3 di notte.

Per un??altra perizia, al momento dello scoppio, il Ferrari si trovava con i piedi per terra e i gomiti sul manubrio della Vespa col motore acceso, aspettando che la guardia notturna finisse il suo giro e si allontanasse. A quel punto, piazzato l??ordigno, sarebbe tornato a casa. Alle 4 - orario indicatogli come quello del timer - avrebbe dormito a casa. Silvio fu ingannato e ucciso. La conoscenza del Buzzi dimostra la contiguità del Ferrari col giro neofascista bresciano.

Oltre a verbalizzare questa testimonianza, il colonnello Giraudo ha effettuato anche un riconoscimento anagrafico, sempre in relazione alla morte del Ferrari. Silvio aveva deciso di mollare tutto non, come s??è detto, perché suo padre lo avesse messo alle strette («o studi seriamente o vieni a lavorare in azienda e molli la politica»), ma perché sapeva quel che stava per accadere a Brescia. Ritirandosi, diventava oltremodo pericoloso, un testimone pronto a parlare. Annunciò che avrebbe chiuso compiendo l??ultimo attentato. Poi, solo lavoro. Ma prima c??era quella strage da impedire e cercò di fare sapere quello che stava per accadere. Secondo gli inquirenti si è rivolto a gente sbagliata.

18 gennaio 2014

http://brescia.corriere.it/brescia/notizie/cronaca/14_gennaio_18/nuova-pista-morte-silvio-ferrari-f6e7a156-8050-11e3-be9a-e1e430257234.shtml

documentazione
r_lombardia


articolo precedente           articolo successivo