antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 15.09.07
Bruxelles – Manifestazione anti-islam, arrestato l'on. Borghezio
·

Bruxelles – Manifestazione anti-islam, arrestato l’on. Borghezio (Lega Nord)
Il sindaco (socialista) della capitale belga aveva vietato il corteo, caratterizzato da gruppi di estrema destra. L’europarlamentare italiano rilasciato dopo poche ore: protesta ufficiale della Farnesina per violazione dell’immunità
Mario Borghezio BRUXELLES – L’europarlamentare leghista Mario Borghezio arrestato, con lui in cella anche i vertici dell’ultradestra fiamminga Vlaams Belang, per un totale di 154 fermi.
Si è conclusa così la manifestazione anti-islamica convocata simbolicamente proprio l’11 settembre nel cuore del quartiere europeo
a Bruxelles, e vietata già un mese fa dal sindaco di Bruxelles Freddy Thielemans. Una vicenda che ha anche risvolti diplomatici, tanto che il ministro degli Esteri Massimo D’Alema ha dato consegna all’ambasciatore Sandro Maria Siggia di presentare una nota ufficiale di protesta per la violazione dell’immunità parlamentare del leghista.
La manifestazione, che Thielemans aveva vietato con la motivazione che era impossibile garantire la sicurezza, era stata organizzata da un gruppo chiamato “Stop the Islamisation of Europe” (Sioe), che riunisce, in particolare, il partito danese anti-islam “Siad”, il gruppo olandese “No Sharia Here” e quello tedesco “Pax Europa”.
Scopo della manifestazione era quello di presentare una petizione al Parlamento europeo contro le legge sulla Sharia e permettere, in futuro, che simili manifestazioni abbiano luogo sul territorio europeo. Un appello raccolto da molti altri gruppi politici e associazioni “politically incorrect”, europarlamentari come l’inglese Gerard Batten (Uk indipendence party) o la Lega nord, ma anche il gruppo fiammingo di estrema destra Voorpost.
Il gruppo aveva annunciato l’intenzione di manifestare lo stesso, quanto basta perché il quartiere europeo di Bruxelles già di prima mattina pullulasse di poliziotti.
Intorno a mezzogiorno, la situazione è diventata convulsa in due punti. Il primo, davanti al Parlamento, dove si erano riuniti per lo più giovani manifestanti e molti naziskin fiamminghi appartenenti al gruppo di estrema destra Voorpost, ed è proprio da loro che sono cominciati stamani i fermi della polizia. Il secondo punto era a Largo Schuman, a due passi dalla sede della Commissione, dove erano confluiti alcuni europarlamentari.
L’intervento della polizia ha portato ai primi arresti, tra cui oltre a Mario Borghezio, anche il presidente del Vlaams Belang Frank Vanhecke ed il capofila al Parlamento europeo Filip Dewinter, nonché l’eurodeputato del Front National francese Carl Lang.
«Ero andato al largo Schuman – ha raccontato Borghezio – ho visto Vanhecke che parlava con i giornalisti, poi c’è stata una fiammata improvvisa di violenza da parte dei poliziotti. Io ho cercato di intervenire per aiutare Vanhecke, ma mi hanno spintonato, percosso, anche nelle parti intime, e poi caricato su un pullman».
Dai filmati disponibili in vari siti internet, a dire il vero, non si trovano conferme alle parole di Borghezio su spintoni e botte, piuttosto si vede l’eurodeputato leghista gridare ripetutamente «Eurabia!» e «vergogna!» ai poliziotti che stanno spingendo sul pulman Vanhecke, lui sì in modo piuttosto duro. Gli agenti hanno poi accompagnato anche Borghezio sul mezzo.
Dirigenti del Vlaams Belang, che sostengono che la loro presenza a Largo Schumann era solo per protestare «contro il sindaco socialista Thielemans» “reo” di aver vietato la manifestazione anti-islam, il pomeriggio a Bruxelles hanno parlato di un patto «violato» dalla pubblica sicurezza. «Ieri abbiamo incontrato alcuni dirigenti della polizia – ha raccontato Philip Claeys, del Vlaams Belang, e vicepresidente del gruppo al Parlamento europeo Identità, tradizione e sovranità, cui aderisce anche la Lega Nord – e ci avevano informalmente assicurato che avrebbero tollerato una manifestazione se fosse stata pacifica. Invece, non appena arrivati ci hanno detto che avevamo tre minuti per andarcene. Scaduti i tre minuti, è scoppiato il parapiglia».
Secondo il Vlaams Belang (ma anche qui i filmati mostrano una
realtà molto più moderata), la polizia avrebbe cominciato «senza preavviso a dare calci e a picchiare», Vanhecke sarebbe stato anche «buttato per terra e preso a calci anche nei reni». I filmati mostrano il presidente del Vlaams Blok effettivamente in terra, ma non si vedono poliziotti prenderlo a calci.
La “detenzione” di Borghezio è durata fino alle sei. «Siamo stati tenuti per ore in una cella sotterranea del Palazzo di giustizia a Bruxelles – ha raccontato – senza che nessuno ci spiegasse un bel niente».
Secondo quanto riferito da Borghezio, «solo nel tardo pomeriggio mi hanno informato che entro un’ora sarei stato rilasciato, questo certamente è merito dell’ambasciatore italiano». Nessun contatto con l’esterno, ha spiegato ancora il parlamentare, è stato possibile, «anche perché là sotto non c’era campo, anche se avessi voluto usare il cellulare non avrei potuto farlo». Borghezio racconta ancora: «Non mi hanno dato niente da mangiare, solo una bottiglietta d’acqua verso le 16».
Per lui, però «il problema è politico, nella capitale dell’Europa è stata vietata la libertà di espressione e di manifestare liberamente».
Il fermo di Borghezio ha provocato la reazione della Farnesina.
Nella nota di protesta si deplora «l’avvenuta violazione dell’immunità parlamentare di Borghezio, circostanza che il nostro rappresentante presso l’Unione Europea provvederà a sua volta a rappresentare alla presidenza del Parlamento europeo affinché assuma le iniziative ritenute opportune a tutela dello status di un membro del Parlamento europeo».
Significativamente, anche il vicepresidente della Commissione Franco Frattini ha indirettamente criticato il divieto imposto dal sindaco Thielemans. «In termini generali – ha detto – qualsiasi tipo di manifestazione che avviene in linea con la legge e pacificamente deve essere rispettata”. Duro invece il commento del segretario generale del Consiglio d’Europa che ha definito «vergognosa» la manifestazione, indicando nel “settarismo” il vero rischio per la civiltà e non nell’Islam.

11/9/2007

repressione_F
r_nazionale


articolo precedente           articolo successivo