antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 5.02.08
8 febbraio iniziative per la memoria e contro ogni fascismo
·

8 FEBBRAIO 2008 – INIZIATIVE PER LA MEMORIA E CONTRO OGNI FASCISMO,
RAZZISMO ED INTOLLERANZA

L’8 Febbraio i soliti gruppi di neofascisti tenteranno di strumentalizzare la storia, le tragedie ed i morti per portare avanti la loro infame propaganda.

Un gruppo studentesco dichiaratamente neofascista (come verificabile sul loro stesso sito, e come ampiamente documentato dal dossier preparato dagli studenti democratici negli scorsi mesi) e protagonista di numerose aggressioni nelle scuole della città, ha indetto una manifestazione che ritiene di poter “commemorare i martiri delle foibe” dando vita ad una parata in camicia nera.

La manifestazione, inoltre, terminerà al teatro brancaccio – dove è previsto un sedicente convengo dall’emblematico titolo “istria slovenia dalmazia, anche le pietre parlano italiano”. Convegno senza alcun profilo storico organizzato dall’Ufficio di Presidenza della Consulta degli Studenti, organismo che tutte le associazioni democratiche studentesche ritengono illegittimo dopo le elezioni inficiate da brogli ed azioni squadriste.

Un convegno autoreferenziale, che tenta di trasformare la storia in propaganda, presso cui convergerà una sfilata di vessilli e slogan fascisti.
Questo è lo scenario che qualcuno sta disegnando per Venerdì 8 Febbraio.

Laddove la memoria e la coscienza sono in crisi, si insinua chi vuole usare il disagio per i propri biechi scopi. E, per farlo, ha la necessità di scrivere un’altra storia, possibilmente semplificata e sloganistica per poter meglio essere piegata alle proprie esigenze.

Il solo sfilare di chi, tranquillamente, inneggia al Duce, definisce la marcia su roma “una bella cosa” (come fatto da un rappresentante di una “occupazione” fascista dove si riuniscono gli studenti neofascisti) o persino festeggia la ricorrenza della presa di potere di hitler (come scritto dall’ideologo dell’area delle occupazioni non conformi), rappresenterebbe una ferita aperta per la città di roma e la sua storia.

Ma assume un valore ben piu’ inquietante quando essa si rivolge agli studenti, tentando di diffondere anche con simili mezzi la propria drammatica cultura di intolleranza e violenza fra i piu’ giovani.

Su questi ed altri temi, si è confrontata il 30 gennaio una ampia assemblea promossa dal Comitato Madri per Roma Città Aperta, raccogliendo un appello promosso in autunno dall’ANPI, da diverse associazioni studentesche e da personalità della cultura e della politica.

Anche da questa assemblea nasce l’idea di fare dell’8 Febbraio invece una gioranta di memoria, coscienza e partecipazione. Senza aver nessuna remore ad affrontare, sul serio, la vicenda triestina in tutte le sue implicazioni, come avverrà ad esempio nel dibattito previsto alla Casa della Memoria. Senza lasciare però alcuno spazio a chi, ancora oggi, vorrebbe elogiare il regime fascista e riproporne, in nuove forme, la mentalità e la cultura di prevaricazione.

Ci appelliamo quindi a tutte le associazioni, i partiti, le organizzazioni sindacali, i democratici perchè si facciano promotori di iniziative diffuse nella città sulla memoria, quella vera. E perchè denuncino e si attivino, in tutte le forme, per denunciare ed impedire il tentativo dei neofascisti di legittimarsi indossando la maglia del revisionismo.

Ci appelliamo sopratutto al mondo della scuola, dagli studenti ai docenti, perchè quel giorno – ed in tutti i giorni seguenti – si torni a parlare di storia e di attualità, in modo partecipato quanto serio. Le scuole non possono divenire gli spazi per le scorribande e la propaganda dei neofascisti, ma invece essere presidi della democrazia, del rispetto, della partecipazione.

Ci rivolgiamo inoltre al Comune di Roma ed in particolare all’assessore alla cultura Di Francia, cui abbiamo indirizzato una lettera chiedendo un incontro, perchè non pensiamo si possa continuare ad alimentare quel meccanismo che sembra voler ricondurre ad una unicità gli squadristi e chi
lotta per i diritti di tutti e tutte. Ricordiamo, peralto, che il Teatro Brancaccio è finanziato dal Comune di ROma, e ci sembra paradossale la collettività ospiti una iniziativa ristretta ed autoreferenziale, attuata oltretutto con l’esproprio violento di un organo di rappresentanza studentesca.

Venerdì 8 Febbraio deve essere una occasione per tutte e tutti di prendere ancora una volta, assieme, la parola. Di stare assieme, discutere, far vivere la memoria per sviluppare oggi una idea di convivenza diversa da quella che qualcuno vorrebbe imporre. Di essere nelle strade, nelle piazze, nelle scuole, fuori da ogni silenzio o complicità.

Madri per Roma Città Aperta
studenti e studentesse antifascisti di Roma

news
r_lazio


articolo precedente           articolo successivo