antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 13.11.08
Razzismo/ Ultra-destra Boccacci, da Movimento politico a'Militia'
·
Razzismo/ Ultra-destra Boccacci, da Movimento politico a'Militia'
Dalle candidature alle denunce contro Geronzi

Roma, 12 nov. (Apcom) - Ancora un fascicolo, una indagine, a carico di Maurizio Boccacci. L'ormai 52enne molte volte ex esponente di questa o quella formazione o partito della destra cresciuta o sviluppatosi negli ultimi anni all'ombra del Colosseo. La Digos della polizia di Stato lo ha denunciato per la violazione della legge di Mancino, in relazione alla serie striscioni a firma 'Militia' affissi nelle ultime settimane, in diverse strade della Capitale. Secondo quanto riferito dagli organi investigativi, Boccacci si sarebbe anche assunto le proprie responsabilità. Entro la fine della settimana, quasi certamente, il pm Diana De Martino lo interrogherà.

Anche se quasi certamente il caso si dovesse chiudere, a breve, con una richiesta di procedere nei confronti di Boccacci, non sembra questa la vicenda capace di riportare un po' di luce su quello che fino a metà degli anni '90 veniva considerato come uno degli ideologi più rappresentativi dell'area skin head con nostalgie per il fascismo ed il nazismo. In ogni caso per il leader e padre fondatore del disciolto Movimento Politico Occidentale è sicuramente una sorta di medaglia, di riconoscimento,l'esser stato denunciato per la violazione della legge Mancino. In forza di quel provvedimento, anni fa, la Procura di Roma smantellò e mise sotto processo decine e decine di appartanenti all'area con "capelli rasati e poche idee in testa", come scrisse in occasione dei primi blitz Indro Montanelli.

Sui siti internet di riferimento per chi ha il cuore che batte a destra, da ladestra.info a vivamafarka, non ha acceso il dibattito la nuova avventura del vecchio protagonista. Vuoi perché dopo un recente passato all'interno della Fiamma Tricolore, in direzione nazionale, Boccacci ha rotto con l'area movimentista e capace di convogliare entusiasmo negli ultimi anni, quella frutto delle cosiddette "occupazioni non conformi", Casa Pound e simili. Il distacco, la rottura anche personale, con i portavoce dello "spontaneismo" non è seguito un passaggio con la "destra in giacca e cravatta". La presenza, in Campidoglio, di Gianni Alemanno non ha facilitato, per Boccacci, l'ingresso nella politica che conta, dopo tanti guai.

Per questo forse - ritengono i bene informati - c'è stata la campagna degli striscioni. Con gli attacchi al sindaco di Roma, al presidente del senato Renato Schifani, al portavoce della comunità ebraica romana. La stessa formazione Area Identitaria Romana ha rotto i ponti con Boccacci. Lui, bancario, già sindacalista della Cisnal, da sempre residente in provincia di Roma, nella zona dei Castelli Romani, negli utlimi tempi, aveva ridato vita ad una cooperativa che si occupa di sociale. Nel '99 si era candidato a sindaco di Frascati. Dopo questo punto si registrano tante prese di posizione, qualche corsa elettorale e un po' di tranquillità. I suoi arrivi e poi gli addii nei partiti della destra a destra di Alleanza nazionale sono la storia minima di un mondo che fatica ad essere qualcosa di diverso da solo neofascista.

Boccacci arriva, fa conoscere i giovani ai vecchi e poi viene mandato via", racconta una persona che negli ultimi tempi gli è stata molto vicino, "prima di discuterci". E' stato lui tra i primi - in base a molti osservatori del mondo ultras - a portare la politica di destra all'interno delle curve, ad unire le tifoserie di Roma e Lazio, Inter e Milan, in nome della filosofia dello scontro con le forze dell'ordine, del "non mollare mai", a far nascere quell'oltranzismo in cui hanno attinto in molti, prendendo voti e consenso. Per Boccacci i precedenti di polizia sono molti, quelli penali molto meno. E' presente in quasi tutte le manifestazioni che tra il '93 ed il '97 fanno scendere in campo gli skin. Organizza i presidi di solidarietà per Erich Priebke, in occasione del processo, davanti al tribunale militare, e viene nominato in questa o quella inchiesta che riguarda cani sciolti del neofascismo che si macchiano di questo o quel reato.

Dal punto di vista delle vittorie, piccole e grandi, certamente a favore di Boccacci, si deve ricordare il processo, nel 2003, dell'allora numero uno della Banca di Roma-Capitalia, Cesare Geronzi, e altri 14, tra funzionari e dirigenti dell'istituto di credito. La vicenda venne poi archiviata, risolta, per intervenuta prescrizione. Ma quell'accusa per il banchiere era nata proprio a causa di un esposto di Boccacci. E al centro delle verifiche finirono presunte anomalie sulla classificazione di crediti per alcune migliaia di miliardi di lire indicati sotto la voce 'sofferenze' invece che in quelle dei 'crediti vivi' o 'partite incagliate' (in altre parole, con prospettive di rientro).

http://notizie.alice.it/notizie/cronaca/2008/11_novembre/12/razzismo_ultra-destra_boccacci_da_movimento_politico_a_militia,16821951.html




ROMA: MAURIZIO BOCCACCI DENUNCIATO DALLA DIGOS PER...(RPT)

(ASCA) - Roma, 12 nov - E' il cinquantaduenne Maurizio Boccacci, gia' leader del disciolto Movimentio Politico Occidentale l'uomo denunciato dalla Digos perche' identificato come l'autore degli striscioni a firma ''Militia''. Una informativa in tal senso e' stata consegnata questa mattina al Procuratore Capo di Roma Giovanni Ferrara ed al Sostituto procuratore Diana De Martino. La persona e' stata denunciata per violazione della cosiddetta Legge Mancino, che contiene misure in materia di discrimanazione razziale, etnica e religiosa, Boccacci, convocato dal dirigente della Digos Lamberto Giannini in Questura, ha reso al funzionario ''ampie dichiarazioni, assumendosi la paternita' e la responsabilita' delle azioni dell'esposizione di striscioni a firma del gruppo 'Militia', sigla che avrebbe ideato dopo essere fuoriuscito dal movimento sociale Fiamma Tricolore'' informa una nota della Questura. Boccacci ha, pero', disconosciuto solo la paternita' dello striscione con su scritto ''Minime in italia: Milano -1; Castevolturno -6'' ma a firma sempre ''Militia'' esposto sulla Tangenziale Est, pressi Verano il 24 settembre scorso. Lo stesso Boccacci, nella serata di ieri, dopo essere stato indagato in stato di liberta', ha lasciato gli Uffici della Digos romana.

repressione_F
r_lazio


articolo precedente           articolo successivo