antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo
- "Fermate quel concerto", gli antifascisti di Bologna contro la band Taake

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera
18.06.19 L’aggressione fascista ai ragazzi del Cinema America. E tutte le altre
14.06.19 Le scatole cinesi di CasaPound (Dossier ANPI)
10.05.19 Chi ha autorizzato la manifestazione di CasaPound a Casal Bruciato?

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 23.10.12
Monumento a Graziani, Polverini ci ripensa "Il monumento? Lo rimuoverei"
·
l monumento dedicato a Rodolfo Graziani? Lo rimuoverei, ma non ho alcun potere per farlo". A intervenire sulla polemica relativa al sacrario eretto ad Affile, in provincia di Frosinone, in memoria del gerarca fascista è, da Lublino, il presidente dimissionario del Lazio, Renata Polverini. "Il monumento di Affile è stato finanziato dalla giunta precedente nel 2008- spiegato la Polverini- Questa giunta non ha avuto alcun potere di intervenire perché la procedura era stata conclusa regolarmente e non era dunque possibile definiziare il progetto"
La governatrice dimissionario ha inoltre sottolineato che il gerarca Graziani è stato "parte della storia di Affile, ma era necessario appurare se è opportuno, e per noi non lo è, ricordarlo in quel modo soprattutto in un parco dove molte nuove generazioni trascorreranno del tempo".

Parole che hanno però suscitato le polemiche delle oposizioni. "La Polverini- ha attaccato il consigliere provinciale Sel, Gianluca Peciola- oltre a non controllare le spese pazze della sua amministrazione, dimentica che la Regione ha finanziato la realizzazione di quel monumento in ricordo di una figura ignobile come Graziani. Dalla regione sono stati erogati 180mila euro di fondi pubblici. Quindi la Polverini ha la responsabilità amministrativa e politica della costruzione di quell'opera vergognosa".

A puntare il dito contro la presa di posizione dell'ex governatrice è anche il portavoce del Pd del Lazio, Jean Leonard Touadi. "Un presidente che ripete come un mantra di non avere poteri, di non poter intervenire, di non poter fare nulla è giusto che lasci il posto ad altri. Renata Polverini, ad opera realizzata, si dissocia da quello che rappresenta un'immensa vergogna, che è diventato un caso internazionale, che offende la storia e la memoria di migliaia di persone che hanno perso la vita a causa del gerarca fascista Rodolfo Graziani. Invece di versare lacrime di coccodrillo - conclude Touadi - la presidente blocchi il finanziamento regionale al Comune di Affile ed esca dall'ipocrisia".
Per il capogruppo regionale del Pd, Esterino Montino, "la Polverini puà fare in modo che i circa 130mila euro di finanziamento regionale ancora da erogare al Comune di Affile rimangano patrimonio pubblico da destinare a opere e progetti più rispettabili".
A contestare le parole dell'ex presidente regionale è anche il capogruppo Sel nel Lazio, Luigi Nieri. "I controlli e le verifiche non sono decisamente i punti di forza di Renata Polverini e della sua Giunta- attacca Nieri- Siamo di fronte, infatti, a un utilizzo improprio delle risorse regionali. La precedente Giunta, infatti, stanziò 180mila euro per il completamento del Parco Radimonte. Il Sindaco di Affile, di propria iniziativa, ha invece deciso di utilizzare una parte di quelle risorse per la realizzazione del vergognoso mausoleo dedicato al generale fascista Graziani. Ebbene, la giunta Polverini avrebbe dovuto vigilare sull'impiego di queste risorse".

(22 ottobre 2012)

Fonte:< a href="http://roma.repubblica.it/cronaca/2012/10/22/news/graziani_polverini_ci_ripensa_il_monumento_lo_rimuoverei-45096663/">roma.repubblica


Manifestazione a Washington contro il mausoleo di Graziani

La protesta contro il mausoleo ad Affile in onore del gerarca fascista Rodolfo Graziani arriva sino a Washington. Lunedì 29 ottobre è previsto un sit-in davanti alla sede dell'ambasciata italiana in Whiteheaven street dalle 9,30 del mattino. Ad annunciare la manifestazione un volantino che riproduce la foto del generale Graziani con alle spalle una svastica nazista e una foto storica delle impiccagioni ordinate dal gerarca. Nel volantino si ricorda l'attività di Graziani in Etiopia durante gli anni 1935-1941 con un milione di morti, di cui 30mila in tre giorni di stragi ad Addis Abeba.
Nel testo si ricorda che il monumento funebre in ricordo di Graziani è stato finanziato con 180mila euro dalla Regione Lazio guidata dalla presidente Polverini. Il volantino diffuso online sottolinea anche come all'inaugurazione del monumento al "Butcher of Ethiopia and Libya" ("il macellario di Etiopia e Libia") era presente anche un rappresentante del Vaticano. Il documento si chiude con la richiesta di tutti gli etiopi e gli amici dell'Etiopia di smantellare il mauseleo di Graziani.

(21 ottobre 2012)

Fonte: roma.repubblica




Triulzi: "Graziani non va celebrato. Troppe amnesie sull'Italia coloniale"

"In Italia non soffriamo soltanto di amnesia sulle vicende coloniali, ma non abbiamo neanche il coraggio di affrontare oggi, a oltre un secolo di distanza, una questione centrale per una società multietnica come quella italiana. Sui banchi delle nostre scuole ci sono i discendenti dei libici e degli etiopici che l'Italia massacrò. Dovremmo spiegare loro ma anche a noi che cosa è successo, come questo Paese si comportò in quegli anni".
Il professor Alessandro Triulzi, storico e africanista, docente all'Orientale di Napoli, sceglie con attenzione le parole. Le polemiche sul sacrario eretto ad Affile con fondi della Regione Lazio in memoria del gerarca fascista Rodolfo Graziani l'hanno visto in prima fila.
"Rivalutare oggi una figura controversa come quella di Graziani è davvero un brutto segnale. Graziani non rappresenta la figura del combattente da onorare, ma del gerarca che dimostrò la sua totale fedeltà al regime fascista. Graziani non è il soldato che ubbidì agli ordini, ma un militare che agì con brutalità, che utilizzò i gas per sterminare i civili".
Eppure Graziani è stato fatto passare per un semplice esecutore, tanto da non fargli scontare la pena a cui fu condannato dopo la Seconda Guerra Mondiale?
"E proprio questo è il nodo centrale della vicenda del suo mausoleo che ha fatto il giro del mondo. I giornali stranieri che si sono occupati del caso di un ente pubblico che finanzia il monumento ad un massacratore spiegano bene l'operazione che si sta portando avanti in Italia".
Che tipo di operazione?
"In Italia non abbiamo mai voluto fare i conti con il nostro passato coloniale. Ha sempre prevalso quella retorica sugli italiani brava gente che ci ha permesso di autoassolverci. Ci siamo lavati la coscienza per decenni e adesso proviamo a cancellare tutto. Nessuno parla dei massacri, ma si guarda quasi con velleità revansciste ad un passato che presenta molte ferite aperte".
Esiste quindi una percezione sbagliata del colonialismo italiano?
"Direi che più che percezione bisognerebbe parlare di cancellazione. Le nostre istituzioni, a cominciare dalla politica, non hanno mai affrontato la questione. Quando nel 1996 si commemorò ad Addis Abeba il centenario della battaglia di Adua, una data fondamentale per il Paese, il governo italiano non sapeva cosa fare. Alla fine fu inviato il presidente della Commissione Esteri del Senato una corona di fiori e nessun atto di contrizione. Quando nel 2011 bombardammo la Libia di Gheddafi nessuno si ricordò che un secolo prima avevamo già invaso quel paese".
Le amnesie, come le chiama lei, sono quindi ricorrenti?
"Tutta la recente storia italiana soffre di questa incapacità di ricordare. Anche la Chiesa, tanto per fare un esempio, non ha mai avviato una riflessione sulla sua partecipazione ai conflitti coloniali. I sacerdoti benedivano i combattenti che partivano per l'Africa Orientale come oggi un prete partecipa alla cerimonia di inaugurazione della tomba-monumento a Graziani".
Anche per la Chiesa esiste quindi una continuità?
"Il sacerdote che ha partecipato alla cerimonia, don Ennio Innocenti, è un prete vicino ai lefebvriani, un negazionista. Ma se pensiamo anche al rapporto tra Berlusconi e Gheddafi vediamo un unico filo rosso. Quando Berlusconi abbracciava Gheddafi lo faceva sempre con una certa distanza, con accondiscendenza e per interessi privati. Anche la restituzione della famosa stele di Axum ritornata in Eritrea nel 2005 è stata mistificata e fatta passare, testualmente, come un 'dono' di Roma ad Addis Abeba".
Quindi l'Italia si è soltanto ripulita un po' la coscienza?
"Lo sconquasso culturale degli ultimi vent'anni ha di fatto sdoganato una destra che vuole riappropriarsi di un torbido passato. Non basta qualche saggio per ricordare che in Libia l'Italia ha massacrato oltre centomila civili e che in Etiopia a causa dell'uso dei gas nelle campagne militari italiane e della repressione della resistenza, sono morte secondo stime etiopiche non meno di un milione di persone. Sono numeri impressionanti che come al solito in Europa e nel mondo occidentale si pesano in modo diverso, quasi che i morti in Africa siano un effetto collaterale".
Eppure qualche polemica c'è stata. Montanelli e lo storico Del Boca hanno a lungo discusso sull'utilizzo dei gas sul fronte eritreo.
"Qualche scontro sui giornali e qualche ammissione tardiva non sono il segno di una revisione storica. L'Italia dovrebbe affrontare la questione come hanno fatto altri paesi europei. Dovrebbe rileggere il suo passato ed erigere un monumento ma a tutti i caduti delle guerre coloniali. Forse quel monumento potrebbe essere il primo passo per insegnare a scuola la storia italiana in tutti i suoi aspetti".

(05 ottobre 2012)

news
r_lazio


articolo precedente           articolo successivo