antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo
- "Fermate quel concerto", gli antifascisti di Bologna contro la band Taake

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera
18.06.19 L’aggressione fascista ai ragazzi del Cinema America. E tutte le altre
14.06.19 Le scatole cinesi di CasaPound (Dossier ANPI)
10.05.19 Chi ha autorizzato la manifestazione di CasaPound a Casal Bruciato?

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 16.01.12
«CasalePound», così Alemanno sistema gli amici
·
«CasalePound», così Alemanno sistema gli amici
http://www.unita.it/italia/casalepound-alemanno-sistema-gli-amici-1.370729


di Mariagrazia Gerina
Un doppio casale, antico e diroccato nel cuore del parco della Marcigliana. Lo scorso 24 maggio il sindaco di Roma lo ha consegnato nella mani dell'associazione di destra. Paolo Masini (Pd): «Patrimonio capitolino come fosse cosa loro».

Alemanno, tartaruga

Un grande prato verde, ai confini della capitale. Di qua, il cemento che avanza: Porta di Roma, uno degli ultimi quartieri tirati su oltre il raccordo anulare. Di là, l??agro romano, che resiste. Proprio su questo confine simbolico tra la città e il suo contrario dove finora hanno continuato a pascolare le pecore, è stato siglato, lontano da occhi indiscreti, l??ultimo patto tra l??amministrazione Alemanno e Casapound. Oggetto, il doppio casale, antico e diroccato, al centro del grande prato. E tre ettari di terreno tutto attorno, tenuta di Redicicoli, nel cuore del parco della Marcigliana. Al catasto è segnato come foglio 136, particelle 2-6.

Un pezzo di verde sopravvissuto alle brame dei costruttori e ai piani regolatori che si sono succeduti. Di proprietà del Comune di Roma, che lo ha ottenuto nel 2000, a mo?? di compensazione, dalla società Porta di Roma. E che nel 2011 Alemanno ha deciso di consegnare nelle mani di Casapound.

Una vicenda poco chiara secondo il consigliere del Pd Paolo Masini, che la porterà nelle prossime ore all??attenzione della Commissione Trasparenza. «Non possono pensare di amministrare il patrimonio capitolino come fosse cosa loro», sottolinea Masini: «Non solo Alemanno non restituisce alla collettività i beni confiscati alla mafia ma, fatto sconcertante, assegna ad associazioni di dubbio valore quelle di proprietà del Comune, mentre ci sono realtà ben più sane e meritorie per il loro impegno sociale che non vengono neppure prese in considerazione».

? il 24 maggio quando, tra le greggi, proprio davanti all??ingresso del casale, in via di Settabagni 531, viene siglato l??accordo. La scena, ancorché bucolica, è piuttosto affollata. Di qua, gli uomini dell??amministrazione Alemanno. Di là, quelli di Casapound. A curare tutto nei dettagli, per Roma capitale, è stato lo stesso il vice capo di gabinetto del sindaco, Antonio Lucarelli, un tempo di Forza nuova, ora fedelissimo di Alemanno e già finito sotto i riflettori per l??assegnazione dei Punti verde qualità. ? ormai mezzogiorno, quando viene firmato il verbale, un pezzo di carta, compilato in parte a mano, con cui «il rappresentante del dipartimento alle Politiche ambientali e del verde-Protezione civile consegna l??area sopradescritta al rappresentante del dipartimento Patrimonio e casa» e «contestualmente» la stessa area «viene affidata in uso al legale rappresentante della cooperativa Isola delle tartarughe onlus, signor Paolo Sebastianelli».

Casapound in quel documento non compare, ma il nome di Paolo Sebastianelli è legato al leader Gianluca Iannone: con lui imputato, e poi prosciolto, per il pestaggio di un carabiniere a Predappio. Ma soprattutto: Isola delle Tartarughe è la onlus per cui transita il 5 per mille destinato a Casapound. Il codice da inserire nella dichiarazione dei redditi campeggia ancora sul sito di Casapound. E a quel codice corrisponde la cooperativa l??Isola delle Tartarughe. La stessa usata il 24 maggio 2011 per la consegna del casale. In questa vicenda le date sono importanti.

Il 24 maggio, infatti, è il giorno in cui Casapound accetta di essere sgomberata dallo stabile di via Val d??Ala. Si tratta di una occupazione più recente di quella di via Napoleone III, già acquisita dal Comune di Roma e da dove nel dicembre 2003 prese le mosse il movimento che ha per simbolo la tartaruga. A farla conoscere alle cronache è stato soprattutto l??arresto del suo leader, Alberto Palladino, Zippo, denunciato per lesioni a novembre scorso dal consigliere municipale del Pd Paolo Marchionne.

Ma restiamo a quanto avviene il 24 maggio: «Abbiamo raggiunto un accordo per sistemare le trenta famiglie occupanti», spiega proprio quel giorno alla stampa il vicepresidente di Casapound, Andrea Antonini, comunicando la notizia dell??avvenuto sgombero. Un??inversione di rotta rispetto a pochi giorni prima, quando, il 18 maggio, il leader di Casapound, Gianluca Iannone, minacciava: «Non ce ne andremo mai da via Val d??Ala». Cosa è successo nel frattempo? Ovviamente, dell??avvenuta consegna del casale nessuno si preoccupa di dare annuncio alla stampa. Il verbale firmato davanti al cancello di via dei Settebagni, scritto a mano e protocollato, attesta soltanto l??effettivo passaggio di consegne, con tanto di chiave affidata nelle mani dei nuovi custodi. Ma fa riferimento a un atto precedente con cui l??amministrazione ha ufficialmente ratificato la decisione di affidare all??Isola delle Tartarughe «numero due fabbricati rurali» con tanto di «area circostante per circa mq 30mila». Il rimando è all??ordinanza sindacale numero 2 del 23 maggio 2011 (numero di protocollo 23569). Peccato per la trasparenza che, essendo un??ordinanza emanata dall??assessorato al Patrimonio e non dal gabinetto del sindaco, nel registro degli atti pubblicati sul sito del Comune di Roma non compaia. Dettagli. Come il progetto di utilizzazione che l??Isola delle Tartarughe dovrà predisporre - secondo quanto si legge nel verbale - «nelle more del perfezionamento degli atti amministrativi». Al momento della consegna, quindi, evidentemente, non ne esisteva alcuno. Una assegnazione decisa in bianco, sulla fiducia. Con la precisazione che «i manufatti versano in precarie condizioni statiche e di manutenzione». E che sarà «onere della cooperativa» sia eseguire «le opere di messa in sicurezza», sia provvedere alla «custodia dei beni». Sul recupero degli immobili nell??agro romano, Alemanno ha ribadito anche recentemente di voler puntare molto. Era l??agosto del 2008 quando davanti a un altro edificio diroccato simile a quello di via dei Settebagni, il sindaco di Roma, accanto al generale Mori, suo consulente, annunciava un piano per la messa in sicurezza di tutti i casali. In quel rudere, lungo la via Magliana, pochi giorni prima, complice il degrado, erano stati aggrediti due turisti olandesi.

E Alemanno, che in campagna elettorale si era presentato come paladino della sicurezza, voleva dare una risposta a quell??episodio di violenza che sarebbe stato solo il primo di una lunga serie. Nacque così il piano casali. All??inizio del percorso, c??era il piglio di un??amministrazione che voleva rimettere a posto la città. Alla fine, sono rimasti i favori ai «fascisti del Terzo millennio». Che però dovranno dividere la tenuta con una associazione sportiva, Pandora 2010, nata per prendersi cura dei «cavalli da corsa destinati al macello o alle corse clandestine». Il presidente dell??associazione, che ha sede legale nel parco dell??Appia Antica, presso uno storico maneggio, ha scritto al responsabile del dipartimento Agricoltura del Comune di Roma il 10 maggio scorso per chiedere un terreno adatto allo scopo. E contemporaneamente a Casapound ha ricevuto anche lui in consegna 5 ettari e la stalla diroccata accanto al casale. Spazio anche ai cavalli, dunque. Già cari all??ex ministro dell??Agricoltura. Le pecore, invece, pascoleranno altrove.

news
r_lazio


articolo precedente           articolo successivo