antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Modena, "Torna nel tuo paese" aggredito a bastonate e colpi di machete
- Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Torino «È inaccettabile processare gli studenti per antifascismo»
- Bologna In piazza Carducci solo gli antifa
- Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
27.10.20 Sicilia: Galassia nera, ultrà e capipopolo: ecco chi soffia sul fuoco dell’ira
21.10.20 Il popolo no mask che nasconde l’ultradestra
19.09.20 Ultras Lazio, la sede di Diabolik sarà sgomberata, il cerchio sulla morte si stringe
2.09.20 Fascisti, no-vax e complottisti di QAnon: chi sono i negazionisti in piazza il 5 settembre
28.08.20 Ribelli, mercenari e faccendieri: l’italiano Elio Ciolini alla conquista del Centrafrica
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 30.09.08
Fano Ds aggrediti, nei guai i dirigenti di Forza Nuova
·
Corriere Adriatico-30 settembre 2008
Altri tre, tra cui Mirco Rosati, accusati dei danneggiamenti a manifesti e bacheche. Inchiesta della Digos
A giudizio il coordinatore regionale Marco Gladi. Secondo la procura fu lui il picchiatore
Ds aggrediti, nei guai i dirigenti di Forza Nuova


LORENZO FURLANI

FANO - Aveva recisamente negato un coinvolgimento del movimento politico nell’aggressione di stampo squadrista ai due giovani dirigenti dei Ds e addirittura aveva messo in dubbio la veridicità dell’episodio.
Ma della notte di violenza e paura vissuta da Luca Serafini e Samuele Mascarin, tra il primo e il 2 febbraio 2007, nel centro storico di Fano è chiamato a rispondere proprio lui, Marco Gladi, il coordinatore regionale di Forza Nuova.

Il responsabile marchigiano del movimento di estrema destra - che all’epoca aveva annunciato querele per diffamazione contro lo stesso Serafini e il sindaco Aguzzi colpevoli di aver messo in relazione l’aggressione ai due giovani diessini con la presenza a Fano di Forza Nuova - è stato rinviato a giudizio dalla magistratura pesarese con l’accusa di lesioni personali e danneggiamenti aggravati. L’imputazione si riferisce, oltre
ai calci e ai pugni sferrati al segretario comunale dei Ds Serafini e al dirigente nazionale della Sinistra giovanile Mascarin (nel frattempo confluiti entrambi nella Sinistra democratica mentre i Ds si sono sciolti nel Pd), anche ai manifesti strappati e alle bacheche del partito lesionate in quel periodo di violenta polemica politica per le iniziative promosse da Forza Nuova.

Il processo si svolgerà nel 2009 nella sezione fanese del Tribunale. Marco Gladi (che ha 30 anni ed è di Falconara Marittima) non è l’unico imputato: l’inchiesta riguarda
anche Mirco Rosati, 39 anni di Fano (all’epoca segretario provinciale di Forza Nuova, dalla quale in seguito è fuoriuscito), Mirco Conti, 38 anni di Fano, e Davide Ditommaso, 33 anni di Cartoceto. Questi ultimi tre sono accusati solo dei anneggiamenti alle bacheche e ai manifesti dei Ds.

Le indagini sono state svolte dalla Digos di Pesaro che dopo undici mesi di accertamenti consegnò un corposo dossier alla procura della Repubblica di Pesaro: il pubblico ministero Maria Letizia Fucci ne ha tratto le conseguenze giudiziarie. Le accuse si reggono in parte sul riconoscimento fotografico dei componenti del commando che quella notte incrociò i due dirigenti della sinistra, i quali camminavano lungo corso Matteotti. Secondo il racconto degli aggrediti era l’una di notte, un’auto scura arrivò da via Garibaldi, il finestrino si abbassò e l’individuo all’interno chiese al segretario dei Ds: “Sei tu Serafini?”. Alla risposta affermativa cinque giovani, giudicati dall’aspetto neofascisti, schizzarono fuori dalla vettura, uno colpì con un pugno Serafini, Mascarin schivò un calcio e fuggì lungo via San Francesco inseguito dal picchiatore, a sua volta rincorso da Serafini. A un centro punto l’aggressore tornò sui suoi passi e trovandosi di fronte Serafini lo colpì ancora. In questo modo la violenza fisica fece di nuovo irruzione, dopo decenni, sulla scena politica fanese.

Il questore rassicura il sindaco Aguzzi e la città
“Concluse le indagini sulle frange estremiste”

FANO - Il questore tiene la guardia alta non solo sui rischi di infiltrazioni mafiose ma anche sulla violenza della frange politiche estremiste che da qualche tempo hanno fatto registrare un preoccupante allarme nel nostro territorio: nel primo caso di tratta di prevenzione, nel secondo di repressione.

“Ogni tanto il sindaco di Fano - osserva il questore Benedetto Pansini - richiama l’attenzione delle forze dell’ordine sugli episodi di violenza politica che sono accaduti a Fano. Nella prossima riunione fanese del comitato provinciale per l’ordine pubblico e la sicurezza avrò cura di informarlo che la Questura non è certo inerte, tanto che le indagini sono a buon punto anche sugli avvenimenti più recenti mentre riguardo all’aggressione ai due giovani dirigenti dei Ds avvenuto nel febbraio del 2007 sono già stati rinviati a giudizio i presunti responsabili.
Così rassicurerò lui e tutta l’opinione pubblica fanese”.

La prossima tappa fanese del comitato itinerante per la sicurezza è prevista il 14 ottobre, in quell’occasione dunque si parlerà anche della tensione politica e della violenza attribuita a esponenti dell’estrema destra. A questo proposito il questore rivendica la decisione da lui assunta nel febbraio del 2007 quando per ragioni di ordine pubblico - dopo l’aggressione subita da Serafini e Mascarin con la solidarietà espressa da tutto il mondo politico ai due dirigenti della sinistra e la conseguente altissima tensione - vietò il corteo di Forza Nuova che avrebbe voluto commemorare le vittime delle foibe con una fiaccolata e il successivo comizio in piazza del segretario nazionale Roberto Fiore le. La manifestazione si svolse un mese dopo senza incidenti.

repressione_F
r_marche


articolo precedente           articolo successivo