antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 5.05.08
Verona: arrestati altri due aggressori neonazisti
·

VERONA: ARRESTATI ALTRI DUE AGGRESSORI NEONAZISTI

Sono stati catturati nella notte altri due giovani veronesi che risultano essere i complici di Raffaele Delle Donne, l’aggressore che ha ridotto in fin di vita Nicola Tommasoli. I due hanno confessato pienamente. E’ in corso una conferenza stampa in Questura. (AGI)

(05 maggio 2008 ore 11.19)


unione sarda

Aggressione Verona, altri due arresti
Si chiamano Guglielmo Corsi e Andrea Visentini. Il pestaggio era partito dopo che la vittima si era rifiutata di offrire una sigaretta. Secondo il sostituto procuratore Francesco Rombaldoni la politica non ha niente a che fare con l’episodio. L’intera città è incredula

Sono stati catturati ieri sera altri due componenti della banda di balordi che ha aggredito il giovane veronese. Si chiamano Guglielmo Corsi, 19 anni, metalmeccanico, e Andrea Vesentini, 20, promoter finanziario. Altri due sono ricercati dalle forze dell’ordine e presto potrebbero consegnarsi di loro spontanea volontà. Ieri mattina era già stato fermato uno degli autori del pestaggio del primo maggio scorso. Sono ormai state accertate le corcostanze che hanno causato l’episodio: la vittima, un tecnico di 29 anni, si era rifiutato di offrire una sigaretta, scaturendo la violenta reazione degli aggressori. Intanto dopo la brutale aggressione di Nicola Tommasoli, Verona adesso ha paura. I cittadini sono sconcertati per ciò che è accaduto, e chiedono pene certe per gli aggressori: “Hanno fatto una cosa ignobile – dice il proprietario di un bar del centro – non rappresentano assolutamente questa città”. “Per questi personaggi ci vorrebbero pene più severe – dicono in coro i veronesi che passano strada – Ora non bisogna dimenticare troppo in fretta l’episodio”. Il segretario del Pd, Walter Veltroni, ha voluto commentare la vicenda ed è stato molto duro: “Si tratta di una brutale aggressione di tipo neofascista che non può e non deve essere sottovalutata”. Dal canto suo il Sindaco di Verona Flavio Tosi difende la città da lui amministrata: “Questa città non è fascista, né è neofascista la stragrande maggioranza dei veronesi. Non è colpa dei singoli magistrati, ma del sistema se non esiste la certezza della pena. A volte basterebbero anche pochi giorni di carcere per far capire al bullismo giovanile che c’è una punizione, mentre oggi i bulli sanno che le loro violenze restano sostanzialmente impunite”.


repubblica

iLa cattura nella notte dopo la confessione di un terzo complice
Secondo gli inquirenti a scatenare l’aggressione non sarebbero stati motivi politici
Verona, presi altri due aggressori del giovane pestato selvaggiamente
Hanno 20 e 19 anni, nella notte hanno confessato: la politica non c’entra
Ancora ricercati altri due membri del gruppo che ha ridotto in coma Nicola Tommasoli

Verona, presi altri due aggressori
del giovane pestato selvaggiamente

Il luogo del pestaggio a Verona
VERONA – La Digos della Questura di Verona ha fermato altri due giovani in relazione al brutale pestaggio di Nicola Tommasoli, ricoverato all’ospedale Borgo Trento di Verona dopo essere stato selvaggiamente picchiato la notte del 30 aprile. Interrogati nella notte in questura, i due avrebbero ammesso le loro responsabilità convincendo la magistratura a trasformare il fermo in arresto nel carcere veronese di Montorio.

Si tratta di Guglielmo Corsi, 19 anni, metalmeccanico, e Andrea Vesentini, 20, promoter finanziario, bloccati in un paesino ad una ventina di chilometri di distanza da Verona, a Illasi. Gli altri due del gruppo non ancora arrestati sono ricercati ma già identificati. Conosciuti con i soprannomi Pero e Tabuio, risultano fuggiti all’estero con l’auto della madre di uno di loro, ma non è escluso che presto si costituiscano alla Digos veronese. “Mi auguro che si consegnino presto, liberandosi del peso come hanno fatto gli altri tre”, ha spiegato il vicequestore Vincenzo Stingone.

Per tutti l’accusa è di lesioni personali gravissime. Gli investigatori ritengono infatti che le responsabilità dei componenti del quintetto siano le stesse per tutti. “Ancora dobbiamo ricostruire esattamente la dinamica dell’aggressione – ha detto il dirigente della Digos di Verona Luciano Iaccarino – Questi ragazzi ammettono la partecipazione all’aggressione e ognuno fornisce la propria versione”.

La cattura è stata resa possibile dopo che ieri un giovane aveva confessato di essere uno degli autori dell’aggressione di Tommasoli, 29 anni, picchiato e ridotto in fin di vita nel centro di Verona solo perché si era rifiutato di offrire una sigaretta. Raffaele Dalle Donne, 19 anni, interrogato dal magistrato Francesco Rombaldoni, titolare dell’inchiesta, è un ultrà neofascista già responsabile di aggressioni a sfondo razzista e violenze negli stadi. “Vorrei essere il padre della vittima anziché il padre di mio figlio”, avrebbe detto ieri tra le lacrime il padre di Raffaele Dalle Donne, al momento dell’arresto del figlio.

I tre arrestati sono tutti giovani di buona famiglia che frequentano lo stadio, la curva sud del Bentegodi, e che hanno sporadicamente partecipato a manifestazioni di estrema destra. Malgrado la marcata connotazione politica degli aggressori, secondo quanto illustrato dagli investigatori nel corso di una conferenza stampa, a scatenare il pestaggio sarebbero stati motivi futili. “Il pestaggio – ha detto il questore di Verona, Vincenzo Stingone – non è avvenuto per motivi politici ma per motivi futili. Per quel che ne sappiamo fino adesso il motivo scatenante è stato proprio quella sigaretta negata ai cinque giovani ultras”.

(5 maggio 2008)

news
r_veneto


articolo precedente           articolo successivo