antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 17.05.08
Stupidi motivi
·

Ho letto stamattina la lettera(*) di ringraziamento dell’assessore Di Meo ai medici di Belcolle che si sono prodigati nelle cure del figlio, scampato a più sciagurate aggressioni come quella recente di Verona come in altre città, Roma ad esempio, dove nel 2006 venne ucciso il 26enne Renato Biagetti, figlio di nessun assessore e non iscritto ad un bel niente, all’uscita di un concerto a Focene.

Scorri-bande con vittime ma non di “stupidi motivi”. Sarebbe come a dire che domani sabato a Verona, chi andrà in piazza, lo farà per chiedere giustizia in risposta a ragazzate, bravate…

Ricollego le dichiarazioni del ragazzo giovanissimo, colpito da violenze di stampo nazi fascista a Viterbo, una delle tante fortuitamente emerse: quasi si dichiara complice di un gioco, filmato per giunta e andato un po’ troppo in là...

In là dove, qual’è questa deriva che vede famiglie ammutolite di fronte a nemici ovunque, altri da sè, altri dalla propria casa? Non è buttando sotto il tappeto che possiamo andare avanti, e lo dico da donna e da madre e da cittadina e non è ammissibile che un genitore provato e figura rappresentativa possa liquidare con parole scritte e animate certo da dolore e timore, quali: “un atto violento per stupidi motivi ha portato via un ragazzo dell’età di mio figlio e come padre, rispetto a loro purtroppo, mi posso ritenere fortunato, perché ho ancora mio figlio. Questo non vuol dire che dobbiamo arrenderci, ma dobbiamo chiedere con forza che coloro che commettono atti gratuiti di barbarie e violenza debbano essere severamente puniti perché non è concepibile che ciò avvenga e sono certo che all’ottimo lavoro fatto dai medici segua un altrettanto riscontro da parte della giustizia”.

O sperare e chiedere e delegare alla giustizia, ordine e controllo, senza capire perchè questi nostri “bravi” ragazzi, sono cresciuti con quelli “cattivi” e sentirci tranquilli perchè rincasano, magari illesi, fosse pure tardi senza aver capito che la campanella della ricreazione è suonata da un pezzo, come il gioco, che non è più tale davvero?

Ma la politica ci parla di squadre, discese in campo, vincitori e vinti, intolleranze e violenze di Altri, partite da giocare, ronde.
Forse dovremmo ritornare a scuola, quella vera, come faceva il Maestro Manzi, che ahimè non c’è più, ma rimangono le sue azioni e quelle dei provveditori che lo sospesero otto volte dall’insegnamento per ripetuti ammutinamenti didattici.

Il Manzi extra-televisivo era la disperazione degli ispettori. Si rifiutava di insegnare storia “perché un bambino di dieci anni non ha ancora un chiaro concetto di spazio e tempo”.
Aveva letto Piaget, lui: gli ispettori forse no.
Sospeso da cattedra e stipendio. Si rifiutava di dare i voti. Si rifiutò anche di dare i “giudizi”, quando arrivarono: “I bambini cambiano, ma i giudizi restano nero su bianco, non posso bollare un ragazzo per sempre”.

Sui primi moduli, per rabbia, scrisse “merda”: sospeso ancora.
Allora si fece confezionare un timbro con la scritta “Fa quel che può, quel che non può, non fa”, “didatticamente ineccepibile”, e stampigliò pagelle in serie.
Sospeso di nuovo.
Non piegato:“ Continuai a scrivere quella frase a mano sui moduli”.

Tento anch’io, come sempre e con nuovi mezzi tecnici, di dire che non è mai troppo tardi.

16 maggio 2008

Doriana Goracci

http://www.womenews.net/spip3/spip.php?article2180


(*)

Da www.maremmaoggi.it/

16/05/2008

Lunedì 12 maggio u.s. è stato nuovamente operato mio figlio Giovanni a seguito dell’infame violenza subita il 15 Luglio 2007 all’interno della discoteca Arabesque di Civita Castellana.

Nuovamente sono a ringraziare il direttore del reparto maxillofacciale dell’Ospedale di Belcolle, dott. Claudio Taglia, che con la propria professionalità ha finito di sistemare i problemi fisici che aveva mio figlio.

Grazie anche a tutti i medici e paramedici per l’alta professionalità e umanità che hanno nel riguardo di tutti i pazienti, grazie a Claudio, Andrea, Maurizio, Giulio e a tutti coloro che insieme costituiscono un dream team.

Punti di eccellenza presenti a Belcolle, come il reparto maxillofacciale, obbligatoriamente vanno valorizzati e credo rappresentino uno dei punti di forza della sanità viterbese, da sostenere sempre.

Purtroppo fatti di violenza come quello subito da Giovanni non sono cessati ma anzi sono un fenomeno che dobbiamo porci come problema per garantire l’incolumità ai nostri ragazzi; in questi giorni, e credete non è retorica, il pensiero da padre è andato ai genitori di Nicolò di Verona, perché un atto violento per stupidi motivi ha portato via un ragazzo dell’età di mio figlio e come padre, rispetto a loro purtroppo, mi posso ritenere fortunato, perché ho ancora mio figlio. Questo non vuol dire che dobbiamo arrenderci, ma dobbiamo chiedere con forza che coloro che commettono atti gratuiti di barbarie e violenza debbano essere severamente puniti perché non è concepibile che ciò avvenga e sono certo che all’ottimo lavoro fatto dai medici segua un altrettanto riscontro da parte della giustizia.

Io e mio figlio Giovanni saremo sempre riconoscenti per quanto fatto da Claudio Taglia e da tutti i medici del reparto.

Stefano Di Meo

lettere
r_nazionale


articolo precedente           articolo successivo