antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 6.08.12
Campegine (Re): Provocazione fascista
·
??Boia chi molla? è una di quelle frasi che in Emilia, terra di resistenza e partigiani, si pensa nessuno avrebbe mai il coraggio di pronunciare. Eppure così non è stato a Campegine, in Provincia di Reggio Emilia, dove ieri mattina è stato trovato un adesivo con l??effige di Mussolini che recita appunto ??Boia chi molla?, attaccato sopra un monumento dedicato ai partigiani. Il gesto di stampo fascista, fa ancora più rumore proprio perché accaduto in una zona dove la memoria della resistenza è parte sacra della cultura cittadina.

Il cippo sfregiato si trova ai bordi della strada provinciale che unisce Campegine con Castelnovo Sotto in un punto geografico molto significativo per la storia locale. ??La strada grande?, come la chiamano da quelle parti, conduce infatti in pochi minuti a Casa Cervi, la casa museo che ha visto crescere e nascere i sette fratelli Cervi, partigiani uccisi dai soldati repubblichini di Salò nel 1943, ma soprattutto il simbolo della resistenza emiliana. Campegine, Poviglio e Gattatico, il trittico della memoria, là dove ogni 25 aprile accorrono persone da tutta la regione per ricordare la lotta di nonni e concittadini per la liberazione dal fascismo.

L??adesivo con l??immagine di Mussolini è stato incollato sul volto di Marino Bocconi, detto ??Lampo?, uno dei cinque partigiani a cui è dedicato il monumento. Il cippo commemorativo infatti ricorda il sacrificio di Gianfranco Maiola detto Gianni, Aleardo Ferrari detto Toti, Gino Poli detto Athos, Alide Conti detto Leone, Marino Bocconi detto Lampo, uomini che il 23 aprile 1945 furono uccisi dai tedeschi in una di quelle che dovevano essere le ultime battaglie della seconda guerra mondiale in Val d??Enza.

I cittadini residenti si sono subito accorti dell??oltraggio, nonostante il monumento sia abbastanza piccolo e come segnalano, in evidente stato di decadenza. Le autorità del posto, Anpi e Istoreco (lstituto per la storia delle resistenza contemporanea a Reggio Emilia), sono stati allertati e cercheranno di capire se si tratta di un gesto isolato di vandali.

I cittadini residenti si sono subito accorti dell??oltraggio, nonostante il monumento sia abbastanza piccolo e come segnalano, in evidente stato di decadenza. Il gesto ha provocato le dure reazioni di cittadinanza e istituzioni, che non hanno potuto fare a meno di notare il fatto che non sia la prima volta che si verificano episodi di questo tipo nella zona emiliana.

??Questi attacchi nostalgici, ?? comunicano con una nota ufficiale il sindaco di Campegine Paolo Cervi e il Presidente dell??A.N.P.I. locale Enrico Orlandini, ?? che cercano una revisione di ciò che ha rappresentato il fascismo per l??Italia, dimostrano soprattutto una profonda ignoranza e un totale disprezzo per le vittime di questa dittatura da parte degli autori di questo grave gesto. Speriamo che possano rimanere atti isolati e che rimanga sempre ben impressa nella memoria delle nostre comunità il sacrificio che Gianfranco Maiola, Aleardo Ferrari, Gino Poli, Alide Conti e Marino Bocconi e molti altri, hanno pagato per la libertà di tutti?.

L??episodio è stato duramente condannato anche dal Presidente Provinciale dell??A.N.P.I. Giacomo Notari, il quale ha ricordato la campagna antifascista lanciata dal Presidente Nazionale Carlo Smuraglia proprio il 25 luglio scorso e proprio a casa Cervi. A pochi chilometri dalla statua sfregiata infatti, la dirigenza nazionale dell??associazione partigiani ha presentato un documento di sei pagine in cui ribadisce l??importanza della loro lotta: ??Benché in Italia esista un gruppo consistente, diffuso e coerente di veri, sinceri e impegnati antifascisti, non c??è dubbio che il Paese avrebbe bisogno di una forte iniezione di antifascismo, capace di diffonderlo fra i cittadini e di farlo penetrare nella cittadella delle istituzioni, come condizione essenziale per il consolidamento della democrazia?.

L??A.N.P.I aveva scelto la terra tra Campegine, Poviglio e Gattatico proprio per ribadire il suo ruolo fondamentale all??interno della società civile italiana, in un momento storico dove il governo ha messo in discussione i fondi che permettono all??associazione di restare in vita. E lo sfregio pubblico al monumento, affermano i partigiani, è la prova del bisogno ancora oggi di una campagna antifascista: ??Pensiamo che in materia di democrazia e di antifascismo ci sia bisogno di uno slancio salutare e innovativo sia per l??anima che per il corpo; ed a questo vogliamo contribuire con una grande campagna di massa per creare una vera cultura dell??antifascismo e della democrazia, per disperdere ogni vocazione autoritaria e populistica, per ricreare la fiducia reciproca fra cittadini e istituzioni

vandalismi_minacce
r_emiliaromagna


articolo precedente           articolo successivo