antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 4.08.09
Mario Adinolfi: Il 3 agosto con Fioravanti in libertà
·
"Dico che non si va lontano con il gioco delle teorie senza le prove".

Oggi, improvvisamente, Giusva Fioravanti appare assai poco interessato a nuove piste sulla strage di Bologna, lo scrive Francesco Grignetti su La Stampa. Già, perché oggi Fioravanti è un uomo libero. Niente semilibertà come dal 1998, niente libertà condizionale come dal 2004. No, uomo completamente libero. Ha ottenuto l'impensabile: tutti i benifici di legge. Non ha più interesse a trovare altre verità per Bologna. Quella giudiziaria non gli è più di nessun peso, Capezzone non si sbracci a chiedere la revisione del processo, a Fioravanti non interessa. A lui può andar bene così. E' libera anche Francesca Mambro. Luigi Ciavardini, condannato all'ergastolo nel 2007, è in semilibertà dal marzo scorso. Provate a raccontarlo all'estero.

Il peggiore assassino della storia italiana, l'uomo responsabile per sentenze passate in giudicato della morte di novantadue persone e del ferimento di altre duecentoventicinque, non ha mai trovato un magistrato che avesse un dubbio d'opportunità sull'aprire o meno le porte del carcere per lui. Oggi, in un articolo vergognoso scritto sul principale quotidiano italiano dal giornalista che sulla mitizzazione di Mambro e Fioravanti ha costruito denari e carriera, ci viene spiegato che il terrorista è libero per normali meccanismi di legge. Non c'è una riga che spieghi che quei meccanismi sono discrezionali, non automatici. Non c'è una riga che spieghi che Mambro e Fioravanti hanno trascorso realmente in carcere poco più di quindici anni, un paio di mesi per ogni morto ammazzato e da tutti dimenticato. Tutti, tranne i familiari delle vittime, di tutte le vittime, nessuna delle quali mette in dubbio la colpevolezza di Mambro e Fioravanti. A loro il giornalista riserva una concessione sulla libertà improvvisa del terrorista: "Possono legittimamente rammaricarsene, però...". Possono. Grazie.

Giusva Fioravanti ha ucciso Roberto Scialabba, ventiquatto anni, con un colpo di pistola alla testa a freddo, senza alcuna provocazione o alterco precedente, mentre era seduto su una panchina con la ragazza, solo perché aveva i capelli lunghi e sembrava di sinistra. Ha sparato anche a lei, poi, mancandola. Roberto Scialabba. Qualcuno di voi ne ricorda il nome?

Giusva Fioravanti ha assaltato la sede di Radio Città Futura nel giorno di conduzione delle donne, le ha fatte stendere a terra, le ha colpite con una sventagliata di mitra e poi ha dato fuoco ai locali. Quattro ferite, di cui due gravi. Poi ha dato attaccato la sede del Pci dell'Esquilino, con bombe a mano e revolver, ferendo venticinque persone e rammaricandosi perché non c'erano stati morti. Qualcuno di voi conosceva queste prove di strage?

Giusva Fioravanti ha ucciso Antonio Leandri, ventiquattro anni, la cui unica colpa è stato voltarsi al saluto "avvocato" lanciatogli addosso insieme alle pallottole, che erano riservate in realtà all'avvocato Giorgio Arcangeli che aveva fatto arrestare il terrorista nero Pierluigi Concutelli, di cui però Fioravanti non conosceva se non sommariamente la fisionomia. Antonio Leandri. Qualcuno di voi ne ricorda il nome?

Giusva Fioravanti ha ucciso Maurizio Arnesano, un poliziotto di appena diciannove anni, per il solo gusto di rubragli il mitra M12. Maurizio Arnesano. Qualcuno di voi ne ricorda il nome? O quelli di Enea Cadotto e Luigi Maronese, carabinieri di venticinque e ventitre anni? Li ha uccisi Giusva Fioravanti, così come Francesco Mangiameli, camerata dei Nar e testimone scomodo per i fatti della strage di Bologna.

Giusva Fioravanti ha ordinato di uccidere Mario Amato, un giovane magistrato trentaseienne che stava dimostrando gli intrecci tra terrorismo di destra e settori deviati dello Stato. Fioravanti ha mandato Gilberto Cavallini a eseguire l'omicidio e la sera ha festeggiato a ostriche e champagne con Francesca Mambro. Mario Amato. Qualcuno ne ricorda il nome?

E degli ottantacinque morti e duecento feriti della stazione di Bologna?

No, nessun articolo di Giovanni Bianconi o del Corriere della Sera per il coraggioso giudice Mario Amato o per il povero Roberto Scialabba colpevole di portare i capelli troppo lunghi. Loro non meritano il nome stampato nel titolo d'apertura del principale quotidiano italiano a celebrare un terrorista che a cinquantuno anni si rifarà una vita grazie a un sistema mediatico che l'ha sempre coccolato, salvo diventare ferocemente giustizialista contro il primo poveraccio extracomunitario che da ubriaco falcia inconsapevolmente un altro poverocristo come lui.

Ieri sera, intanto, mi ha scritto Gabriele Mastrodonato, esponente di Blocco Studentesco e CasaPound. Dopo avermi definito "abbacchio ripieno di merda" e aver assicurato: "Io se voglio ti occupo la tua sede e ci bivacco dentro x 1 mese" ha pensato bene di aggiungere: "Dopo Terrinoni devo aggiungere anche te alla lista dei cattivoni, che gira gira la pijano, ma nn ti preoccupare, prima o poi capita, di incontrarci cosi' x caso".

Che lista è quella in cui siamo io e Terrinoni, cosa prenderemo "gira gira"?

Io so che il fenomeno neofascista è preoccupante, in particolare tra giovani e giovanissimi dilaga, la mitologia di Mambro e Fioravanti è estremamente pericolosa, la loro sostanziale impunità è un esempio pessimo.

E comunque io spero che, camminando per strada, Giusva Fioravanti si vergogni di questa sua libertà così ingiusta e cammini a occhi bassi pensando alle centinaia di vite a cui ha inflitto il più pesante dei dolori.

Spero che trovi il coraggio, prima o poi, di raccontare tutta la verità. Solo allora potrà dirsi libero anche se comunque colpevole, sapendo che i cittadini che vorrebbero un'Italia finalmente giusta e pacificata non tollerano le sue scorciatoie e considerano la sua persona un simbolo della vergogna di cui è capace di coprirsi questo paese.

http://marioadinolfi.ilcannocchiale.it/2009/08/03/il_3_agosto_con_fioravanti_in.html

lettere
r_lazio


articolo precedente           articolo successivo