antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Torino «È inaccettabile processare gli studenti per antifascismo»
- Bologna In piazza Carducci solo gli antifa
- Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
19.09.20 Ultras Lazio, la sede di Diabolik sarà sgomberata, il cerchio sulla morte si stringe
2.09.20 Fascisti, no-vax e complottisti di QAnon: chi sono i negazionisti in piazza il 5 settembre
28.08.20 Ribelli, mercenari e faccendieri: l’italiano Elio Ciolini alla conquista del Centrafrica
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 18.03.08
Piovono pietre - corteo anniversario Dax
·

PIOVONO PIETRE

<>
< preoccupatevi vedrete che ci sarà il sole…>>
Infatti. Fino alle 17 e 30 il tempo regge bene, anche con qualche spiraglio di sole. Piazza Vetra è già popolata da decine e decine di compagni e compagne, tanta gente conosciuta, un po’ di tutti i giri. Tanti anche i giovani e super giovani, forse attratti dal concerto. Si mangia, si beve si ride e si scherza e c’è un po’ di preoccupazione per il corteo. Tutto deve andar bene, Milano ha bisogno di un bel corteo, che ci dia quella forza costruttiva, quell’entusiasmo e quella spinta necessaria per riprendere agibilità in questa città così paralizzante. Il problema della partecipazione numerica sembra superato visto le presenze, ma un buon corteo non è fatto solo di grandi numeri. C’è l’anima, lo spirito, la tensione emotiva che lo caratterizza, insomma c’è una questione di qualità che non dipende solo da quello che fai (azioni, attacchinaggi, volantinaggi, …) ma da come quel momento viene sentito/vissuto da ognuno.

Sulle note degli RFT il cielo comincia a farsi nero, nero, sullo sfondo i lampi lo squarciano con sempre più frequenza, lo scenario è molto HC. Contemporaneamente anche alcune facce diventavano sempre più scure:
L’iniziativa in merda per la pioggia!!!!!! Che fare? Muoviamoci,
facciamolo subito prima che venga giù l’acquazzone. Ok. cominciamo a sbaraccare, caricare sul furgone le cose, predisporre telo per riparare l’impianto. Ok. Siamo pronti. In quel momento comincia a piovere a dirotto, alla pioggia segue la grandine, e che grandine!! Piovono pietre di ghiaccio. E’ un fuggi fuggi generale, qualcuno se ne va a casa, altri si riparano sotto, gli alberi, i portici o nei bar intorno, mentre sul furgone i monzesi reggono eroicamente il telo per difendere l’impianto. Una
situazione surreale, una tempesta di grandine mai vista prima, qualcosa di eclatante… . Di fronte a quel cataclisma allo sgomento iniziale subentra, piano piano, una sorta di entusiasmo, di voglia di reagire, con quel pizzico di follia necessario ad affrontare le intemperie. Appena sembra che la sassaiola di grandine si sia placata un po’, qualcuno prende lo striscione e comincia ad urlare CORTEO!! CORTEO!! Così, dopo un secondo di esitazione la gente si mette in strada, esce dai bar e dai ripari. Si parte, gridando tutti insieme “DAX è VIVO…”. Riparte anche la fitta grandine che ci bastona ben bene, rispondiamo urlando ancora più forte. La
gente dalle vetrine guarda allibita, gli sbirri se ne stanno lontani
cercando di ripararsi con gli scudi. Il corteo continua al sfilare, unito, compatto, determinato, rabbioso, dietro lo striscione “Con Dax nel cuore.
16/03/2003 – 16/03/08”.

Superata Piazza 24 Maggio la grandine piano piano si placa e, in un attimo non piove neanche più. La luna torna a rischiarare il cielo. Andiamo in Brioschi. L’iniziativa riprende come da programma e si conclude in via Gola con un fragoroso applauso.
“Ripigliamo sti sassi, ripigliamo le strade che conosciamo!” così
Davide aveva scritto in una lettera datata dicembre 2002. E i sassi ci sono arrivati dal cielo, forse per scuoterci un po’, noi, i compagni di Milano, che ci sentiamo talmente indeboliti da aver faticato anche a decidere di organizzarlo questo corteo. Forse per dirci che uniti si vince, e l’unione si crea nella battaglia, con la rabbia e la voglia di lottare.
Chi ha scelto di andarsene se n’è andato, chi è rimasto è
rimasto fino alla fine, anche se fradicio, stanco e infreddolito. E
nessuno, se potesse tornare indietro e scegliere, avrebbe cambiato con una giornata di sole.

“La rivoluzione è un fiore che non muore”

con Dax nel cuore

lettere
r_lombardia


articolo precedente           articolo successivo