antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Bologna In piazza Carducci solo gli antifa
- Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 11.03.13
Aggressione fascista a Lucca
·
Lunedì 11 Marzo 2013

Feroce aggressione fascista in un locale di Lucca: un 34enne di origini emiliane viene avvicinato da un esponente di estrema destra che al grido di slogan inneggianti a Mussolini lo colpisce al volto causandogli lesioni da ricovero in ospedale.

altIl racconto dell??aggressione a sfondo fascista avvenuta nella notte tra venerdì e sabato a Lucca è emerso solo oggi grazie ad una lettera inviata a tutti i giornali che racconta in modo dettagliato lo svolgimento dei fatti.

A scrivere è Stefano, un ragazzo di 34 anni di origini emiliane ma residente a Lucca ormai da alcuni anni. Venerdì sera si trovava in un locale di Lucca quando un noto estremista di destra della zona lo avvicina al grido di ??Viva il duce?? e sbracciandosi in saluti romani comincia a provocarlo senza alcuna ragione; poco dopo le minacce tira fuori un coltello puntandoglielo addosso. A quel punto l??intervento del gestore del locale si limita ad intimare all??aggressore fascista di far sparire il coltello ma nulla di più, al che Stefano decide di allontanarsi dal locale per sfuggire ad ulteriori minacce.

Una volta fuori, però, viene raggiunto alle spalle dal suo aggressore che lo colpisce all??occhio con un tirapugni causandogli una frattura dello zigomo e costringendolo al ricovero in ospedale (dove Stefano si trova tuttora dall??aggressione di venerdì notte). A quel punto il picchiatore fascista si è dileguato in gran fretta.

Purtroppo quanto accaduto a Stefano non è un episodio isolato a Lucca: solo pochi mesi fa un??altra vigliacca aggressione aveva colpito il partigiano ottantasettenne Lilio Giannecchini, pestato brutalmente mentre rientrava a casa.

La vicenda aveva scatenato la rabbia della città contro il ripetersi di episodi di questo tipo, che vengono perpetrati grazie all??impunità di cui troppo spesso gli aggressori godono o grazie all??indifferenza di chi, pur presente, sceglie di non intervenire. Queste vicende confermano tutta la pericolosità insita in alcune retoriche che vorrebbero aprire spazi di agibilità per formazioni e gruppuscoli di estrema destra, che da sempre si distinguono per aggressioni infami, spesso a danno di chi ha come unica "colpa" quella di non tollerare la presenza di certi individui all'interno della propria città o più banalmente di aver indossato i vestiti sbagliati nel posto sbagliato.




Lettera di Stefano

Io picchiato dai fascisti a Lucca


Lettera aperta ai mezzi di informazione, cittadini e istituzioni.
Mi chiamo Stefano Benassi, ho 34 anni, sono di Castelnovo ne' Monti, provincia di Reggio Emilia, ma vivo a Lucca dal dicembre 2011 e vi scrivo dal quarto piano del reparto neurologia dell'Ospedale Campo di Marte, dove sono ricoverato da sabato mattina in prognosi riservata.

Scrivo questa lettera perché voglio raccontarvi quello che mi è successo nella notte tra venerdì e sabato in un locale dell'immediata periferia della città. Poco prima dell'una nella notte tra venerdì e sabato, in compagnia di alcuni amici, mi sono recato all'Ottavo Nano per chiudere la serata. Il locale era particolarmente affollato. Una volta arrivato alla mia ordinazione mi accorgo dell'arrivo di Andrea Palmeri, già noto alle forze dell'ordine, che entrava nel locale con parecchia foga spostando chiunque fosse sul suo cammino, creandosi un varco tra gli avventori per arrivare ad avere a che fare direttamente con me. Vista la quantità di persone presenti intorno al bancone non è riuscito ad arrivare davanti al sottoscritto, ma si è dovuto fermare a due persone di distanza. Ha iniziato a guardarmi e a gridarmi 'Reggio Emilia Reggio Emilia, viva il Duce' facendo il saluto romano. In tutto questo continuava a dirmi 'qui mi vogliono tutti male perché sono fascista'. A quel punto gli ho risposto di non avere alcun tipo di problema con lui visto che stavo concludendo la mia serata con amici e il mio unico interesse era quello di stare tranquillo e di divertirmi. Di contro mi ha risposto: 'se te non hai problemi, te li creo io'. E mentre mi diceva questo ha estratto un coltello dalla tasca e me lo ha puntato alla gola davanti ai presenti. A questo punto è intervenuto un dipendente dello staff del locale che ha tentato di fermare quello che stava accadendo in maniera alquanto blanda, visto che, invece di disarmare il mio aggressore, chiamare le forze dell'ordine e allontanarlo dal locale, semplicemente gli ha preso la mano dove teneva il coltello e lo ha invitato a rimetterla in tasca. Nel vedere questa scena, pensando alla probabile violazione dell'incolumità di coloro che erano presenti nel locale, decido di uscire dal locale, invitando i miei amici a non seguirmi e a starmi il più lontano possibile. Una volta all'esterno del locale, oltrepassati i gruppi di persone, sono arrivato in strada per prendere una boccata d'aria, dando le spalle al locale. Un attimo dopo mi sono sentito picchiettare sulla spalla, ingenuamente mi sono girato per vedere chi fosse e mi sono trovato il Palmeri davanti che mi ha sferrato un pugno, con un probabile tirapugni o comunque con un qualche oggetto atto ad offendere, nell'occhio sinistro con una violenza inaudita, provocandomi un dolore difficile da descrivere. Sono riuscito a restare in piedi davanti al mio aggressore con la faccia insanguinata e mi tenevo l'occhio con una mano. Lui mi è rimasto davanti e io gli ho chiesto come mai mi avesse colpito e gli ho detto se volesse continuare a picchiarmi o tirarmi una coltellata visto che non ero accasciato a terra. Nel frattempo alcuni ragazzi che mi conoscono e che si trovavano all'interno del locale e avevano visto la scena del coltello hanno chiamato la polizia che è arrivata dopo una ventina di minuti. Ho cercato di parlare col mio aggressore non ottenendo alcuna risposta e, appena la polizia è arrivata, lui si è dileguato. La polizia mi ha detto di andare in questura il giorno dopo per fare la denuncia. Ancora non ho potuto fare di persona la denuncia visto che sono ricoverato da sabato mattina e mi trovo tuttora in prognosi riservata. Il referto completo non è ancora stato scritto, tuttavia mercoledì dovrò essere operato per ricostruire lo zigomo sinistro, ma prima di procedere con l'operazione devo aspettare che venga riassorbito il versamento di sangue al cervello.

Mi sono deciso a scrivere perché le aggressioni vanno denunciate; perché è opportuno che tutti e tutte sappiano cosa può accadere a Lucca se hai la barba lunga, indossi vestiti ritenuti sbagliati da certe persone che portano avanti idee fasciste e razziste e hai la 'sfortuna' di trovarti un venerdì sera nello stesso posto di questi individui. E poi perché credo che sia opportuno ristabilire un certo grado di attenzione su questi fatti, proprio per arginare la latente impunità/omertà di cui godono queste persone.

Lucca, Ospedale Campo di Marte 10/03/13

Stefano Benassi

azioni_fasciste
r_toscana


articolo precedente           articolo successivo