antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 12.08.07
Gentilini:"Pulizia etnica contro i culattoni"
·

L’ex sindaco sceriffo della Lega annuncia “un giro di vite” contro gli omosessuali:
“Se ne andassero nei capoluoghi disposti ad accoglierli. Qui non li vogliamo”
Gentilini:”Pulizia etnica contro i culattoni”
Il prosindaco di Treviso dichiara guerra ai gay

Giancarlo Gentilini, vicesindaco leghista di Treviso
TREVISO – C’è bisogno di iniziare una “pulizia etnica contro i culattoni”. Con queste parole durissime Giancarlo Gentilini, prosindaco leghista di Treviso, ha dichiarato guerra agli omosessuali. Colpevoli di aver trasformato il parcheggio di via dell’Ospedale in un luogo di incontro dove si consumano rapporti sessuali, suscitando le proteste degli abitanti della zona. “Darò subito disposizioni alla mia comandante dei vigili urbani affinché faccia pulizia etnica dei culattoni – ha detto ai microfoni di Rete Veneta l’ex sindaco sceriffo della Lega, riportano oggi i quotidiani locali – Devono andare in altri capoluoghi di regione che sono disposti ad accoglierli. Qui a Treviso non c’è nessuna possibilità per culattoni e simili”.

Gentilini è famoso per essere stato più volte protagonista di polemiche infuocate, l’ultima delle quali dopo il pestaggio dell’onorevole Vladimir Luxuria da parte della polizia russa. A tenere banco soprattutto le sue dichiarazioni sugli extracomunitari, che aveva definito “perdigiorno”, suggerendo che “i gommoni degli immigrati devono essere affondati a colpi di bazooka”.

E adesso ha annunciato un “giro di vite” contro gli omosessuali e gli scambisti. “Useremo la videosorveglianza per stroncare il via vai di scambisti”, denunciato dagli abitanti nel parcheggio “a luci rosse”, dove è stata segnalata anche la presenza di prostitute. “Darò disposizione di rinforzare le telecamere. Ma a me interessa piuttosto fare i controlli mirati – ha detto ancora Gentilini -. Quando la mia polizia vigilerà per la zona ci sarà un fuggi fuggi generale”.

Per il sindaco di Treviso Giampaolo Gobbo, le dichiarazioni del prosindaco “non sono preoccupanti. E’ il suo modo di essere. Lui parla sinceramente, con un linguaggio concreto che tutti capiscono. In questo caso si parla di decoro pubblico e noi cerchiamo di spostare gay, prostitute, coppie omosessuali o eterosessuali, fa lo stesso, che si scambiano effusioni sotto gli occhi di tanta gente”. Un problema, spiega Gobbo, di dimensione nazionale, “e infatti ci stiamo attivando perchè venga cambiata la legge Merlin. Bisogna riaprire le case chiuse e creare quartieri a ‘luci rosse’ come succede nel resto d’Europa: garantiscono protezione sanitaria e tasse pagate”.

(9 agosto 2007)


Roma, 13:57
GENTILINI: GRILLINI, HA COMMESSO REATO E DEVE DIMETTERSI

“Gentilini ha violato palesemente la legge Mancino, ha commesso un reato e dovrebbe dimettersi”. Lo ha detto Franco Grillini, deputato della Sinistra Democratica, commentando le parole Giancarlo Gentilini, vicesindaco leghista di Treviso che ha chiesto di fare “pulizia etnica contro i culattoni”. “Chi invoca la pulizia etnica – ha proseguito Grillini – ricade in un reato previsto dalla legge Mancino. Amato dovrebbe rimuoverlo immediatamente. Ci troviamo di fronte a un esponente della coalizione di centrodestra che dice cose becere, talmente becere che in Europa nemmeno Le Pen le pronuncerebbe mai”. Grillini ha anticipato che l’Arcigay organizzera’ una serie di manifestazioni di protesta a Treviso e spera in “una reazione adeguata dal mondo politico italiano, sempre pronto a sollevarsi per difendere le altre minoranze, ma non i gay” e una “richiesta corale di dimissioni”.


Un migliaio di persone alla manifestazione con bacio collettivo di coppie etero e omosessuali
In risposta alle parole del vicesindaco che ha invocato “pulizia etnica” contro i gay
A Treviso “kiss-in” davanti al comune
E’ la protesta contro il prosindaco Gentilini

A Treviso kiss-in” davanti al comune
E’ la protesta contro il prosindaco Gentilini

L’intervento di Aurelio Mancuso segretario nazionale di Arcigay alla manifestazione di Treviso
TREVISO – Bacio collettivo in pubblico e triangoli rosa appuntati al petto, simbolo degli omosessuali deportati nei campi di sterminio: un migliaio di persone hanno partecipato oggi alla manifestazione di protesta contro il prosindaco di Treviso Giancarlo Gentilini, che, riferendosi ai gay, aveva usato la frase “bisogna fare pulizia etnica dei culattoni”.

Al “kiss-in” c’erano coppie sia etero che gay e lesbiche: una inziativa già sperimentata in altre occasioni ma che ha assunto, vista la durezza delle parole di Gentilini, un significato tutto particolare. Non c’è stata, però, alcuna pacificazione fra la comunità omosessuale offesa e il proconsole: nonostante le ripetute richieste di scuse, Gentilini non si è fatto vedere né si è affacciato alle finestre del Comune.

In strada sono scesi i centri sociali, insieme a diverse personalità: Franco Grillini, deputato e presidente onorario dell’Arcigay, Alessandro Zan, presidente di Arcigay Veneto, promotore della mozione sulle coppie di fatto approvata dal Comune di Padova, e poi Luana Zanella (Verdi), Franca Bimbi (Dl) e molti altri tra politici e rappresentanti di associazioni.

La facciata del palazzo del Comune è stata “incartata” con un lungo striscione rosa senza scritte e al termine della manifestazione un esponente del ‘Fuori’ si è incatenato al cancello all’ingresso del Municipio esponendo un triangolo rosa con la scritta “Dio è lesbica”.

“Gentilini fa abusivamente il sindaco e Gobbo dovrebbe vergognarsi di fare da prestanome alle sue esternazioni – ha detto Grillini -. L’unica cosa illegale è lui, Gentilini”.

Tra le forze politiche presenti, i radicali della Rosa nel Pugno e gli esponenti della sinistra radicale, fra cui il consigliere regionale dei Pdci Nicola Atalmi, mentre non si visti nè esponenti del centrodestra, nè del Partito democratico. Il portavoce del governatore del Veneto, Franco Miracco, ha portato alla manifestazione un messaggio di sostegno da parte di Galan, che ha espresso la “massima solidarietà” nei confronti degli omosessuali.

(11 agosto 2007)

news
r_veneto


articolo precedente           articolo successivo