antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Torino «È inaccettabile processare gli studenti per antifascismo»
- Bologna In piazza Carducci solo gli antifa
- Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
19.09.20 Ultras Lazio, la sede di Diabolik sarà sgomberata, il cerchio sulla morte si stringe
2.09.20 Fascisti, no-vax e complottisti di QAnon: chi sono i negazionisti in piazza il 5 settembre
28.08.20 Ribelli, mercenari e faccendieri: l’italiano Elio Ciolini alla conquista del Centrafrica
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 23.10.09
Il Comune di Bari ha finalmente deciso di intitolare una via alla memoria di Benedetto Petrone.
·
22 ottobre 2009
Benny vive, la strada in suo ricordo c'è
Manca l'ufficialità, ma per l'anniversario della sua morte via Corridoni prenderà il suo nome

di Riceviamo e pubblichiamo

Dopo un iter relativamente breve - seguito alla raccolta di oltre mille firme promossa dal Comitato 28 Novembre -, il Comune di Bari ha finalmente deciso di intitolare una via del centro storico barese alla memoria di Benedetto Petrone.
Come si ricorderà, il Comune di Bari, con giusta delibera n.1242 del 27.11.2008 decise di sostituire la denominazione stradale Via Filippo Corridoni con la denominazione “Via Benedetto Petrone – Vittima della violenza fascista 1959-1977” e spostare la denominazione stradale “Via Filippo Corridoni” al tratto di strada che collega Largo Chiurlia a Strada Sagges, attualmente privo di una propria denominazione.

La Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio di Bari, con una propria nota n. 1087 del 25.2.2009 ha espresso parere favorevole.

La Società Storia Patria, in relazione alla denominazione in questione, si è espressa favorevolmente con la nota n. 112/09 del 14.5.2009.

Il Prefetto della Provincia di Bari, con nota del 19.6.2009 – prot. n. 26/1.25.18, ha autorizzato.

In data Martedì 29 Settembre 2009, in base al Codice Civile viene formalmente costituito il “Comitato Civico 28 Novembre” di Bari.
I valori e gli scopi per perseguire i quali si è resa necessaria la costituzione del suddetto organismo associativo sono i seguenti:
a. Preservare la giusta memoria della tragica vicenda dell’uccisione di Benedetto Petrone, avvenuta a Bari in Piazza Libertà il 28 Novembre 1977, per mano neofascista;
b. Diffondere i valori storici e contemporanei dell’antifascismo, a favore in particolare delle nuove generazioni, attraverso qualificate iniziative pubbliche e sociali, avendo come obbiettivo centrale quello di vivificare tutti gli anni a venire la ricorrenza del 28 Novembre, nei modi più consoni e opportuni e creativi;

c. Costituire la Fondazione “Benedetto Petrone”/Per la promozione culturale del Borgo Antico di Bari e l’ampliamento della coscienza civile tra le giovani generazioni baresi, in seguito alla quale costituzione il Comitato Civico 28 Novembre verrà sciolto per aver conseguito il suo scopo fondamentale.

Viene eletta Presidente la signora Porzia Petrone, sorella di Benedetto, donna fiera e combattiva, portatrice di elevati e popolari valori etici e morali, custode vivente dei ricordi più cari di suo fratello e dei sentimenti profondi che animano i fondatori del Comitato Civico 28 Novembre. L’incarico di Segretario è affidato all’’arch. Arturo Cucciola.

In via ancora ufficiosa ma su pressante richiesta del Comitato Civico 28 Novembre, segnalo che l’amministrazione comunale intende procedere all’inaugurazione della nuova Via Benedetto Petrone proprio in occasione del prossimo anniversario.

Il Comitato civico ha fatto circolare la seguente nota, articolata in tre punti. Il Comitato Civico 28 Novembre chiede di:

1) essere uno dei soggetti di riferimento per le iniziative di commemorazione cerimoniale del tragico assassinio di Benedetto Petrone, allo scadere del suo trentaduesimo anniversario. E ciò per ragioni di ordine civile e umano: il nostro Presidente, Porzia Petrone, sorella del compianto e figura di donna di indubbia moralità e sensibilità, lo richiede espressamente;

2) essere partner operativo del Comune di Bari nell’organizzazione della giornata di inaugurazione della nuova Via Benedetto Petrone, ex Via Filippo Corridoni, sita nella Città Vecchia (delibera n. 1242 del 27/11/2008). Si riserva, in tal senso, di sottoporre in tempi brevi al Sindaco Michele Emiliano o ad un suo incaricato un articolato programma di iniziative culturali e di omaggi artistici;

3) ottenere dal Comune di Bari tutti i sostegni tecnici, organizzativi ed economici necessari alla migliore riuscita della suddetta manifestazione il cui programma in via di elaborazione verrà concordato in dettaglio con L’Ente comunale.
Benedetto Petrone era un mio caro amico e compagno di partito, un “figlio del popolo”, un proletario (erano nove figli, tra femmine e maschi) di Bari vecchia. Da bambino aveva subito l’ingiusta sorte di ammalarsi di poliomielite, in forma per fortuna non gravissima che gli permetteva di camminare danzando: era riuscito a compensare il suo deficit in maniera del tuo originale, per cui non ti rendevi conto della sua difficoltà a deambulare perché lui, appunto, “danzava”. E poi, era forte e bello (non è retorica ma un dato di realtà), sempre curioso e interessato a tutto e tutti, sorridente ed umile….

Quella notte di 32 anni fa, però, inseguito da un nugolo di giovani fascisti, non potette fare a meno di prendere atto della sua “differenza”: nella fuga del piccolo gruppo di compagni che batteva in ritirata di fronte all’orda, lui rimase indietro e due coltellate, di cui una mortale all’addome, lo lasciarono per terra esangue, in Piazza Libertà (ma quale “libertà”? quella di morire ammazzato a 18 anni?!). La sua morte ha segnato la carne e l’anima di molte persone; oso dire di tutta la mia generazione, almeno di quella barese. La mia sicuramente se solo pensi che mentre le scrivo mi colano sul viso copiose ed incontenibili lacrime di uomo, quale sono, dopo tanti anni…

Cordialmente

Nicola Dentamaro


http://www.barilive.it/News/news.aspx?idnews=15062

lettere


articolo precedente           articolo successivo