antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 9.07.08
Verona: raid nazista al cimitero ebraico
·


Da Il Manifesto

POLITICA & SOCIETÀ
pagina 05
apertura

RAZZISMO

Verona, raid nazista al cimitero ebraico
Mentre il governo prosegue imperterrito con la militarizzazione delle città, la schedatura dei rom e la guerra alle moschee, nel nord-est non si fermano le provocazioni neofasciste. Come nella città del sindaco Tosi, dove ora tocca alla comunità israelita cittadina subire deliranti minacce antisemite. Nel silenzio generale
Dopo l'omicidio Tommasoli, svastiche e scritte contro ebrei, rom e centri sociali. Il comune le fa sparire e nasconde tutto
Paola Bonatelli

VERONA

«Sporchi ebrei», «Ebrei luamari siete peggio della Chimica», «Chimica al forno, ebrei e rom come contorno» ma anche «Perini luamar» e «Perini morto». Luamari in dialetto veronese sta per letamai, La chimica è il centro sociale con sede abbattuta dall'amministrazione del leghista Flavio Tosi, Perini è il capogruppo del Pdci in consiglio comunale, riconfermato segretario del partito al congresso provinciale di domenica scorsa con ampia rilevanza sulla stampa cittadina. Il tutto scritto con bombolette di colore nero e arancio fluorescente sulle mura che circondano lo storico cimitero ebraico di Verona, in borgo Venezia, a pochi passi dalla Mondadori e due strade più in là dell'asilo comunale occupato dalla Chimica e raso al suolo dalle ruspe del Comune, come da promessa elettorale dell'attuale sindaco. Sul posto, avvisata dal custode ieri di prima mattina, è arrivata subito la Digos e poi la Scientifica. Il tempo necessario per avvisare la Comunità ebraica e per compiere i lavori di rilievo e poi, la mattina stessa, gli operatori dell'Amia, l'azienda municipalizzata locale, hanno cancellato lo sfregio. Nessun fotografo, né giornalista, nessuna telecamera a riprendere le scritte e le svastiche (disegnate al rovescio). Un tempismo eccezionale, se si pensa che, per le scritte antifasciste fatte durante la manifestazione del 17 maggio scorso, il sindaco chiese i danni agli organizzatori e poi disse che le avrebbe fatte cancellare a spese dell'amministrazione (ma molte sono ancora lì).
«Io le ho fotografate - dice il presidente della Comunità ebraica Carlo Rimini - ma è meglio che le abbiano cancellate, erano anche sgrammaticate e pasticciate, un imbrattamento molto esteso ma anche confuso. Noi non abbiamo sporto denuncia ma credo che la segnalazione sia fatta d'ufficio». Il dirigente della Digos Luciano Iaccarino conferma: «Abbiamo immediatamente segnalato l'accaduto alla Procura e anche a Roma, al Ministero. Non sono le scritte neonaziste classiche, quelle nere coi caratteri runici per intenderci, siamo di fronte a modalità nuove e le indagini sono ovviamente appena iniziate». Ma la notizia è circolata in fretta, anche perché molti cittadini del quartiere le hanno viste mentre si recavano al lavoro. Nel pomeriggio sono stati diffusi due comunicati, uno del rinato Comitato di quartiere e l'altro del Circolo Pink-glbt, che è, tra l'altro, tra gli organizzatori della manifestazione del 17 maggio per l'assassinio di Nicola Tommasoli, ammazzato da cinque giovanissimi ultras dell'Hellas con simpatie neofasciste. E se i due comunicati, oltre ad esprimere solidarietà agli «obiettivi» delle scritte, collegano l'accaduto da una parte al «clima di paura instaurato in città da alcuni professionisti della paranoia e della falsa sicurezza» (leggi Lega e soci), dall'altra al «ritorno alle pratiche naziste, alle ronde notturne, alle forme di pulizia etnica, alla caccia al diverso in una città che ha una giunta che legittima e finanzia gruppi integralisti e di estrema destra», il più preoccupato è sicuramente Graziano Perini. Il figlio Luca è stato picchiato due volte, lui è stato minacciato sia con scritte sui muri che per la strada, accusato di «rovinare l'immagine della città».
Il custode lavora al cimitero ebraico da venticinque anni e lo ama come un figlio. Ieri mattina ha pulito con la spazzola del trapano la svastica disegnata sulla stella di Davide fuori dal cancello del cimitero. Il luogo è in realtà un grande giardino, come quasi sempre i siti di sepoltura degli ebrei, che i Romani chiamavano "Horti judeorum": «Qui - racconta - ci sono anche tombe sette-ottocentesche che prima stavano in un'altra zona, più vicina alla città. Questo cimitero esiste dal 1856. Quando sono arrivato era semi-abbandonato, non si poteva nemmeno camminarci intorno. Negli ultimi vent'anni abbiamo subito vari sfregi ma mai di questa portata e con scritte di questo tenore, con parole in dialetto, simboli sbagliati ma soprattutto con l'accostamento tra gli ebrei, i rom e i centri sociali. Sembrano fatte da gente improvvisata ma, secondo me, dietro c'è qualcuno che soffia sul fuoco. Comunque è tutto molto triste perché la gente non ha più memoria», sospira, e tira fuori un suo scritto in cui ricorda quando, bambino, vedeva passare le tradotte per il fronte russo e dello choc subìto quando vide uscire dalla stazione di porta Vescovo i carri bestiame chiusi con le mani dei prigionieri aggrappate ai finestrini di sfiato, le urla che imploravano acqua e i soldati nazisti sui predellini dei vagoni. «Forse per questo era destino che finissi qui», conclude, chiudendo il cancello.
Sono le impronte raccolte lunedì a piazza Esquilino, a Roma,
nel banchetto organizzato dall'Arci. Ora tutte queste «macchie» d'inchiostro saranno inviate al ministro Maroni.



da www.larinascita.org
News Pdci

SCRITTE NAZISTE A VERONA

La federazione provinciale dei Comunisti Italiani denuncia l'ennesima manifestazione neonazista a Verona. Infatti, sulle mura del cimitero degli Ebrei sono apparse scritte che inneggiano alla violenza verso la comunità Israelitica e i comunisti, in particolare verso il segretario provinciale dei Comunisti Italiani nonché consigliere comunale, Graziano Perini. Siamo indignati per queste provocazioni che richiamano un clima di violenza che secondo noi è alimentato dalla politica razzista della giunta Tosi. Infatti appena domenica scorsa nel corso del nostro congresso provinciale denunciavamo il razzismo e le varie forme di discriminazione che hanno reso invivibile la nostra città sul piano dei diritti e della tolleranza. Siamo come sempre a difesa della legalità, della democrazia e della Costituzione della Repubblica nata dalla resistenza.Richiamiamo le istituzioni e le forze dell'ordine affinché si ristabilisca a Verona un clima realmente democratico




09/07/08
COMUNICATO STAMPA FGCI VENETO

A VERONA ENNESIME MINACCE FASCISTE AL CONSIGLIERE COMUNALE DEL PDCI
I NOSTRI COMPAGNI OGNI GIORNO A RISCHIO DELLA VIOLENZA NERA,
NON STAREMO A GUARDARE.

Ancora una volta lo squadrismo neofascista a Verona si è mosso per distruggere e offendere. Deturpato il cimitero ebraico con scritte minacciose verso rom, ebrei e comunisti. Sono ricomparse anche le scritte personali contro il consigliere comunale dei Comunisti Italiani, Graziano Perini.
"Perini morto", "Perini luamar" che potrebbero ritenersi semplice vandalismo se non fosse che suo figlio già due volte è stato aggredito e pestato da squadracce nere, che le minacce gli vengono fatte spesso per strada o da strani figuri che lo aspettano all'uscita del municipio e che la sua casa è sotto protezione delle forze dell'ordine.
Nel 2008, in una Repubblica che è nata dalla sconfitta del fascismo, ci devono ancora essere dei coraggiosi combattenti che portano avanti le loro idee e scoperchiano le contraddizioni del potere rischiando la propria incolumità e fronteggiando violenza e minacce.
Nel consiglio comunale di Verona è presente la Fiamma Tricolore, con il suo esponenete Andrea Miglioranzi. La copertura politica del sindaco leghista Tosi verso questi cani rabbiosi è esplicita e dichiarata. Speriamo che almeno le forze dell'ordine, dato che le istituzioni non lo faranno, facciano giustizia di questa vergogna.
In Veneto ciò che sta portando avanti Graziano Perini con un coraggio davvero comunista è la punta più visibile di una battaglia capillare, in ogni città, che i nostri compagni devono portare avanti contro le minacce e la boria dei gruppi neofascisti e delle teste rasate sempre pronti ad attaccare. Una attività politica che in alcuni centri come a Treviso dobbiamo fare sempre sincerandoci di essere pronti a tutelare la nostra incolumità.
La FGCI veneta porta avanti questa battaglia senza arretrare di un passo, bisogna ritessere il tessuto democratico che per anni ha tenuto queste scorie isolate e represse. Non c'è minaccia che ci possa distogliere da questo compito: dobbiamo costruire un comitato antifascista in ogni città.
In tutto il Veneto è già in distribuzione per i cittadini e per i ragazzi di sinistra "Il bestiario del neofascismo in Veneto", una guida con nomi e cognomi, indirizzi, modalità d'azione, coperture politiche dei gruppi neofascisti in Veneto. Da Forza Nuova, a Fiamma Tricolore al Veneto Fronte Skinhead. Uno strumento per conoscere, far conoscere e difenderci.
www.barricate.it

per la Federazione Giovanile Comunisti Italiani del Veneto
il coordinatore regionale
Alessandro Squizzato




Comunicato stampa della federazione di Verona del Partito dei Comunisti Italiani

La federazione provinciale dei Comunisti Italiani denuncia l'ennesima manifestazione neonazista a Verona.

Infatti, sulle mura del cimitero degli Ebrei sono apparse scritte che inneggiano alla violenza verso la comunità Israelitica e i comunisti, in particolare verso il segretario provinciale dei Comunisti Italiani nonché consigliere comunale, Graziano Perini.

Siamo indignati per queste provocazioni che richiamano un clima di violenza che secondo noi è alimentato dalla politica razzista della giunta Tosi.

Infatti appena domenica scorsa nel corso del nostro congresso provinciale denunciavamo il razzismo e le varie forme di discriminazione che hanno reso invivibile la nostra città sul piano dei diritti e della tolleranza.

Siamo come sempre a difesa della legalità, della democrazia e della costituzione della Repubblica nata dalla resistenza.

Rispetto alla vicenda e alle ripetute intimidazioni, anche personali, ad esponenti politici comunisti e non, richiamiamo le istituzioni e le forze dell'ordine affinchè si ristabilisca a Verona un clima realmente democratico.

Verona, 8 luglio 2008

Partito dei Comunisti Italiani

Federazione di Verona

www.comunisti-veronesi.org





Atalmi (Comunisti Italiani ): basta minacce e violenze fasciste a Verona

Voglio esprimere tutta la mia preoccupazione per le minacce a Verona contro la comunità ebraica, i giovani del locale centro sociale e il consigliere comunale Perini.

Ad essi va tutta la nostra solidarietà politica ed umana.

Il Sindaco Tosi, che per troppo tempo ha sostenuto ed è stato sostenuto dall'estrema destra scaligera, alimentando il clima di odio ed intolleranza in città, dovrebbe assumersi le proprie responsabilità per l'imbarbarimento del clima politico in città.

Chiediamo alle autorità, dal Prefetto al Questore, di farsi garanti dell'agibilità democratica in città.

Consigliere Regionale
Comunisti Italiani

vandalismi_minacce
r_veneto


articolo precedente           articolo successivo