antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 21.01.09
Svastiche, mazze e coltelli: perquisizioni in casa di ultrà di destra
·


Nelle loro abitazioni palle chiodate, coltelli, mazze e bandiere con la svastica
Per sette obbligo di firma. Responsabili dei disordini dopo la morte del tifoso laziale

Sandri, arsenale in casa di ultrà interisti
"Assaltarono la caserma dei carabinieri"

MILANO - Palle chiodate, coltelli, tirapugni, petardi e fumogeni, mazze con slogan inneggiati a Mussolini e bandiere con la svastica. L'arsenale era nascosto nelle case di dieci ultrà interisti che parteciparono alla guerriglia intorno allo stadio di Milano l'11 novembre 2007, dopo la morte di Gabriele Sandri. Uomini di quarant'anni e giovani di venti, operai, studenti o disoccupati, che gravitano intorno ai movimenti neofascisti, facce già note alla Digos. Nella lista anche il genovese di 24 anni che domenica scorsa, durante la partita Atalanta-Inter, ha ferito un tifoso bergamasco con un petardo.

Dopo le perquisizioni nelle loro abitazioni e il sequestro dell'armeria custodita per la maggior parte nel magazzino di uno di loro, il magistrato ha disposto l'obbligo di firma per sette dei dieci ultrà interisti, nonostante il pm avesse chiesto per loro misure più severe. A vario titolo, i tifosi sono accusati di adunata sediziosa, violenza e minaccia a pubblico ufficiale.

I loro volti compaiono tra i 500 teppisti ripresi dalle telecamere esterne della caserma della Legione dei carabinieri a Milano assaltata dopo la morte di Sandri, mentre a Roma bande di tifosi si davano alla violenza e sull'autostrada A1 si piangeva la morte di Gabbo. Lanciarono bottiglie in piazza del Duomo contro i poliziotti, sradicarono dalla strada cartelli e usarono pietre e petardi come proiettili contro gli edifici.

Coinvolti nell'inchiesta anche i due fratelli Alessandro e Franco Todisco, a capo degli Irriducibili, la fazione più dura della tifoseria nerazzurra, e Franco Caravita, leader storico della curva interista. I primi due, esponenti dell'estrema destra milanese, sono stati colpiti dalla misura dell'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, mentre il terzo è indagato a piede libero. I fratelli Todisco sono indagati insieme a un'altra coppia di tifosi fermati qualche mese fa dopo aver svaligiato un autogrill durante il ritorno in pullman da una trasferta.
(20 gennaio 2009)

Da Repubblica




MILANO mercoledì 21 gennaio 2009, 07:00

Svastiche, mazze e coltelli: retata di ultrà

di Luca Fazzo

Chissà quali sono i reati per cui Gloria Gambitta, giudice delle indagini preliminari del tribunale di Milano, ritiene che sia «giusta e adeguata» la custodia cautelare in carcere. Di sicuro non è sufficiente assaltare una caserma dei carabinieri, distruggerne i vetri a sassate, cercare di sfondarne il portone con un ariete improvvisato, incendiarne la mensa, prendere a sassate i militari che cercano di limitare i danni in qualche modo. Per gli ultrà dell’Inter protagonisti dell’assalto alla caserma «Montebello» l’11 novembre del 2007, identificati dai carabinieri dopo una lunga indagine, e per i quali la Procura aveva chiesto l’arresto, la giudice Gambitta ritiene che il carcere sia una misura troppo severa. Per evitare che si diano di nuovo a imprese del genere, è sufficiente la misura della firma in commissariato. Come dire: in fondo, sono ragazzi.
L’assalto alla «Montebello» arrivò alla fine di una giornata segnata dal sangue: quello di un tifoso, l’ultrà laziale, ammazzato da un poliziotto in un’area di servizio dell’Autostrada del Sole. Gabriele Sandri stava venendo a Milano per assistere a Inter-Lazio. Appena si capì cosa era accaduto, il ministero degli Interni sospese per motivi di ordine pubblico tutte le partite di serie A. La reazione degli ultrà arrivò immediata qua e là per l’Italia. Con particolare violenza a Roma, dove romanisti e laziali si unirono per attaccare gli «sbirri». Ma anche a Milano, dove le tifoserie di Inter e Lazio - unite da sempre nel segno della comune fede neofascista - si allearono per dare vita ad una manifestazione non autorizzata, attaccando prima il commissariato di San Siro, poi la sede Rai di corso Sempione, infine la caserma di via Monti. In testa al gruppo il leader storico della Curva Nord, Franco Caravita; nel gruppone altri personaggi noti da tempo, come i fratelli Todisco, militanti del gruppo nazi «Cuore Nero», due veterani delle violenze da stadio e della criminalità comune. Lo slogan più frequente che veniva dal corteo era «Dieci, cento, mille Raciti», macabro oltraggio al poliziotto ucciso durante gli scontri davanti allo stadio di Catania.
Per i due fratelli Todisco e per altri cinque identificati - Aldo Carone, Andrea Madini, Andrea Mauri, Emanuele Chareun e Michael Maron, finito nel frattempo in carcere per droga - i filmati realizzati e analizzati dal Nucleo Informativo dell’Arma non lasciavano spazio a dubbi sul fatto che fossero lì, nel mucchio selvaggio che urlava «buh buh, Raciti non c’è più». La richiesta di custodia in carcere presentata dal pm Piero Basilone parlava di «fatti di eccezionale gravità e sintomatici di altissima pericolosità sociale». Il giudice ci ha pensato su tre mesi, poi ha deciso che è sufficiente la firma in commissariato. Ieri mattina sono partiti avvisi di garanzia e perquisizioni.

Da Il Giornale

repressione_F
r_lombardia


articolo precedente           articolo successivo