antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Sondrio, insulti razzisti poi calci e pugni: senegalese in ospedale
- Raid punitivo contro alloggio di migranti: Piacenza, tre indagati
- Pisa, ancora un’aggressione omofoba: “Fate schifo”, poi sputi e pugni
- Genova Frasi razziste a immigrato, poi botte
- Sparano a uno straniero ed esultano, due persone nei guai nel Modenese
- Migrante pestato a sangue a Sassari Un 22enne della Guinea aggredito da cinque ragazzi in pieno centro
- Roma, spedizione razzista contro il fioraio a Cinecittà
- Bagheria, «Calmati fratello» e scatta il pestaggio: immigrato picchiato senza motivo con un cric
- Terracina, sparano piombini da unʼauto contro una bici: ferito operaio indiano
- Bologna Aggressione razzista in via Sant'Isaia
- Palermo, caccia al migrante: cinque minori profughi insultati e pestati
- Aprilia, spari da una finestra. Colpito immigrato

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Aggressione squadrista a Lanciano: risarcimento alla vittima e donazione a Ong Mediterranea
- Pizzarotti nega la sala civica a Forza Nuova: "Parma è antifascista"
- Trento C'è Di Stefano per CasaPound e gli anarchici lo ''accolgono'' con fumogeni e petardi: ''Via i fascisti''
- Bari, aggressione al corteo antifascista in via Crisanzio: blitz con mazze e catene
- Scontri a Marina Centro, il corteo di Forza Nuova cerca di sfondare il cordone
- Padova Antifascisti cercano di impedire il comizio di Forza Nuova: cariche delle forze dell'ordine in pieno centro
- Grosseto Corteo antifascista, cori e bandiere: in piazza contro il raduno di CasaPound c’è Maremma Antifa
- Roma ricorda Renato Biagetti dodici anni dopo
- Ravenna Scontri e contestazioni durante la cerimonia per Ettore Muti
- Pontida, nel santuario della Lega Salvini contestato da diciassettenne: "Fascista, rovini l'Italia"
- "Sgomberate la sede abusiva di Casapound". L’appello del sindaco Pascucci a Salvini e Raggi
- "Chiedo con forza le dimissioni del Ministro Fontana. Le sue dichiarazioni violano la Costituzione" Carla Nespolo - Presidente nazionale ANPI

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
17.10.18 Processo Cavallini, Ansaldi parla di Fioravanti: ''È un uomo della P2''
12.10.18 I legami pericolosi tra il partito di Matteo Salvini e la 'ndrangheta
24.09.18 Stati nazisti d’America, tra svastiche, Hitler e sostenitori dello "sterminio necessario"
31.07.18 Razzismo di stato: Casa Pound non fa paura, Salvini sì
29.07.18 Allarme Capitale, i neri di San Giovanni
26.07.18 Trattavia, le motivazioni della sentenza vanno lette ricordando stragi neofasciste, golpe e P2
25.07.18 L’autrice del post sullo smalto di Josepha: “Twittare è il mio lavoro. Mi finanzia CasaPound”
19.07.18 Come Verona è diventata l’incubatrice dell’odio
16.07.18 Una breve storia dei rapporti della Lega con i fascisti di Lealtà e Azione
6.07.18 KKK: il tramonto dei cavalieri bianchi
6.07.18 Salvini, Borghezio e l’alleanza con il neofascismo europeo nel libro-inchiesta “Europa identitaria”
26.06.18 In Ucraina i fascisti ammazzano i rom, ma l’Unione Europea tace
18.06.18 Mario Borghezio: dossier. Dall'estrema destra ordinovista agli arresti per bancarotta alla lega
3.06.18 Esclusivo: alla Lega sovranista di Matteo Salvini piace offshore
2.06.18 Lorenzo Fontana, il ministro della Famiglia ultracattolico che strizza l'occhio ai nazifascisti
31.05.18 Dai pestaggi ai blitz chirurgici: il vero volto di Casapound
3.05.18 Verona, dove comanda l’estrema destra
26.04.18 Gli antifascisti di domani
26.04.18 Fenomenologia dell'onda nera
4.04.18 Esclusivo: caccia ai soldi della Lega
2.03.18 I camerati abusivi di CasaPound: parenti e amici vivono gratis nel centro di Roma
1.03.18 Ma Pasolini non stava con i poliziotti
26.02.18 Chi sono i candidati di Forza Nuova: poliziotti, picchiatori, nostalgici delle SS e figli di mafiosi
26.02.18 Roberto Fiore: “Magistrati di Palermo deviati come 40 anni fa”. Quando Falcone voleva interrogarlo per il caso Mattarella
14.02.18 Trasformisti, fascisti, impresentabili e ras delle clientele: ecco le liste al Sud di Matteo Salvini

L'Appello "MAI PIU' FASCISMI"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio
a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 7.09.07
Il 1945 e la storia d'Italia senza le grandi bugie
·

Il 1945 e la storia d’Italia senza le grandi bugie

Gianluca Scroccu, 06 settembre 2007
Memoria

Una riflessione a partire dal libro di Guido Crainz, “L’ombra della guerra. Il 1945, l’Italia”, edito da Donzelli. Una ricerca importante, che ci restituisce il dolore e la violenza di quei drammatici mesi

Domenica scorsa, nella prima puntata della nuova serie di “Blunotte”, Carlo Lucarelli si è soffermato in maniera assolutamente perfetta (partendo dalle vicende dell’ “armadio della vergogna” in cui vennero occultati per decenni i fascicoli giudiziari contenenti il materiale processuale sui crimini tedeschi e fascisti) sulla rimozione dalla coscienza nazionale di quelle stragi che insanguinarono l’Italia del centro-nord arrivando ad annientare la popolazione innocente di interi paesi e i cui responsabili sono riusciti ad evitare la giustizia per ragioni imputabili soprattutto alle stringenti logiche della realpolitik.

Una puntata forse desueta, dopo anni in cui siamo stati abituati a parlare solo di “sangue dei vinti”, e delle grandi bugie di una sinistra che avrebbe nascosto gli eccidi della Resistenza, oltre che dei diari (falsi) di un Mussolini contrario alla guerra (vi ricordate la puntata di Bruno Vespa sul clamoroso ritrovamento dei diari del Duce da parte di Marcello Dell’Utri? Una delle pagine più vergognose e false della storia del servizio pubblico per cui nessuno ha avuto richiami formali). Se attraverso questo uso pubblico della storia si è via via scarnificata la coscienza storica nazionale sulla quale è nata la nostra Repubblica e si fonda (ancora per quanto?) la nostra Costituzione, la storiografia più seria ha continuato le sue ricerche in archivio e attraverso la comparazione delle diverse fonti.

Come nel caso del bellissimo e tragico libro di Guido Crainz, “L’ombra della guerra. Il 1945, L’Italia”, appena edito da Donzelli. Una ricerca importante, che ci restituisce il dolore e la violenza di quei drammatici mesi; la liberazione e l’ansia di pace, ma anche l’esplodere di un odio covato da decenni e tenuto nascosto sotto la cappa del totalitarismo fascista. Con un lavoro approfondito sulle relazioni prefettizie conservate presso l’Archivio Centrale dello Stato e mettendo a confronto una moltitudine di fonti giornalistiche e di memorialistica, oltre che importanti ed efficaci pagine delle opere di romanzieri e poeti, Crainz ci restituisce tutta la violenza del 1945, le gioie e le speranze ma anche le contraddizioni e i desideri feroci di vendetta da parte di un Paese che tornava finalmente alla democrazia.

È un’Italia sporca, lacerata e annichilita dal dolore, coperta di sangue e polvere, quella che ricostruisce lo storico dell’Università di Teramo; una nazione che usciva da un ventennio di dittatura, da una guerra atroce e drammatica per tutti gli italiani e da una Resistenza che insieme ad una guerra patriottica era stata anche una guerra civile e di classe. Ostilità reciproche e crudeltà che esplosero in una situazione di estrema precarietà istituzionale, all’interno di quelle tante terre di nessuno che, secondo Crainz, componevano il “mosaico” italiano durante l’occupazione tedesca e l’avanzata alleata. Ed ecco, quindi, la frustrazione dei soldati italiani allo sbando dopo l’otto settembre, il contrasto fra la ricchezza dei militari alleati e la miseria della popolazione italiana; e poi le violenze del dopo-Liberazione, che l’autore stima, sulla base dei documenti conservati presso l’Archivio Centrale dello Stato, in 9364 persone colpite (ben sotto, quindi, la vulgata neofascista che si attesta su una cifra intorno a ventimila, accreditata anche nella retorica di libri vendutissimi e sponsorizzati in questi ultime stagioni autunnali televisive). E questo Crainz lo scrive senza annacquare la drammaticità di quei lutti, ma cercando di ricostruire pagine dolorose della storia nazionale che non si possono non valutare secondo le sensazioni di chi visse allora quei momenti e non certo, invece, secondo il metro della contingenza odierna finalizzata alla costruzione di una precisa legittimazione politico-mediatica che con la ricerca storica non c’entra nulla.

Scommetto che del libro di Crainz, in televisione, non si parlerà quasi per nulla. Ci sono altre incombenze e poi non servono le ricerche serie che aiutano a comprendere meglio la storia d’Italia. Sono sicuro, però, che tra ottobre e dicembre torneremo a sentir parlare del fascismo buono, della responsabilità della sinistra che ha taciuto sulle stragi partigiane contro i fascisti, della necessità di una memoria condivisa che riconosca le ragioni di tutte le parti in causa: in quei mesi le librerie saranno invase (per non parlare dei supermercati) dai nuovi libri di Giampaolo Pansa (“I gendarmi della memoria. Storie proibite della guerra civile”, in cui il giornalista se la prende contro gli intellettuali che terrebbero sotto chiave la verità storica sulla Resistenza) e Bruno Vespa (“Donne del potere. Storia d’Italia attraverso l’amore. Da Rachele Mussolini a Veronica Berlusconi”, un titolo che è tutto un programma). E il circo mediatico che prospera e che gestisce il supermarket della storia si rimetterà in affari.

aprile on line

materiali storici
r_nazionale


articolo precedente           articolo successivo