antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 26.04.08
Furlan ai servizi sociali. 15 omicidi rivendicati come Ludwig
·

LUDWIG, FURLAN ESCE DAL CARCERE
VENEZIA – Il veronese Marco Furlan, 48 anni, che in coppia con Wolfgang Abel aveva dato vita alla formazione neonazista ‘Ludwig’, è stato affidato in prova ai servizi sociali dal tribunale di sorveglianza di Milano. Con la sigla ‘Ludwig’ erano stati rivendicati, tra il 1977 e il 1984, 15 omicidi: tra le vittime barboni, preti, prostitute, omosessuali. Condannato a 27 anni di carcere Furlan, attraverso il suo legale, l’avvocato milanese Corrado Limentani, aveva chiesto la semilibertà, cioé di poter lasciare il carcere di giorno per tornarvi la notte e nei fine settimana. Il pronunciamento dell’organismo giudiziario – scrivono alcuni quotidiani – ha anticipato di un anno la scarcerazione, superando anche le più rosee aspettative della difesa. Furlan dovrà rispettare comunque una serie di obblighi. Tenendo conto dei quattro anni di carcerazione preventiva, di tre indulti e della buona condotta, il veronese sarebbe uscito l’anno prossimo, scontati 19 anni. Wolfgang Abel – ritenuto dalla perizia psichiatrica l’elemento trascinatore – e Marco Furlan, secondo quanto emerso dalle indagini agivano in coppia.

La concessione dell’affidamento ai servizi sociali a Marco Furlan è stata fatta dal tribunale di sorveglianza di Milano oltre che per il venir meno della pericolosità sociale, anche perché dal momento che il fine pena per il detenuto è nel gennaio del 2009, non c’erano i tempi tecnici per la concessione della semilibertà che, di norma, è un passaggio per ottenere l’ affidamento. Lo ha spiegato il legale di Furlan, Corrado Limentani. Furlan lavorerà in una società di informatica e non potrà uscire la notte. Furlan fu arrestato con Abel il 4 marzo dell’84 dopo aver cercato di dar fuoco alla discoteca ‘Melamara’ di Castiglione delle Stiviere (Mantova). Uscito dal carcere per scadenza dei termini nell’88, fuggì dalla dimora obbligata e fu nuovamente arrestato il 7 maggio del ‘95. In precedenza i giudici di sorveglianza avevano sempre respinto la concessione di qualsiasi beneficio.

ansa


Caso Ludwig: Marco Furlan, 15 omicidi
fra il 1977 e il 1984, affidato ai servizi sociali
Marco Furlan e Wolfgang Abel

VENEZIA (23 aprile) – Il veronese Marco Furlan, 48 anni, membro insieme a Wolfgang Abel della formazione neonazista Ludwig, che tra il 1977 e il 1984 ha rivendicato 15 omicidi, è stato affidato in prova ai servizi sociali dal tribunale di sorveglianza di Milano. Condannato dalla Corte d’Appello di Venezia, presieduta da Nicola Lercario, il 10 aprile del ‘90, a 27 anni di carcere Furlan, attraverso il suo legale, l’avvocato milanese Corrado Limentani, aveva chiesto di poter lasciare il carcere di giorno per tornarvi la notte e nei fine settimana.

L’organismo giudiziario ha però deciso di non concedere la semilibertà, ma piuttosto di anticipare la scarcerazione. Il serial killer, che sarebbe dovuto uscire dal carcere a inizio 2009, dovrà rispettare comunque una serie di obblighi. Tra questi Furlan dovrà lavorare in una società di informatica e non potrà uscire la notte.

Ludwig. Formazione neonazista responsabile di 15 omicidi, le cui vittime sono nella maggior parte dei casi barboni, preti, prostitute e omosessuali. Il primo omicidio compiuto da Furlan e Wolfgang Abel risale al 25 agosto 1977 quando il barbone Guerrino Spinello venne bruciato nella sua Fiat 126 a Verona. Il 17 dicembre 1978, venne ucciso il cameriere Luciano Stefanato, omosessuale, a Padova. Quasi un anno dopo, il 12 dicembre 1979 venne ucciso con una trentina di coltellate il tossicodipendente Claudio Costa a Venezia. La coppia di assassini seriali uccise poi nel 1980 l’ex prostituta Alice Maria Baretta a Vicenza a colpi di ascia e di martello.

Il 25 novembre dello stesso anno i due rivendicarono per la prima volta questi delitti col nome di Ludwig, inviando una lettera a Il Gazzettino. Il 25 maggio 1981 diedero alle fiamme la Torretta di Porta San Giorgio, ricovero per sbandati e senza casa. Nell’incendio morì il diciassettenne ospite Luca Martinotti. Il 20 luglio 1982 uccisero a martellate i frati Gabriele Pigato e Giuseppe Lovato, a Vicenza. Il 26 febbraio 1983 uccisero a Trento il sacerdote don Armando Bison, che venne trovato con un punteruolo sormontato da un crocifisso. Il 14 maggio 1983 diedero fuoco al cinema a luci rosse Eros di Milano, dove morirono sei persone e trentadue rimasero ferite. L’8 gennaio 1984 appiccarono un incendio alla discoteca Liverpool di Monaco; nel rogo morì una persona e altre sette rimasero ferite. Il 4 marzo 1984 i due si recarono alla discoteca Melamara di Castiglione delle Stiviere in provincia di Mantova, dove si trovavano quattrocento ragazzi, la maggior parte dei quali mascherati per la festa di carnevale. Introdussero nel locale due taniche di benzina ma vennero notati da un addetto alla sicurezza mentre versavano la benzina sulla moquette e consegnati alla polizia.

Da quel momento ebbe inizio la trafila giudiziaria che il 10 febbraio 1987 portò alla condanna di entrambi a trent’anni di carcere, mentre il pubblico ministero aveva chiesto per entrambi l’ergastolo; a entrambi inoltre venne riconosciuto un vizio parziale di mente. Il 15 giugno 1988 la Corte d’Assise d’Appello di Venezia rimise in libertà entrambi per decorrenza dei tempi di carcerazione e ordinò a Furlan il soggiorno obbligato in un paese in provincia di Padova. Furlan nel frattempo fuggì; fu catturato solo nel maggio del 1995 a Creta sotto falso nome e venne riportato in Italia; intanto l’11 febbraio 1991 la Corte di Cassazione lo aveva condannato a 27 anni di carcere in contumacia; nella stessa occasione anche Abel fu condannato a 27 anni.

messaggero

repressione_F
r_veneto


articolo precedente           articolo successivo