antifa home page

Il Progetto

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Savona, il quartiere rosso di Villapiana si mobilita contro la nuova sede di Casapound
- A Brescia il corteo antifascista contro Forza Nuova
- Verona, il writer che combatte il fascismo con i colori
- Cesena Forza Nuova al liceo, appello del Comune all’autorità di ps
- Cesena Manifestazione di Forza Nuova davanti ai licei, 50 prof: "Sbagliato autorizzarla lì"
- Roma, corteo di donne affronta militanti CasaPound: "Qui i fascisti non li vogliamo"
- Udine, rassegna jazz lascia la città: “Non collaboriamo con il nuovo sindaco che ha vinto con i voti dei neofascisti”
- Migranti, marcia No Tav contro estremisti di destra: scontri con la Gendarmeria al confine tra Italia e Francia
- Ufficiale: Bologna vieta gadget e spazi pubblici a fascisti e razzisti
- Niente piazze ai fascisti sull'Appennino Bolognese, la sfida di Forza Nuova: "Presto in piazza"
- Livorno, Lega organizza comizio a teatro. Lavoratori scioperano per protesta: “Candidato xenofobo e omofobo”
- Liberi e Uguali si rifiuta di partecipare alla Tribuna elettorale Rai con CasaPound

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
19.07.18 Come Verona è diventata l’incubatrice dell’odio
16.07.18 Una breve storia dei rapporti della Lega con i fascisti di Lealtà e Azione
6.07.18 KKK: il tramonto dei cavalieri bianchi
6.07.18 Salvini, Borghezio e l’alleanza con il neofascismo europeo nel libro-inchiesta “Europa identitaria”
26.06.18 In Ucraina i fascisti ammazzano i rom, ma l’Unione Europea tace
18.06.18 Mario Borghezio: dossier. Dall'estrema destra ordinovista agli arresti per bancarotta alla lega
3.06.18 Esclusivo: alla Lega sovranista di Matteo Salvini piace offshore
2.06.18 Lorenzo Fontana, il ministro della Famiglia ultracattolico che strizza l'occhio ai nazifascisti
31.05.18 Dai pestaggi ai blitz chirurgici: il vero volto di Casapound
3.05.18 Verona, dove comanda l’estrema destra
26.04.18 Gli antifascisti di domani
26.04.18 Fenomenologia dell'onda nera
4.04.18 Esclusivo: caccia ai soldi della Lega
2.03.18 I camerati abusivi di CasaPound: parenti e amici vivono gratis nel centro di Roma
1.03.18 Ma Pasolini non stava con i poliziotti
26.02.18 Chi sono i candidati di Forza Nuova: poliziotti, picchiatori, nostalgici delle SS e figli di mafiosi
26.02.18 Roberto Fiore: “Magistrati di Palermo deviati come 40 anni fa”. Quando Falcone voleva interrogarlo per il caso Mattarella
14.02.18 Trasformisti, fascisti, impresentabili e ras delle clientele: ecco le liste al Sud di Matteo Salvini
1.02.18 Ritratto del neofascista da giovane
30.12.17 La leggenda dell’«architettura fascista»: un dibattito distorto su memoria e spazio urbano
28.12.17 Fascisti su Facebook, a gestire i gruppi neri ci sono anche i poliziotti
21.12.17 Saluti romani in consiglio comunale a Gorizia e chiamata alle armi a Trieste
20.12.17 La Galassia Nera: i gruppi e le associazioni che ruotano attorno a Lealtà Azione
20.12.17 I segreti di Roberto Fiore, il fascista a capo di Forza Nuova Terrorista nero.
10.12.17 Chi ha pagato Forza Nuova: retrospettiva 2001 sulle origini. "L' accusa del dossier C' è un livello occulto"

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

Ricerca per parole chiave | Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 5.08.09
Italicus. La strage dei misteri. 35 anni dopo ancora oscuri esecutori e mandanti
·
Italicus. La strage dei misteri. 35 anni dopo ancora oscuri esecutori e mandanti
Martedì 04 Agosto 2009 17:43

di Fulvio Lo Cicero

Trentacinquesimo anniversario. Una strage senza colpevoli, uno dei tanti misteri italiani, nella quale furono sicuramente coinvolti neofascisti e la loggia P2 di Licio Gelli. Il misterioso caso di Aldo Moro.

ROMA – Gli anniversari delle stragi italiane costituiscono una buona occasione per formularsi delle domande. Anche quella del treno Italicus, avvenuta la notte del 4 agosto 1974, non sfugge a questa regola. Perché l’attentato? A chi avrebbe giovato? Chi ne furono gli esecutori materiali e i mandanti?

Già, perché, a differenza di quella di Bologna del 2 agosto 1980, l’attentato al treno Italicus non ha colpevoli. Non si sa chi mise la bomba, chi la fece esplodere, chi furono i mandanti. Interpretando la storia italiana, è quasi sicuro che fu un attentato fascista, come quello della Banca dell’Agricoltura di Milano (12 dicembre 1969), come Piazza della Loggia a Brescia (28 maggio 1974). Il neofascismo italiano, sorretto dagli apparati deviati dei servizi segreti, si poneva come fine il sovvertimento dello Stato democratico e, soprattutto, fermare l’avanzata del movimento dei lavoratori e dell’allora partito comunista. Questa è la chiave di lettura ancora oggi più consistente, anche in base ai risultati processuali e alle indagini della magistratura, sovente ostacolate dagli stessi apparati statali.

L’attentato

La bomba scoppiò nel vagone numero 5 dell’espresso “Italicus”, negli istanti immediatamente successivi alla sua uscita dalla galleria che porta a San Benedetto Val di Sambro, causando 12 morti e 50 feriti. E fu una fortuna, perché se fosse scoppiata qualche istante prima, dentro la galleria (come forse i vili attentatori desideravano), i morti sarebbero stati centinaia. Un testimone oculare dell’attentato ha affermato: «Il vagone dilaniato dall'esplosione sembra friggere, gli spruzzi degli schiumogeni vi rimbalzano su. Su tutta la zona aleggia l'odore dolciastro e nauseabondo della morte».
[Il neofascista Giancarlo Esposti, ucciso dai carabinieri a Pian del Rascino nel 1974]

Il neofascista Giancarlo Esposti, ucciso dai carabinieri a Pian del Rascino nel 1974

Due agenti di polizia in servizio nella stazione di San Benedetto dichiararono: «Improvvisamente il tunnel da cui doveva sbucare il treno si è illuminato a giorno, la montagna ha tremato, poi è arrivato un boato assordante. Il convoglio, per forza di inerzia, è arrivato fin davanti a noi. Le fiamme erano altissime e abbaglianti. Nella vettura incendiata c'era gente che si muoveva. Vedevamo le loro sagome e le loro espressioni terrorizzate, ma non potevamo fare niente poiché le lamiere esterne erano incandescenti. Dentro doveva già esserci una temperatura da forno crematorio. “Mettetevi in salvo”, abbiamo gridato, senza renderci conto che si trattava di un suggerimento ridicolo data la situazione. Qualcuno si è buttato dal finestrino con gli abiti in fiamme. Sembravano torce. Ritto al centro della vettura un ferroviere, la pelle nera cosparsa di orribili macchie rosse, cercava di spostare qualcosa. Sotto doveva esserci una persona impigliata. “Vieni via da lì”, gli abbiamo gridato, ma proprio in quel momento una vampata lo ha investito facendolo cadere accartocciato al suolo».

Le indagini

A differenza dell’attentato bolognese di sei anni dopo, quello all’Italicus viene immediatamente rivendicato con un volantino: «Giancarlo Esposti è stato vendicato. Abbiamo voluto dimostrare alla nazione che siamo in grado di mettere le bombe dove vogliamo, in qualsiasi ora, in qualsiasi luogo, dove e come ci pare. Vi diamo appuntamento per l'autunno; seppelliremo la democrazia sotto una montagna di morti». Lo scritto faceva riferimento all’uccisione di un militante neo-fascista, Giancarlo Esposti, il 30 maggio 1974, a Pian del Rascino, vicino a Rieti, durante un’operazione dei carabinieri nel campo clandestino di esercitazioni militari che i neofascisti avevano allestito. Il giovane neofascista, sospettato di essere coinvolto nella strage di Brescia, fu ucciso con un colpo di pistola alla tempia dal maresciallo dei carabinieri Filippi, che prima confessò il fatto e poi lo ritrattò.

Ma le indagini segnano il passo fino a quando un extraparlamentare di sinistra, Aurelio Fianchini, dopo essere evaso dal carcere di Arezzo, diffonde alla stampa uno scritto nel quale si dice che l’esecutore materiale della strage è Mario Tuti per ordine del Fronte nazionale rivoluzionario
[Mario Tuti, tre ergastoli, oggi in regime di semilibertà]

Mario Tuti, tre ergastoli, oggi in regime di semilibertà
e di Ordine nero. Avrebbero materialmente agito Piero Malentacchi, che ha piazzato l'esplosivo alla stazione di Santa Maria Novella a Firenze, Luciano Franci, che gli ha fatto da palo, e la donna di quest'ultimo, Margherita Luddi.

Mario Tuti, oggi un tranquillo ergastolano cinquantasettenne, in regime di semilibertà, che si dice completamente pentito per tutto quello che ha combinato nella vita, a metà degli anni Settanta era forse la più pericolosa testa calda fascista, insieme a Pierluigi Concutelli (l’assassino del giudice Vittorio Occorsio). La magistratura emette un ordine di cattura ma lui vende cara la pelle; i tre carabinieri che lo vanno a prelevare sono freddati sull’uscio di casa (uno si salva) nel 1975. Tuti è toscano di Empoli e, almeno nella provincia di Arezzo, dove alloggia Licio Gelli con la sua organizzazione massonica “Propaganda 2”, trova protezione insieme ad altri pericolosi bombaroli dell’eversione di destra.

Dopo il suo arresto in Francia, i magistrati lo mettono alla sbarra anche per questo attentato ma la Corte di Appello di Bologna (aprile 1991), con una sentenza confermata dalla Cassazione (maggio 1992) assolvono tutti gli imputati neo-fascisti. Per i giudici, a loro carico, esistono solo «indizi, tesi e illazioni non suffragati da certezze e fatti concreti».

Il mistero di Aldo Moro

In un libro pubblicato dalla figlia Maria Fida nel 2005, “La nebulosa del caso Moro”, con l’apporto di numerosi giornalisti, si racconta un episodio significativo e misterioso. Sul treno “Italicus”, quel giorno, avrebbe dovuto esserci anche lo statista di Maglie (allora Ministro degli Esteri in un governo presieduto da Mariano Rumor) per raggiungere la famiglia in vacanza in Trentino. Ma, proprio pochi istanti prima della partenza, fu fatto scendere con la scusa di firmare alcune importanti carte, perdendo il treno. L’episodio non fu mai divulgato da Moro,
[Licio Gelli, capo della loggia massonica P2]

Licio Gelli, capo della loggia massonica P2
ma raccontato soltanto nell’ambito familiare. Significativo anche questo suo silenzio, tipico dell’èra democristiana. Se lo avesse confidato ai magistrati, forse le indagini avrebbero potuto aggiungere un tassello in più, soprattutto per quanto riguardava un possibile coinvolgimento dei servizi segreti deviati.

Le responsabilità dei neofascisti

Nonostante l’inesistenza di una verità giudiziaria, oggi appare chiaro che l’attentato al treno Italicus fu organizzato da elementi neofascisti con l’appoggio della loggia massonica P2, che proprio in quegli anni assolveva al compito di tenere unite le forze antidemocratiche, con l’appoggio di settori democristiani e dei servizi segreti. Questa convinzione è stata espressa anche dalla Commissione parlamentare sulla P2, presieduta da Tina Anselmi che, nella relazione di maggioranza, scrisse: “La strage dell'Italicus è ascrivibile ad una organizzazione terroristica di ispirazione neofascista o neonazista operante in Toscana. La Loggia P2 svolse opera di istigazione agli attentati e di finanziamento nei confronti dei gruppi della destra extraparlamentare toscana ed è quindi gravemente coinvolta nella strage dell'Italicus».

Una strage legata alla P2; non è l’unica, perché questa famigerata organizzazione eversiva fu una sorta di “longa manus” dei poteri deviati finalizzati all’abbattimento del sistema parlamentare in Italia. E pensare che il suo capo, Licio Gelli, è gioiosamente libero e si diletta scrivendo volumoni di illeggibili poesie

http://www.dazebao.org/news/index.php?option=com_content&view=article&id=5888:italicus-la-strage-dei-misteri-35-anni-dopo-ancora-oscuri-esecutori-e-mandanti&catid=96:memoria&Itemid=296

materiali storici
r_nazionale


articolo precedente           articolo successivo