antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 1.10.09
Piazza della Loggia, il processo infinito ai fantasmi d’Italia
·
30/9/2009 (7:50) - REPORTAGE. 35 ANNI DOPO LA STRAGE DI BRESCIA
Piazza della Loggia, il processo infinito ai fantasmi d’Italia

Gabbie vuote degli imputati, testi-farsa nell’aula deserta
MICHELE BRAMBILLA
INVIATO A BRESCIA
A Brescia c’è un processo che sembra non interessare a nessuno. Si fanno due sole udienze alla settimana. Gli imputati non vengono mai. Sui giornali nazionali neanche una riga. Eppure il reato è strage: otto morti, 108 feriti. E’ l’ennesimo processo per la bomba di piazza della Loggia, 28 maggio 1974, una vita fa, un’Italia in bianco e nero. Chi furono gli indemoniati di quel giorno, e di tanti altri giorni di tante altre stragi, in buona parte lo si sa: ma quasi mai è stato possibile arrivare a condanne. Anche per piazza della Loggia si sono fatti processi su processi, si è perfino perso il conto, pare che questo sia il quinto dopo tre filoni d’inchiesta, ma i numeri ingannano e confondono: come ricostruire la verità giudiziaria dopo trentacinque anni, con millecinquecento testimoni da sentire e novecentomila pagine di verbali da leggere? I poveri morti di piazza della Loggia chiedono ancora giustizia, come la chiedono quelli di quasi tutte le altre stragi di quel tempo tremendo. E forse non l’avranno mai.

A lungo il Paese intero si è interrogato, domandandosi come sia potuto succedere. Ma oggi pare che vinca la rassegnazione. I familiari sembrano non sperare più, e gli imputati sembrano non temere più. Ieri nell’aula della Corte d’Assise l’atmosfera era quella di un’udienza in pretura per una guida senza patente. Otto persone tra il pubblico. Le gabbie degli imputati erano vuote come vuote sono sempre state fin dalla prima udienza, quasi un anno fa. Non è mai venuto Pino Rauti, ex leader di Ordine Nuovo ed ex segretario del Msi: è accusato di essere l’ispiratore della strage. Non è mai venuto Carlo Maria Maggi, medico veneziano già processato e assolto per piazza Fontana. Non è mai venuto Francesco Delfino, ex generale dei carabinieri accusato di essere al corrente del progetto e di non aver fatto nulla per impedirne l’attuazione. Non è mai venuto Delfo Zorzi, pure lui già processato e assolto per piazza Fontana. Non è mai venuto Giovanni Maifredi, estremista di destra legato ai servizi segreti, né mai più potrà venire: è morto poco prima dell’estate.

E’ venuto, ma solo qualche volta, non più di quattro o cinque, Maurizio Tramonte, anche lui ex neofascista ed ex informatore dei servizi. «E’ un surreale processo ai fantasmi», dice Manlio Milani, presidente dell’associazione dei familiari delle vittime: c’era anche lui quel giorno in piazza della Loggia, stava guardando negli occhi sua moglie quando se la vide spazzare via. Milani è uno di quelli che non si sono rassegnati: ha fondato una Casa della Memoria, la sua non è una battaglia ideologica ma umana e civile. Dice: «Questo processo sta comunque permettendo di scoprire ancora di più che cosa era l'Italia di quegli anni, quali trame si ordivano, quali folli progetti. Non so che cosa si stabilirà dal punto di vista giudiziario, ma dal punto di vista storico è un processo importante. Sono venuti a testimoniare ex neofascisti, abbiamo capito ancor di più le loro molteplici strategie: chi era per le stragi e chi no. Ma tra loro continua a prevalere un senso di solidarietà che porta all'omertà».

E' appunto la ricostruzione della verità giudiziaria ad essere difficile. Questo processo ne è una prova ulteriore. Ad esempio: Montanelli diceva che l’Italia è specializzata nel mescolare la tragedia alla farsa, e chissà che cosa avrebbe pensato se ci fosse stato ieri quando i giudici, per cercare di ricostruire la verità, hanno chiamato a deporre perfino Febo Conti, l’ex presentatore della Rai Tv, 83 anni. Ma che ci fa qui Febo Conti? Gli chiedono: «Le hai aderito alla Repubblica Sociale?». Lui risponde: «Non so, credo di sì». Lei ha conosciuto il principe Junio Valerio Borghese? «No, non mi pare, non ricordo». L’interrogatorio è senz’altro serio, ma finisce con il dare un’immagine da macchietta anche ai progetti più lugubri concepiti in quegli anni: «Signor Febo Conti, è vero che lei avrebbe dovuto aiutare il principe Borghese a occupare la Rai il giorno del golpe?». Il testimone è basito, non capisce, poi si mette un po’ a ridere, ed è quello che tragicamente viene a tutti noi pensando a un colpo di Stato annunciato a reti unificate dal presentatore di «Chissà chi lo sa».

Prima di lui avevano interrogato Pasquale Barra, «o’ animale», 67 omicidi nel curriculum, in galera dal 1970. E poi un ex estremista di destra bresciano, Carmelo Sorsoli. Dalla sua bocca escono storie che paiono da film con Tognazzi: «Andai a Peschiera sul Garda a una messa celebrata da monsignor Lefebvre, c’era anche il principe Borghese. Facevamo esercitazioni con le mitragliatrici. A chi sparavamo? A dei cespugli». La domanda più frequente ai testi è: «Riesce a collocare l’episodio nel tempo?» La risposta più frequente è: «Non ricordo».

Sfilano anche altre vittime di quella follia: gente che dalle bombe è stata colpita indirettamente. Si siede davanti alla Corte Ivana Buzzi. Suo fratello Ermanno era una testa calda, finì invischiato con l’estremismo neofascista. In primo grado gli diedero l’ergastolo per la strage di piazza della Loggia. In appello fu assolto, ma nel frattempo era già comparso davanti al giudizio di Dio: il camerata Pierluigi Concutelli l’aveva strangolato in carcere accusandolo di essere un infame. «Mio fratello in casa era buonissimo – dice Ivana Buzzi –. Ancora adesso i miei nipotini quando parlano dello zio Ermanno piangono. Per noi piazza della Loggia è stata una cosa tremenda». La signora se ne va provata e preoccupata: la Corte ha convocato anche sua madre, 97 anni.

Difficilmente si verrà a capo di qualcosa. Ma intanto in quest’aula si sta rifacendo la storia della notte della Repubblica. Sono già sfilati, nelle scorse udienze, personaggi che credevamo sepolti dal tempo: l’autore della strage di Peteano, Vincenzo Vinciguerra, l’ex capo del Mar Carlo Fumagalli, il colonnello Amos Spiazzi. Ogni tanto fanno un nome e ci si chiede: ma è ancora vivo? C’è un’altra domanda, una domanda molto da ingenui. Tutte quelle stragi richiesero la collaborazione di centinaia di persone. Possibile che a nessuno, che neanche a uno di quegli Innominati venga mai un rimorso? Il desiderio di parlare, di togliersi un peso? E’ anche per questo sonno delle coscienze, oltre che per le difficoltà investigative, che la verità attende ancora.

http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/cronache/200909articoli/47785girata.asp

documentazione
r_lombardia


articolo precedente           articolo successivo