antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo
- "Fermate quel concerto", gli antifascisti di Bologna contro la band Taake

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera
18.06.19 L’aggressione fascista ai ragazzi del Cinema America. E tutte le altre
14.06.19 Le scatole cinesi di CasaPound (Dossier ANPI)
10.05.19 Chi ha autorizzato la manifestazione di CasaPound a Casal Bruciato?

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 5.08.07
Strage Freccia del Sud, tra mafia ed eversione nera
·

Strage Freccia del Sud, tra mafia ed eversione nera

Dopo 37 anni nessun mandante

Milano 24 lug. – Fine anni sessanta, inizio anni settanta : un periodo inquietante per la storia del Paese. Alla bomba che esplose nella sede della Banca Nazionale dell’Agricoltura a Milano, nel dicembre 1969, seguì nel luglio dell’anno successivo, la rivolta di Reggio Calabria, conseguenza dell’ipotesi di attribuire a Catanzaro lo status di capoluogo di regione. Lo slogan della rivolta : il non dimenticato “Boia chi molla” di Ciccio Franco.

Il 22 luglio 1970, sulla tratta ferroviaria Gioia Tauro- Reggio Calabria, un ordigno piazzato sui binari, provocò il deragliamento della Freccia del Sud, il bilancio delle vittime assunse le proporzioni di una strage: 6 morti e 54 feriti.

Non si deve dimenticare che nel dicembre dello stesso anno ebbe luogo il tentativo, abortito, da parte del principe nero Junio Valerio Borghese, di un golpe, che avrebbe dovuto rovesciare l’ordinamento democratico dello Stato. Cosa Nostra, all’ultimo, ritirò il proprio appoggio al colpo di stato. Motivo: Borghese pretendeva l’acquisizione dell’elenco di tutti gli affiliati alla mafia siciliana. Per Cosa Nostra la richiesta era irricevibile, Luciano Liggio dichiarò sibillinamente “Ho salvato l’Italia”.

Tornando all’eccidio del Palermo-Torino, le prime indagini vennero svolte dal questore di Reggio Calabria, Emilio Santillo, che individuò in un bullone avvitato male, nella nona carrozza, la causa del deragliamento, escludendo con certezza qualsiasi origine dolosa. Naturalmente si trattava di errore umano, i macchinisti furono incolpati ”...di aver illegittimamente disposto la cessazione del rallentamento a 60 chilometri all’ora, per tutti i treni sulla tratta Palmi-Gioia Tauro, causa i lavori di livellamento ed allineamento delle rotaie”.

Ogni ipotesi dinamitarda non venne considerata, in quanto nessuno aveva sentito detonazioni al momento dell’incidente, ma i binari potevano essere stati fatti saltare precedentemente al sopraggiungere del treno.

A seguito di altri tre attentati fotocopia, fortunatamente senza conseguenze, venne disposta un’ulteriore perizia, che riscontrò l’asportazione parziale di una rotaia per quasi due metri, a rappresentare l’origine dolosa del deragliamento. Ugualmente un primo processo fu istruito a carico di quattro dipendenti delle Ferrovie dello Stato, che andarono assolti.

Dopo 23 anni, nell’ambito di una maxi inchiesta sulla ‘ndrangheta, la verità emerse grazie alle dichiarazioni di un pentito, Giacomo Lauro, il quale rivelò che a piazzare materialmente la bomba sui binari, fu un neofascista, Tito Salverini, su mandato del “Comitato d’azione per Reggio capoluogo”.

La criminalità organizzata calabrese consegnò ai terroristi neri l’esplosivo. Queste testimonianze furono confermate da un esponente di Avanguardia nazionale, Carmine Dominici, uomo di fiducia del marchese Felice Genoese, leader maximo della destra calabrese, poi condannato per reati riconducibili al crimine organizzato.

Le indagini svelarono il solito patto scellerato tra la ‘ndrangheta, inizialmente rappresentata dalla famiglia Di Stefano, la destra eversiva, servizi deviati, massoneria e trafficanti internazionali di armi e stupefacenti. Lauro dichiarò “Giorgio Di Stefano diceva che bisognava aiutare i fascisti contro i comunisti”. Il patto venne allargato ad altri clan, in un summit a Montalto, cui avrebbero partecipato Junio Valerio Borghese, evidentemente alla ricerca di altre alleanze, dopo la defezione di Cosa Nostra, Pierluigi Concutelli e Stefano Delle Chiaie.

Nel 2001 la Corte d’Assise di Palmi condannò quali esecutori materiali della strage, Salverini, Caracciolo e Scarcella, tutti e tre deceduti per cause naturali. Vennero però disposte nuove inchieste sui presunti mandanti. Il processo si chiuse definitivamente nel gennaio 2006, unico colpevole il pentito Giacomo Lauro, curiosamente condannato per “concorso anomalo in omicidio pluruimo”, reato estinto per avvenuta prescrizione.

Recentemente, in occasione dell’anniversario dei moti di Reggio Calabria, il sindaco Giuseppe Scopelliti, esponente di An, ha pronunciato queste parole: “La rivolta di Reggio fu un’esperienza di popolo sintomatica. Un periodo storico brillantemente guidato da Franco e da tutti gli altri esponenti del comitato”.

Riccardo Castagneri
politica.milano@voceditalia.it

Data: 24/07/2007 6.57.00

materiali storici
r_calabria


articolo precedente           articolo successivo