antifa home page

Il Progetto

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Savona, il quartiere rosso di Villapiana si mobilita contro la nuova sede di Casapound
- A Brescia il corteo antifascista contro Forza Nuova
- Verona, il writer che combatte il fascismo con i colori
- Cesena Forza Nuova al liceo, appello del Comune all’autorità di ps
- Cesena Manifestazione di Forza Nuova davanti ai licei, 50 prof: "Sbagliato autorizzarla lì"
- Roma, corteo di donne affronta militanti CasaPound: "Qui i fascisti non li vogliamo"
- Udine, rassegna jazz lascia la città: “Non collaboriamo con il nuovo sindaco che ha vinto con i voti dei neofascisti”
- Migranti, marcia No Tav contro estremisti di destra: scontri con la Gendarmeria al confine tra Italia e Francia
- Ufficiale: Bologna vieta gadget e spazi pubblici a fascisti e razzisti
- Niente piazze ai fascisti sull'Appennino Bolognese, la sfida di Forza Nuova: "Presto in piazza"
- Livorno, Lega organizza comizio a teatro. Lavoratori scioperano per protesta: “Candidato xenofobo e omofobo”
- Liberi e Uguali si rifiuta di partecipare alla Tribuna elettorale Rai con CasaPound

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
16.07.18 Una breve storia dei rapporti della Lega con i fascisti di Lealtà e Azione
6.07.18 KKK: il tramonto dei cavalieri bianchi
6.07.18 Salvini, Borghezio e l’alleanza con il neofascismo europeo nel libro-inchiesta “Europa identitaria”
26.06.18 In Ucraina i fascisti ammazzano i rom, ma l’Unione Europea tace
18.06.18 Mario Borghezio: dossier. Dall'estrema destra ordinovista agli arresti per bancarotta alla lega
3.06.18 Esclusivo: alla Lega sovranista di Matteo Salvini piace offshore
2.06.18 Lorenzo Fontana, il ministro della Famiglia ultracattolico che strizza l'occhio ai nazifascisti
31.05.18 Dai pestaggi ai blitz chirurgici: il vero volto di Casapound
3.05.18 Verona, dove comanda l’estrema destra
26.04.18 Gli antifascisti di domani
26.04.18 Fenomenologia dell'onda nera
4.04.18 Esclusivo: caccia ai soldi della Lega
2.03.18 I camerati abusivi di CasaPound: parenti e amici vivono gratis nel centro di Roma
1.03.18 Ma Pasolini non stava con i poliziotti
26.02.18 Chi sono i candidati di Forza Nuova: poliziotti, picchiatori, nostalgici delle SS e figli di mafiosi
26.02.18 Roberto Fiore: “Magistrati di Palermo deviati come 40 anni fa”. Quando Falcone voleva interrogarlo per il caso Mattarella
14.02.18 Trasformisti, fascisti, impresentabili e ras delle clientele: ecco le liste al Sud di Matteo Salvini
1.02.18 Ritratto del neofascista da giovane
30.12.17 La leggenda dell’«architettura fascista»: un dibattito distorto su memoria e spazio urbano
28.12.17 Fascisti su Facebook, a gestire i gruppi neri ci sono anche i poliziotti
21.12.17 Saluti romani in consiglio comunale a Gorizia e chiamata alle armi a Trieste
20.12.17 La Galassia Nera: i gruppi e le associazioni che ruotano attorno a Lealtà Azione
20.12.17 I segreti di Roberto Fiore, il fascista a capo di Forza Nuova Terrorista nero.
10.12.17 Chi ha pagato Forza Nuova: retrospettiva 2001 sulle origini. "L' accusa del dossier C' è un livello occulto"
8.12.17 Se CasaPound entra anche nelle scuole: la sua associazione studentesca ha 200 rappresentanti in Italia

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

Ricerca per parole chiave | Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 6.01.13
Busto Arsizio Brindisi a Hitler e rinvii a giudizio una curva in mano all' ultradestra
·
Brindisi a Hitler e rinvii a giudizio una curva in mano all' ultradestra

«Heil Hitler». «Brucia l' ebreo». ? la notte del 23 aprile 2007 e i muri della birreria Biergarten Centro del Lago di Buguggiate trasudano nazismo formato provincia. Mentre la carriera di Kevin Boateng sta svoltando - dall' Hertha Berlino al Tottenham, la squadra ebraica di Londra - uno zoccolo del becerume che cinque anni dopo gli vomiterà addosso cori razzisti facendogli saltare i nervi («una reazione indegna», dice il sindaco di Busto Arsizio), si è data appuntamento lì, a Bügügià, tra tavoli di legno e pinte di birra, per celebrare il compleanno di Adolf Hitler (con tre giorni di ritardo). All' epoca il locale è gestito da un signore che per gli ultrà "neri" della Pro Patria è una specie di totem. Si chiama Francesco Lattuada: per i camerati "Checco". Già capogruppo di An, oggi è consigliere comunale del Pdl a Busto Arsizio. ? anche tra i membri più in vista di "Ardito Borgo". Che cos' è? Per il sito è «un' associazione culturale nata per offrire un' alternativa giovanile» nella paludata Busto. A destra la chiamano aggregazione non conforme. Il "Borgo" organizza concerti di musica Oi!, sottogenere del punk rock meglio conosciuto come nazirock. I loro iscritti, molti sono vicini a Forza Nuova, sono collegati con la Skinhouse di Bollatee coni duri di Militia Como, altri due avamposti dell' estremismo nero in Lombardia. Tre anni di vita quest' anno, il Borgo è considerato, di fatto, un solo corpo con gli ultrà della Pro Patria. Una sintesi che ha tra i suoi artefici proprio "Checco" Lattuada. Sul profilo Fb c' è una foto che lo ritrae nella curva bustocca, in balconata che è il posto dei capi: torso nudo, sciarpa biancoblu legata in vita, fiero saluto romano. Per filtrare il brodo di fermentazione che ha prodotto gli ululati contro Boateng, Niang e Muntari, può non essere un particolare trascurabile il fatto che quel brindisi in onore del Führer, andato in scena cinque anni fa e catturato dalle microcamere della Digos di Varese, a Lattuada è costato un rinvio a giudizio assieme ad altri 21 estremisti che vi parteciparono (c' è anche Rainaldo Graziani, figlio di Clemente Graziani fondatore di Ordine Nuovo). Il reato contestato è istigazione all' odio razziale e alla discriminazione. La stessa che ha ispirato i «buu» dedicati a Boateng. Dice Gianluigi Farioli, primo cittadino di Busto e collega di partito di Lattuada, che il Boa «ha avuto una reazione impropria», spropositata rispetto agli sfottò di «una sparuta minoranza della curva». Ora: questo è il punto. O uno dei. Davvero gli ultrà che hanno preso di mira il centrocampista del Milan per il colore della sua pelle sono una minoranza della curva della Pro Patria? In città, 90 mila abitanti, medaglia d' oro della resistenza, sono in moltia dubitarne. Ecco il ragionamento informale di un investigatore che controlla i movimenti delle tifoserie sportive estremiste e razziste della provincia varesotta, un laboratorio molto borderline nel quale la palma dei più violenti spetta ancora ai ' Blood and Honour' del Varese. «? vero che si giocava col Milan, ma 200 ultrà della Pro Patria schierati il 3 gennaio in un giorno feriale alle due e mezza del pomeriggio, non si vedevano dal ' 45...». Quei cori martellanti spediti contro i giocatori di colore del Milan, insomma, potrebbero non essere affatto una «genialata» - dice così il poliziotto - buttata lì a casaccio da «gente che non vediamo mai allo stadio e che non c' entra con la tifoseria biancoblu» (così il presidente della Pro Patria, Pietro Vavassori). La sensazione è che il pacchettoBoateng, non un inedito per la curva bustacchina, sia deflagrato, in realtà, in modo tutt' altro che imprevisto da parte dei leader della curva. Un' esibizione organizzata, magari proprio con l' intenzione di «fare casino», sfruttando la visibilità offerta da una squadra blasonata, e seguita in tutto il mondo, come il Milan. Sullo sfondo di un pomeriggio storto emergono dettagli che rendono il clima e raccontano l' ambiente di una «certa Busto», come la definisce Gennaro Gatto che è responsabile di un osservatorio sulle nuove destre in provincia di Varese. Un' altra data. Quattro giugno 2011. La festa è intitolata "Avanti le pinte". La organizzano gli ultras della Pro Patria e quelli di Ardito Borgo. «Tra sedi chiuse e altre vicende ben note (incidenti allo stadioe azioni della magistratura, fari puntati anche sulla sezione locale degli Ultras Italia che seguono la Nazionale esportando all' estero i saluti romani) - spiegano i camerati - abbiamo deciso di unire le forze e dimostrare che non molliamo». Pro Patria. Alla squadra di calcio il gruppo Oi! "Erode" ha dedicato una canzone. A premiare la tifoseria biancoblu, invece, ci ha pensato la Regione Lombardia. Il primo giugno 2011 l' ex assessore allo sport leghista Monica Rizzi l' ha insignita del prestigioso premio "Rosa Camuna", massima onorificenza concessa dal Pirellone come esempio positivo a sostegno di una squadra di calcio. Hitler, i saluti romani, le croci celtiche, il nazionalismo xenofobo e razzista, sono solo minuzie.
DAL NOSTRO INVIATO PAOLO BERIZZI BUSTO ARSIZIO


http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2013/01/04/brindisi-hitler-rinvii-giudizio-una-curva-in.html?ref=search


da Infoaut (www.infoaut.org):
In questo articolo preso dal web due inesattezze:

-l'oi! non è genere nazirock, ma un genere punk rock con tematche skinhead. Anche di destra ma, ovviamente, non nate in ambienti politici neri.
- gli Erode sono di sinistra e sono nati nei centri sociali.

documentazione
r_lombardia


articolo precedente           articolo successivo