antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 13.06.13
Padova, leghista su Facebook: Ma mai nessuno che stupri Cécile Kyenge?
·
Padova, leghista su Facebook: Ma mai nessuno che stupri Cécile Kyenge? ·
Dolores Valandro, consigliere di quartiere di Padova, commenta così un articolo che riguarda un presunto tentativo di violenza su una donna italiana da parte di un uomo africano. Tosi: "Inqualificabile, sarà espulsa". Il ministro: "Chiunque deve sentirsi offeso, non solo io"

Non rispondo perché ognuno di noi dovrebbe sentirsi offeso. Questo linguaggio non mi appartiene, perché istiga alla violenza tutta la cittadinanza. Il ministro per l'Integrazione Cecile Kyenge commenta così le affermazioni sul suo conto fatte da Dolores Valandro, consigliera del Carroccio di quartiere a Padova, che su Facebook ha parlato di lei dicendo: Ma mai nessuno che la stupri così tanto per capire cosa può provare la vittima di questo efferato reato? Vergogna!. Parole violentissime, tutte condensate in una frase scritta su facebook condannate sia dal presidente del Consiglio Enrico Letta, che ha espresso tutta la sua solidarietà al ministro Kyenge, ritenendosi offeso anche lui , che da Laura Boldrini, presidente della Camera, che le ritiene inaccettabili, intrise di razzismo e di odio, tanto più gravi perché pronunciate da una donna con un incarico politico. Un attacco sui cui è intervenuto anche Flavio Tosi, segretario nazionale della Liga Veneta, che assicura: 'Mi scuso io con il ministro Kyenge a nome del movimento per le espressioni inqualificabili, violente e demenziali. Valandro era già sospesa. Stasera sarà espulsa'. Intenzione confermata dallo stesso Roberto Maroni nel pomeriggio: 'Non conosco questa Valandro, ho sentito Tosi che ha detto che sarà espulsa.

Più tardi arrivano anche le scuse. 'E' stata una battuta detta in un momento di rabbia. Quando ho un momento di rabbia butto lì e mi sfogo così', afferma ai microfoni di Radio Capital, Dolores Valandro, consigliera leghista di quartiere a Padova. Che poi aggiunge: 'Non sono un tipo violento. Anzi, questo è un mio modo di sfogarmi ma sotto sotto io sono ancora più dolce e più buona del pane. Perchè ' spiega ' anche se uno mi viene a pestare in testa, mando giù. E se uno mi mena io me le prendo, perché sono una che abbaia ma non morde'. Quando l'intervistatore le fa notare che forse la Lega esagera sugli immigrati, Valandro risponde: 'Bisogna viverla la situazione, passiamo sempre per razzisti ma non è vero. Io nella sede cittadina di Padova ho accolto addirittura persone del Congo. Non è questione di razzismo ' conclude ' è questione che se uno arriva, deve rispettare un attimo le regole'. Intanto il suo profilo Facebook è scomparso. Secondo quanto si apprende, però, non c'è stato alcun intervento delle autorità di polizia, anche perché poco dopo l'esplosione della polemica qualcuno che aveva l'accesso al profilo ha rimosso le frasi incriminate. A rimuovere il profilo potrebbe dunque essere stata la stessa Valandro o direttamente Facebook, dopo aver ricevuto diverse segnalazioni.

Il commento di Valandro si riferiva all'articolo di un sito specializzato nella pubblicazione di 'crimini degli immigrati', nel quale si parla di un presunto tentativo di stupro a una donna italiana da parte un uomo africano. Secondo quanto riporta il Corriere del Veneto, Valandro, che è vice coordinatrice della commissione sanità, interventi sociali e politiche giovanili, 'si era appena vista annullare la 'sospensione' dai probiviri della Lega Veneta per i tafferugli con contestazione a Flavio Tosi successi a Pontida'. Intanto l'avvocato Aurora D'Agostino e l'associazione 'razzismo stop' hanno presentato alla Procura di Padova un esposto e sarà aperto un fascicolo per accertare eventuali reati.

Il ministro, ribadendo il suo impegno 'per un linguaggio non violento', ha raccolto la solidarietà di tutte le parti politiche. Per Nichi Vendola, presidente di Sel,'la Kyenge è una luce nel buio dell'Italia, e penso che chi vaneggia di stuprarla perchè donna e perchè è nera ' ha scritto su Twitter ' è veramente l'espressione di un frammento sporco e medievale di un'Italia che dobbiamo seppellire per sempre'. E un gruppo di deputati del Movimento 5 Stelle, Pd e Sel ha chiesto l'espulsione della consigliera leghista dal partito, che 'deve essere allontanata da ogni funzione pubblica e dalla politica'. Aspre critiche anche da Flavio Zanonato che si è detto 'sconvolto' dalle parole rivolte al ministro, e da Deborah Bergamini, capogruppo del Pdl in commissione Esteri della Camera, secondo cui l'assurdità, la violenza e la volgarità inaccettabile delle parole della consigliera leghista Valandro contro il ministro Kyenge è talmente evidente da commentarsi da sola. Quello che davvero viene da chiedersi è cosa può spingere una donna a scagliarsi in un modo così orrendo contro un'altra donna, incitando al reato più infame che ci possa essere, lo stupro'.

Un'aggressione verbale contro la quale è intervenuto anche il capogruppo al Senato della Lega Massimo Bitonci che, peraltro, è segretario della sezione di Padova dove è iscritta la militante leghista. 'Mi dissocio nella maniera più totale ' dice il senatore in una nota -. Si tratta di una sua personale iniziativa che non è condivisa dal movimento. Prenderemo immediatamente provvedimenti disciplinari nei confronti della Valandro e personalmente le ho già chiesto comunque di rimuovere questa scritta dal suo profilo e di chiedere scusa'. E tanti altri parlamentari della Lega si sono schierati contro le parole della consigliera di Padova.

Valandro però ha già provveduto a eliminare le tracce del suo commento online, come precisa il Gazzettino, perché 'non appena il polverone ha iniziato a sollevarsi, ha opportunamente cancellato la frase'. Un attacco a Kyenge che arriva, ricorda il quotidiano, dopo varie dichiarazioni di esponenti del Carroccio contro il ministro di origine congolese, incluse quelle della leghista Paola Goisis che ai primi di giugno aveva esordito così in una trasmissione radiofonica: 'Ci sono tanti italiani che vanno in Congo belga ad aiutare i 'moretti' a fare i dottori e gli insegnanti, mi chiedo perchè il ministro Kyenge non se n'è andata pure lei, una volta laureata e diventata oculista, ad aiutare la sua gente che soffre moltissimo'.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/06/13/padova-leghista-su-facebook-ma-mai-nessuno-che-stupri-ministro-kyenge/625234/




Dolores Valandro condannata a 13 mesi: aveva insultato il ministro Kyenge su Facebook


Un anno e un mese di reclusione è la condanna inflitta dal tribunale di Padova a Dolores Valandro, l'ex consigliere di quartiere leghista, per aver postato su Facebook una frase offensiva rivolta al ministro Cecile Kyenge lo scorso 13 giugno.
La pena è sospesa, ma prevede anche l'interdizione per 3 anni dai pubblici uffici e una multa di 13 mila euro.

Valandro aveva scritto sul social network «ma mai nessuno che se la stupri, così tanto per capire cosa può provare la vittima di questo efferato reato?», riferendosi al ministro per l'Integrazione, una frase poi rimossa dal suo profilo dopo la pioggia di critiche e polemiche arrivatele dagli stessi esponenti della Lega e che le erano costate l'espulsione dal partito. La sua imputazione, dunque, è stata istigazione a commettere atti di violenza sessuale per motivi razziali.

Eppure, la stessa Valandro, durante la sua deposizione al processo per direttissima, si era difesa dicendo di non aver voluto insultare il ministro: «Non era mia intenzione come madre e come donna insultare un'altra donna, mi è però passato davanti agli occhi un episodio capitato a mia figlia - aveva detto fra le lacrime -. È stato un attimo di impulsività perché non ho mai visto atti così violenti nei confronti delle donne perpetrati dagli italiani».

Dopo la lettura della sentenza di condanna, l'avvocato di Valandro, Massimiliano Nicolai, ha annunciato ricorso in appello.

https://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2013-07-17/dolores-valandro-condannata-anno-163314.shtml?uuid=AbQAY1EI

vandalismi_minacce
r_veneto


articolo precedente           articolo successivo