antifa home page

Il Progetto

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Monza, tensione in centro tra Antifascisti e CasaPound. La Polizia carica
- "Niente spazi pubblici ai fascisti": patto di 5 Comuni del Bolognese
- Catania: manifestazione contro l'apertura della sede di Casa Pound
- Banchetto di Leverano Casapound in piazza, volano pugni e parole grosse
- Perugia CasaPound, 47 accademici chiedono no alla manifestazione
- Modena Manifestazione Antifascista Violente cariche della polizia
- Modena venerdi 15 dicembre h.20.30: fermiamo il corteo neonazista!
- Forlì, in 500 al corteo dopo i tafferugli con Forza Nuova
- Blitz fascista, sit-in davanti a Repubblica e Espresso
- Bologna Montagnola, presidio e tensione E fra le fiaccole spunta CasaPound
- Milano, scontri tra militanti di Forza Nuova e antagonisti
- Como, marcia Pd dopo blitz skinheads. Boldrini: “Fronte comune”. Ma Salvini: “Vogliono immigrazione fuori controllo”

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
30.12.17 La leggenda dell’«architettura fascista»: un dibattito distorto su memoria e spazio urbano
28.12.17 Fascisti su Facebook, a gestire i gruppi neri ci sono anche i poliziotti
21.12.17 Saluti romani in consiglio comunale a Gorizia e chiamata alle armi a Trieste
20.12.17 La Galassia Nera: i gruppi e le associazioni che ruotano attorno a Lealtà Azione
20.12.17 I segreti di Roberto Fiore, il fascista a capo di Forza Nuova Terrorista nero.
10.12.17 Chi ha pagato Forza Nuova: retrospettiva 2001 sulle origini. "L' accusa del dossier C' è un livello occulto"
8.12.17 Se CasaPound entra anche nelle scuole: la sua associazione studentesca ha 200 rappresentanti in Italia
6.12.17 Fascisti su Facebook, ecco i gruppi segreti con cui la galassia nera fa proseliti sul web
18.11.17 Milano L'avanzata neofascista, l'estrema destra tra periferie e lotte interne
16.11.17 La violenza di CasaPound a Ostia
15.11.17 Tutti i soldi e le società di CasaPound e Forza Nuova: così si finanziano i partiti neofascisti
9.11.17 Ostia, le bugie di CasaPound su Roberto Spada e quegli affari della leader Chiaraluce
7.11.17 La bolla di Casapound ad Ostia e l’eccezionalizzazione dei fascisti
5.11.17 Forza nuova Holding 2: Così ha provato a piazzare anche un quadro di Gauguin
4.11.17 Forza Nuova Holding: dai dentisti ai compro-oro, il tesoro milionario dei "poveri patrioti"
2.11.17 Tartarughe frecciate e inquinamento nero
27.10.17 Ex Forza Nuova:"Ora vi spiego Fiore e a che servono le ronde"
26.10.17 L'alleanza nera degli ultras romani: il caso Anna Frank è solo l'ultimo episodio
15.10.17 Casa Pound Milano S.p.a. – reportage 1 Pivert
2.10.17 Esclusivo: anche Matteo Salvini ha usato i soldi rubati da Bossi
17.09.17 Gran Bretagna: La minaccia dell'estrema destra islamofoba
27.08.17 “Addestrati e armati”. I gruppi neonazisti spaventano l’Europa
26.08.17 Wu Ming La polizia contro Pasolini, Pasolini contro la polizia
24.08.17 «Lealtà e Azione» fa la sua comparsa anche a Bologna
23.08.17 Le Fantasie Virili Di Ludwig

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

Ricerca per parole chiave | Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |

pubblicato il 4.11.13
Udine Gris: Un campo di concentramento fascista rubato alla memoria
·
Manifestazione a Gris il 1° novembre

Martedì 29 Ottobre 2013

da dominio devastante su bambini, donne e uomini a devastazione della natura e del territorio.

Nel nostro intervento si è ribadita l'importanza dell'Antifascismo Militante e di combattere il revisionismo strisciante proveniente anche da sinistra, come nel caso di San Giorgio di Nogaro in cui un sindaco, proveniente dalla file del PCI, per opportunismo elettorale, ha dedicato una targa ad un medico, ex segretario dell'MSI, ma nessun ricordo in loco, del valoroso partigiano sangiorgino, Gelindo Citossi (Romano il Manzin), artefice, fra l'altro, di uno dei principali episodi della Resistenza in Italia, cioè l'assalto alle carceri di Udine, il 7 febbraio 1945.

Messaggero Veneto 2/11/2013 Pagina 36 - Provincia

Un cippo sul campo della morte
? stato collocato con una targa a Gris di Bicinicco, dove furono deportati migliaia di sloveni e croati

BICINICCO Si è emozionato, ieri, Tito Mance di Rijeka, quando ha rivisto i luoghi in cui fu tenuto prigioniero, assieme alla madre. Aveva soltanto dieci anni. Ricorda tutto: le baracche e anche chi si privava dell??unica minestra per farlo sopravvivere. Era il 1942, campo di concentramento di Gonars, campo A, in territorio di Gris di Bicinicco. Fino a ieri, sul posto, nessun segno ricordava quel terribile luogo, come invece accade, sulla strada Napoleonica, a qualche centinaio di metri, per il campo di Gonars, articolato in campo A e campo B. Da ieri invece, per iniziativa del Comitato per la vita del Friuli rurale, un cippo e una targa ricordano le ??migliaia di uomini, donne e bambini sloveni e croati strappati alla loro terra dall??invasore fascista e quivi deportati in condizioni disumane; centinaia i morti di stenti, precipitati nell??oblio?. Dopo la cerimonia in cimitero, all??Ossario delle vittime del campo, a ricordare questo luogo e la sua storia è stata la storica Alessandra Kersevan. Il campo fu realizzato nell??autunno 1941 per accogliere i prigionieri di guerra russi. Poi diventò il luogo dove furono internati i civili provenienti dall??allora Jugoslavia. Campo A e B, nella primavera 1942, imprigionarono dapprima uomini, poi soprattutto vecchi, donne e bambini fino a che nell??estate 1942, i due recinti, costruiti per 2800 persone, ne stiparono oltre 6000. La fame, il freddo, gli stenti causarono la morte di centinaia di persone, specialmente nell??inverno. La notte di Capodanno tra il ??42 e il ??43 furono in 18 a perdere la vita. Fino all??8 settembre qui morirono circa 500 persone. «Il caso del campo di concentramento di Gris ?? ha dichiarato il presidente del Comitato, Aldevis Tibaldi - è la più eclatante dimostrazione che siamo alla deriva. La memoria dei fatti, che hanno macchiato la dignità del nostro popolo e l??eroica guerra di Liberazione sono state messe all??angolo. E?? importante ricordare. Qui invece si è scelto perfino di togliere la terra sotto quello che fu il campo di concentramento. Si è realizzata una cava, eliminando la memoria, cancellando i luoghi. E l??attuale amministrazione regionale ha autorizzato altri cinque anni di attività estrattiva». Tibaldi ha rivendicato il ruolo della memoria, quella che evita che le guerre si ripetano, «non quella ?? ha aggiunto - che celebra l??inizio della prima guerra mondiale, solo per fare soldi e vendere quattro salsicce». Diversi gli interventi ieri, sia di carattere storico, che socio-politico. Un plauso al Comitato per aver voluto ricordare questo luogo anche da parte del presidente dell??Aned, De Lucia e del presidente provinciale dell??Anpi, Spanghero, il quale posto l??accento sul valore della resistenza, di quella in armi e di quella civile, sulle piccole e grandi storie di cui ogni comunità del Friuli è custode.

Monica Del Mondo


IL COMITATO PER LA VITA DEL FRIULI RURALE E GLI ANTIFASCISTI DELLA BASSA

TI INVITANO A GRIS DI BICINICCO ALLE ORE 14.30 DEL PRIMO NOVEMBRE PER RICORDARE UN CAMPO DI CONCENTRAMENTO FASCISTA RUBATO ALLA MEMORIA
avevamo visto costruire un campo enorme che sembrava fatto apposta per le belve feroci. Un giorno ci dissero che erano arrivati i Russi e allora andammo a curiosare con non poca paura, ma con nostra sorpresa scoprimmo che non erano diversi da noi. Più tardi arrivarono gli Sloveni e quando se ne andarono la gente si rubò ogni cosa ed ora una cava si è portata via anche la terra? a me è rimasto uno sgabello che ti affido?

Marino Lestani di Cuccana


intervengono
L??A.N.P.I. PROVINCIALE, ALDEVIS TIBALDI, EDI MAURIGH

prolusione di
ALESSANDRA KERSEVAN

la posa di un cippo commemorativo sarà preceduta da un momento conviviale

Per dirla con le parole di Luis Sepulveda ??un popolo senza memoria è un popolo senza futuro? e il caso del campo di concentramento di Gris di Bicinicco è la più eclatante dimostrazione che siamo alla deriva.
La memoria dei fatti che hanno macchiato la dignità del nostro popolo e, di converso, l??eroica guerra di liberazione sono state messe all??angolo e una società in cui si agitano false lusinghe, la partecipazione popolare viene sistematicamente disarmata e i luoghi della memoria negletti. I valori della Costituzione repubblicana nati dalla Resistenza vengono continuamente messi in dubbio e la stessa ricostruzione dei fatti storici, spesso abbandonata all??arbitrio di una informazione dozzinale, quando non ispirata dai rigurgiti di una nostalgia che si rifà al fascismo.
La memoria aggrega, può essere il collante che unisce generazioni; la memoria è la base per un umanesimo che costituisce il cemento di una convivenza civile ispirata al confronto e al dialogo costruttivo. Forse proprio per questo è trascurata. Ricordare la vergogna dei campi di concentramento sorti nella nostra regione è dunque un dovere imprescindibile e il ricordo deve trovare una costante ed appassionata diffusione nelle scuole di ogni ordine e grado. Eppure quelle tremende vicende sono rimaste sepolte per anni, troppi. Troppe sono state le omertà, troppe le complicità e troppe le autoassoluzioni tese ad accreditare la facile convinzione degli ??Italiani brava gente?.

Quelle che si sono avute nei due campi di Gonars e Gris sono vicende tremende. Erano sorti con l??idea di internare le migliaia di militari russi che la paranoia mussoliniana si era illusa di catturare in una guerra di invasione che, anziché vittoriosa, si è rivelata una tremenda disfatta. Diventarono ben presto, il luogo di detenzione e di morte per migliaia di donne, bambini e uomini sloveni e croati strappati dai luoghi natii per spopolare e terrorizzare le terre di conquista. Migliaia di esseri umani scaricati dai treni bestiame e poi avviati a piedi, talvolta sotto le ingiurie e gli sputi dei residenti storditi da una propaganda becera, sino a raggiungere i miseri alloggi di fortuna dei campi. La fame ed una denutrizione dovuta spesso alla avidità dei carcerieri ha reso la prigionia un inferno e in cinquecento morirono fra sofferenze inenarrabili.

Il campo di Gris (alias Campo A) fu inizialmente destinato alla prigionia di militari ed ex militari dell??esercito jugoslavo, poi, dopo averli trasferiti in altri luoghi di detenzione, nell??autunno del 1942 anch??esso si trasformò in un reclusorio per la popolazione civile, massimamente per i sopravissuti dell??altro infame campo insediato nell??isola di Arbe. Anch??esso fu, dunque, un luogo di sofferenze e di morte, almeno sino al fatidico otto settembre, quando, con la fuga dei militari di guardia, i più si diedero alla macchia.


Ambedue i campi -e con essi il quartiere comando- furono ben presto saccheggiati e demoliti dalla popolazione residente, ma se quello di Gonars rimase pur sempre nella memoria dei più e facilmente identificabile, quello di Gris finì preda della avidità dei cavatori e di una Amministrazione che si prestò, e tuttora si presta, a far scomparire ogni traccia e riconoscibilità del luogo. Dopo decenni di oblio, il Comitato per la Vita del Friuli Rurale ha deciso di affidare la celebrazione del Campo di Gris ad Alessandra Kersevan, la massima e coraggiosa autorità storica cui va il merito di aver dissepolto la verità dei lagher italiani e tenere alta la fiaccola dei valori della Resistenza.


http://info-action.net/index.php?option=com_content&view=article&id=2234:antifascismo-manifestazione-a-gris-il-1d-novembre&catid=81:storia-ed-attualita

documentazione
r_friuli


articolo precedente           articolo successivo