antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 5.12.07
Treviso: Bettio e le SS, querela degli ebrei
·

Il leghista ha invocato metodi da Terzo Reich con gli immigrati prepotenti.
La comunità israeliana: «Siamo offesi». La notizia fa il giro del mondo
Bettio e le SS, querela degli ebrei
Bufera in Parlamento: «Vergogna». I partigiani: intervenga la Procura
Il caso è rimbalzato in Senato.
Valpiana: «Frasi inaccettabili da un rappresentante delle istituzioni»

Bufera su Giorgio Bettio, il leghista che lunedì in consiglio ha auspicato i metodi delle SS per far capire agli immigrati «come ci si comporta», partendo da un caso personale, legato alla madre. Ilan Brauner, medico di origine israeliana, annuncia: «Come comunità ebraica valutiamo un’azione legale». Il presidente dell’Anpi, Umberto Lorenzoni, non usa mezzi termini: «E’ assolutamente impossibile che un popolo civile sopporti simili imbecillità. Lo voglio incontrare, Bettio, per spiegargli cos’è stato il nazismo. La magistratura, anzichè dormire, dovrebbe intervenire». Il caso è approdato in Senato.
Stupore, ma soprattutto indignazione. E carte bollate pronte a partire da parte della comunità ebraica. Le parole di Bettio, lunedì a palazzo dei Trecento, sono passate senza colpo ferire sopra le teste delle opposizioni. E pare che tra i banchi leghisti abbiano trovato addirittura qualche plauso. Ma il giorno dopo l’imbarazzo nel partito è generale, tanto che il capogruppo del Carroccio Mauro Michielon si blinda dietro una motivazione piuttosto debole: «Quella di Bettio è stata una comunicazione personale». Eppure le parole sono pietre: intervenuto per dare sostegno all’ordinanza anti-sbandati sottoscritta dal sindaco Gobbo, lunedì Bettio ha proposto un ulteriore giro di vite per punire gli immigrati che fanno i ras «nei nostri condomini» ma soprattutto per «selezionare» quelli a cui dare la residenza nel capoluogo. Come? Bettio non ha dubbi: mettendoli sotto osservazione, per mesi. E, alla fine, premiare gli onesti cacciando gli inadeguati. A coronamento del ragionamento, l’uscita dello scandalo: «Sarebbe giusto far capire agli immigrati – ha detto Bettio – come ci si comporta usando gli stessi metodi dei nazisti. Per ogni trevigiano a cui recano danno o disturbo, io ne punisco dieci dei loro. Siamo in guerra, è tempo di reagire di conseguenza». Ilan Brauner, rappresentante della comunità ebraica di Treviso, raggiunto a Roma della notizia, si è attivato per proporre ai vertici della comunità romana un’azione legale contro Bettio. «una querela – dice Brauner – a cui far partecipare l’intera comunità ebraica come persona offesa». E’ infuriato Lorenzoni, presidente dell’Anpi. I partigiani potrebbero anche fare la loro comparsa al prossimo consiglio comunale. «Gente di questo genere – dice Lorenzoni – dovrebbe provare sulla propria pelle cos’è stato il nazismo, prima di parlare. Quello che dice Bettio dimostra la bassezza in cui vive. Mi stupisco che l’opposizione sia stata zitta: le persone civili si ribellano di fronte a una simile ignoranza crassa. Potremmo anche denunciare Bettio – dice Lorenzoni – ma il problema è che la magistratura dorme davanti a queste cose». I partigiani denunciano quella che ritengono la punta di un iceberg: «Il razzismo – insiste Lorenzoni – da tempo serpeggia nella Marca. Ed è esploso lunedì a palazzo dei Trecento. Quello che maggiormente indigna è che questa affermazione non ha scomposto Gobbo». L’episodio richiama alla mente le uscite di Gentilini a difesa dei «ragazzi» dell’estrema destra. Ricorda le sue battute razziste come quella sugli immigrati vestiti da leprotti. I carri piombati evocati, anni fa, da un altro leghista. Ieri sera, in Senato, Tiziana Valpiana di Rifondazione ha detto: «Credo che questo Parlamento dovrebbe chiedersi se è normale che in una istituzione repubblicana sia possibile pronunciare simili parole. Chiedo al ministro dell’Interno di intervenire». La notizia, intanto, faceva il giro del modo con France Presse.
(05 dicembre 2007)

il giornale online

La Tribuna di Treviso


I magistrati stavolta si muovono senza esitazioni: Bettio sotto inchiesta anche per istigazione all’odio razziale e istigazione a delinquere. Sarà acquisito il verbale
Indagato per apologia del nazismo
La Procura apre un fascicolo. Fojadelli: «Stiamo andando fuori di senno»

Saranno ascoltati tutti i politici presenti alla seduta TREVISO. Giorgio Bettio è indagato per apologia del fascismo e del nazismo, istigazione all’odio razziale e istigazione a delinquere. Lo conferma lo stesso Antonio Fojadelli che acquisirà il verbale della seduta del consiglio comunale di lunedì, in cui il consigliere leghista, nel silenzio sia della maggioranza che dell’opposizione, aveva auspicato i metodi delle SS naziste per far capire agli immigrati «come ci si comporta». Dunque la Procura di Treviso, solitamente cauta nell’affrontare i temi della politica locale, con Bettio si muove senza esitazioni.
«Stiamo andando fuori di senno, ad un certo punto è ovvio che si rischia di dover far intervenire il codice penale». Così il capo della Procura di Treviso annuncia le sue intenzioni nei confronti di Giorgio Bettio. Le sue parole su Ss e immigrati non potevano certo passare inosservate ad Antonio Fojadelli, soprattutto alla luce delle violente polemiche che hanno seguito il consiglio comunale di lunedì sera. Il leghista, ad oggi comunque senza la tessera del partito, è stato scaricato da tutti: dal sindaco Gian Paolo Gobbo, come era prevedibile, allo stesso sceriffo Gentilini che, al pari di Bettio, ha avuto e ha i suoi problemi con la giustizia per le roboanti affermazioni anti immigrati e omosessuali.
Dunque, scaricato da tutti, Bettio si ritrova anche indagato a tempo di record dalla Procura di Treviso per apologia del fascismo e del nazismo, istigazione all’odio razziale e istigazione a delinquere, e a nulla sono valse le sue pubbliche scuse di ieri pomeriggio. «Era il minimo che potesse fare – ha detto Fojadelli – sono espressioni che dovrebbero fermarsi sulla soglia della buona educazione. Ma questa non è stata sufficiente e si continua ad alzare il tiro». Il magistrato ha poi indirettamente attaccato chi ha messo in dubbio la volontà di intervenire della Procura: «Vedo tanta gente che vuole insegnarmi il mestiere – ha aggiunto riferendosi agli esponenti della sinistra radicale, Atalmi e Sabiucciu, e al presidente dell’Anpi Umberto Lorenzoni – però nessuno ha dimostrato di avere un senso del dovere tale da farmi avere le affermazioni del consigliere comunale. Per questo motivo dovrò richiedere io stesso il verbale di quanto accaduto a Palazzo dei Trecento». Con ogni probabilità sarà lo stesso Fojadelli a condurre le indagini che saranno affidate alla Digos: «Deciderò in un secondo momento a quale sostituto delegare la questione».
Verranno quindi ascoltati tutti gli esponenti politici presenti al consiglio comunale, sia della maggioranza che dell’opposizione. Quegli stessi consiglieri, compreso il sindaco Gian Paolo Gobbo e il vice Giancarlo Gentilini, che non avevano aperto bocca durante la seduta dopo che Bettio aveva pronunciato la frase sulle Ss naziste. Allo stesso tempo verrà acquisito dalla Procura il verbale della seduta così da sentire in modo chiaro le parole esatte del consigliere leghista, che a sua volta sarà interrogato da Fojadelli.
E per quanto riguarda Gentilini e le denunce nei suoi confronti per le frasi sulla «pulizia etnica per i gay»? Fojadelli dice di non aver ancora fatto il punto della situazione con il sostituto procuratore Antonio De Lorenzi. «Il punto – aggiunge il magistrato – è che si invoca sempre più l’intervento della magistratura. E questo perché alzando il tiro, si sta andando fuori di senno e ad un certo punto è ovvio che si rischia di dover utilizzare il codice penale».

(06 dicembre 2007)

Da La Tribuna di Treviso

news
r_veneto


articolo precedente           articolo successivo