antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 15.01.08
Castelfranco Veneto(TV): militanti di FN aggrediscono ragazza
·

Aggressione fascista a Castelfranco Veneto: i picchiatori protetti e impuniti acquistano coraggio.

Come riportato oggi dalla stampa e dai siti di alcune testate nazionali, domenica sera una studentessa di Castelfranco Veneto, in provincia di treviso, ha subito l’ennesima aggressione fascista.
A bordo di un treno regionale, alle 19:30 circa, in prossimità della sua fermata è stata da mirata due fascisti di circa 20 anni (probabilmente allertati dal fatto che canticchiava “Bella Ciao”), trascinata nel bagno e assalita con botte, insulti e minacce. Disegnate a forza sul suo braccio con un pennarello una croce celtica e la sigla FN che sta a simboleggiare il partito politico di Roberto Fiore “Forza Nuova”, già noto per il sistematico uso della violenza sia a scopo politico che puramente delinquenziale.
Da tempo deninciamo le aggressioni continue da parte di gruppi e cani sciolti della destra estrema nei grandi centri del Veneto, in particolare Treviso e Verona; ma pur essendo divenute più frequenti di recente non sono mai state una cosa “nuova”.
E’ nuovo però che le aggressioni acquistino la stessa gravità nelle zone periferiche come un comune di trenta mila abitanti quale è Castelfranco Veneto. La violenza nera, malattia dei grandi centri veneti, sbarca incontrastata in periferia.

I neo-fascisti nel territorio Veneto e non solo, trovando spesso simpatia, compertura o vera complicità (come a Verona) da parte di alcune istituzioni si sentono protetti e impuniti.
E’ molto semplice per un fascista con il coltello e il pugno facili fare la sua “politica” in un contesto dove il prosindaco Gentilini chiama Forza Nuova “bravi ragazzi” o dove il sindaco Tosi li porta negli uffici comunali e marcia alla testa di manifestazioni di squadristi neri (come successo con gran risalto mediatico qualche settimana fa).
Ma anche il semplice silenzio e lassisimo di amministrazioni meno “appariscenti” ma del tutto insensibili marciano a favore di questo cancro sociale che sta erodendo l’agibilità democratica e la stessa sicurezza per le strade a cui la destra tanto si appella.

Ora a farne le spese ora è una ragazzina di 18 anni ad un orario pressoché diurno come le 19:30, in un luogo pubblico come un treno. Ora anche nella periferia i ragazzi di sinistra sono costretti a girare in gruppo e guardandosi le spalle.

Il fascismo è debole e vigliacco, la forza la tra dall’indifferenza e dall’incultura.
L’abbiamo detto più volte in questi mesi e lo ripetiamo: noi non restiamo a guardare.
Chi è responsabile, per connivenza o per lassismo, di queste aggressioni ha un debito impagabile nei confronti di tutti i cittadini, invitiamo questure e istituzioni a far rispettare la legge Mancino e a proteggere i cittadini democratici e antifascisti dagli squadristi che da troppo sono lasciati liberi di agire.
Le sedi di Forza Nuova e Fiamma Tricolore sono notoriamente piene di mazze, spranghe e materiale neo-fascista e neo-nazista. I loro affiliati sono continuamente fermati o riconosciuti ad operare violenze, aggressioni fino anche a crimini comuni. I capi di queste organizzazioni: Roberto Fiore e Luca Romagnoli, sono personaggi pubblici di cui è noto il presente oltre che l’infame passato.
Tali organizzazioni vanno sciolte per legge e chi, coperto da esse, delinque va punito.
Rimarchiamo il nostro impegno antifascista militante e la necessità di rilanciare l’azione di presidio democratico con una grande mobilitazione antifascista, di popolo e unitaria da svolgere in un luogo simbolo di questa cancrena come la città di Verona.

Federazione Giovanile Comunisti Italiani – Veneto
il coordinatore regionale
Alessandro Squizzato

www.fgci-veneto.it


La Tribuna di Treviso 15/01/08

CASTELFRANCO – Un’aggressione fascista in treno, in pieno giorno. È quello che denuncia una studentessa castellana di 18 anni. «Tornavo da Bassano, e poco prima di arrivare a Castelfranco mi sono avvicinata alle porte. – racconta la ragazza – Due giovani vestiti di scuro mi hanno spinto in bagno, picchiato e minacciato con un coltello. Poi mi hanno disegnato una croce celtica col pennarello sul braccio. Non li avevo mai visti, forse mi hanno sentito cantare ‘Bella ciao’.»

Basta canticchiare una canzone partigiana, talmente diffusa da essere insegnata ai bambini di molte scuole materne, per essere aggrediti in pieno giorno, a 18 anni?

Sembrerebbe di sì, a quanto racconta una studentessa del quinto anno al liceo classico Giorgione. Una ragazza come tante, che non ha mai nascosto le sue simpatie per la sinistra, in passato espresse attraverso l’Unione degli Studenti a Castelfranco ed ora in un altro gruppo studentesco, il collettivo Creattivo di Bassano del Grappa.

Domenica la giovane stava tornando proprio da Bassano, con il regionale delle 19.15. Era sola, ma non è certo abituata a considerarlo un problema, in pieno giorno, a Castelfranco. Eppure per qualcuno non è normale che una ragazza con una sciarpa rossa viaggi da sola, magari canticchiando sovrappensiero ‘Bella ciao’.

La testimonianza della studentessa è molto chiara: «Il treno stava arrivando a Castelfranco, quindi saranno state le 19.30. Mi sono avvicinata alle porte per scendere e di colpo da dietro mi hanno spinto nel bagno.»

Un’aggressione sul cui contenuto politico la ragazza non ha dubbi: «Hanno cominciato a dirmi ‘Lo sai che in questo paese queste cose non si possono fare’. Poi mi hanno dato dei pugni sullo stomaco e una ginocchiata su una gamba, chiamandomi ‘comunista di merda’.»

Le botte, però, non sono la parte peggiore: uno dei due aggressori, infatti, avrebbe mostrato alla giovane un coltello. «Era un semplice coltellino svizzero. – riferisce lei – Ma me l’ha indicato, e ovviamente ero spaventatissima.»

Pochi secondi dopo il treno si è fermato, e la studentessa è riuscita a sgattaiolare via, correndo giù per il sottopassaggio. Non sa se i suoi aggressori siano scesi con lei a Castelfranco, né dove siano saliti. Del resto niente nel loro aspetto avrebbe potuto far presagire le loro intenzioni: «Avranno avuto circa 20 anni. Erano vestiti di scuro, sì, ma niente teste rasate né anfibi.»

Il segno della loro identità politica, d’altra parte, è rimasto addosso alla ragazza: una croce celtica disegnata con un pennarello nero sul suo braccio sinistro, accompagnata dalle lettere F e N. Il simbolo di Forza Nuova, probabilmente la più attiva tra le organizzazioni neofasciste nel Trevigiano, e certamente la più popolare tra gli skinhead più giovani.

La vicenda è già stata segnalata ai carabinieri e alla polizia ferroviaria, anche se, in assenza di testimoni, difficilmente le indagini potranno produrre risultati.
Lorenzo Zamponi


Da Repubblica

CRONACA

Treviso, la giovane, coordinatrice dell’Unione degli studenti
tornava a casa in treno. Vittima di due militanti di Forza Nuova

Dopo aver aggredito studentessa
le disegnano croce celtica sul braccio

TREVISO – Una 18enne trevigiana, coordinatrice dell’Unione degli Studenti, è stata aggredita mentre viaggiava in treno da due sconosciuti che le hanno disegnato a forza su un braccio una croce celtica. Lo rende noto la stessa Unione degli Studenti (UdS), precisando che la ragazza, Ludovica Bragagnolo, ha presentato alla Polfer una denuncia contro ignoti.

Secondo la vittima, gli aggressori sarebbe militanti di Forza Nuova che oltre alla croce celtica le hanno disegnato sul braccio il simbolo dell’organizzazione neofascista.

L’episodio – riferisce l’UdS – è avvenuto mentre la ragazza, coordinatrice dell’associazione studentesca a Castelfranco Veneto (Treviso), stava tornando in treno a casa, dopo aver partecipato ad un’iniziativa a Bassano del Grappa (Vicenza). I due sconosciuti sarebbero stati attirati dal fatto che la giovane canticchiava “Bella Ciao”.

Avvicinata la 18enne i due – sempre stando alla denuncia dell’UdS – l’avrebbero spinta fino a chiuderla dentro ad un bagno del treno. Qui, dopo averla minacciata e picchiata, l’avrebbero costretto a subire su un braccio il disegno a pennarello del simbolo già usato dal nazismo. Un episodio che lasciato in stato di choc la giovane la quale, fortunatamente, non ha riportato danni fisici di rilievo dall’aggressione.

(14 gennaio 2008)

azioni_fasciste
r_veneto


articolo precedente           articolo successivo