antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 11.03.10
A colpi di svastica e martello. Il caso Ludwig
·
A colpi di svastica e martello. Il caso Ludwig
Martedì 09 Marzo 2010 10:24

di Marco Scabbia

La sera del 3 febbraio 2010 quelli delle Iene, il noto programma televisivo, hanno mandato in onda l'intervista fatta all'ex neonazista Marco Furlan. Arrestato negli anni ottanta insieme al suo complice, Wolfang Abel, per una lunga serie di omicidi a sfondo razzista, dal 3 gennaio del 2009 Marco Furlan è di nuovo libero. Dopo 27 anni di detenzione, gli ultimi dei quali trascorsi nel carcere di Opera (Milano), l'uomo già ad aprile ottenne l'affidamento presso i servizi sociali. E nel corso degli anni ha usufruito di tre condoni e di 45 giorni di libertà vigilata per ogni semestre grazie alla buona condotta.

Ma chi erano Marco Furlan e Wolfgang Abel?

Marco Furlan e Wolfgang Abel, tra il '77 e l'84, uccidono 15 persone firmando le loro azioni con la sigla "Ludwig", sormontata da un'aquila stilizzata che sorregge una svastica. Barboni, tossicodipendenti, prostitute, omosessuali, sacerdoti, giovani che preferiscono trascorrere il sabato sera in discoteca sono i loro obiettivi preferiti. Nelle martellate, nelle coltellate, nei colpi di scure, nei roghi appiccati per uccidere e distruggere, c'è tutto l'odio e il disprezzo verso un'umanità considerata vile, inferiore moralmente, degna solo di morire. I due giovani frequentano lo stesso liceo scientifico, Wolfgang Abel è più grande di Marco Furlan di un anno. Studenti modello si diplomeranno con il massimo dei voti (in seguito si sono poi laureati con il massimo dei voti in fisica- Furlan- e matematica-Abel). Entrambi appartengono alla Verona bene, il padre di Furlan è un noto primario d'ospedale, quello di Wolfgang Abel è un ricchissimo assicuratore tedesco. All'apparenza i due giovani sembrano dei bravi ragazzi, visi puliti, i lineamenti regolari, senza grilli per la testa. Al motorino e alle auto sportive preferiscono muoversi in bicicletta, disprezzano i loro coetani, che definiscono modaioli e senz'anima, sempre in cerca di facili emozioni, quali la discoteca. Amano le lunghe passeggiate in solitaria sulle montagne, discorrono di filosofia, Kant, Kierkegaard e Spinosa i loro pensatori preferiti, si dichiarano di destra, ma non sono iscritti ad alcuna organizzazione politica. Ed è proprio durante una di queste passeggiate che Wolfgang Abel ebbe l'idea di fondare una setta di stampo nazista, la cui missione consisteva nel ripulire la società da ogni parassita umano. Furlan accetta, senza esitazione. In seguito, la perizia psichiatrica stabilirà la maggiore personalità di Abel, capace di plagiare l'amico fino a farlo diventare succube delle sue manie di distruzione.Ha così inizio una lunga scia di sangue e orrore. In otto anni vengo assassinate 28 persone. Guerrino Spinelli, 34 anni, nomade senza fissa dimora, viene cosparso di benzina nella sua auto mentre dorme, morirà poche ore dopo all'ospedale di Verona: è il 25 agosto del 1977. Luciano Stefanato, 44 anni, omosessuale, viene massacrato a coltellate vicino alla sua automobile: è il 19 dicembre del 1978. Claudio Cosma, 22 anni, tossicodipendente, il suo corpo è dilaniato a colpi di scure: è il 12 dicembre del 1979. Gli inquirenti all'inizio non pensano a collegare i delitti fra loro fino a quando il 4 novembre del 1980 il "Gazzettino" riceve una lettera che fornisce precisi elementi sui tre delitti: è la prima volta che compare la sigla "Ludwig". Ma è solo l'inizio. Maria Alice Beretta, ex prostituta, viene trovata in un lago di sangue vicino a Vicenza (20 dicembre 1980). I sacerdoti della Comunità del Santuario di Monte Berico, padre Mario Lovato e padre Giovanni Battista Pigato, vengono aggrediti a colpi di martello (22 giugno 1982). Un altro sacerdote, Armando Bison, colpevole di aver peccato in gioventù, viene trovato cadavere con un crocifisso conficcato nella testa (26 febbraio 1983). I singoli delitti non bastano più a placare la sete moralizzatrice di "Ludwig". E' la volta degli attacchi incendiari in grande stile. Il 24 maggio 1981 viene dato alle fiamme un ex fortino austriaco sul Lungadige veronese, in cui perderà al vita Luca Martinotti e altri due ragazzi resteranno feriti. La sera del 14 maggio 1983, poco prima delle 18, le fiamme "purificatrici" distruggeranno il cinema a luci rosse "Eros sexi center" di Milano. Il bilancio finale è di 6 morti e 32 ustionati gravi. La notte del 17 dicembre dello stesso anno altre 13 persone perdono la vita nell'incendio doloso del sexy club "La casa rossa" di Amsterdam. Il 7 gennaio dell'84, a Monaco di Baviera, le fiamme avvolgono la discoteca Liverpool. A farne le spese questa volta è una cameriera di origine italiana Corinna Tartarotti.

Tutte queste azioni vengono puntualmente rivendicate con lettere scritte a mano inviate agli organi di stampa. La folle crociata moralizzatrice si arresta il pomeriggio del 4 marzo 1984. Presso la discoteca "Melamara" di Castiglione delle Stiviere, in provincia di Mantova, 400 ragazzi, tra cui molti giovanissimi, stanno festeggiando il carnevale. Ad un tratto gli uomini della sicurezza notano due giovani travestiti da Pierrot intenti a versare della benzina lungo il perimetro del locale. Viene evitata la strage e l'intervento dei carabinieri riesce a stento a sottrarre i due dal linciaggio. Quei giovani con indosso la triste maschera da pierrot sono Marco Furlan e Wolfgang Abel. Da quel momento "Ludwig" esce definitivamente di scena.

Gli arrestati negano ogni responsabilità, parlano di uno scherzo, forse un po' macabro, ma pur sempre di uno scherzo. Il sostituto procuratore Pasquale Pantalone però si rende subito conto che l'episodio del "Melamara" non è un fatto isolato.
L'inchiesta "Ludwig" passa nelle mani della Procura di Verona. Il 9 maggio 1985 il sostituto procuratore Mario Sannite emette i mandati di cattura per sette omicidi volontari e quattro reati di strage con 15 vittime complessive attribuite a "Ludwig".
Dopo 21 udienze, durante le quali i due imputati (tra i loro legali c'era anche Niccolò Ghedini, ora difensore di Silvio Berlusconi e parlamentare del Pdl) non comparvero mai in aula, e una perizia psichiatrica che ne ha stabilito la parziale infermità, il verdetto stabilì 30 anni di carcere a testa. Secondo i periti Abel è intelligente, freddo, sicuro, preparato intellettualmente, a differenza di Furlan, insicuro e per questo più ricettivo e facilmente suggestionabile. Ma gli interrogativi che avvolgono la vicenda sono numerosi. Cosa ha spinto due ragazzi di bell'aspetto, intelligenti, con ottime possibilità economiche e dal futuro promettente a diventare due spietati carnefici? Hanno fatto tutto da soli? O erano guidati da qualcuno per fini occulti? Volevano solo scandalizzare l'opinione pubblica o dietro le loro azioni si nascondeva un piano per destabilizzare l'ordine costituito? E soprattutto perché, se colpevoli, data la loro ferocia e il reiterarsi delle azioni criminose, non gli è stata comminata il massimo della pena, l'ergastolo? E' vero, le loro condanne processuali sono relative solo a 15 dei 28 omicidi, ma che differenza fa?A queste domande non si è mai riusciti a dare una risposta. Ma quel che è peggio sono i tentativi di emulazione. A Verona, verso la fine degli anni ottanta, sono apparse delle magliette nere con la scritta "Ludwig" e la tristemente nota frase "Gott mit uns" (Dio con noi), il motto delle SS che Marco Furlan e Wolfgang Abel erano soliti usare nei loro volantini di rivendicazione.
Ora i due sono liberi. Si dicono pieni di buoni propositi e chiedono di essere lasciati tranquilli. Ritengono di aver chiuso i conti con il loro passato e di aver maturato una profonda consapevolezza per quello che hanno fatto. Vogliamo credergli, anche perché non possiamo fare diversamente.
Ma in tempi di revisionismo storico e di farneticazioni razziali nei confronti dei "diversi" è doveroso tenere desta la memoria storica. Furlan nell'intervista alla Iene ha detto una cosa interessante:"all'epoca non c'erano immigrati, altrimenti avremmo colpito anche loro".

http://www.nuovasocieta.it/inchieste/4848-a-colpi-di-svastica-e-martello-il-caso-ludwig.html

documentazione
r_veneto


articolo precedente           articolo successivo