antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti
- "Ammazza il negro", altre minacce contro la famiglia del Milanese che ha adottato senegalese
- Donna aggredita in pizzeria a Mereto di Tomba perché non parla friulano
- Ascoli, barista caccia cliente omosessuale: “Sono nazista, non voglio gay nel mio locale”
- Brescia Danno fuoco alle roulotte, poi sparano contro chi scappa: “Zingari di me**a, vi ammazzo tutti”
- Torino, aggressione omofoba in un condominio: «Sei gay, ti ammazziamo»
- Modena Bomba carta e bottiglie molotov contro il centro di accoglienza per migranti
- Sondrio, insulti razzisti poi calci e pugni: senegalese in ospedale
- Raid punitivo contro alloggio di migranti: Piacenza, tre indagati

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo
- "Fermate quel concerto", gli antifascisti di Bologna contro la band Taake
- Libro sulle "atrocità partigiane", l'Anpi di Reggio Emilia contrattacca: presidio e minacce di denuncia
- San Lorenzo: Forza Nuova sfregia murales ai partigiani, che viene ripristinato dopo un’ora
- Trieste, doppio corteo: CasaPound e antifascisti in piazza

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
18.06.19 L’aggressione fascista ai ragazzi del Cinema America. E tutte le altre
14.06.19 Le scatole cinesi di CasaPound (Dossier ANPI)
10.05.19 Chi ha autorizzato la manifestazione di CasaPound a Casal Bruciato?
6.05.19 Chi è Francesco Polacchi, responsabile della casa editrice Altaforte
31.03.19 Forza Nuova e i legami con i pro vita del congresso di Verona
18.02.19 Svastica e malavita a Roma: ecco l'inchiesta che ha portato all'aggressione fascista
17.02.19 Neofascismo, cacciatori di fake news a Savona: "Quell'eccidio fantasma del monte Manfrei"
3.02.19 Nazi, ultras e tanta ‘ndrangheta.
20.01.19 Polonia Il delitto Adamowicz e il sottobosco di estrema destra
13.01.19 La sede dei fascisti di Avanguardia Nazionale è in uno stabile del Comune di Roma
13.01.19 Calcio, la piaga nera del tifo fascista
17.12.18 Le sfumature nere della Lega di Salvini
20.11.18 Bolivia: Il neofascista italiano Diodato tra i registi della strage di Pando
18.11.18 CasaPound e Forza Nuova a confronto
14.11.18 FBI: Milizia neo-nazista addestrata dall'esercito americano in Ucraina, ora prepara i Suprematisti bianchi degli USA
12.11.18 Veneto Fronte Skinheads, radiografia dell'associazione
12.11.18 Così i neofascisti assediano Brescia
11.11.18 Il governo di Varsavia marcia con l’estrema destra europea
29.10.18 CasaPound non paga neppure le bollette: debiti per centinaia di migliaia di euro
17.10.18 Processo Cavallini, Ansaldi parla di Fioravanti: ''È un uomo della P2''
12.10.18 I legami pericolosi tra il partito di Matteo Salvini e la 'ndrangheta
24.09.18 Stati nazisti d’America, tra svastiche, Hitler e sostenitori dello "sterminio necessario"
31.07.18 Razzismo di stato: Casa Pound non fa paura, Salvini sì
29.07.18 Allarme Capitale, i neri di San Giovanni
25.07.18 L’autrice del post sullo smalto di Josepha: “Twittare è il mio lavoro. Mi finanzia CasaPound”

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 18.03.13
Verona 18/05/2012 Tommasoli, la Cassazione riapre il caso
·
Verona 18/05/2012

Tommasoli, la Cassazione riapre il caso
I giudici: pene più pesanti a Perini e Veneri, annullate le assoluzioni agli altri tre.Sentenza capovolta a Roma: Corsi, Dalle Donne e Vesentini tornano in Appello per rispondere di omicidio

VERONA - Pene più pesanti a Perini e Veneri, gli unici due che sia in primo che in secondo grado erano stati decretati responsabili dell'omicidio di Nicola Tommasoli. Ma anche per gli altri tre imputati - Corsi, Dalle Donne e Vesentini - il conto con la Legge è tutt'altro che chiuso: con la clamorosa sentenza pronunciata nella tarda serata di giovedì dalla Suprema Corte, infatti, sono stati azzerati i verdetti con cui in Appello erano stati tutti e tre scagionati dal delitto di Corticella Leoni. Per dirla in termini concreti, quindi, Perini e Veneri (che si trovano attualmente ai domiciliari), rischiano di tornare dietro le sbarre in attesa che i magistrati decidano se aggravare o meno le rispettive pene a loro carico; Corsi, Dalle Donne e Vesentini, invece, dovranno ripresentarsi al banco degli imputati davanti ai giudici di secondo grado per difendersi dall'accusa di aver partecipato alla drammatica aggressione nella notte a cavallo tra il 30 aprile e il primo maggio 2008 e costata la vita, dopo cinque giorni di disperata lotta contro la morte, all'appena 29enne designer di Negrar Nicola Tommasoli.

Un autentico «terremoto» giudiziario, insomma, quello sancito ieri sera, praticamente a quattro anni esatti dalla tragedia che più di ogni altra in tempi recenti ha sconvolto Verona, dai magistrati della Capitale. In aula a Roma tra accusa (spalleggiata dalle parti civili) e difese, ieri, doveva essere un «tutti contro tutti» e tale, effettivamente, si è rivelato il copione andato in scena prima che i giudici si ritirassero per il verdetto, pronunciato dopo diverse ore in camera di consiglio, di fronte alla quinta sezione della Corte di Cassazione. Del resto, non avrebbe potuto essere altrimenti visto che con la clamorosa sentenza dell'autunno 2010, era stata praticamente riscritta la dinamica del tragico decesso di Nicola: su decisione della Corte d'appello presieduta dal giudice Daniela Perdibon, infatti, erano stati condannati a dieci anni e otto mesi per omicidio preterintenzionale i soli Federico Perini e Nicolò Veneri, scagionati «per non aver commesso il fatto» dall'accusa di omicidio, invece, Guglielmo Corsi, Raffaele Dalle Donne e (già assolto in primo grado) Andrea Vesentini. Con tale verdetto, però, i magistrati avevano di fatto demolito il fulcro della ricostruzione originaria, vale a dire che ad agire fossero stati tutti e cinque i ragazzi «in concorso» tra loro. E proprio la circostanza del «concorso», in aula a Roma, ha rappresentato ieri il fulcro dell'argomentazione, poi accolta dalla Cassazione, delineata dal procuratore generale. Con la conseguenza che per tutti e cinque, adesso, scatterà il processo d'appello- bis.

La. Ted.
18 maggio 2012 (modifica il 19 maggio 2012)

http://corrieredelveneto.corriere.it/veneto/notizie/cronaca/2012/18-maggio-2012/tommasoli-cassazione-riapre-caso-201231355993.shtml




Omicidio Tommasoli, altri tre ragazzi a processo

Il pubblico ministero Francesco Rombaldoni ha firmato un decreto di citazione in giudizio nei confronti di tre giovani veronesi accusati di favoreggiamento


22 maggio 2012

Nuovo filone nell'inchiesta sulla morte di Nicola Tommasoli. Dopo la sentenza della Cassazione, che ha annullato l'assoluzione in appello per tre imputati ordinando un nuovo processo, il pubblico ministero Francesco Rombaldoni ha firmato un decreto di citazione in giudizio nei confronti di tre giovani veronesi accusati di favoreggiamento.

Secondo il magistrato Stefano Torre, Samuele Maffezzoli e Filippo Bodini avrebbero aiutato Federico Perini e Nicolò Veneri (i due condannati in via definitiva per omicidio preterintenzionale) e Raffaele Dalle Donne ad allontanarsi da Verona dopo l'aggressione, accompagnandoli agli aeroporti di Venezia e Treviso, per poi tornare a Verona ed in seguito portare Veneri e Perini con l'auto fino a Innsbruck, da dove i due proseguirono la loro fuga fino a Londra, prima di tornare a Orio al Serio dove vennero arrestati dalla Digos appena sbarcati dall'aereo.

http://www.veronasera.it/cronaca/processo-tommasoli-tre-ragazzi-indagati-favoreggiamento.html





Delitto Tommasoli, si rifà il processo per gli assolti

LA CORTE SUPREMA. Mano pesante della Cassazione, che sconfessa clamorosamente la sentenza di secondo grado. Vesentini, Corsi e Dalle Donne tornano a Venezia in Corte d'Appello per essere giudicati per omicidio. In vista un aumento di pena per Veneri e Perini

L'omaggio di amici e cittadini a Nicola Tommasoli. Qui il 1° maggio 2008 il giovane fu picchiato a morte


Roma. Omicidio Tommasoli, tutto da rifare. La Suprema Corte accoglie il ricorso del procuratore generale di Venezia e delle parti civili, annulla la sentenza e rinvia per nuovo esame davanti a una diversa sezione della Corte d'Assise d'appello i tre giovani che dal reato più grave, ovvero l'omicidio preterintenzionale, erano stati assolti. Andrea Vesentini (assolto in primo grado), Guglielmo Corsi e Raffaele Dalle Donne (assolti dalla Corte distrettuale) affronteranno nuovamente il processo. Perchè per la suprema corte le condanne per la morte di Nicola Tommasoli devono essere almeno altre tre. Un dispositivo che prende in considerazione anche il ricorso della procura generale relativamente all'impugnazione per la condanna per lesioni in concorso «cancellata» per Veneri e Perini in secondo grado. Perchè la sentenza d'appello, «cancellando» il concorso e punendo ciascuno per il comportamento a lui attribuito, aveva ridimensionato ruoli e responsabilità.
Una decisione arrivata all'ora di cena e che ridisegna completamente il quadro che, dopo la pronuncia della corte d'assise di Verona, era ulteriormente mutato in appello. Già perchè per Vesentini il primo giudice aveva escluso il concorso nell'omicidio di Nicola Tommasoli, il trentenne di Negrar aggredito la notte del 1° maggio 2008 in corticella Leoni mentre si trovava con due amici, ritenendo che la sua condotta si fosse limitata a «dividere» i contendenti e che quindi non avesse avuto alcun ruolo in quella lite che degenerò e che si concluse tragicamente cinque giorni dopo, quando Nicola, entrato in coma la notte dell'aggressione, venne dichiarato morto.
Raffaele Dalle Donne e Guglielmo Corsi, entrambi condannati in primo grado, vennero assolti perchè la corte distrettuale cancellò il concorso di persone per quel che riguardava l'aggressione mortale. Ritenne che ognuno dovesse rispondere delle proprie azioni «cancellando» di fatto quel concetto di «gruppo compatto che si mosse come un sol uomo» che aveva fatto finire sotto processo i cinque ragazzi con la medesima accusa.
Nuovo processo per i tre assolti, la Cassazione ha anche accolto il ricorso della procura contro lo sconto di pena a Nicolò Veneri e Federico Perini (dovuto proprio all'assenza dell'aggravante del numero di persone) e relativo al reato di lesioni. E per loro due la condanna inflitta in secondo grado, 10 anni e 8 mesi, diventerebbe al momento definitiva. La quinta sezione presieduta da Giuliana Ferrua ha rigettato il ricorso presentato da Veneri e Perini (e che riguardava quindi la prevedibilità dell'evento e il nesso causale), respinto il ricorso di Vesentini e Dalle Donne per le lesioni (furono condannati solo per quelle in secondo grado, ovvero per essersi interfacciati con gli amici di Nicola) e infine rigettato il ricorso del procuratore generale relativamente alla qualificazione dell'episodio di Red Pauli (da rapina era diventata violenza privata).
Andrea Vesentini, Raffaele Dalle Donne, Nicolò Veneri e Federico Perini sono stati condannati anche al pagamento delle spese sostenute dai ricorrenti. Si torna in aula: tre per rispondere di omicidio preterintenzionale e due per vedersi aumentare la condanna. E così, a quattro anni di distanza dai fatti, torna a processo anche chi era stato assolto.
L'udienza era iniziata in tarda mattinata e proseguita fino alle 15.30. In aula c'era solo Guglielmo Corsi che immobile ha ascoltato la relazione del consigliere Marassi.
«Quella di primo grado è stata un'assoluzione di fatto che ha escluso la responsabilità di Vesentini perchè si ritenne che il suo ruolo non fosse di concorso ma di "rottura" perchè cercò di dividere chi stava litigando. Il giudice di Appello si è inserito in questo varco e ha disintegrato il vincolo tra l'episodo di Red Pauli e quello di Tommasoli. un aspetto sconvolgente perchè ha esaminato solo i profili soggettivi», aveva detto in uno dei passaggi della sua relazione il procuratore generale della corte di Cassazione, Scardaccione, prima di chiedere di annullare la sentenza di secondo grado con rinvio a diversa sezione della Corte d'Assise d'appello di Venezia. Una richiesta, quella proposta alla quinta sezione penale della Suprema Corte presieduta da Giuliana Ferrua, fondata sul ricorso presentato dalla procura generale di Venezia che si oppose alla decisione della Corte distrettuale che, non ritenendo esistente il concorso di persone, assolse dal reato più grave, cioè l'omicidio preterintenzionale, Andrea Vesentini (già assolto in primo grado), Raffaele Dalle Donne e Guglielmo Corsi (condannati rispettivamente a 14 e a 10 anni dalla corte d'assise di Verona).
«Quello che in primo grado fa Vesentini viene esteso in appello ad altri due imputati, risulta una sommatoria di comportamenti individuali e per Corsi e Dalle Donne esclude responsabilità. In pratica non c'è reato di gruppo e concorsuale». Invece il procuratore ha ribadito come giuridicamente non sia sostenibile la scelta operata nel novembre di due anni fa a Venezia e sostenuto come una volta rotto il vincolo siano state operate «sottovalutazioni degli altri comportamenti». Ovvero la rapina derubricata «violenza privata per lo scarso valore dell'oggetto (le spillette che Pauli aveva sul giubbino, ndr). Quello che è insostenibile è la rottura del concorso che si è tradotta con l'assoluzione di Corsi e Dalle Donne e così facendo non riconosce che è un concorso legato al comportamento successivo degli altri». Ha chiesto quindi che venisse annullata la sentenza di secondo grado e che fosse rinviata a Venezia per la celebrazione di un nuovo processo, che venisse rigettato il ricorso della parte civile Comune e che, di conseguenza, venissero rigettati i ricorsi delle difese degli imputati.

Fabiana Marcolini

http://www.larena.it/stories/Home/363355_delitto_tommasoli_si_rifil_processo_per_gli_assolti/?refresh_ce&scroll=342

repressione_F
r_veneto


articolo precedente           articolo successivo