antifa home page

Il Progetto

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Savona, il quartiere rosso di Villapiana si mobilita contro la nuova sede di Casapound
- A Brescia il corteo antifascista contro Forza Nuova
- Verona, il writer che combatte il fascismo con i colori
- Cesena Forza Nuova al liceo, appello del Comune all’autorità di ps
- Cesena Manifestazione di Forza Nuova davanti ai licei, 50 prof: "Sbagliato autorizzarla lì"
- Roma, corteo di donne affronta militanti CasaPound: "Qui i fascisti non li vogliamo"
- Udine, rassegna jazz lascia la città: “Non collaboriamo con il nuovo sindaco che ha vinto con i voti dei neofascisti”
- Migranti, marcia No Tav contro estremisti di destra: scontri con la Gendarmeria al confine tra Italia e Francia
- Ufficiale: Bologna vieta gadget e spazi pubblici a fascisti e razzisti
- Niente piazze ai fascisti sull'Appennino Bolognese, la sfida di Forza Nuova: "Presto in piazza"
- Livorno, Lega organizza comizio a teatro. Lavoratori scioperano per protesta: “Candidato xenofobo e omofobo”
- Liberi e Uguali si rifiuta di partecipare alla Tribuna elettorale Rai con CasaPound

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
19.07.18 Come Verona è diventata l’incubatrice dell’odio
16.07.18 Una breve storia dei rapporti della Lega con i fascisti di Lealtà e Azione
6.07.18 KKK: il tramonto dei cavalieri bianchi
6.07.18 Salvini, Borghezio e l’alleanza con il neofascismo europeo nel libro-inchiesta “Europa identitaria”
26.06.18 In Ucraina i fascisti ammazzano i rom, ma l’Unione Europea tace
18.06.18 Mario Borghezio: dossier. Dall'estrema destra ordinovista agli arresti per bancarotta alla lega
3.06.18 Esclusivo: alla Lega sovranista di Matteo Salvini piace offshore
2.06.18 Lorenzo Fontana, il ministro della Famiglia ultracattolico che strizza l'occhio ai nazifascisti
31.05.18 Dai pestaggi ai blitz chirurgici: il vero volto di Casapound
3.05.18 Verona, dove comanda l’estrema destra
26.04.18 Gli antifascisti di domani
26.04.18 Fenomenologia dell'onda nera
4.04.18 Esclusivo: caccia ai soldi della Lega
2.03.18 I camerati abusivi di CasaPound: parenti e amici vivono gratis nel centro di Roma
1.03.18 Ma Pasolini non stava con i poliziotti
26.02.18 Chi sono i candidati di Forza Nuova: poliziotti, picchiatori, nostalgici delle SS e figli di mafiosi
26.02.18 Roberto Fiore: “Magistrati di Palermo deviati come 40 anni fa”. Quando Falcone voleva interrogarlo per il caso Mattarella
14.02.18 Trasformisti, fascisti, impresentabili e ras delle clientele: ecco le liste al Sud di Matteo Salvini
1.02.18 Ritratto del neofascista da giovane
30.12.17 La leggenda dell’«architettura fascista»: un dibattito distorto su memoria e spazio urbano
28.12.17 Fascisti su Facebook, a gestire i gruppi neri ci sono anche i poliziotti
21.12.17 Saluti romani in consiglio comunale a Gorizia e chiamata alle armi a Trieste
20.12.17 La Galassia Nera: i gruppi e le associazioni che ruotano attorno a Lealtà Azione
20.12.17 I segreti di Roberto Fiore, il fascista a capo di Forza Nuova Terrorista nero.
10.12.17 Chi ha pagato Forza Nuova: retrospettiva 2001 sulle origini. "L' accusa del dossier C' è un livello occulto"

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

Ricerca per parole chiave | Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 8.11.12
Salerno:Si scrive giustizia … si legge repressione!
·
NON CI SARA?? MAI GIUSTIZIA NEI TRIBUNALI DELLO STATO!

Nel 2012 si è costituita a Salerno una Rete Antifascista che ha svolto iniziative contro il fascismo ed il razzismo nella nostra città e di conseguenza contro casa pound (??i fascisti del terzo millennio?, secondo una loro autodefinizione).
Nei giorni precedenti la festa della liberazione la rete antifascista rivendicò la memoria e l??attualità storica della resistenza partigiana organizzando un 25 Aprile in piazza di arte, cultura e lotta. Si decise di iniziare un??attività di pulizia della città dalle vergognose scritte fasciste, alcune presenti da anni, cancellandole e/o coprendole con manifesti e volantini riguardanti le varie iniziative e lotte sociali portate avanti dai componenti della Rete. Pochi giorni dopo i muri erano nuovamente ricoperti da scritte fasciste e dai manifesti del consigliere comunale e provinciale Cammarota (ex-Pdl, adesso Fli) , guarda caso assiduo partecipante ai convegni di casa pound.
La notte del 9 Maggio 2012, a Salerno, tre pattuglie della polizia fermavano e perquisivano quattro compagni mentre cancellavano una scritta fascista inneggiante alla repubblica sociale di Salò. I quattro furono portati in questura e denunciati per aver violato l??art. 639 C.P. sull??imbrattamento, che prevede la spropositata pena della reclusione da uno a sei mesi o della multa da 200 a 1.000 euro. La magistratura, dopo nemmeno un mese dai fatti, ha emesso un decreto penale di condanna, comminando ai 4 una pena pecuniaria di 200 euro ciascuno. E?? chiaro il messaggio che si è voluto mandare: punirne uno per educare tutti! E?? da sempre noto il legame tra gruppi fascisti e apparati istituzionali e non ci sorprende affatto la rapidità nell??attuare tali forme repressive a danno dei compagni che stavano continuando l??azione di pulizia della città da simboli e scritte di stampo fascista. E?? forte il sospetto che l??ordine di punire e reprimere sia arrivato dai ??piani alti?.

Denunciamo il pesante clima che si respira in una Salerno letteralmente militarizzata dal sindaco (che candidamente e pubblicamente ammette di rimpiangere i fascisti degli anni ??70) con l??assenso e l??appoggio di tutti i partiti presenti nell?? amministrazioni comunale e provinciale. Denunciamo l??accanimento contro migranti, senza tetto e ambulanti con la vigliacca scusa del pubblico decoro , la dura repressione subita dai compagni e dalle compagne da sempre impegnati nelle lotte sociali, la scarsa o nulla agibilità politica per manifestazioni e cortei. La repressione, a Salerno come dovunque, è l??unico mezzo che rimane allo stato per mantenere in vita un sistema in crisi che ogni giorno svela il suo vero volto fascista ed autoritario.
Ogni giorno in questo paese viene colpito dalla repressione chi si batte contro la Tav, chi ha partecipato alla manifestazione del 15 ottobre, chi era al G8 a Genova nel 2001, chi lotta quotidianamente per rivendicare reddito, case, salute, spazi sociali. Alla repressione dobbiamo opporre la nostra solidarietà, consapevoli che la lotta vive nelle strade, nei quartieri, sui posti di lavoro , fuori dalle logiche istituzionali e dalle poltrone del potere!

SOLIDARIETA?? A TUTTE LE COMPAGNE E I COMPAGNI COLPITI DALLA REPRESSIONE!
Kollettivo Wobbly (Salerno)

Fonte: senzapatri

repressione
r_campania


articolo precedente           articolo successivo