antifa home page

Il Progetto

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Ufficiale: Bologna vieta gadget e spazi pubblici a fascisti e razzisti
- Niente piazze ai fascisti sull'Appennino Bolognese, la sfida di Forza Nuova: "Presto in piazza"
- Livorno, Lega organizza comizio a teatro. Lavoratori scioperano per protesta: “Candidato xenofobo e omofobo”
- Liberi e Uguali si rifiuta di partecipare alla Tribuna elettorale Rai con CasaPound
- A Treviso piazze e sale pubbliche vietate all’estrema destra
- Porto San Giorgio Letame e colla nella serratura. Lo sfregio a poche ore dall'incontro con i candidati di Casapound
- Cortei antifascisti in tutta Italia: a Milano studenti sul monumento di Garibaldi, a Roma segnalati 18 militanti di Forza Nuova
- Pisa Corteo contro Salvini, giornata di violenza: cariche della Polizia
- Torino Scontri al corteo antifascista contro CasaPound, manifestanti respinti con gli idranti
- Sala con la Boldrini: “Chiudere gruppi e movimenti fascisti”. De Magistris: “Chi aspettano Minniti e il governo?”
- Corteo dei centri sociali anti-Casapound, scontri a Napoli
- Venezia, presidio antifascista contro il comizio di Forza Nuova Centinaia di manifestanti

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
4.04.18 Esclusivo: caccia ai soldi della Lega
2.03.18 I camerati abusivi di CasaPound: parenti e amici vivono gratis nel centro di Roma
1.03.18 Ma Pasolini non stava con i poliziotti
26.02.18 Chi sono i candidati di Forza Nuova: poliziotti, picchiatori, nostalgici delle SS e figli di mafiosi
26.02.18 Roberto Fiore: “Magistrati di Palermo deviati come 40 anni fa”. Quando Falcone voleva interrogarlo per il caso Mattarella
14.02.18 Trasformisti, fascisti, impresentabili e ras delle clientele: ecco le liste al Sud di Matteo Salvini
1.02.18 Ritratto del neofascista da giovane
30.12.17 La leggenda dell’«architettura fascista»: un dibattito distorto su memoria e spazio urbano
28.12.17 Fascisti su Facebook, a gestire i gruppi neri ci sono anche i poliziotti
21.12.17 Saluti romani in consiglio comunale a Gorizia e chiamata alle armi a Trieste
20.12.17 La Galassia Nera: i gruppi e le associazioni che ruotano attorno a Lealtà Azione
20.12.17 I segreti di Roberto Fiore, il fascista a capo di Forza Nuova Terrorista nero.
10.12.17 Chi ha pagato Forza Nuova: retrospettiva 2001 sulle origini. "L' accusa del dossier C' è un livello occulto"
8.12.17 Se CasaPound entra anche nelle scuole: la sua associazione studentesca ha 200 rappresentanti in Italia
6.12.17 Fascisti su Facebook, ecco i gruppi segreti con cui la galassia nera fa proseliti sul web
18.11.17 Milano L'avanzata neofascista, l'estrema destra tra periferie e lotte interne
16.11.17 La violenza di CasaPound a Ostia
15.11.17 Tutti i soldi e le società di CasaPound e Forza Nuova: così si finanziano i partiti neofascisti
9.11.17 Ostia, le bugie di CasaPound su Roberto Spada e quegli affari della leader Chiaraluce
7.11.17 La bolla di Casapound ad Ostia e l’eccezionalizzazione dei fascisti
5.11.17 Forza nuova Holding 2: Così ha provato a piazzare anche un quadro di Gauguin
4.11.17 Forza Nuova Holding: dai dentisti ai compro-oro, il tesoro milionario dei "poveri patrioti"
2.11.17 Tartarughe frecciate e inquinamento nero
27.10.17 Ex Forza Nuova:"Ora vi spiego Fiore e a che servono le ronde"
26.10.17 L'alleanza nera degli ultras romani: il caso Anna Frank è solo l'ultimo episodio

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

Ricerca per parole chiave | Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 14.04.05
Una Bolzaneto Clandestina - fascismo di stato per i tifosi livornesi
·

feature di indymedia toscana

Una Bolzaneto Clandestina

La giornata di domenica 10 aprile e quella di lunedì 11 saranno ricordate per l’istituzione di una Bolzaneto clandestina allestita per la tifoseria del Livorno, notoriamente antifascista e antirazzista.

Bolzaneto perchè la strategia e il comportamento delle forze dell’ordine hanno ricalcato i comportamenti cileni inaugurati in occasione delle giornate di Napoli e perfezionati in occasione di quelle del G8 genovese. Clandestina perchè il media mainstream, diviso tra i pezzi di colore sulle tifoserie e criptici lanci d’agenzia su ciò che stava accadendo, ha sostanzialmente smorzato l’attenzione sulla vicenda. Solo nella serata del 10 aprile, astutamente il ministro Pisanu ha deviato l’attenzione generale parlando di stadi da chiudere a causa di “tifoserie violente” badando bene ad evitare un serio bilancio sui fatti di Roma avvenuti prima, durante e dopo Livorno-Lazio.

Le perquisizioni a carattere intimidadorio manganelli puntati, insulti, gente completamente spogliata con vestiti sequestrati perchè “di chiara simbologia politica” sono cominciate dal mezzogiorno della domenica fino a quindici minuti prima della partita.
Sono stati sequestrati tutti gli striscioni antifascisti (ma anche bandiere e felpe lasciando gente seminuda), compreso quello in ricordo della strage del Moby Prince, mentre svastiche, celtiche e croci uncinate hanno potuto tappezzare l’Olimpico.

Ma gli eventi drammatici sono cominciati alla stazione San Pietro di Roma a treno fermo.

La polizia, secondo numerose testimonianze raccolte, ha inondato i vagoni di gas lacrimogeni e urticanti che hanno creato una pesantissima situazione sanitaria sul treno con malori e principi di asfissia poi ha violentemente caricato dentro vagoni senza risparmiare colpi e usando ogni mezzo per aprirsi dei varchi. Tutte le persone sono state catturate, ammanettate e messe in ginocchio sul marciapiede del binario. Secondo diverse testimonianze i comportamenti nei confronti dei fermati sul posto sono stati dei piu’ pesanti con pestaggi
e minacce delle peggiori.

Una volta portati in 250 in Questura ecco la notte alla Bolzaneto: pestaggi gratuiti alla gente che dormiva ammassata sul pavimento, intimazioni del tipo “canta Faccetta nera” seguite da minacce, manganelli passati sul corpo delle ragazze per mimare uno stupro, aggressioni improvvise per terrorizzare: il copione già consolidato nel 2001.

I rilasci, in un clima di preoccupazione per possibili e annunciati agguati di fascisti fuori dalla questura, sono avvenuti alla spicciolata.

A Livorno già montano le prime proteste.


Contributi dal newswire: [1]

Audio:
[1]
[2]
[3]
[4]


repressione
r_toscana


articolo precedente           articolo successivo