antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Migrante pestato a sangue a Sassari Un 22enne della Guinea aggredito da cinque ragazzi in pieno centro
- Roma, spedizione razzista contro il fioraio a Cinecittà
- Bagheria, «Calmati fratello» e scatta il pestaggio: immigrato picchiato senza motivo con un cric
- Terracina, sparano piombini da unʼauto contro una bici: ferito operaio indiano
- Bologna Aggressione razzista in via Sant'Isaia
- Palermo, caccia al migrante: cinque minori profughi insultati e pestati
- Aprilia, spari da una finestra. Colpito immigrato
- Pistoia, il prete denuncia: "Spari contro un migrante ospite della parrocchia"
- Napoli, spari da uno scooter contro un gruppo di immigrati: ferito un venditore ambulante senegalese
- Immigrato ucciso ad Aprilia, il sospetto di ronde notturne.
- Follia razzista: Rimini Milano Vicenza Partinico
- Leghista litiga con uno straniero ed estrae la pistola in stazione Centrale a Milano: indaga la Polfer

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Bari, aggressione al corteo antifascista in via Crisanzio: blitz con mazze e catene
- Scontri a Marina Centro, il corteo di Forza Nuova cerca di sfondare il cordone
- Padova Antifascisti cercano di impedire il comizio di Forza Nuova: cariche delle forze dell'ordine in pieno centro
- Grosseto Corteo antifascista, cori e bandiere: in piazza contro il raduno di CasaPound c’è Maremma Antifa
- Roma ricorda Renato Biagetti dodici anni dopo
- Ravenna Scontri e contestazioni durante la cerimonia per Ettore Muti
- Pontida, nel santuario della Lega Salvini contestato da diciassettenne: "Fascista, rovini l'Italia"
- "Sgomberate la sede abusiva di Casapound". L’appello del sindaco Pascucci a Salvini e Raggi
- "Chiedo con forza le dimissioni del Ministro Fontana. Le sue dichiarazioni violano la Costituzione" Carla Nespolo - Presidente nazionale ANPI
- Savona, il quartiere rosso di Villapiana si mobilita contro la nuova sede di Casapound
- A Brescia il corteo antifascista contro Forza Nuova
- Verona, il writer che combatte il fascismo con i colori

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
31.07.18 Razzismo di stato: Casa Pound non fa paura, Salvini sì
29.07.18 Allarme Capitale, i neri di San Giovanni
26.07.18 Trattavia, le motivazioni della sentenza vanno lette ricordando stragi neofasciste, golpe e P2
25.07.18 L’autrice del post sullo smalto di Josepha: “Twittare è il mio lavoro. Mi finanzia CasaPound”
19.07.18 Come Verona è diventata l’incubatrice dell’odio
16.07.18 Una breve storia dei rapporti della Lega con i fascisti di Lealtà e Azione
6.07.18 KKK: il tramonto dei cavalieri bianchi
6.07.18 Salvini, Borghezio e l’alleanza con il neofascismo europeo nel libro-inchiesta “Europa identitaria”
26.06.18 In Ucraina i fascisti ammazzano i rom, ma l’Unione Europea tace
18.06.18 Mario Borghezio: dossier. Dall'estrema destra ordinovista agli arresti per bancarotta alla lega
3.06.18 Esclusivo: alla Lega sovranista di Matteo Salvini piace offshore
2.06.18 Lorenzo Fontana, il ministro della Famiglia ultracattolico che strizza l'occhio ai nazifascisti
31.05.18 Dai pestaggi ai blitz chirurgici: il vero volto di Casapound
3.05.18 Verona, dove comanda l’estrema destra
26.04.18 Gli antifascisti di domani
26.04.18 Fenomenologia dell'onda nera
4.04.18 Esclusivo: caccia ai soldi della Lega
2.03.18 I camerati abusivi di CasaPound: parenti e amici vivono gratis nel centro di Roma
1.03.18 Ma Pasolini non stava con i poliziotti
26.02.18 Chi sono i candidati di Forza Nuova: poliziotti, picchiatori, nostalgici delle SS e figli di mafiosi
26.02.18 Roberto Fiore: “Magistrati di Palermo deviati come 40 anni fa”. Quando Falcone voleva interrogarlo per il caso Mattarella
14.02.18 Trasformisti, fascisti, impresentabili e ras delle clientele: ecco le liste al Sud di Matteo Salvini
1.02.18 Ritratto del neofascista da giovane
30.12.17 La leggenda dell’«architettura fascista»: un dibattito distorto su memoria e spazio urbano
28.12.17 Fascisti su Facebook, a gestire i gruppi neri ci sono anche i poliziotti

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

Ricerca per parole chiave | Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 8.08.13
La Versilia antifascista svela l'essenza politica della rete del Pd
·
L'azione antifascista di ieri contro la rete anti-immigrati, sotto il pontile di Forte dei Marmi, ha svelato realtà culturali e politiche ben più gravi e oltraggiose, rispetto alla decisione di togliere l'ombra, unica fonte di riparo dal torrido caldo estivo, agli ambulanti che cercano di sopravvivere alla povertà creatagli dagli stessi stati sovrani di potere in cui si trovano attualmente. La simbologia del taglio della rete, come a Chiomonte per i cantieri della TAV, stava a denunciare l'atto razzista di una amministrazione, ma largamente approvato dalla cittadinanza, di ricorrere a sistemi xenofobi e di chiaro stampo nazi-fascista, per un problema che non si risolverà mai con la tolleranza zero. La vicenda che crediamo esser ancor più grave, è ciò che è avvenuto sopra il pontile, dove il gruppo antifascista, è stato accolto da bagnini, bagnanti e giovani provocatori di dichiarata matrice fascista. Ciò che ci siamo trovati davanti sono stati saluti romani, inni al Duce, totale disprezzo per il diverso e addirittura frasi che millantavano approvazione per il narco-traffico russo rispetto alla presenza di ambulanti sulla spieggia. Ormai Forte dei Marmi si è svelata nella sua realtà fascista, da sempre storicamente la destra ha governato uno dei posti più in e di lusso della Versilia, da sempre il lusso il disprezzo per la povertà, il menefreghismo culturale dei frequentatori e gli abitanti di quella città ha caratterizzato le scene politiche del comune fortemarmino, ma con ieri si ha la riprova che al Forte come nel resto d'Italia il fascismo e l'ignoranza culturale dilaga a macchia d'olio di pari passo con la crisi, che il sacrificio dei nostri antenati, che son morti per la libertà e per un mondo antifascista, sul quale poi si è creata la nostra costituzione, è offeso e disprezzato dall'indecenza fascista che non merita il minimo rispetto. Questo non farà che rafforzare la militanza antifascista, questo sarà sinonimo di lotta persistente contro la xenofobia e il nazismo culturale, questi loro gesti queste loro parole saranno il pane per le nostre battaglie. Come Antifascisti versiliesi chiediamo che i diretti interessati nella foto, i partecipanti allo schifoso teatrino da camerati e l'amministrazione comunale, si scusino con la comunità locale e con l'intera Nazione, per aver commesso reato di apologia al fasciamo, per aver ridicolizzato la Versilia marchiandola come nera e fascista e per aver dichiaratamente espresso l'appartenenza all'ideologia razzista che va contro ogni trattato per i diritti umani.

C.A.V (Coordinamento Anticapitalista Versiliese), CARACOL Viareggio (Circolo R@P), Brigata Sociale Anti Sfratto, Unione Inquilini Viareggio


Di seguito un articolo sul taglio delle reti scritto da www.lagazzettadiviareggio.it il 3 agosto.



Antirazzisti al Forte: taglio della rete e saluto fascista

Sette persone identificate dagli uomini del commissariato di polizia diretto da Enrico Parrini, tra fortemarmini, massesi e viareggini. E' questo il bilancio dell'operazione "taglio della rete" al pontile di Forte dei Marmi.

Oggi pomeriggio una trentina di antirazzisti di Massa e Versilia hanno manifestato, attaccando uno striscione con su scritto "Versilia Antirazzista". Immediata la reazione di un gruppo di simpatizzanti di estrema destra che hanno iniziato a fare saluti romani e ad inveire contro i manifestanti - fanno sapere con una nota stampa i manifestanti -: Il sindaco Buratti con le sue scelte folli ha rischiato di creare seri problemi di ordine pubblico, solo il buon senso dei compagni ha evitato che la situazione degenerasse".

"Un pezzo di rete è stato tagliato - affermano gli esponenti dei Viruzantogantisti -, a dimostrazione che non possono esserci barriere razziste. Negare l'ombra è un comportamento incivile che i sinceri democratici e gli antifascisti non possono accettare".

Sul posto sono intervenute delle pattuglie della polizia che hanno identificato i presenti: "Nessuna intimidazione può essere accettata. Chi ha cacciato il nazista Borghezio non accetta comportamenti razzisti da nessuno e nemmeno dal sedicente partito democratico di Forte dei Marmi".

"Durante la protesta sul pontile, organizzata sabato dai compagni di varie realtà sociali e politiche anticapitaliste sotto la sigla ??Versilia Antirazzista?, un giovane che faceva ripetutamente il saluto romano ha dichiarato: ??I narcotrafficanti russi portano soldi i negri senegalesi no dunque meglio i primi....? In questa frase c'è tutto il senso di quella rete da pollaio messa per placare le anime di alcuni razzisti e rassicurare la lobby dei balneari che continuano ad avere agevolazioni e privilegi sulla spiaggia che è bene ricordare non è proprietà di nessuno e tanto meno loro - aggiungono nella nota stampa -: "Il sindaco Buratti, ha ceduto alle pressioni della destra e non è nemmeno la prima volta che ciò accade. In passato a Forte dei Marmi fu utilizzata la polizia municipale per una vera e propria vergognosa caccia al venditore ambulante sulla spiaggia. Non è un mistero che a Forte dei Marmi estremisti di destra per convenienze personali, in passato, abbiano votato per la sedicente lista di centrosinistra che ha sostenuto Buratti. Il paese è piccolo e la legge elettorale permette queste strane ambiguità. Mafia Russa e neofascismo con queste due schifezze è obbligata a convivere la città vetrina di Forte dei Marmi e le responsabilità di chi l'amministra sono evidenti. Buratti invece di risolvere i problemi reali della sua comunità: come quello di dire un no netto al piano di incenerimento dei rifiuti, altro tema su cui ha mostrato ambiguità, persevera un politica dell'immagine. Buratti per lavarsi la coscienza o forse solo più per dare un colpo al cerchio ed uno alla botte, nella continua ricerca del consenso, ha deciso di aiutare un senegalese che vuole aprire una azienda agricola nel suo paese. ??Aiutiamoli a casa loro! ? Non era anche questo uno slogan della destra?! E mentre a Forte dei Marmi tra mercato e stabilimenti balneari abbonda il lavoro nero il problema sono quattro senegalesi che cercano di campare vendendo due borse. Le guerre dei poveri alimentate dalla destra sono diventate ormai patrimonio di questo PD che di democratico ha solo il nome. La rete recisa è stato non solo un atto di ribellione ad una decisione ingiusta e stupida ma un alto atto etico di chi non si vuole fare dettare la morale dagli ipocriti e dai falsi moralisti delle varie destre. Invitiamo buratti a combattere con altrettanta decisione con il lavoro nero, le infiltrazioni della mafia russa e i rigurgiti razzisti che sono presenti nella sua città. Temiamo purtroppo che questo nostro invito cadrà nel vuoto perché non risponde agli interessi elettorali del signor Buratti".


Le posizioni dei presenti, fanno sapere dal commissariato, sono al vaglio.

repressione
manifestazioni antifa


articolo precedente           articolo successivo