antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 17.02.09
Dresda: l'estrema destra in piazza.
·
Ancora una volta, le organizzazioni neonaziste non si lasciano scappare la possibilità di costruire sulla tragedia del bombardamento di Dresda la retorica delle «vittime tedesche del terrorismo americano», producendo la più banale e semplice narrazione nazional-identitaria.
17 febbraio 2009 - Gennaro Imbriano

Venerdì 13 febbraio 2009: sono passati 64 anni da quella terribile notte in cui i caccia angloamericani rasero al suolo Dresda, monito della nuova potenza a guerra oramai finita, inutile massacro su un obiettivo che di militare e strategico aveva ben poco; vite umane e bellezze artistiche della “Firenze dell’Elba” sacrificate alla potenza del simbolico, orrore e manifestazione di grandezza da offrire minacciosa all’ “alleato” sovietico, già in cammino trionfante verso i resti della Germania nazista, cuore dell’Europa minacciato dal soffio dell’Est.

Camminando un po’ verso le strade del centro, capisci che oggi, al di là del freddo pungente e dell’aria gelida, nel buio che ha portato via da poco il sole tenue, l’atmosfera è tesa, strana, inusuale. Del resto, come potrebbe non esserlo? Oggi non è un giorno qualunque per Dresda e i suoi abitanti.
Però la città è viva, figure umane si scorgono ammassate in lontananza, verso Theaterplatz. Ma è solo polizia. Un dispiegamento enorme. È incredibile. Intorno si avverte il pericolo, l’ innaturalezza di una presenza indiscreta che parla di uno stato d’ eccezione, di un problema di ordine pubblico. Ma la gente, la gente normale, quella che gira per i centri commerciali, che siede nei bar, che affolla i caffé, forse sentendosi intimamente protetta da quella presenza, vaga tranquilla come se tutto fosse normale, come se quella extra-ordinarietà fosse possibile perimetrarla tra gli spazi tenuti sotto controllo dalla polizia, come se quello che avviene nel pezzo di città da loro ermeticamente sigillato e isolato fosse solo una brutta e scomoda verità da non guardare, da ignorare, da ridurre appunto a questione d’ordine pubblico.

Ma andiamo con ordine. Ancora una volta, le organizzazioni neonaziste non si lasciano scappare la possibilità di costruire sulla tragedia del bombardamento di Dresda la retorica delle «vittime tedesche del terrorismo americano», producendo la più banale e semplice narrazione nazional-identitaria. Ma è probabilmente proprio questa semplicità e linearità del discorso che regge e genera consensi; soprattutto nella provincia sassone, da sempre fanalino di coda dell’economia della locomotiva d’Europa, palla al piede e regalo avvelenato consegnato dalla DDR alla nuova Germania unita; disoccupazione, povertà, che crescono e si aggravano ancora di più con la crisi economica mondiale, ultimo beffardo colpo che il destino ha riservato proprio a chi era abituato alla pianificazione socialista per il “minimo” di sopravvivenza, vittima delle storture d’un regime illiberale prima e dei liberissimi colpi del mercato poi. Ma le nuove generazioni non sono affascinate dalla “Ost-algie”, dalla nostalgia del sogno socialista, quanto dal mito delle nuove destre demagogiche e «nazional-democratiche», come si definiscono; terra e lavoro ai tedeschi, solidarietà e unità del popolo, e via di questo passo.
Discorsi che in Germania Est producono un’egemonia impressionante.
Il 13 febbraio va in scena la parata dell’anno, l’appuntamento maggiore dell’estrema destra nazionale. Arrivano da tutta la provincia, da tutta la Germania, da tutta Europa. Marciano per le strade, scortati dalla
polizia, paralizzando tutto. Alle 18 circa arrivano all’Hauptbahnhof; sono un migliaio. Quella di stasera è infatti “solo” una fiaccolata; i numeri grossi ci saranno domani, alla «Trauermarsch», la «marcia del lutto», organizzata dalla JLO, la «Junge Landsmannschaft Ostdeutschland», organizzazione giovanile legata all’Npd. Quello di domani è l’appuntamento di punta delle maggiori organizzazioni neonaziste; ma alcuni militanti non ci stanno: non si può, come accade da anni, posticipare di sabato la marcia, anche se questo consente di poter contare su un maggior numero di camerati. Le vittime vanno commemorate il 13 Febbraio, il giorno in cui furono scagliate le «bombe del terrore» sulla «Hiroschima tedesca». C’è un po’ di tensione tra le organizzazioni partitiche (Npd in testa) e i giovani delle «Freie Kräfte», le «Forze libere», l’ “ala movimentista” della complessa galassia dei Neonazi, che sono oggi in piazza in mille con i loro tamburi, le loro fiaccole e le croci. Anche se si affrettano ad affermare che ma marcia di oggi non è assolutamente alternativa a quella di domani, i camerati delle «Forze libere» non ci stanno a far dettare i ritmi e i tempi del ricordo dall’agenda della politica dei partiti, anche se chiama Npd.

dresda Qualcuno è mascherato da scheletro, da “morte”, per restituire al «Gedenken», alla «commemorazione», il giusto aspetto notturno e mortifero. Non si va in piazza per interessi di partito, ma solo per le vittime tedesche, scandiscono chiaramente. Il corteo di oggi è solo l’ultimo anello di una settimana comunicativa, fatta di azioni in tutta Dresda. Lunedì e mercoledì volantinaggi in pieno centro, martedì conferenza stampa, giovedì sera si ritrovano sulle sponde dell’Elba e lasciano galleggiare sul fiume centinaia di piccole fiammelle in ricordo delle vittime. E oggi, in rigoroso silenzio, al suono macabro dei tamburi, i neri marciano con delle fiaccole in mano. «Chi ha disimparato a piangere, lo impara di nuovo con la caduta di Dresda», recita uno striscione in apertura. Intanto la società civile si prepara a reagire all’invasione dei neonazisti; in riposta al loro «Gedenken» va in scena oramai da un paio anni il «Geh Denken!», gioco di parole con il quale si invitano i nazi ad “andare a pensare”; è la manifestazione di dissenso più grande della città; società civile, partiti e associazioni democratiche e di sinistra. Saranno in piazza domani. Oggi ci sono state anche le commemorazioni ufficiali, aperte dal sindaco (Wilma Orosz, CDU), dove erano presenti anche esponenti dell’Npd, non fermati né respinti da nessuno. Proprio la loro partecipazione ha fatto sì che die Linke e l’Spd non partecipassero a questa cerimonia ufficiale.

La risposta più forte la preparano come ogni anno gli Antifa; dovrebbero arrivare da molte città, da Bremen ad Hamburg, da Berlin a Nürnberg, da Leipzig a Düsseldorf. Come lo scorso anno, hanno promesso ai nazi il loro “No pasaran!”; il loro appuntamento è per domani, davanti all’Haptbahnhof, cioè nello stesso luogo scelto dall’JLO come punto di concentramento. Lo scopo è chiaro: impedire con la forza che la marcia abbia luogo. Naturalmente la polizia è già al lavoro per evitare incontri ravvicinati; bisognerà vedere se e come riuscirà a tenere separate e distanti tutte le manifestazioni previste in città (solo 3 i cortei di “Geh Denken”, più un altro ritrovo antifascista nella Neustadt); intanto già rimbalza la notizia che il concentramento degli Antifa sarà vietato, e concesso solo molto lontano da dove si ritroveranno i nazi, per evitare ogni incontro ravvicinato. Intanto, «Keine Versöhnung mit Deutschland», «Nessuna riconciliazione con la Germania», è il nome del piccolo presidio, anche questo circondato dalla polizia, che rumorosamente si agita nel centro della città. Sono antifascisti, ma molto particolari. Si tratta dei cosiddetti «Antideutsche», un gruppo della galassia dell’estrema sinistra; le loro posizioni in fatto di antifascismo sono molto particolari, quantomeno problematiche; la loro polemica contro il nazionalismo tedesco si traduce non solo in un antinazionalismo anti-germanico assoluto, ma anche in una visione dell’ antisemitismo che li conduce a lottare contro ogni forma di nuova discriminazione contro gli ebrei, compreso quello che loro bollano come il nuovo «islamofascismo», per arrivare all’incondizionata solidarietà con lo Stato di Israle. Bandiere americane con scritto «Thank you!» e bandiere dello Stato di Israele («Solidarität mit Israel!») sventolano tra gli sglogan che scandiscono: «Nessuna riconciliazione con la Germania». La loro presenza è da tempo motivo di polemica e di separazione all’interno del movimento radicale di estrema sinistra in Germania; naturalmente il loro esplicito appoggio a Israele, anche quando si tratta di “proteggersi” militarmente dagli attacchi
palestinesi, genera non pochi problemi al resto del movimento.


Antifascisti filoisraeliani e incondizionatamente contro la matrigna e maledetta patria tedesca. Insomma, un’eruzione di cattiva coscienza e di caos ideologico. Vorrebbero anche loro fermare i nazi, ma la polizia li tiene cautamente lontani. Del resto, in ogni caso sono molto meno dei mille delle «Freie Kräfte» che sfilano per la città…forse la efficientissima polizia tedesca sta facendo un favore proprio agli «Antideutsche», piuttosto che ai neri.. Più in là, vicino alla Frauenkirche, centinaia di cittadini commemorano le vittime lontani dal frastuono di tutto ciò. E mentre queste presenze animano la serata fredda e buia di Dresda, la vita scorre più o meno regolare nei bar e dei caffè. Si aspetta che la giornata finisca, tra ricordi, strumentalizzazioni, prove di forze dell’estrema destra; si attende che la giornata finisca e che arrivi un altro giorno ad alta tensione; il clou di questa settimana sarà probabilmente domani.


Fonte: Zic. Sul sito sono presenti anche due gallerie fotografiche inerenti al tema

r_internazionale
news


articolo precedente           articolo successivo