antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo
- "Fermate quel concerto", gli antifascisti di Bologna contro la band Taake

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera
18.06.19 L’aggressione fascista ai ragazzi del Cinema America. E tutte le altre
14.06.19 Le scatole cinesi di CasaPound (Dossier ANPI)
10.05.19 Chi ha autorizzato la manifestazione di CasaPound a Casal Bruciato?
6.05.19 Chi è Francesco Polacchi, responsabile della casa editrice Altaforte
31.03.19 Forza Nuova e i legami con i pro vita del congresso di Verona
18.02.19 Svastica e malavita a Roma: ecco l'inchiesta che ha portato all'aggressione fascista
17.02.19 Neofascismo, cacciatori di fake news a Savona: "Quell'eccidio fantasma del monte Manfrei"
3.02.19 Nazi, ultras e tanta ‘ndrangheta.
20.01.19 Polonia Il delitto Adamowicz e il sottobosco di estrema destra

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 15.02.05
Strage di Peteano la grazia sfiorata
·

Strage di Peteano la grazia sfiorata
Il terrorista nero che il ministro voleva graziare
La Cassazione ferma il Guardasigilli: far espatriare Cicuttini equivale a un provvedimento di clemenza fuori dalla procedura
Stella Gian Antonio

corriere della sera – 15/02/2005

«Perché solo lui?», risponde Roberto Castelli a chi gli chiede come mai si sia sempre opposto alla grazia a Sofri a costo di scontrarsi con Ciampi. E batte e ribatte sempre sullo stesso tasto: «Molti sono dalla parte di Caino, io penso prima ad Abele. Chi sbaglia deve pagare». Tutti? Tutti. Meno uno: Carlo Cicuttini, autore della strage di Peteano.

Di cui la Cassazione ha bloccato una richiesta che, appoggiata dal Guardasigilli, avrebbe finito «con l’ equivalere alla concessione della grazia». Ma partiamo dall’ inizio. E’ la sera del 31 maggio 1972, in tivù c’ è Inter-Ajax. Alla stazione dei carabinieri di Gradisca d’ Isonzo arriva una telefonata: «C’ è una 500 abbandonata con due fori di pallottola». Una pattuglia corre sul posto, a Peteano. I militari trovano l’ auto, qualcuno solleva il cofano. Il boato è tremendo. Quando arrivano i soccorsi per tre dei ragazzi in divisa non c’ è più niente da fare. Morti. Donato Poveromo aveva 33 anni, Franco Bongiovanni 23, Antonio Ferraro 31. La moglie Rita piange disperata sotto i flash. Lei e Antonio aspettavano un bambino. Conoscerà suo padre solo dalle fotografie… Sono passati esattamente 14 giorni dall’ uccisione del commissario Luigi Calabresi per il quale verrà condannato Adriano Sofri e le indagini puntano su Lotta continua. Buco nell’ acqua. Si spostano sugli anarchici. Buco.

Si spostano ancora sulla malavita. Buco. E via via passano giorni, mesi, anni. Finché il fascicolo finisce nelle mani di un giovane giudice istruttore veneziano, Felice Casson: «Vedi un po’ tu… Archivia…». Invece l’ inchiesta riparte, salta fuori una serie incredibile di omertà, complicità e depistaggi che porteranno alla condanna anche di due alti ufficiali dell’ Arma. A distanza di dieci anni dall’ esplosione, il magistrato individua gli assassini: sono i neofascisti che pochi mesi dopo l’ attentato a Peteano, il 6 ottobre 1972, avevano tentato un assalto a Ronchi dei Legionari per dirottare un aereo con l’ intenzione di chiedere duecento milioni di lire e la liberazione di Franco Freda, neofascista in galera per la bomba di piazza Fontana. Un assalto finito nel sangue: Ivano Boccaccio, uno dei tre del commando, era rimasto ucciso. Gli altri due, Vincenzo Vinciguerra e Carlo Cicuttini, si eran dati alla latitanza. Quando partono i mandati di cattura, nel 1982, Vinciguerra è già dentro: condannato per l’ attacco all’ aeroporto, si è costituito ai carabinieri, ferito, nel 1979. Prima di acciuffare Cicuttini, invece, passano anni e anni. I magistrati sanno bene dov’ è: a Madrid, dove si è rifugiato quando Francisco Franco era ancora al potere. Ma l’ uomo si è sposato con Maria Fernanda Fontanals, figlia d’ un generale franchista. E quando gli mettono le manette, nel 1983, trovandogli carte che mostrano come si dedichi all’ import-export di armi da guerra, tira fuori una legge, la 46/1977 con la quale il parlamento spagnolo ha messo una pietra sopra la dittatura del Caudillo concedendo l’ amnistia per tutti i reati commessi per fini più o meno politici.

Scarcerato. Casson non si arrende. Dimostra con una perizia fonica che è proprio di Cicuttini, all’ epoca responsabile del Msi di San Giovanni in Natisone, la voce anonima che attirò i carabinieri nell’ imboscata, rinvia a giudizio per favoreggiamento aggravato il segretario missino Giorgio Almirante (che uscirà dal processo per amnistia) accusandolo con una serie di documenti bancari di avere finanziato il latitante in Spagna (34 mila dollari passati attraverso una banca di Lugano, il Banco di Bilbao e il Banco Atlantico) perché si operasse alle corde vocali, tenta di nuovo di ottenerne l’ estradizione. Niente. Ottiene la condanna all’ ergastolo del terrorista con sentenza definitiva e ci riprova. Niente. Finché, forte della cittadinanza spagnola, Cicuttini prende un po’ troppa confidenza con l’ impunità.

E dopo 26 anni di latitanza nell’ aprile 1998, attirato nella trappola dei nostri magistrati che gli fanno offrire un lavoro a Tolosa, cade finalmente nella rete. Arrestato dai francesi, viene estradato e rinchiuso là dove doveva stare anche per la condanna a 10 anni per l’ assalto di Ronchi: in galera. Lo stragista, però, non si arrende: «Sono un cittadino spagnolo: ho diritto in base alle convenzioni europee a scontare la mia pena in Spagna». Nel febbraio 2001 il ministero della Giustizia, retto da Piero Fassino, gli risponde: no. Ovvio: sarebbe subito scarcerato. Passa un anno e mezzo e il 16 ottobre 2002 il nuovo ministro leghista trasmette alla Procura generale di Venezia la richiesta di promuovere il procedimento per accontentare lo stragista nero «esprimendo parere positivo al trasferimento in Spagna del medesimo Cicuttini».

I giudici veneziani rispondono il 10 giugno 2003: no. E spiegano: 1) l’ estradizione dell’ uomo «è stata reiteratamente negata dalle autorità spagnole». 2) quelle stesse autorità iberiche «hanno altresì disatteso l’ obbligo, in alternativa alla concessione dell’ estradizione, di promuovere un loro autonomo procedimento penale». 3) il trasferimento in Spagna, con la scarcerazione, darebbe vita a «una condizione di obiettivo privilegio contraria sia all’ interesse punitivo del nostro Stato che al principio di uguaglianza rispetto al coimputato Vinciguerra Vincenzo». 4) la magistratura spagnola «ha già statuito che i fatti per i quali il Cicuttini è stato condannato in Italia alla pena dell’ ergastolo non hanno più rilevanza penale in Spagna perché rientranti nell’ amnistia del 1977». Insomma, chiude la sentenza: c’ è la «certezza» (la certezza!) che Cicuttini, se sarà dato alla Spagna «cesserà in tempi brevissimi ogni espiazione di pena». Quindi sarebbe una «concessione della grazia al di fuori della procedura».

Contro il verdetto la difesa dell’ ergastolano (di cui fa parte l’ onorevole Enzo Fragalà, uomo di punta di An nella Giunta per le Autorizzazioni e nella Commissione Giustizia) fa ricorso in Cassazione accusando la corte veneziana d’ essersi «arrogata un potere di discrezionalità che la convenzione non consente». E l’ inflessibile Guardasigilli che fa: ritira il suo ok? No. Nonostante il terrorista nero, al contrario di Sofri, abbia fatto 26 anni di latitanza. Nonostante non abbia mai manifestato pentimento. Nonostante sia stato in galera, al momento del clemente appoggio castelliano, solo per 1.641 giorni (poco più della metà di quelli scontati oggi da Sofri) e cioè 547 giorni di cella per ogni carabiniere ucciso. Un po’ poco, per un Caino. Soprattutto se il ministro della Giustizia va in giro attaccando «questa sinistra europea che difende assassini e i latitanti» e tuonando che «i cittadini hanno sete di giustizia e questo vuol dire certezza della pena». Fatto sta che la Cassazione, sesta sezione penale, presidente Pasquale Trojano, gli dà torto di nuovo. E con la sentenza 1729 non solo respinge la richiesta del neofascista ma spiega che, come giustamente dicevano i giudici veneziani, «il trasferimento all’ estero del Cicuttini comporterebbe una sicura vanificazione del giudicato penale» e finirebbe per «equivalere alla concessione della grazia al di fuori della procedura prevista», cioè scavalcando il capo dello Stato. Al che la domanda iniziale va girata a Roberto Castelli: perché solo lui?

Gian Antonio Stella

L’ ECCIDIO E’ il 31 maggio 1972. Qualcuno chiama il 112 di Gradisca d’ Isonzo (Gorizia): «C’ è una 500 abbandonata con due fori di pallottole».

E’ una trappola. Una pattuglia esce a controllare quella macchina, a Peteano. Uno dei militari apre il cofano e scoppia una bomba. Muoiono tre carabinieri, altri due restano gravemente feriti ALL’ ERGASTOLO Carlo Cicuttini è il neofascista che la sera della strage fece la telefonata-trappola. Cittadino spagnolo, Cicuttini si rifugia a Madrid fino all’ aprile del 1998, quando la procura di Venezia gli tende un tranello facendogli offrire un lavoro a Tolosa, in Francia. Lui si presenta e finisce in manette, 26 anni dopo Peteano.

documentazione
r_friuli


articolo precedente           articolo successivo