antifa home page

Il Progetto

MAPPA GEOGRAFICA AGGRESSIONI FASCISTE

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Torino, 13enne picchiata per la borsa arcobaleno: “Mi urlavano cagna e lesbica schifosa”
- Palermo, due ragazzi gay aggrediti con lancio di bottiglie. Uno ha il naso fratturato
- Foggia, sparano da un fuoristrada in corsa contro un gruppo di migranti: ferito al volto un 30enne del Mali
- “Gravissima violenza a San Berillo: lavoratrici del sesso massacrate dalla polizia”
- Modena, "Torna nel tuo paese" aggredito a bastonate e colpi di machete
- Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Vietata manifestazione estrema destra oggi pomeriggio. Raggi: “I fascisti a Roma non sfilano”
- Petizione dell'ANPI Veneto per le dimissioni di Elena Donazzan
- Roma, protesta Anpi: occupazione di Casapound a Ostia Associazioni antifasciste chiedono sgombero via delle Baleniere
- Presentato “Neofascismo in grigio”, ultimo libro di Claudio Vercelli
- Giulietti: "La Costituzione antifascista non è in lockdown, guai se la Rai dà spazio agli squadristi"
- Torino «È inaccettabile processare gli studenti per antifascismo»
- Bologna In piazza Carducci solo gli antifa
- Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
1.05.21 Fascisti su Marche: così la Regione diventa laboratorio della nuova destra
7.04.21 Per i Servizi tedeschi l'Afd è un partito di "estrema destra" da sorvegliare
31.03.21 L'eroe Mussolini e gli immigrati assassini: i fascio-fumetti invadono le scuole
1.03.21 Argentina Voli della morte
12.02.21 Bugie contro Falcone sul delitto Mattarella: il neofascista Fioravanti torna sotto accusa
7.02.21 Dalla difesa della razza all’apologia del fascismo le Marche laboratorio della destra più nera
23.01.21 Neonazisti. Gruppi armati sono presenti anche in Italia
23.01.21 Il delirio del suprematista di Savona: “Hitler come Cristo guida luce”. La missione di una guerra la razziale “contro negri e degenerati”
19.12.20 Casapound: convegni, nuovi slogan e alleanze elettorali. L'idillio tricolore tra la "tartaruga nera" e Meloni
19.12.20 L'ultradestra torna a casa: abbandona Salvini e abbraccia Fratelli d'Italia
12.12.20 Report: Cinque sfumature di nero 07/12/2020
10.12.20 Anastasia, la setta bio-nazista che spaventa la Germania dalla nostra corrispondente
3.12.20 I vecchi mostri La destra estrema è qui per restare, ma non si deve smettere di combatterla
12.11.20 Neonazisti, franchisti e ultradestra: la rete fascista che cavalca le proteste in tutta Europa
9.11.20 Stati Uniti, i 940 "gruppi d'odio" che mettono in stato d'allerta l'Fbi dopo la sconfitta di Trump
8.11.20 Chi c’è dietro il gruppo di Giorgia Meloni
6.11.20 Covid, se l’ultra destra arruola negazionisti e capi delle proteste
27.10.20 Sicilia: Galassia nera, ultrà e capipopolo: ecco chi soffia sul fuoco dell’ira
21.10.20 Il popolo no mask che nasconde l’ultradestra
19.09.20 Ultras Lazio, la sede di Diabolik sarà sgomberata, il cerchio sulla morte si stringe
2.09.20 Fascisti, no-vax e complottisti di QAnon: chi sono i negazionisti in piazza il 5 settembre
28.08.20 Ribelli, mercenari e faccendieri: l’italiano Elio Ciolini alla conquista del Centrafrica
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 2.10.12
Strage Sant'Anna di Stazzema (Lu) la procura tedesca archivia l'inchiesta
·
Senza colpevoli per la giustizia tedesca, come se la storia si potesse archiviare così, senza un processo. La Procura di Stoccarda ha archiviato l'inchiesta per la strage nazista di Sant'Anna di Stazzema, la località toscana, fra Lucca e Massa, in cui il 12 agosto 1944 furono massacrati 560 civili.


La decisione è stata motivata con l'assenza di prove documentali comprovanti la responsabilità individuale dei diciassette accusati ancora in vita, tra cui Gerhard Sommer, 91 anni, condannato nel 2005 all'ergastolo insieme ad altri otto imputati dal tribunale di La Spezia. "Dalle indagini, condotte in maniera ampia ed estremamente approfondita insieme all'ufficio criminale del Baden-Wuertemberg, - si legge nel dispositivo - è emerso che non è possibile dimostrare una partecipazione dei 17 indiziati - in particolare degli otto ancora in vita - agli avvenimenti del 12 agosto 1944 nel paese di Sant'Anna di Stazzema punibile con una pena che non sarebbe prescritta".


I soldati tedeschi responsabili della strage appartenevano alla 16ma divisione granatieri corazzati "Reichsfuehrer SS".

La sentenza: in Italia condanne a 10 ergastoli

La Procura di Stoccarda spiega in sostanza che oggi non si può più stabilire il numero esatto delle vittime, poiché nella regione si trovavano anche numerosi rifugiati di guerra provenienti da altre zone. Secondo i giudici italiani, invece, il numero delle vittime è stato di 560, tra cui 100 bambini. Anche dopo la sentenza di La Spezia, che ha condannato all'ergastolo Gerhard Sommer, la Germania aveva rifiutato l'estradizione, come fa di norma con qualunque cittadino in possesso del passaporto tedesco. Sommer vive attualmente in una casa di riposo ad Amburgo. Anche se per l'eccidio di Sant'Anna i reati di omicidio e concorso in omicidio non sono prescritti, per la Procura tedesca è necessario per l'emissione di un atto di accusa che venisse comprovata per ogni singolo imputato la sua partecipazione alla strage.

Per gli inquirenti tedeschi durante l'inchiesta non è stato possibile accertare con sicurezza che la strage sia stata un atto programmato ed un'azione di rappresaglia nei confronti della popolazione civile. Secondo la Procura è anche possibile che l'obiettivo perseguito dalle truppe tedesche fosse la lotta ai partigiani presenti nella zona e la cattura di uomini da deportare in Germania per compiere lavori forzati. La fucilazione dei civili avrebbe potuto essere stata decisa solo dopo la constatazione che gli obiettivi originari dell'azione militare tedesca non erano stati raggiunti. La Procura sottolinea nella sentenza il fatto che la mera appartenenza di un militare alle unità delle Waffen-SS non basta da sola a dimostrare l'effettiva colpa individuale nell'esecuzione della strage.

Il ministro. Nell'apprendere la notizia dell'archiviazione il ministro socialdemocratico della Giustizia del Baden-Wuerttemberg, Rainer Stickelberger, ha espresso il proprio rammarico. "Sono consapevole che si tratta di un grave prova per i familiari delle vittime di questo crimine di guerra", ha affermato Stickelberger, secondo il quale le autorità inquirenti, pur di fronte alla gravità delle accuse, sono tuttavia tenute al rispetto del diritto e della legge. Di ciò fa parte anche il rispetto della sentenza della Corte di Cassazione tedesca relativa alla questione delle circostanze in base alle quali può essere definita la responsabilità per omicidio e concorso in omicidio di militari coinvolti in uccisioni avvenute durante la guerra. La Procura di Stoccarda e l'Ufficio criminale regionale del Baden-Wuerttemberg indagavano dal 2002 per l'accusa di omicidio contro i componenti della 16.ma "Panzergrenadierdivision" delle SS responsabile della strage di Sant'Anna di Stazzema.

I sopravvissuti. Non è difficile immaginare cosa può provare in queste ore Enrico Pieri, uno dei superstiti della strage. Non riesce a darsi una spiegazione per la decisione dei giudici tedeschi: "Non ci credo, che abbiano deciso una cosa del genere, non è possibile, è una offesa per tutte le 560 vittime e tra queste bambini e donne innocenti, non si può accettare un verdetto del genere. Restituirò la medaglia d'oro che mi ha dato la Germania come riconoscimento per aver tenuto viva la memoria". Rabbia e dolore si mescolano anche nelle parole di Cesira Pardini che era una ragazza di 18 anni in quell'estate del 1944 ed è stata premiata con la medaglia d'oro per avere salvato due sorelle e un bambino di un anno. In quelle tragedia ha perso sua mamma e due sorelle: al processo le chiesero se avesse perdonato. Rispose: "devono perdonare mia mamma e le mie sorelle che non ci sono più eventualmente, non certo io". Oggi quando viene a sapere della decisione tedesca la sua voce trema: "Non è giusto tutto questo - dice - è una decisione che non ha nessuna logica".


Dall'archivio. La confessione dell'SS: "Morivano mentre pregavano"

Dall'archivio. Mario Marsili: "Mia madre mi fece scudo, così mi salvai"

La rabbia del sindaco. Michele Silicani, sindaco di Stazzema è arrabbiato, parla di "sentenza scandalosa, che vanifica il lavoro di anni e le sentenze italiane. Scriverò al ministro degli Esteri e della Giustizia. Questa archiviazione è una ulteriore offesa non solo alle vittime di Sant'Anna di Stazzema e ai loro familiari e quindi a tutti noi ma al lavoro svolto dal Tribunale Militare della Spezia che aveva provato oltre ogni ragionevole dubbio le responsabilità nella strage dei dieci imputati che furono infine condannati. Adesso questo lavoro viene demolito da una sentenza che, con troppa leggerezza, archivia tutto e lascia per la giustizia tedesca la strage di Sant'Anna di Stazzema senza colpevoli materiali".

Le reazioni. "Non condividiamo la decisione della magistratura tedesca di archiviare l'inchiesta sugli otto ex gerarchi delle SS sospettati di aver preso parte al massacro di Sant'Anna di Stazzema. Questa decisione provoca amarezza e dolore" dicono i senatori Pd Vannino Chiti e Felice Casson. "Individuare e punire i responsabili di quelle brutalità è un dovere nei confronti delle vittime innocenti e dei loro familiari che deve essere sentito come proprio sia dall'Italia che dalla Germania: la barbarie di certi crimini non può essere soggetta nè a prescrizione nè ad amnistia e la loro punizione è fondamentale perchè il passato in Europa mai più ritorni". Grida allo scandalo anche l'onorevole Fabio Evangelisti dell'Idv: "Faremo un'interrogazione urgente al governo". Il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi si dice "sconcertato": "La presenza lo scorso agosto a Sant'Anna del presidente del Parlamento europeo Schulz, che ha partecipato alla commemorazione della strage - spiega Rossi -, aveva sancito che il dolore di quella comunità è parte di una nuova cittadinanza europea: un'Europa unita non con il dominio ma con il diritto e la giustizia. La decisione ora del tribunale di Stoccarda ci fa fare un brutto passo indietro. Nessuno cerca vendetta: un massacro come quello di Sant'Anna reclama giustizia. Questo verdetto ora la nega".


La procura tedesca. "Mi sento di assicurare ai sopravvissuti e ai parenti delle vittime - spiega all'Ansa il procuratore di Stoccarda, Claudia Krauth - che la procura ha fatto tutto il possibile per chiarire le responsabilità dei militari della Reichsfuehrer Ss nel massacro di Sant'Anna di Stazzema". E aggiunge: "Anche qui sentiamo il peso della nostra responsabilità"

(01 ottobre 2012)

Fonte:repubblicaFirenze




Ministro tedesco su strage Stazzema
"E' nostra la responsabilità storica"

"Il Governo federale continuerà a prendersi la responsabilità storica" dei crimini commessi per mano dei tedeschi, "la legge non può rendere come non accaduto quanto è accaduto". Lo ha detto il ministro tedesco agli Affari europei Michael Georg Link a Palazzo Chigi sulla decisione della magistratura tedesca di archiviare l'inchiesta su Sant'Anna di Stazzema.

Soltanto due giorni fa la Procura di Stoccarda aveva archiviato l'inchiesta per la strage nazista di Sant'Anna di Stazzema, la località toscana, fra Lucca e Massa, in cui il 12 agosto 1944 furono massacrati 560 civili.
"Sono sicuro che la procura di Stoccarda non abbia preso con facilità questa decisione", ha sottolineato Link, ma la magistratura "può decidere solo nel quadro delle leggi esistenti". Il ministro ha aggiunto di "immedesimarsi nel dolore delle persone interessate e di capire la loro forte delusione".

Il ministro per le Politiche Europee, Enzo Moavero ha espresso "apprezzamento" per la dichiarazione del collega tedesco. "La costruzione europea - ha aggiunto Moavero - l'Unione europea hanno allontanato i fantasmi della guerra e dei totalistarismi dalla nostra realtà attuale. Tuttavia non dobbiamo dimenticare, e coltivare la memoria".

E in una interrogazione urgente sottoscritta da oltre 100 deputati del Pd, il presidente del gruppo alla Camera Dario Franceschini e l'onorevole Raffaella Mariani hanno chiesto al governo e direttamente al ministro della Giustizia e degli Esteri di "individuare misure che scongiurino il rischio di cancellare la verità storica e giudiziaria sulla strage di Sant'Anna, giungendo finalmente ad un completo riconoscimento da parte della Germania delle sentenze della magistratura militare italiana".

Nell'interrogazione si chiede anche "se siano state inoltrate alle autorità tedesche le richieste di esecuzione della pena in Germania per i condannati in via definitiva in Italia e, in caso contrario, per quale ragione il governo non abbia ritenuto di procedere in tale senso, considerata la delicatezza e la centralità di una vicenda che offende e colpisce la memoria dell'intera nazione, e che riapre una terribile ferita nella comunità di Sant'Anna di Stazzema".

(03 ottobre 2012)

Fonte: firenze.repubblica

news
r_toscana


articolo precedente           articolo successivo