antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 15.11.11
I nazisti che uccidevano gli immigrati
·
I nazisti che uccidevano gli immigrati
Andrea Mollica
YOUniversal

12 novembre 2011

Tre terroristi di estrema destra hanno ucciso turchi e greci colpevoli di vendere kebab

Un gruppo di neonazisti ha terrorizzato per molti anni la Germania, uccidendo poliziotti, immigrati turchi e rapinando banche per sopravvivere e finanziare i loro colpi. Due degli autori di questi delitti si sono suicidati prima di essere presi dalla polizia, mentre la terza complice si è consegnata alla polizia qualche giorno fa. Ora la Germania è terrorizzata, dopo aver risolto il caso, che la banda non fosse isolata ma che sia stata aiutata in questi anni dalla scena neofascista presente nel Paese.

TERRORISMO NAZISTA - A Zwickau, città della Sassonia, vivevano nascosti tre persone che facevano parte del gruppo ? Underground nazionalsocialista?, che aveva come motto lo slogan ??fatti al posto delle parole?. Le azioni erano però omicidi, e grazie alla scoperta del gruppo si stanno per chiarire una decina di delitti. Tra questi la maggior parte ha coinvolto gli immigrati turchi che vendevano i panini kebab, famosi anche da noi, ma che in Germania sono ormai da decenni una presenza fissa ad ogni lato della strada. Un simbolo della Germania multiculturale che i terroristi ariani volevano colpire.

Solo una pistola, una Ceska 83 dotata di silenziatore, legava tra loro gli «omicidi del kebab», una serie dimisteriosi, oscuri delitti compiuti in Germania tra il 2000 e il 2006. Per uccidere otto immigrati di origine turca e un greco ?? venditori di cibo arabo, fiorai, fruttivendoli ??, i killer avevano usato sempre questa arma calibro 7,65, fabbricata nella Repubblica Ceca. Bisognava trovarla e alla fine è stata trovata. Era tra le macerie dell??appartamento di due neonazisti, incendiato dalla loro complice, che alcuni giorni fa si sono sparati a vicenda, dopo una rapina in banca, per non finire nella mani degli agenti da cui erano stati individuati. Nella roulotte dove Uwe M. e Uwe B. si sono «suicidati », come in un rituale di guerra, oltre ai loro corpi carbonizzati c??erano invece la pistola e le manette della poliziotta Michele Kiesewetter, assassinata nel 2007 a Heilbronn, nel Baden Württemberg, insieme a un collega ferito gravemente.

QUALI CONNIVENZE? ?? L??unica donna che componeva il trio è stata rintracciata dalla polizia e grazie a questa scoperta la cellula neonazista si è distrutta. I due camerati maschi hanno preferito il suicidio alla resa, e la scoperta di alcuni Dvd nelle quali le azioni erano rivendicate hanno fatto capire la matrice di estrema destra che lega una decina di omicidi commessi a partire dal 2000.

Il trio composto da Uwe M., Uwe B, e Beate Z. non era certamente sconosciuto alle autorità, che sapevano della loro scelta di entrare in clandestinità, tredici anni fa, per compiere attentati, agendo con l??appoggio di una rete di connivenze, solidarietà e protezioni sulla quale adesso si tratta di fare luce completa. La rapina in banca, di cui i giornali hanno mostrato le immagini videoregistrate con i due Uwe a capo coperto che si impadroniscono di denaro per autofinanziare la propria attività criminale. Poi la fuga, la decisione di togliersi la vita invece di arrendersi. Il cerchio che si stringe anche attorno alla donna. Beate decide di incendiare il nascondiglio, dove era custodito un vero arsenale, senza riuscire però a cancellare le prove dei delitti commessi. Poi si costituisce, tenendo fino a questo momento per sé i suoi atroci segreti.

In queste ore dopo la scoperta dei corpi bruciati dei due neonazisti e con gli interrogatori dei loro complici la polizia tedesca sta ricostruendo il quadro degli aiuti che hanno permesso al trio dieci anni di attività terroristica indisturbata e assolutamente nell??ombra. Le persone che avevano affittato appartamenti e la roulotte ultima loro dimora hanno tutti contatti con la scena radicale della destra tedesca, e in queste ore si sta cercando di capire quanto fosse consapevole l??appoggio al trio. Un terrorismo di stampo neonazista su larga scala forse non esiste, ma le forze dell??ordine stanno cercando di capire se l??incubo della RAF potrebbe ritornare, questa volta in versione nera.

http://www.giornalettismo.com/archives/167695/i-nazisti-che-uccidevano-gli-immigrati/

r_internazionale
documentazione


articolo precedente           articolo successivo