antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti
- "Ammazza il negro", altre minacce contro la famiglia del Milanese che ha adottato senegalese

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo
- "Fermate quel concerto", gli antifascisti di Bologna contro la band Taake

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera
18.06.19 L’aggressione fascista ai ragazzi del Cinema America. E tutte le altre
14.06.19 Le scatole cinesi di CasaPound (Dossier ANPI)
10.05.19 Chi ha autorizzato la manifestazione di CasaPound a Casal Bruciato?
6.05.19 Chi è Francesco Polacchi, responsabile della casa editrice Altaforte
31.03.19 Forza Nuova e i legami con i pro vita del congresso di Verona
18.02.19 Svastica e malavita a Roma: ecco l'inchiesta che ha portato all'aggressione fascista
17.02.19 Neofascismo, cacciatori di fake news a Savona: "Quell'eccidio fantasma del monte Manfrei"
3.02.19 Nazi, ultras e tanta ‘ndrangheta.
20.01.19 Polonia Il delitto Adamowicz e il sottobosco di estrema destra

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 27.01.09
Nero Pound Bologna
·


Il movimento di estrema destra nato a Roma sfonda anche nella ex capitale «rossa». Che già da tempo non è risparmiata da azioni squadristiche. A preparare il terreno, l’avanzata del Blocco studentesco nelle scuole. Decapitata dalle inchieste Forza Nuova, gli «squatter neri» si legano agli ultras rossoblu

NERO» POUND
Bologna

Giacomo Russo Spena
Anche a Bologna approdano i «fascisti del terzomillennio» di Casa Pound. Nel quartiere Santo Stefano.
L’ennesima Tartaruga (il loro simbolo) si insedia in un quartiere "benestante" e trova terreno fertile in una città in cui nell’ultimo periodo sono aumentate le azioni squadristiche contro ragazzi dei centri sociali, studenti "alternativi", omosessuali e senzatetto.
Una vera e propria caccia al diverso che ha decapitato, a suon di processi e condanne, molti esponenti di Forza Nuova, tra cui Luigi Guerzoni responsabile cittadino e cantante del gruppo nazirock «Legittima Offesa» per una serie di aggressioni. Come nel caso dell’ultimache risale al 15 novembre dello scorso anno. Una decina di neonazisti assalgono, senza alcunmotivo, in Piazza della Mercanzia un gruppo di ragazzi: il look alternativo o i bonghi che aveva qualcuno di loro scatena la punizione dei camerati. Saranno alla fine due i feriti: il più grave, caduto a terra e calpestato, riporterà fratture al viso e una sacca di sangue dietro l’occhio. Vengono riconosciuti e arrestati 4 individui, tra cui Guerzoni e Alessandro Malaguti, detto il «Mala».
Sempre il 15 novembre due ragazze vengono insultate con frasi omofobe e prese a sassate da auto in corsa nei pressi del contro sociale Atlantide, in occasione di una festa di finanziamento per una manifestazione contro la violenza maschile su donne e lesbiche. Fatti che testimoniano come la Bologna del sindaco «democratico» Sergio Cofferati sia tutt’altro che un feudo rosso. «Questa città è da trent’anni un laboratorio di pratiche e di spontaneismo dell’estrema destra», ricorda Gianmarco, attivista del centro sociale Tpo, elencando una serie di episodi eversivi neri che caratterizzano il capoluogo emiliano. Dalla strage alla stazione del 1980, alle Falangi Armate, per finire ai primi comizi di Roberto Fiore nei primi anni ’90.
Un humus nero che negli ultimi anni trova terreno fertile nella curva calcistica dove prima all’interno dei Mods e dopo nei Felsinei (entrambi i gruppi si sono sciolti dopo una serie di denunce e daspi) si diffondono pratiche squadristiche.
Non a caso lo stadio rappresenta uno spazio «politico» di Casa Pound che, pur non avendo un suo gruppo, aveva vari adepti nei Felsinei: l’ultras fondatore del gruppo è anche un noto esponente del movimento neofascista.
A dimostrazione dell’operazione, le intercettazioni della polizia, risalenti al 17 maggio dello scorso anno, tra Alessandro Carapezzi, il referente del gruppo di naziskin, e Matteo Minonzio, che nell’organizzazione - per l’accusa - teneva i contatti con il mondo degli ultras.
«E’ un anno che sto portando davanti una baracca con quattro persone per impedire che questa curva qua diventava come il Livorno» dice il secondo, riferendosi ai tifosi del Bologna. Poi aggiunge: «Certo, in quattro persone, certo, non fai degli exploit con nessuno». E Carapezzi replica: «No, no, infatti il mio discorso eh, cioè se mi devo fare... mettere ad organizzare concertini e basta così, allora piuttosto io gliela do su e ...».
Minonzio allora afferma: «Sì, sì, sì ah no,ma è vero, cioè vuoi... e ti ripeto belle cose i concerti, belle cose tutte quelle cose lì, però qua ragazzi qua la gente si è dimenticata l’abc di cosa vuol dire... fare lo skin, nel tuo caso, ed essere un ultras...». I due concludono: «La strada e lo stadio sono la stessa cosa».
Ma i seguaci della Tartaruga non si limitano all’intervento calcistico. Nati a Roma nel 2003 e diventati un’organizzazione nazionale, dopo l’attraversamento di Fiamma Tricolore a cui ha sottratto militanti nel momento della chiusura del sodalizio, agisce in quei campi lasciati sguarniti dalla sinistra. La quale, come ammette lo stesso leader Gianluca Iannone, viene presa spesso come modello. Non a caso anche Alessandro Vigliani, attuale capo di Casa Pound Bologna, ha un passato da redskin antifascista. Così come in molte città del Paese, Blocco Studentesco, l’organizzazione giovanile, prende piede nelle scuole, con un lavoro capillare. «Fuori al liceo scientifico Fermi, uno dei più importanti della città, sono attaccati manifesti a favore della pensione sociale per i repubblichini di Salò», riferisce un ragazzo, ricordando inoltre la presentazione, nella loro sede, del dossier su Piazza Navona (quando si scontrarono a suon di bastonate con il movimento dell’Onda) e la contestazione a Beppe Grillo, accusato di aver diffuso false voci su ipotetici infiltrati della polizia tra i loro ranghi. Iniziative che stanno preparando la discesa di Blocco alle elezioni studentesche del prossimo anno.
Se i piccoli neofascisti si dedicano agli istituti medi, i grandi giocano a fare i futuristi (come loro stessi si definiscono): fontane colorate di rosso e Babbo Natali impiccati in giro per la città sono azioni per denunciare la crisi economica e lo «strozzinaggio» delle banche. Insediati da poco tempo così Casa Pound prova ad aggregare, anche se le realtà antifasciste fanno di tutto per contrastare l’avanzata di «covi enofobi e razzisti». Il mese scorso infatti salta la presentazione in piazza del libro «Io, l’uomo nero» di Pierluigi Concutelli (camerata che uccise a Roma il 10 luglio 1976 il Sostituto procuratore Vittorio Occorsio che indagava sull’estremismo di destra) per le contestazioni degli spazi occupati. Contromanifestazione che tra l’altro suscita le arrabbiature del Pd locale, il quale solidarizza coi neofascisti. Eppure le proteste «dal basso» sono le uniche che hanno risultati a Bologna: Forza Nuova dopo l’apertura di tre sedi, sistematicamente contestate fin dalla loro inaugurazione, dal 2008 non ha più una base logistica. I ritrovi diventano così le birrerie e le gelaterie. Punti d’incontro tra le diverse anime della città. Dopo una sbronza simettono da parte i distingui tra forzanovisti, attivisti della Tartaruga o semplici ultras (fascisti ma non militanti). Proprio quest’ultimi, soprattutto, nei raid xenofobi dettano le regole, come avviene un po’ dappertutto. Gli schemi del tifo infatti invadono la città, con la curva che entra prepotentemente in politica, imponendo il proprio modus vivendi: scontri e coltelli a violare l’incolumità fisica delle persone aggredite.
Una galassia nera, quella bolognese, talmente articolata che dà spazio anche ai fascisti «tradizionalisti». Come l’Associazione Edera, un «sodalizio di destra» attivo nell’organizzare dibattiti e presentazioni di libri con finalità di «promozione e diffusione dei valori spirituali e delle idee proprie della tradizione culturale europea declinata in ambito italico», cioè «la concezione che abbiamo del nostro popolo (stirpe)». E con l’approdo di Casa Pound nella città delle Due Torri, l’estrema destra alza ancor di più la voce.

G.R.S.

BOLOGNA · Oggi un convegno: «Chiudere i covi covi fascisti»

Una campagna cittadina per chiudere Casa Pound Bologna, «un vero pericolo per la democrazia» e «per l’incolumità fisica delle persone». Con queste intenzioni è convocato un convegno organizzato dal centro sociale cittadino Tpo e a cui sono invitate altre realtà antifasciste come Anpi, Mit (movimento lgbt), partiti della sinistra e singoli intellettuali. Tutti soggetti colpiti direttamente dall’avanzata dei camerati. L’appuntamento è per oggi alle ore 20,30 nella sala del Baraccano in Via Santo Stefano, non a caso a 300 metri dalla sede dei neofascisti. «Vogliamo far capire loro che non sono i ben accetti» spiegano gli organizzatori dell’iniziativa nella quale presenteranno un accurato dossier sull’estrema destra: un attento studio di tutte le realtà presenti, da Forza Nuova a, appunto, Casa Pound, passando per i naziskin squadristi della curva bolognese. Ma l’intenzione del convegno è quella di uscire dalla dinamica degli opposti estremismi che si fronteggiano. «Vogliamo organizzare una campagna che coinvolga tutti gli strati democratici della città», dice un attivista il quale segnala al dibattito la partecipazione di molti professori che racconteranno l’avanzata di Blocco studentesco,movimento giovanile all’interno di Casa Pound, nelle scuole. Anche da lì bisogna ripartire per cancellare la cultura «nera».

il manifesto 27/01/09

documentazione
r_emiliaromagna


articolo precedente           articolo successivo