antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Raid punitivo contro alloggio di migranti: Piacenza, tre indagati
- Pisa, ancora un’aggressione omofoba: “Fate schifo”, poi sputi e pugni
- Genova Frasi razziste a immigrato, poi botte
- Sparano a uno straniero ed esultano, due persone nei guai nel Modenese
- Migrante pestato a sangue a Sassari Un 22enne della Guinea aggredito da cinque ragazzi in pieno centro
- Roma, spedizione razzista contro il fioraio a Cinecittà
- Bagheria, «Calmati fratello» e scatta il pestaggio: immigrato picchiato senza motivo con un cric
- Terracina, sparano piombini da unʼauto contro una bici: ferito operaio indiano
- Bologna Aggressione razzista in via Sant'Isaia
- Palermo, caccia al migrante: cinque minori profughi insultati e pestati
- Aprilia, spari da una finestra. Colpito immigrato
- Pistoia, il prete denuncia: "Spari contro un migrante ospite della parrocchia"

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Trento C'è Di Stefano per CasaPound e gli anarchici lo ''accolgono'' con fumogeni e petardi: ''Via i fascisti''
- Bari, aggressione al corteo antifascista in via Crisanzio: blitz con mazze e catene
- Scontri a Marina Centro, il corteo di Forza Nuova cerca di sfondare il cordone
- Padova Antifascisti cercano di impedire il comizio di Forza Nuova: cariche delle forze dell'ordine in pieno centro
- Grosseto Corteo antifascista, cori e bandiere: in piazza contro il raduno di CasaPound c’è Maremma Antifa
- Roma ricorda Renato Biagetti dodici anni dopo
- Ravenna Scontri e contestazioni durante la cerimonia per Ettore Muti
- Pontida, nel santuario della Lega Salvini contestato da diciassettenne: "Fascista, rovini l'Italia"
- "Sgomberate la sede abusiva di Casapound". L’appello del sindaco Pascucci a Salvini e Raggi
- "Chiedo con forza le dimissioni del Ministro Fontana. Le sue dichiarazioni violano la Costituzione" Carla Nespolo - Presidente nazionale ANPI
- Savona, il quartiere rosso di Villapiana si mobilita contro la nuova sede di Casapound
- A Brescia il corteo antifascista contro Forza Nuova

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
12.10.18 I legami pericolosi tra il partito di Matteo Salvini e la 'ndrangheta
24.09.18 Stati nazisti d’America, tra svastiche, Hitler e sostenitori dello "sterminio necessario"
31.07.18 Razzismo di stato: Casa Pound non fa paura, Salvini sì
29.07.18 Allarme Capitale, i neri di San Giovanni
26.07.18 Trattavia, le motivazioni della sentenza vanno lette ricordando stragi neofasciste, golpe e P2
25.07.18 L’autrice del post sullo smalto di Josepha: “Twittare è il mio lavoro. Mi finanzia CasaPound”
19.07.18 Come Verona è diventata l’incubatrice dell’odio
16.07.18 Una breve storia dei rapporti della Lega con i fascisti di Lealtà e Azione
6.07.18 KKK: il tramonto dei cavalieri bianchi
6.07.18 Salvini, Borghezio e l’alleanza con il neofascismo europeo nel libro-inchiesta “Europa identitaria”
26.06.18 In Ucraina i fascisti ammazzano i rom, ma l’Unione Europea tace
18.06.18 Mario Borghezio: dossier. Dall'estrema destra ordinovista agli arresti per bancarotta alla lega
3.06.18 Esclusivo: alla Lega sovranista di Matteo Salvini piace offshore
2.06.18 Lorenzo Fontana, il ministro della Famiglia ultracattolico che strizza l'occhio ai nazifascisti
31.05.18 Dai pestaggi ai blitz chirurgici: il vero volto di Casapound
3.05.18 Verona, dove comanda l’estrema destra
26.04.18 Gli antifascisti di domani
26.04.18 Fenomenologia dell'onda nera
4.04.18 Esclusivo: caccia ai soldi della Lega
2.03.18 I camerati abusivi di CasaPound: parenti e amici vivono gratis nel centro di Roma
1.03.18 Ma Pasolini non stava con i poliziotti
26.02.18 Chi sono i candidati di Forza Nuova: poliziotti, picchiatori, nostalgici delle SS e figli di mafiosi
26.02.18 Roberto Fiore: “Magistrati di Palermo deviati come 40 anni fa”. Quando Falcone voleva interrogarlo per il caso Mattarella
14.02.18 Trasformisti, fascisti, impresentabili e ras delle clientele: ecco le liste al Sud di Matteo Salvini
1.02.18 Ritratto del neofascista da giovane

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 30.09.07
Per ricordare Walter ricerchiamone gli assassini
·

Per ricordare Walter ricerchiamone gli assassini
mercoledì 26 settembre 2007 di Enrico Campofreda

Immaginate come potrebbe essere oggi Walter Rossi, uno splendido cinquantenne come molti dei ragazzi dei Settanta sanno ancora essere. Con qualche naturale biancore, qualche sciatalgia ma uno spirito mai domo. Nonostante repressione, droghe prime, droghe seconde, rampantismo, italiadabereedarubare, politica come carriera, seconda repubblica e fascisti postfascisti a governare lo Stato nato dalla Resistenza.
Nel settembre del 1977 l’ultimo partigiano che abbiamo recentemente pianto, Giovanni Pesce, aveva cinquantanove anni. Un uomo appena più maturo di quello che sarebbe oggi Walter. Un uomo accantonato come i valori antifascisti da quell’Italia che aveva fatto libera, nonostante l’anno successivo allo strazio di Rossi un altro uomo simbolo della Resistenza qual era Pertini diventasse Presidente.
Eccola l’Italia passata e presente. L’Italia di facciata e di sostanza. A parole democratica e cosciente dei passi oscuri compiuti, di fatto serva d’un realismo politico da far paura. Non scomodiamo la Storia per ripetere cose notissime, di come il fascismo nel Belpaese non sia mai morto. Addirittura con la creazione d’un partito nostalgico coacervo di criminali di guerra e giovani fanatici, ma soprattutto mai morto negli apparati statali e nello spirito di quanti sedevano sotto altre sigle sugli scranni del Potere.

Naturalmente c’è stata un’altra Italia. Quella ideologica e passionale che non si svendeva, non comprendeva l’amnistia Togliatti e più tardi il compromesso storico, scendeva in strada e lasciava morti a Reggio Emilia, insorgeva a piazza De Ferraris.
Dall’epoca delle stragi di stato – che sottoponevano i cittadini a un clima sudamericano con bombe seminatrici di morte e una destra militare che fremeva per il golpe – l’altra Italia riprese a cacciare i fascisti dalle sedi da dove partivano raid assassini.
All’inizio dei Settanta l’antifascismo militante fu un modo per resistere alla politica dell’assassinio che vedeva il fascismo di Stato armare la mano degli squadristi di Almirante, Fini e Rauti mentre costoro sedevano in Parlamento. Una petizione popolare per la messa fuorilegge del Msi raccolse centinaia di migliaia di firme e venne pesantemente boicottata a sinistra dal Pci. Accanto a essa c’era la difesa di cortei, comizi, propaganda, iniziative di lotta al carovita come occupazioni di case e autoriduzioni delle utenze. Un amplissimo movimento di popolo che del piombo era solo bersaglio. Piombo fascista e poliziesco.

I discussi “anni di piombo” hanno avuto questo prodromo, decine e con le stragi centinaia di vittime, e quel che sono stati l’impegno e la lotta per la democrazia e la partecipazione sociale in quegli anni non possono essere catalogati come adesione al partito armato.
Una sorta di revisionismo storico passa anche su questa fase più recente della politica italiana. L’esperienza, pur conclusa e sconfitta della sinistra extraparlamentare che diresse lotte storiche nel decennio successivo al Sessantotto, viene rimossa per parlare solo di bierre e lottarmatismo. Gli anni Settanta non furono questo. Non lo furono i movimenti operaio, studentesco, dei disoccupati, delle donne da Torino a Palermo. I cortei di Mirafiori, i Cub della Pirelli, i caschi gialli dell’Italsider, le occupazioni a Fulvio Testi, San Basilio, Casalbruciato. Le ribellioni antifasciste all’omicidio Varalli, il corteo romano del 2 febbraio da cui nacque il movimento ’77.
Formidabili quegli anni scriveva un ex leader sessantottino quando cominciò a vivere di rendita di posizione. Furono formidabili per una generazione che non voleva chinare la testa nonostante il fuoco nemico. E rispondeva con la baldanza dell’utopia e la voglia di sovversione. Rispondeva con la lotta collettiva, non certo pacifica perché non credeva nei “We shall Overcome” dei campus statunitensi.

La ribellione italiana, pur vivace e creativa, non riparava nelle comuni lisergiche, cercava di entrare nei problemi sociali, si ricollegava alle contraddizioni classiste del capitalismo, al mondo di sfruttatori e sfruttati riproposto in Italia dopo le sciagure del fascismo e l’illusione del boom economico. La bella bandiera d’un mondo nuovo che il Pci aveva abbandonato per incamminarsi su una via che non è mai stata neppure socialdemocratica veniva ripresa dai ragazzi dalle magliette a strisce, dalle tute blu dell’autunno caldo, dai sessantottini e settantasettini.
Walter era uno di loro. Questo abbiamo il dovere di raccontare ai ragazzi di Genova e di dopo Genova. A chi ha ancora voglia di non chinare testa e schiena. E per non ricordare la morte ma gli ideali che animavano Walter e i suoi compagni, per andare oltre la testimonianza un primo obiettivo praticabile può essere quello di richiedere alla magistratura di cercare i suoi assassini. Che sono magari presenti nei ricordi dei tanti Cuori neri adagiati sugli scaffali delle librerie italiane. Ricordi della pubblicistica postfascista e neanche tanto post che discetta dalle poltrone parlamentari e istituzionali ricevute in regalo nell’ultimo quindicennio. E’ uno dei servizi che possiamo rendere alla memoria di Walter e di chi crede a una società che possa liberarsi dal cancro fascista.

materiali storici
r_lazio


articolo precedente           articolo successivo