antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 14.01.09
La Storia non si tocca
·
La Storia non si tocca

Enrico Campofreda, 13 gennaio 2009, 20:08

La Storia non si tocca
Revisionismo
Oggi, alla sala del Cenacolo della Camera, si è svolto il dibattito "Totalitarismo e democrazia", aperto da Cossutta con ferme parole a difesa della memoria storica, come primo atto di chiarimento e opposizione al progetto di legge 1360 con cui Pdl e Lega cercano di istituire un sedicente Ordine del Tricolore


Non si stravolge e si falsifica la Storia né la si piega a disegni propagandistici oltre che revisionisti. Lo hanno ribadito gli oratori del tema "Totalitarismo e democrazia" con cui, davanti a un'ampia platea riunita nella sala del Cenacolo della Camera dei Deputati, s'è svolto quello che è solo il primo atto di chiarimento e opposizione al progetto di legge 1360 con cui Pdl e Lega cercano d'istituire un sedicente "Ordine del Tricolore". Grazie ad esso il collaborazionismo filo nazista dei giovani che aderirono alla Repubblica Sociale Italiana e l'opposta lotta di Resistenza e Liberazione di civili e militari verrebbero parificate in base a presunte ‘comprensione delle scelte individuali' e ‘pacificazione'.

Forti dei numeri dei propri onorevoli nelle due Camere i partiti di governo puntano a conferire generalizzate benemerenze, 200 simbolici euro di pensione a reduci o diretti familiari e soprattutto ad azzerare le differenze fra chi combattè per una società libera e democratica e chi puntava a sostenere la follia totalitaria del Terzo Reich.

La lezione della Storia

L'ex senatore Armando Cossutta ha aperto la pubblica assemblea e, leggendo le lettere di adesione degli ex Presidenti della Repubblica Scalfaro e Ciampi che sottolineavano l'ostinazione dello schieramento politico di governo di riproporre un disegno di legge, già archiviato, contrastante coi principi della Costituzione ribaditi dalla Corte di Cassazione, ha usato ferme parole a difesa della memoria storica. "Questo progetto prospetterebbe una legge fascista e anticostituzionale che assimila i fucilatori repubblichini alle loro vittime che hanno combattuto per la libertà, non si possono offrire riconoscimenti pur postumi ai nemici della Patria". Questione toccata anche nell'intervento del Presidente Emerito della Corte Costituzionale Giuliano Vassalli "In nessuna nazione europea che ha subìto le devastazioni del nazifascismo si riabilitano giuridicamente i collaborazionisti, parecchi Paesi hanno dato vita a processi postumi non certo a onorificenze e riabilitazioni per i traditori della Patria". Aggiungendo "Se si può oggi nutrire comprensione umana sugli errori di gioventù questa non può stravolgere - come vorrebbe fare certo revisionismo in voga - il giudizio della Storia e noi come legislatori abbiamo un dovere verso il popolo e la nazione. Perciò nessuna legge può mutare una realtà dei fatti conosciuta e documentata né le scelte personali possono giustificare le perfidie e crudeltà commesse dagli aderenti alla Rsi che ricaddero sull'intera comunità. Nelle drammatiche settimane che seguirono la caduta del fascismo fino all'8 settembre '43 l'identità dello Stato italiano ruotò unicamente attorno al governo Badoglio e ai partiti del Cnl che accanto alle forze alleate sancirono i passi della liberazione. Insigni costituzionalisti di varie nazioni hanno nei decenni studiato il caso italiano che non ammette diverse interpretazioni".



Pacificazione

L'altro argomento che i firmatari del progetto di legge (fra cui brillano gli onorevoli di An Cirielli e Barani, quest'ultimo recente inauguratore in Lunigiana d'un monumento a Mussolini) è stato affrontato dalla professoressa Gioia, in vece dello storico Claudio Pavone impossibilitato a presenziare. "La breve durata della cosiddetta epurazione, la limitatezza temporale delle sanzioni e soprattutto l'amnistia dichiarata nel giugno 1946 dal guardasigilli Togliatti (all'epoca contestata da molti combattenti per la libertà perché riportava in circolazione tanti criminali di guerra, complessivamente furono 45.000 i fascisti usciti dalle galere, ndr) furono espliciti atti di pacificazione". Un partito neofascista, denominato Movimento Sociale Italiano, fu costituito alla fine di quello stesso anno, lo diressero Almirante, Romualdi, Caradonna, Rauti ex aderenti alla Rsi gravemente implicati in collaborazionismo e attività antipatriottica. E sul concetto di Patria la professoressa non ha alcun dubbio sostenendo come il 25 luglio e l'8 settembre 1943 sono date simbolo che testimoniano quale fosse la continuità dello Stato "Nessuno storico ha mai confuso i due fronti né si può sostenere che i combattenti fossero eguali solo perché impugnavano un'arma". Quindi il suo grido d'allarme: "Un Paese che s'avvia all'azzeramento della memoria, alla distorsione dei fatti mette a rischio anche il futuro della propria democrazia. E la sfiducia, il distacco dal mondo civile, l'intolleranza che si diffondono fra le giovani generazioni derivano proprio dalla scarsa conoscenza della Storia". Un pericolo che anche la deputata Marina Sereni, della Commissione Difesa della Camera e il giovane antifascista di Reggio Emilia Alessando Frignoli hanno richiamato "In nessun caso è immaginabile un riconoscimento onorifico pubblico per i collaboratori della Wermacht che erano nemici". Occorre continuare a ricordarlo: erano i giovani della Decima Mas e delle Brigate Nere adibiti ai rastrellamenti antipartigiani e attivi anche nelle stragi di civili nascoste negli armadi d'una "pacificata" vergogna, erano i cultori della morte, che cercavano bella coi teschi sui berretti. Per gli infiniti lutti che addussero al popolo italiano il governo Berlusconi vuole offrirgli simbolica pensione e onoreficenza.

http://www.aprileonline.info/notizia.php?id=10539

news
r_nazionale


articolo precedente           articolo successivo