antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 28.01.10
Roma: scritte anti semite
·



Shoah, svastiche in via Tasso

Attacchi al sindaco e a Pacifici

"Olocausto propaganda sionista" e "27/01: ho perso la memoria". Accanto una croce celtica. Queste le scritte tracciate sul muro accanto all'ingresso del Museo della Liberazione di Via Tasso a Roma. Le scritte, lunghe quasi due metri e realizzate con una bomboletta spray nera sono state cancellate dall'Ama. Imbrattata anche la targa di marmo posta all'ingresso del Museo. In via Cavour un'altra scritta offensiva è stata fatta contro Riccardo Pacifici, presidente della Comunità ebraica di Roma, e una - sembra con la stessa vernice - contro il sindaco Gianni Alemanno, nei pressi dell'incrocio con via degli Annibaldi: "Alemanno verme sionista Militia vita est". Nella stessa via, accanto al simbolo di Militia, compare un'altra scritta: "Pdl vermi". Tra gli altri slogan che tappezzano la città: "A morte Israele", "Hamas vincerà", "Usa Israele Boia" e il "Talmud é razzismo".

Filmati quattro ragazzi - Le telecamere piazzate all'ingresso del museo hanno ripreso quattro ragazzi con il volto coperto da un passamontagna. Indossavano jeans aderenti, maglie strette e scure, blu e nere". A parlare è il segretario del museo della Liberazione di via Tasso, Giuseppe Mogavero. Ad accorgersi che qualcosa non andava è stato il guardiano che abita nel museo. "Le ho scoperte io questa notte verso l'una - ha spiegato il custode Agostino - ho subito avvisato il commissariato di via Petrarca. Sono solo dei cretini, e forse non bisognerebbe dargli tanta importanza perché è quello che vogliono". Le scritte sono state cancellate dall'Ama con potenti getti d'acqua ma non è stato lavato lo sdegno. Sul posto gli agenti del commissariato Esquilino. Indaga da Digos, cui sono stati consegnati i filmati.

Il museo - "Il fatto che le scritte siano apparse vicino al civico 155 (il Museo è al 145, ndr) è molto significativo - ha detto il segretario del Museo storico della Liberazione di via Tasso, Giuseppe Mogavero - perché al 155 c'era il comando delle SS di Kappler e Priebke. Secondo me si è trattato di un vero omaggio ai nazisti. C'è inoltre una duplice concomitanza - ha aggiunto - perché stiamo aprendo una mostra sulla prostituzione forzata nei campi di concentramento. Stanno venendo delle scolaresche a visitare il museo e quello che dirò loro è che bisogna ricordare le nefandezze del passato per esserne testimoni. Purtroppo esistono delle realtà di destra in questa zona che vogliono mantenere la presenza storica di certe idee". Mogavero ha ricordato gli altri episodi contro il museo di via Tasso tra cui, il più grave, "la bomba carta del novembre del '99".

Le reazioni. La vergogna delle frasi sui muri arriva nel Giorno della Memoria. Reazioni sdegnate e solidali con la comunità ebraica della città, a partire da quella del sindaco."Le scritte apparse vicino al muro del Museo della Liberazione e a via Cavour costituiscono un atto gravissimo, un'offesa senza pari al rispetto della persona umana. Purtroppo - si legge in una nota di Gianni Alemanno - c'è ancora qualche criminale che si spinge a oltraggiare la Memoria solo per ottenere visibilità mediatica. Deve essere chiaro a tutti che non ci saranno sconti per chi offende la vita predicando l'odio e l'intolleranza. Nel rivolgere un appello agli inquirenti perché individuino al più presto i responsabili, voglio esprimere, a nome mio e di tutta l'Amministrazione, la solidarietà al presidente del Museo di Via Tasso, Antonio Parisella, e a Riccardo Pacifici, presidente della Comunità ebraica di Roma, per questo ennesimo atto infame". Poi assicura: "L'ufficio del Decoro Urbano dell'Ama sta provvedendo a rimuovere le scritte nel più breve tempo possibile".

A Montecitorio per le celebrazioni della Giornata della Memoria, il sindaco ha aggiunto: "Per evitare che gruppi antisemiti approfittino del Giorno della memoria per ottenere visibilità mediatica, disegnando croci celtiche sui muri della città, in teoria bisognerebbe tenere questi gesti sotto silenzio". Poi, rivolgendosi ai cronisti, il sindaco ha chiesto ironicamente: "Voi ci riuscireste?".

"Uno sfregio a tutta la nostra comunità; una evidente provocazione - ha detto il presidente della Provincia di Roma, Nicola Zingaretti - un vile tentativo di colpire i nostri sentimenti e i nostri valori proprio in occasione di questa giornata. Gesti come questo rendono ancora più forte e più salda in noi la volontà di ricordare e di affrontare con responsabilità e coraggio una sfida culturale che resta sempre attuale". "Un atto infame e davvero preoccupante - dichiara, in una nota, il vice presidente della Regione Lazio Esterino Montino. "E' incredibile che certi individui possano impunemente oltraggiare la sofferenza e la memoria del popolo ebraico e la dignità di questa città".
(27 gennaio 2010)

Da Repubblica




Nuove scritte negazioniste sui muri
dopo lo scempio contro la Memoria


Ancora scritte negazioniste nel cuore della città. Nelle prime ore del mattino sono stati imbrattati i muri di un edificio in via Leonina, nel quartiere Monti. Nella giornata di ieri invece all'emittente radiofonica Radio Rock è arrivato un sms con frasi contro lo stato di Israele e la sua popolazione

La pulizia dei muri imbrattatiAll'indomani del Giorno della Memoria nella capitale sono apparse nuove scritte negazioniste. Nelle prime ore del mattino sono stati imbrattati i muri di un edificio in via Leonina, all'angolo con via dei Serpenti, nel quartiere Monti.

Nella giornata di ieri invece l'emittente radiofonica Radio Rock ha ricevuto un sms con frasi contro lo stato di Israele e la sua popolazione. Il messaggio è arrivato nel corso di una trasmissione della radio. La Digos ha identificato l'autore del messaggio: si tratta di un uomo, N.A., di 35 anni, senza precedenti penali. E' stato accompagnato in questura e denunciato. Il telefono cellulare da cui è stato inviato il messaggio è stato sequestrato.

La notte del 26 gennaio sono stati imbrattati i muri del Museo della Liberazione con slogan negazionisti, una svastica e una croce celtica. In via Cavour, invece, è comparsa una scritta offensiva contro Riccardo Pacifici, presidente della Comunità ebraica di Roma, e una contro Alemanno e il Pdl (guarda).

Da Repubblica

vandalismi_minacce
r_lazio


articolo precedente           articolo successivo