antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo
- "Fermate quel concerto", gli antifascisti di Bologna contro la band Taake

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera
18.06.19 L’aggressione fascista ai ragazzi del Cinema America. E tutte le altre
14.06.19 Le scatole cinesi di CasaPound (Dossier ANPI)
10.05.19 Chi ha autorizzato la manifestazione di CasaPound a Casal Bruciato?

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 19.02.05
03/05 ass. antifa ferrara
·

Migliarino, mobilitazione antifa in occasione del raduno dei reduci della XMas

Il 19 marzo a Migliarino, paese di circa 5.000 abitanti della bassa ferrarese, nostalgici e simpatizzanti del fascismo: reduci della Decima flottiglia Mas e “nuovi” fascisti per il settimo anno consecutivo si raduneranno nel paese.
Dapprima questo triste spettacolo era stato camuffato, neppure troppo bene, come commemorazione dei caduti della repubblica di Salò , infatti il programma prevede solitamente una messa celebrata in una chiesetta, la deposizione di una corona floreale ai piedi del monumento ai caduti della I° guerra mondiale (che si trova di fianco alla locale stazione dei carabinieri) e la visita in cimitero alla tomba di quattro loro caduti (nella battaglia del ponte della bastia).
Non staremo qui a sindacare sul diritto o meno di “onorare” i “propri” morti, come da più voci rivendicato (anche a sinistra), tanto ci sembra stupida e priva di senso questa usanza, sta di fatto, comunque, che questo motivo è servito da preteso per una sorta di appuntamento tradizionale che peggiora di anno in anno: un vero e proprio raduno di neofascisti e nazi-boneheads!
Non si tratta tanto di quattro vecchi fascisti, anche perché ogni anno fortunatamente ne crepa almeno uno ( a proposito, è morto il bastardo reduce della x-mas che abitava a Migliarino), il problema piuttosto è che parallelamente alla diminuzione per cause naturali di questi vecchi assassini ogni anno ha visto l’aumento di fascisti più giovani, per lo più aderenti a “forza nuova (merda vecchia)” e gruppi affini.
Quindi non si ha a che fare solo con chi sta per divenire cibo per vermi ma con un sottobosco organizzato che non esita ad usare il ricorso a tirapugni e manganelli.
Questa è l’immondizia che ogni anno si riversa sulle strade di Migliarino.
Tra reduci e rasati segnaliamo inoltre la presenza dei militari della folgore, evidentemente memori delle radici fasciste del loro battaglione (come per il battaglione San Marco, per intenderci!).
L’anno scorso, all’atto della deposizione della corona, i porci si sono esibiti nel meglio del loro repertorio: saluti romani, cori, bandiere e simboli del ventennio, provocazioni e quant’altro potete immaginarvi, fino ad arrivare al contatto con un gruppo isolato di compagni, il tutto protetti e scortati dal numero spropositato di pulotti (che forse si sentivano in famiglia) intervenuti in tal numero da blindare il paese e le vie di accesso principali.
Per ben sei anni sono state fatte assicurazioni sul “corretto” svolgersi della parata nostalgica, per intenderci niente apologia di fascismo ma ogni anno abbiamo visto come queste bugie siano servite più che altro per far restare a casa quegli antifascisti che ingenui credono ancora alle stronzate istituzionali. L’anno scorso si arrivò ad affermare che la manifestazione era stata vietata, invece i fasci, giunti da Bologna, Modena, Ravenna, Rovigo, Parma e Forlì, in una sessantina, arrivarono in macchina e fecero quel che vollero, mentre i controllati e fotografati eravamo noi (un centinaio).
L’anno prima i pulotti della digos vollero vietare un corteo di protesta con il risultato che sfilammo comunque; da allora non abbiamo più chiesto il permesso a nessuno.
Cosa possiamo fare per far si che questo settimo anno sia anche l’ultimo?
Innanzi tutto non credere alle notizie”ufficiali” o “ufficiose” delle autorità, sappiamo da quali ideali siamo mossi prefetto e questore da cui dipendono le decisioni per ogni manifestazione politica e non sono affatto dissimili da quelli che animano i camerati in camicia nera.
Non confidare su organi quali ANPI o Rifondazione comunista, almeno per quanto concerne l’azione diretta e la difesa fisica da potenziali attacchi fascisti o polizieschi.
L’anno scorso la deposizione della corona fu fatta il 20 marzo, l’anno prima il 22 sempre di marzo e sempre di sabato e anche i precedenti anni ci si aggirava su quelle date, forse perché il 23 marzo è l’anniversario della fondazione dei fasci di combattimento e al sabato in paese c’è il mercato.
Pare comunque che il 19 sia stato scelto dai fasci anche perché dovrebbe esserci una manifestazione nazionale contro la guerra in Iraq: invitiamo nel caso i compagni a non andarci e ad aderire invece SENZA RISERVE al presidio antifascista di Migliarino.
Anche quest’anno manifesteremo il nostro dissenso, anche il più rude, senza patteggiare il diritto di farlo con nessuno, scegliendo come interlocutori non gli uomini di stato o di partito a cui non crediamo e che ci ispirano solamente disprezzo, ma i singoli individui, gli abitanti del territorio, i militani, convinti che l’antifascismo non sia quel simulacro di se stesso rispolverato solamente nelle scadenze ufficiali ma rappresenti invece una disposizione che ci dovrebbe accompagnare ogni giorno.
Quello che spaventa di più non è né la spavalderia dei fasci, né la faziosità degli sbirri – del resto non abbiamo mai pensato ad attitudini antifasciste di polizia ed istituzioni – quello che inquieta è che tutto ciò possa passare sotto silenzio, o peggio, che si possano sottovalutare questi episodi.
Negli anni passati gli abitanti di Migliarino intervenuti al presidio di protesta furono pochissimi, preferirono continuare a fare le loro stupide compere al mercato, come nulla fosse.
Questo è il vero pericolo ed indica quanto ancora il tessuto sociale sia intriso di ignoranza, superficialità, noncuranza per gli accadimenti della propria vita, quando non sta ad indicare un pizzico di nostalgia verso certi periodi della storia.
Quest’anno se vogliamo cercare di raggiungere un risultato e cioè la fine di queste parate è indispensabile darci realmente da fare: l’informazione è basilare e deve girare il più possibile, i compagni devono esserne messi al corrente al più presto; contattare e coinvolgere il maggior numero di persone possibile, sia sul territorio provinciale che non!
In attesa di informazioni più dettagliate possiamo e dobbiamo cominciare a muoverci affinché la merda fascista termini di lordare Migliarino.

SABATO 5 MARZO 2005 ORE 17:30:
ASSEMBLEA ANTIFASCISTA per discutere
la mobilitazione per sabato 19 marzo a Migliarino
allo SPAZIO OCCUPATO DAZDRAMIR,
viale Alfonso I d’Este n°13, FERRARA
(dietro il montagnone, zona san Giorgio)
alicezzz@hotmail.com

CHI E’ LA DECIMA MAS:

La decima flottiglia mas (motoscafo anti sommergibile) nacque all’inizio della seconda guerra mondiale, il suo nome deriva dalla decima legione romana, la preferita di Giulio Cesare.
Operante con il motto”Per l’onore!”.
E rifacendosi agli stilemi Dio, Patria, Famiglia.
La xmas fu il primo reparto italiano che dopo l’annuncio dell’armistizio dell’8 settembre’43 decise volontariamente di continuare l’alleanza con la germania nazista.
Il comandante della decima mas era il principe Junio Valerio Borghese, poi aderente al M.S.I. nel dopoguerra (sino a diventare presidente onorario nel ’51), fondatore del gruppo neofascista “Fronte Nazionale” nel ’68 e protagonista, la notte del 7 dicembre’70, di un tentato golpe militare.
La xmas, pur essendo un’unità di marina, svolse prevalentemente azioni su terra, in particolare rastrellamenti di partigiani ed elementi antifascisti, azioni spesso culminanti in torture, deportazioni e uccisione degli arrestati, il tutto in stretta collaborazione con la soldataglia tedesca.
Diversi gli atti di violenza addebitati alla decima, tra questi quello di Valmozzola (Pr) con l’esecuzione di 8 partigiani catturati; di Crocetta del Montello (Tv) con sei partigiani uccisi ed altri seviziati (denunciati, frustati e cosparsi di benzina per la “prova del fuoco”); di Castelletto Ticino (Pv) con cinque ostaggi uccisi; di Borgo Ticino (No) con dodici ostaggi uccisi: più una serie di saccheggi ai danni della popolazione.
A quanto pare per la loro spavalderia ferocia preoccupava addirittura i dirigenti della R.S.I. (Repubblica Sociale Italiana) se in un “appunto per il Duce” scritto dal prefetto di Milano si può leggere: “Furti, rapine, provocazioni gravi, fermi, perquisizioni, contegni scorretti rappresentano quasi la caratteristica speciale di questi militari”.
Certo, noi toglieremo il “quasi”!
Nel dopoguerra, borghese, pur essendo stato il comandante di una delle formazioni più esagitate del fascismo e pur continuando ad andar fiero della sua scelta di collaborare con i nazisti, si vide infliggere appena tre anni di carcere dalla giustizia borghese mentre alcuni antifascisti continuavano a marcire nelle patrie galere, cosicché uscito poté ben presto riprendere la sua attività di porco fascista a cui abbiamo accennato.

manifestazioni antifa
r_emiliaromagna


articolo precedente           articolo successivo