antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Raid punitivo contro alloggio di migranti: Piacenza, tre indagati
- Pisa, ancora un’aggressione omofoba: “Fate schifo”, poi sputi e pugni
- Genova Frasi razziste a immigrato, poi botte
- Sparano a uno straniero ed esultano, due persone nei guai nel Modenese
- Migrante pestato a sangue a Sassari Un 22enne della Guinea aggredito da cinque ragazzi in pieno centro
- Roma, spedizione razzista contro il fioraio a Cinecittà
- Bagheria, «Calmati fratello» e scatta il pestaggio: immigrato picchiato senza motivo con un cric
- Terracina, sparano piombini da unʼauto contro una bici: ferito operaio indiano
- Bologna Aggressione razzista in via Sant'Isaia
- Palermo, caccia al migrante: cinque minori profughi insultati e pestati
- Aprilia, spari da una finestra. Colpito immigrato
- Pistoia, il prete denuncia: "Spari contro un migrante ospite della parrocchia"

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Pizzarotti nega la sala civica a Forza Nuova: "Parma è antifascista"
- Trento C'è Di Stefano per CasaPound e gli anarchici lo ''accolgono'' con fumogeni e petardi: ''Via i fascisti''
- Bari, aggressione al corteo antifascista in via Crisanzio: blitz con mazze e catene
- Scontri a Marina Centro, il corteo di Forza Nuova cerca di sfondare il cordone
- Padova Antifascisti cercano di impedire il comizio di Forza Nuova: cariche delle forze dell'ordine in pieno centro
- Grosseto Corteo antifascista, cori e bandiere: in piazza contro il raduno di CasaPound c’è Maremma Antifa
- Roma ricorda Renato Biagetti dodici anni dopo
- Ravenna Scontri e contestazioni durante la cerimonia per Ettore Muti
- Pontida, nel santuario della Lega Salvini contestato da diciassettenne: "Fascista, rovini l'Italia"
- "Sgomberate la sede abusiva di Casapound". L’appello del sindaco Pascucci a Salvini e Raggi
- "Chiedo con forza le dimissioni del Ministro Fontana. Le sue dichiarazioni violano la Costituzione" Carla Nespolo - Presidente nazionale ANPI
- Savona, il quartiere rosso di Villapiana si mobilita contro la nuova sede di Casapound

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
12.10.18 I legami pericolosi tra il partito di Matteo Salvini e la 'ndrangheta
24.09.18 Stati nazisti d’America, tra svastiche, Hitler e sostenitori dello "sterminio necessario"
31.07.18 Razzismo di stato: Casa Pound non fa paura, Salvini sì
29.07.18 Allarme Capitale, i neri di San Giovanni
26.07.18 Trattavia, le motivazioni della sentenza vanno lette ricordando stragi neofasciste, golpe e P2
25.07.18 L’autrice del post sullo smalto di Josepha: “Twittare è il mio lavoro. Mi finanzia CasaPound”
19.07.18 Come Verona è diventata l’incubatrice dell’odio
16.07.18 Una breve storia dei rapporti della Lega con i fascisti di Lealtà e Azione
6.07.18 KKK: il tramonto dei cavalieri bianchi
6.07.18 Salvini, Borghezio e l’alleanza con il neofascismo europeo nel libro-inchiesta “Europa identitaria”
26.06.18 In Ucraina i fascisti ammazzano i rom, ma l’Unione Europea tace
18.06.18 Mario Borghezio: dossier. Dall'estrema destra ordinovista agli arresti per bancarotta alla lega
3.06.18 Esclusivo: alla Lega sovranista di Matteo Salvini piace offshore
2.06.18 Lorenzo Fontana, il ministro della Famiglia ultracattolico che strizza l'occhio ai nazifascisti
31.05.18 Dai pestaggi ai blitz chirurgici: il vero volto di Casapound
3.05.18 Verona, dove comanda l’estrema destra
26.04.18 Gli antifascisti di domani
26.04.18 Fenomenologia dell'onda nera
4.04.18 Esclusivo: caccia ai soldi della Lega
2.03.18 I camerati abusivi di CasaPound: parenti e amici vivono gratis nel centro di Roma
1.03.18 Ma Pasolini non stava con i poliziotti
26.02.18 Chi sono i candidati di Forza Nuova: poliziotti, picchiatori, nostalgici delle SS e figli di mafiosi
26.02.18 Roberto Fiore: “Magistrati di Palermo deviati come 40 anni fa”. Quando Falcone voleva interrogarlo per il caso Mattarella
14.02.18 Trasformisti, fascisti, impresentabili e ras delle clientele: ecco le liste al Sud di Matteo Salvini
1.02.18 Ritratto del neofascista da giovane

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 12.11.12
Roma Minacce e svastiche al Manara e al Mamiani Tensioni con CasaPound al liceo Nomentano
·
Minacce e svastiche al Manara e al Mamiani
Tensioni con CasaPound al liceo Nomentano
Insulti alle partigiane e ai ragazzi del collettivo che dicono: "Non è la prima volta, sono i fascisti di zona". Condanna di Alemanno e Zingaretti. Scintille anche nell'istituto alla Bufalotta, occupato da stamattina insieme a molte scuole dell'XI e del XII municipio, dove gli studenti si sono confrontati con alcuni militanti di CasaPound. Intanto continuano le mobilitazioni e la protesta cresce
di VIOLA GIANNOLI

Minacce e svastiche al Manara e al Mamiani Tensioni con CasaPound al liceo Nomentano

Minacce al collettivo studentesco, due svastiche e insulti contro le partigiane. Sono le scritte comparse questa notte sul muro esterno del liceo Manara a Monteverde. Stamattina quando gli studenti sono arrivati a scuola si sono trovati davanti a frasi come "Viva Hitler", "Noi la partigiana la sodomizziamo" e "Collettivo ve lamamo" (ovvero ti accoltelliamo, ndr), oltre a due croci uncinate.

Scritte simili sono comparse, di nuovo, anche sui muri del Mamiani, a Prati. "Frasi in due colori, il che significa che sono state fatte da un gruppo organizzato, che inneggiano all'Olocausto con espressioni tremende oppure minacce come 'Il Mamiani brucerà'", raccontano all'uscita di scuola i ragazzi ancora scioccati, dopo che già sabato scorso avevano dovuto prendere pennelli e vernice e cancellare omaggi al Duce nel cortile interno dell'istituto in viale delle Milizie e organizzare un pomeriggio di sensibilizzazione nel quartiere.

"Non è la prima volta che subiamo minacce - hanno raccontato i ragazzi del Manara - Sappiamo chi sono gli autori, sono fascistelli di zona. "Siamo pronti a ripulire e a comprare con una colletta
la vernice, visto che sappiamo che per la scuola sarebbe un costo non preventivato", hanno aggiunto durante il presidio simbolico e improvvisato organizzato davanti a scuola nella prima ora di lezione.

Al liceo Manara sono molti gli iscritti di religione ebraica e per il prossimo 19 novembre, giorno della promulgazione delle leggi razziali, è in programma un incontro sul negazionismo. Incontro al quale ha deciso di partecipare, su invito della preside della scuola, anche il sindaco Gianni Alemanno che ha definito "le scritte comparse sui muri del liceo Manara un atto gravissimo, oltraggioso e offensivo nei confronti della storia di Roma. Un gesto vile e ignobile che dev'essere condannato".

Dura la reazione del presidente della Provincia di Roma Nicola Zingaretti che ha parlato di "ennesimo atto di intolleranza di chi si sente sempre più impunito". "Purtroppo - ha aggiunto - la nostra città è tornata ad essere sempre meno città del dialogo e sempre più una città in cui gruppi sempre più numerosi, su muovono impuniti. Qualcuno dovrà rispondere di quanto sta succedendo".

Anche Paolo Masini, consigliere capitolino del Pd e vicepresidente della commissione Scuola, è intervenuto annunciando una mozione in Consiglio comunale per far sì che "le scritte oltraggiose" vengano cancellate "non dall'Ufficio Decoro urbano, ma in maniera simbolica dai ragazzi insieme ai rappresentanti delle istituzioni: una squadra composta da sindaco, assessori, consiglieri comunali". "Rivolgo un appello - ha aggiunto Masini - anche alla Comunità ebraica, alle comunità straniere e alle associazioni che lottano contro l'omofobia perché appoggino idealmente la mozione. Davanti a un sindaco che mette, in un bilancio già difficile e povero, finanziamenti a Casapound, la città deve reagire e mostrarsi compatta. Altrimenti Alemanno torni a fare il segretario del Msi, fare il sindaco di Roma è un'altra cosa".

Enrico Gasbarra, segretario del Pd del Lazio chiosa: "Di fronte all'ennesimo atto inaccettabile, che fa seguito a una escalation inimmaginabile fino a pochissimi anni fa di aggressioni politiche di stampo fascista, la politica deve essere netta e decisa nell'isolare i cattivi maestri, e a non fornire coperture ideologiche a chi tenta con la violenza di creare un clima torvo in città. Non sono 'anelli' sporadici, ma è la dimostrazione che è in atto un progetto preciso che va fermato, perché rischia di emulare quanto avvenuto in Grecia con Alba dorata".

Ed è scontro politico anche al liceo Nomentano, storico istituto in via della Bufalotta, appena occupato dagli studenti interni in mobilitazione contro "le misure di austerity, la 'legge di stabilità' e il DDL ex Aprea", che, dicono i ragazzi, "rappresenta l'ennesimo passo in avanti verso la privatizzazione dell'istruzione e la fine della scuola pubblica".
"I militanti, capitanati da Giorgio Cristofari, responsabile di Blocco Studentesco, la giovanile di Casapound, a Roma est, sono entrati nella sede succursale dell'istituto, sita a poca distanza dalla sede centrale, e hanno tentato di occuparla come forma di occupazione alternativa - scrivono in un comunicato i ragazzi - Vedendosi respinti i neofascisti hanno rivolto la loro attenzione verso la nostra occupazione, hanno cercato di entrare ma sono stati nuovamente cacciati".

Secondo i rappresentanti degli studenti del Nomentano che tengono a sottolineare come "l'occupazione sia il frutto di una decisione presa in assemblea da tutti gli alunni iscritti alla scuola, senza l'intervento di alcuna organizzazione politica esterna, non è la prima volta che i fascisti di Casapound, già ampiamente respinti dal nostro liceo, tentano di mettere il cappello alle nostre mobilitazioni e in generale a quelle del movimento studentesco, al fine di pubblicizzare a nostre spese la loro struttura, anche in vista delle prossime elezioni a cui si stanno candidando". Per spiegare le ragioni della loro protesta i ragazzi si riuniranno in un'assemblea pubblica, assieme a docenti e genitori, alle 16 davanti all'istituto.

Ma il Nomentano non è l'unica scuola in mobilitazione anche questa mattina. Non si ferma infatti la protesta degli studenti. Dopo il corteo di sabato pomeriggio e il nuovo presidio al Miur dei docenti che hanno stazionati davanti al dicastero di viale Trastevere per l quarta domenica consecutiva, continuano le occupazioni e le assemblee straordinarie nei licei di Roma.
I ragazzi vorrebbero occupare il San Francesco D'Assisi in viale della Primavera. Sul posto la situazione è monitorata dalla polizia. All'istituto nautico Colonna in via Salvatore Pincherle circa 150 alunni stanno decidendo se continuare la radicale protesta. Anche la scuola Matteucci in via Roberto Rossellini, il Rousseau, il Platone, il Peano, l'Ilaria Alpi e il Mafai sono occupati da questa mattina, stessa sorte toccata al liceo Keplero in via Silvestro Gerardi quache giorno fa. Agitazioni anche all'istituto magistrale Margherita di Savoia di via Cerveteri.

(12 novembre 2012)

http://roma.repubblica.it/cronaca/2012/11/12/news/minacce_e_svastiche_al_manara-46432274/

vandalismi_minacce
r_lazio


articolo precedente           articolo successivo