antifa home page

Il Progetto

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
"Niente spazi pubblici ai fascisti": patto di 5 Comuni del Bolognese
- Catania: manifestazione contro l'apertura della sede di Casa Pound
- Banchetto di Leverano Casapound in piazza, volano pugni e parole grosse
- Perugia CasaPound, 47 accademici chiedono no alla manifestazione
- Modena Manifestazione Antifascista Violente cariche della polizia
- Modena venerdi 15 dicembre h.20.30: fermiamo il corteo neonazista!
- Forlì, in 500 al corteo dopo i tafferugli con Forza Nuova
- Blitz fascista, sit-in davanti a Repubblica e Espresso
- Bologna Montagnola, presidio e tensione E fra le fiaccole spunta CasaPound
- Milano, scontri tra militanti di Forza Nuova e antagonisti
- Como, marcia Pd dopo blitz skinheads. Boldrini: “Fronte comune”. Ma Salvini: “Vogliono immigrazione fuori controllo”
- Il blitz degli skinhead a Como, il questore blocca la contromanifestazione di Forza Nuova

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
30.12.17 La leggenda dell’«architettura fascista»: un dibattito distorto su memoria e spazio urbano
28.12.17 Fascisti su Facebook, a gestire i gruppi neri ci sono anche i poliziotti
21.12.17 Saluti romani in consiglio comunale a Gorizia e chiamata alle armi a Trieste
20.12.17 La Galassia Nera: i gruppi e le associazioni che ruotano attorno a Lealtà Azione
20.12.17 I segreti di Roberto Fiore, il fascista a capo di Forza Nuova Terrorista nero.
10.12.17 Chi ha pagato Forza Nuova: retrospettiva 2001 sulle origini. "L' accusa del dossier C' è un livello occulto"
8.12.17 Se CasaPound entra anche nelle scuole: la sua associazione studentesca ha 200 rappresentanti in Italia
6.12.17 Fascisti su Facebook, ecco i gruppi segreti con cui la galassia nera fa proseliti sul web
18.11.17 Milano L'avanzata neofascista, l'estrema destra tra periferie e lotte interne
16.11.17 La violenza di CasaPound a Ostia
15.11.17 Tutti i soldi e le società di CasaPound e Forza Nuova: così si finanziano i partiti neofascisti
9.11.17 Ostia, le bugie di CasaPound su Roberto Spada e quegli affari della leader Chiaraluce
7.11.17 La bolla di Casapound ad Ostia e l’eccezionalizzazione dei fascisti
5.11.17 Forza nuova Holding 2: Così ha provato a piazzare anche un quadro di Gauguin
4.11.17 Forza Nuova Holding: dai dentisti ai compro-oro, il tesoro milionario dei "poveri patrioti"
2.11.17 Tartarughe frecciate e inquinamento nero
27.10.17 Ex Forza Nuova:"Ora vi spiego Fiore e a che servono le ronde"
26.10.17 L'alleanza nera degli ultras romani: il caso Anna Frank è solo l'ultimo episodio
15.10.17 Casa Pound Milano S.p.a. – reportage 1 Pivert
2.10.17 Esclusivo: anche Matteo Salvini ha usato i soldi rubati da Bossi
17.09.17 Gran Bretagna: La minaccia dell'estrema destra islamofoba
27.08.17 “Addestrati e armati”. I gruppi neonazisti spaventano l’Europa
26.08.17 Wu Ming La polizia contro Pasolini, Pasolini contro la polizia
24.08.17 «Lealtà e Azione» fa la sua comparsa anche a Bologna
23.08.17 Le Fantasie Virili Di Ludwig

Ricerca per parole chiave | Forza Nuova | Casa Pound | calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |

pubblicato il 5.08.07
Strage Freccia del Sud, tra mafia ed eversione nera
·

Strage Freccia del Sud, tra mafia ed eversione nera

Dopo 37 anni nessun mandante

Milano 24 lug. – Fine anni sessanta, inizio anni settanta : un periodo inquietante per la storia del Paese. Alla bomba che esplose nella sede della Banca Nazionale dell’Agricoltura a Milano, nel dicembre 1969, seguì nel luglio dell’anno successivo, la rivolta di Reggio Calabria, conseguenza dell’ipotesi di attribuire a Catanzaro lo status di capoluogo di regione. Lo slogan della rivolta : il non dimenticato “Boia chi molla” di Ciccio Franco.

Il 22 luglio 1970, sulla tratta ferroviaria Gioia Tauro- Reggio Calabria, un ordigno piazzato sui binari, provocò il deragliamento della Freccia del Sud, il bilancio delle vittime assunse le proporzioni di una strage: 6 morti e 54 feriti.

Non si deve dimenticare che nel dicembre dello stesso anno ebbe luogo il tentativo, abortito, da parte del principe nero Junio Valerio Borghese, di un golpe, che avrebbe dovuto rovesciare l’ordinamento democratico dello Stato. Cosa Nostra, all’ultimo, ritirò il proprio appoggio al colpo di stato. Motivo: Borghese pretendeva l’acquisizione dell’elenco di tutti gli affiliati alla mafia siciliana. Per Cosa Nostra la richiesta era irricevibile, Luciano Liggio dichiarò sibillinamente “Ho salvato l’Italia”.

Tornando all’eccidio del Palermo-Torino, le prime indagini vennero svolte dal questore di Reggio Calabria, Emilio Santillo, che individuò in un bullone avvitato male, nella nona carrozza, la causa del deragliamento, escludendo con certezza qualsiasi origine dolosa. Naturalmente si trattava di errore umano, i macchinisti furono incolpati ”...di aver illegittimamente disposto la cessazione del rallentamento a 60 chilometri all’ora, per tutti i treni sulla tratta Palmi-Gioia Tauro, causa i lavori di livellamento ed allineamento delle rotaie”.

Ogni ipotesi dinamitarda non venne considerata, in quanto nessuno aveva sentito detonazioni al momento dell’incidente, ma i binari potevano essere stati fatti saltare precedentemente al sopraggiungere del treno.

A seguito di altri tre attentati fotocopia, fortunatamente senza conseguenze, venne disposta un’ulteriore perizia, che riscontrò l’asportazione parziale di una rotaia per quasi due metri, a rappresentare l’origine dolosa del deragliamento. Ugualmente un primo processo fu istruito a carico di quattro dipendenti delle Ferrovie dello Stato, che andarono assolti.

Dopo 23 anni, nell’ambito di una maxi inchiesta sulla ‘ndrangheta, la verità emerse grazie alle dichiarazioni di un pentito, Giacomo Lauro, il quale rivelò che a piazzare materialmente la bomba sui binari, fu un neofascista, Tito Salverini, su mandato del “Comitato d’azione per Reggio capoluogo”.

La criminalità organizzata calabrese consegnò ai terroristi neri l’esplosivo. Queste testimonianze furono confermate da un esponente di Avanguardia nazionale, Carmine Dominici, uomo di fiducia del marchese Felice Genoese, leader maximo della destra calabrese, poi condannato per reati riconducibili al crimine organizzato.

Le indagini svelarono il solito patto scellerato tra la ‘ndrangheta, inizialmente rappresentata dalla famiglia Di Stefano, la destra eversiva, servizi deviati, massoneria e trafficanti internazionali di armi e stupefacenti. Lauro dichiarò “Giorgio Di Stefano diceva che bisognava aiutare i fascisti contro i comunisti”. Il patto venne allargato ad altri clan, in un summit a Montalto, cui avrebbero partecipato Junio Valerio Borghese, evidentemente alla ricerca di altre alleanze, dopo la defezione di Cosa Nostra, Pierluigi Concutelli e Stefano Delle Chiaie.

Nel 2001 la Corte d’Assise di Palmi condannò quali esecutori materiali della strage, Salverini, Caracciolo e Scarcella, tutti e tre deceduti per cause naturali. Vennero però disposte nuove inchieste sui presunti mandanti. Il processo si chiuse definitivamente nel gennaio 2006, unico colpevole il pentito Giacomo Lauro, curiosamente condannato per “concorso anomalo in omicidio pluruimo”, reato estinto per avvenuta prescrizione.

Recentemente, in occasione dell’anniversario dei moti di Reggio Calabria, il sindaco Giuseppe Scopelliti, esponente di An, ha pronunciato queste parole: “La rivolta di Reggio fu un’esperienza di popolo sintomatica. Un periodo storico brillantemente guidato da Franco e da tutti gli altri esponenti del comitato”.

Riccardo Castagneri
politica.milano@voceditalia.it

Data: 24/07/2007 6.57.00

materiali storici
r_calabria


articolo precedente           articolo successivo