antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 25.12.11
I servizi tedeschi hanno sabotato le indagini sui killer neonazisti?
·
Hanno assassinato 9 immigrati e una poliziotta, compiuto attentati e rapine. Ma, scoperti, si sono opportunamente suicidati cancellando molte prove dei loro crimini. E ora l'unica superstite della Nsu potrebbe farla franca. Anche grazie ai depistaggi dei servizi segreti


Sulle complicità tra servizi segreti tedeschi ed organizzazioni terroristiche neonaziste stanno emergendo sempre più elementi, anche se i quotidiani di Berlino si concentrano più che altro sugli aspetti ??di costume?? della vicenda legata ai componenti della cosiddetta Nsu. Ad esempio nei giorni scorsi il quotidiano Sueddeutsche Zeitung parlava di Beate Zschaepe, l??unica superstite del gruppo di fuoco di ??Clandestinità Nazionalsocialista?? sgominato a novembre, con toni da cronaca rosa: la 36enne, in carcere con altri quattro sospettati di aver favorito o partecipato alle attività criminali della Nsu, vive in isolamento con un'ora d'aria al giorno, a fumare una sigaretta dietro l'altra e a ricevere posta dai fan, comprese alcune proposte di matrimonio. Intanto è stato annunciato l??abbattimento della casa appartenente ai tre neonazisti ritenuti responsabili di aver ucciso 9 immigrati ?? otto turchi ed uno greco - ed una giovane poliziotta tra il 2000 ed il 2007. Il consiglio municipale di Zwickau vuole così tentare di eliminare ogni traccia della passata presenza della gang di estrema destra, anche perché la cittadina tedesca sarebbe nel frattempo diventata meta di pellegrinaggio non solo per turisti curiosi ma anche per neonazisti di varia provenienza. Gossip a parte, la Zschaepe si rifiuta di collaborare alle indagini e tiene la bocca chiusa. Anche perché sull??unica sopravvissuta della cellula neonazista la polizia tedesca sembra non avere prove sufficienti di una partecipazione diretta alla catena di omicidi.

Risultato dei depistaggi scientificamente orchestrati dai servizi segreti di Berlino? Può darsi. E?? la stessa polizia a lamentarsi delle coperture e del sostegno accordato alla Nsu da pezzi interi degli apparati di sicurezza tedeschi. Collaborazioni tali che non è chiaro se siano stati i servizi a infiltrarsi nei gruppi dell??estrema destra o il contrario. Il Bild am Sonntag è tornato a scrivere sul fatto che l'intelligence della Turingia ha sabotato il lavoro della polizia.
Secondo il giornale nel 2000 i servizi segreti locali hanno tentato, senza successo, di mettere a disposizione di un informatore e funzionario del partito di estrema destra Npd, Tino Brandt, alcune migliaia di marchi per procurare passaporti falsi al trio di persone riconosciute oggi come il nucleo dell'Nsu, responsabile di omicidi, attentati e rapine. L'intelligence sperava in questo modo di riportare allo scoperto Beate Zschaepe, Uwe Mundlos e Uwe Boehnhardt, spariti ??nel nulla?? nel 1998 dopo il passaggio in clandestinità. Per arrivare a un contatto diretto con i tre ricercati i servizi puntavano a far affermare nel giro dell'estrema destra la figura di Brandt, allora a capo del gruppo 'Difesa della patria della Turingia??, gruppo formato per espresso intervento dei servizi, di cui faceva parte il trio. All'informatore dell'Npd i servizi avrebbero per questo confidato informazioni riservate sulle indagini della polizia in corso su di lui. Brandt - cui era stata promessa una ricompensa da 10mila marchi per la cattura dei tre - sarebbe stato avvisato che la sua casa era sotto controllo e quale tipo di automobile stesse usando la Polizia per i pedinamenti. In un caso gli ??spioni?? avrebbero addirittura seguito l'auto della polizia che lo teneva d??occhio. Intanto secondo i responsabili dell??inchiesta i componenti della Nsu si sarebbero resi responsabili anche di una serie di attentati incendiari ai danni di immigrati turchi, ma non solo, nel territorio della Saarland. La Frankfurter Allgemeine Zeitung scrive che le attività della National Sozialistich Untergrund comprendeva una decina di roghi di case abitate da immigrati nella località di Volklingen che provocarono almeno 20 feriti, di cui alcuni gravi. Di fronte a questi nuovi sviluppi, le autorità del land hanno deciso di riaprire le indagini anche su un attentato dinamitardo contro un??esposizione dell??esercito nel 1999. All??epoca la Saarland ospitò un??esposizione contro i crimini dell??esercito nazista durante la seconda guerra mondiale. Un luogo simbolico, dato che il Bundesland fu un protettorato francese dopo la fine del conflitto, e ritornò alla Germania solo con un referendum popolare svoltosi nel 1957. L??esposizione fu duramente contestata dall??estrema destra e ora pare che tra gli organizzatori dei picchetti e delle minacce organizzate contro i responsabili della mostra ci fosse uno dei componenti della rete terroristica legata alla Nsu. Una rete terroristica ben più ampia di quello che gli inquirenti e i responsabili dell??ordine pubblico di Berlino lasciano intendere, e comunque ben più ramificata di quel manipolo di killer casualmente non più in grado di fornire elementi visto che si sono opportunamente ??suicidati??. I complici della Zschaepe - il 38enne Uwe Mundlos e il 34enne Uwe Böhnardt - sarebbero stati infatti trovati già morti il 4 novembre scorso a Eisenach all'interno di un furgone da campeggio, segnalato alla polizia come veicolo di fuga dopo una rapina in banca. Secondo la controversa e contestata ricostruzione ufficiale, vistosi circondato dai poliziotti Mundlos avrebbe ucciso Böhnardt con un colpo di pistola alla testa e poi si sarebbe tolto la vita, non prima di aver dato fuoco al furgone cancellando numerose tracce.
Della messa fuori legge - ventilata nelle scorse settimane anche da esponenti del governo Merkel - delle organizzazioni dell??estrema destra che si richiamano al neonazismo - non si parla più. Eppure la vicenda dell??NSU non è episodica né isolata. Sarebbero almeno altre 138 le persone uccise da attivisti dell??estrema destra tedesca solo dal 1990 ad oggi. Soprattutto immigrati, ma anche avversari politici, senzatetto considerati «asociali», agenti di polizia.
Fonte: Contropiano

news
r_internazionale


articolo precedente           articolo successivo