antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Modena, "Torna nel tuo paese" aggredito a bastonate e colpi di machete
- Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Giulietti: "La Costituzione antifascista non è in lockdown, guai se la Rai dà spazio agli squadristi"
- Torino «È inaccettabile processare gli studenti per antifascismo»
- Bologna In piazza Carducci solo gli antifa
- Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
23.01.21 Neonazisti. Gruppi armati sono presenti anche in Italia
23.01.21 Il delirio del suprematista di Savona: “Hitler come Cristo guida luce”. La missione di una guerra la razziale “contro negri e degenerati”
19.12.20 Casapound: convegni, nuovi slogan e alleanze elettorali. L'idillio tricolore tra la "tartaruga nera" e Meloni
19.12.20 L'ultradestra torna a casa: abbandona Salvini e abbraccia Fratelli d'Italia
12.12.20 Report: Cinque sfumature di nero 07/12/2020
10.12.20 Anastasia, la setta bio-nazista che spaventa la Germania dalla nostra corrispondente
3.12.20 I vecchi mostri La destra estrema è qui per restare, ma non si deve smettere di combatterla
12.11.20 Neonazisti, franchisti e ultradestra: la rete fascista che cavalca le proteste in tutta Europa
9.11.20 Stati Uniti, i 940 "gruppi d'odio" che mettono in stato d'allerta l'Fbi dopo la sconfitta di Trump
8.11.20 Chi c’è dietro il gruppo di Giorgia Meloni
6.11.20 Covid, se l’ultra destra arruola negazionisti e capi delle proteste
27.10.20 Sicilia: Galassia nera, ultrà e capipopolo: ecco chi soffia sul fuoco dell’ira
21.10.20 Il popolo no mask che nasconde l’ultradestra
19.09.20 Ultras Lazio, la sede di Diabolik sarà sgomberata, il cerchio sulla morte si stringe
2.09.20 Fascisti, no-vax e complottisti di QAnon: chi sono i negazionisti in piazza il 5 settembre
28.08.20 Ribelli, mercenari e faccendieri: l’italiano Elio Ciolini alla conquista del Centrafrica
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Report: Il virus nero
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 19.07.08
Lettera del Comitato Madri per Roma Città Aperta in risposta al piano di sicurezza del Sindaco Alemanno
·
Al Sindaco di Roma

Abbiamo appreso dalla stampa il suo piano di sicurezza per far vivere i cittadini di Roma più tranquilli e sereni. Abbiamo letto di 4000 pistole ai vigili urbani e di circa 300 militari distribuiti nelle periferie romane. E ancora sgomberi ai centri sociali.
Il piano sembra indirizzato a controllare una parte della città che lei sente sua nemica. E che il suo metodo sia preferibilmente quello della repressione.
Anche il nostro Comitato di Madri per Roma Città Aperta si è costituito sul tema della sicurezza. Un giovane ingegnere romano di 26 anni, Renato Biagetti è stato accoltellato dopo un concerto di musica reggae a Focene da due giovani del posto di 17 e 18 anni.
Noi madri, che non disponiamo di apparati di sicurezza come vigili urbani armati e soldati per proteggere i nostri e i figli degli altri, giovani che ascoltano musica e lavorano, abbiamo scelto di lavorare in un altro modo. Lavoriamo con il dialogo democratico, mettendo al primo posto il rispetto della vita e delle diversità. Ci farebbe piacere se lei volesse prendere in considerazione la nostra esperienza di madri e tentasse di risolvere il problema della sicurezza prioritariamente attraverso il confronto con le tante realtà che compongono il corpo sociale della nostra città..
Provi a considerare le occupazioni di spazi pubblici degradati, e abbandonati come proposte sociali, economiche e culturali.
Provi a considerare, come ha fatto in occasione delle impronte ai bambini rom, di vedere un bambino prima di vedere un delinquente.
Provi a considerare i cittadini come una società da cui farsi rispettare e non temere.
Noi pensiamo che, con tali fattivi accorgimenti, la percezione di sicurezza di cui tanto si parla forse sarebbe rafforzata.
La violenza non è solo quella diretta, del pugno, dello stupro, della coltellata, ma è anche quella strutturale di un intero sistema a danno delle categorie economiche e sociali più fragili (come nel caso dei rom e degli immigrati) e quella culturale, la più subdola e devastante. Su quest’ultima si basano i regimi dittatoriali ed è questa che porta a volere l’eliminazione del diverso.
In questo momento a Roma la violenza è di tutti e tre i tipi ma l’opinione pubblica vede solo la prima. L’autorità pubblica e di governo alimenta, a nostro parere, questa lettura e ritiene che si possa agire solo in forma autoritaria, non considerando un aspetto: i gruppi che vengono considerati una minaccia per la sicurezza ( rom e non solo), provocano la minaccia o subiscono il degrado? Non si cerca di distinguere fra buoni e cattivi, si sceglie di usare la forza per tutti e per ogni occasione.
A nostro parere bisogna invece partire dai bisogni e avviare subito procedure per risolverli.
Le chiediamo quindi di farci sentire sicuri in una “città aperta”, in serenità e non perché fuori nella strada ci sia un vigile urbano armato e un militare volontario nelle cui regole di ingaggio Bagdad o Roma sono considerati alla pari. Ricorrere alle armi serve solo ad acuire i problemi, non certo a cercare soluzioni.

Madri per Roma Città Aperta

madrixromacittaperta.noblogs.org
madrixromacittaperta@libero.it

lettere
r_lazio


articolo precedente           articolo successivo