antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Torino «È inaccettabile processare gli studenti per antifascismo»
- Bologna In piazza Carducci solo gli antifa
- Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
19.09.20 Ultras Lazio, la sede di Diabolik sarà sgomberata, il cerchio sulla morte si stringe
2.09.20 Fascisti, no-vax e complottisti di QAnon: chi sono i negazionisti in piazza il 5 settembre
28.08.20 Ribelli, mercenari e faccendieri: l’italiano Elio Ciolini alla conquista del Centrafrica
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 20.07.07
Per Renato, riflessioni di fine processo
·

15 anni di carcere. Omicidio volontario.
Finisce così il primo grado di giudizio su Vittorio Emiliani, uno dei due assassini che il 27 agosto scorso ha ucciso Renato sul lungomare di Focene.

Nessuna gioia, nessuna “soddisfazione”, nessuna consolazione. Siamo andati via da quel tribunale con la tristezza negli occhi, col sangue al cervello, con tanta rabbia. I compagni, gli amici, la mamma, il fratello di Renato. Come abbiamo sempre ribadito, non è nelle aule di un tribunale che cerchiamo o ci aspettiamo la verità. Nessuna sentenza ci ridarà il sorriso, la gioia, l’intelligenza, la vivida creatività, l’amore e la passione per la vita che tutt@ noi trovavamo ogni giorno negli occhi profondi di Renato.

La verità la conoscevamo già, forse anche prima di quella terribile notte. Conoscevamo la violenza cieca e stupida delle aggressioni razziste per strada, conoscevamo le lame fasciste e il sangue dei compagni, dei ragazzi, degli omosessuali, dei migranti vittime dei raid, nei centri sociali, nelle strade, nelle periferie di questa città. Conoscevamo i mandanti, lo sfondo e le motivazioni politiche delle imboscate, la viltà e l’infamità dell’intolleranza che genera mostri, conoscevamo la stupidità e l’arroganza degli autori materiali di raid e aggressioni, conoscevamo i disegni della destra, i doppiopetto in primo piano e le squadracce sullo sfondo nella notte.

Conoscevamo Renato. E da subito abbiamo denunciato a gran voce nella società, nelle strade e nella rete, che quella di Focene non è stata una rissa tra balordi, ma un’aggressione, un omicidio commesso da due fascistelli, giovanissimi ma cresciuti in fretta in un clima dalla lama facile fatto di intolleranza, odio e razzismo. Non ci siamo mai nascosti dietro a un dito e, pur leggendo e denunciando le contraddizioni della giustizia dello Stato e della vendicatività inutile delle istituzioni carcerarie – sapendo che comunque la verità non si cerca nelle aule dei tribunali – da subito abbiamo detto che avremmo seguito il processo contro i due autori di quell’omicidio. Abbiamo scelto di essere presenti ad un processo estremamente difficile che fin da subito evidenziava omissioni, deviazioni nelle indagini, strane coperture, preoccupanti connivenze. La celtica tatuata sul braccio di uno degli aggressori, la parentela diretta dello stesso con un Carabiniere di istanza proprio al commissariato che ha condotto le prime indagini, il mancato ritrovamento del secondo coltello, la “strana” connivenza della cittadinanza di Focene che nulla ha visto o sentito quella notte, il fatto che il minore, ai domiciliari quasi da subito, vivesse a pochi metri dal luogo dell’assassinio con la sua famiglia.

Ora che il primo grado di giudizio è concluso e una pesante condanna per uno dei due assassini è stata emessa vorremmo dire, ancora una volta, la nostra e fare un bilancio della situazione con gli occhi di chi si ostina a seguire inchieste e processi come quello di Civitavecchia (come a Genova sul G8, a Ferrara per Federico Aldrovandi, a Milano per Dax e i fatti del S.Paolo) e di chi ha altre motivazioni che la “giusta pena”. Di chi vuole spezzare quel sudicio e indegno apparato di potere e di disinformazione che scatta quando un episodio rischia di rivelare una verità scomoda, in modo che la volta successiva non succeda o al limite accada con qualche difficoltà in più.

Come più volte abbiamo denunciato pubblicamente fin sotto al Ministero dell’Interno, l’omissione più grave riguarda la scomparsa dei verbali con le dichiarazioni rese da Renato ai Carabinieri all’ospedale Grassi di Ostia poco prima di morire e poi riapparse sotto la pressione degli avvocati della famiglia Biagetti. I Carabinieri avevano stranamente dimenticato di trascrivere quelle parole importantissime per la ricostruzione dei fatti, e hanno poi depositato al GUP un’integrazione agli atti basata sulla memoria confusa e lacunosa di un Carabiniere di Ponte Galeria. Poi c’è stata la richiesta di costituzione di parte civile del Comune di Roma, gesto senz’altro simbolico ma non solo, dato che Veltroni dopo l’omicidio non si espresse mai chiaramente sulla vicenda dando adito alla famiglia Biagetti e ai suoi compagni e amici di pensare che si volesse nascondere la vicenda per coprire il riemergere del neofascismo, i problemi, i conflitti aperti, i disagi della sua città-vetrina. Per rimediare e dimostrare l’interesse della giunta, Veltroni decise di prendere posizione nel processo.
La decisione del tribunale di rifiutare quest’istanza ha favorito dunque la deresponsabilizzazione di chi, come Veltroni, su una Roma pacificata in nome del profitto sta costruendo una carriera politica e un modello di governo che non guarda solo ai confini della capitale.
Essere parte in causa, seppur defilata, in un processo che parla del disagio delle periferie romane non avrebbe aiutato certo l’operazione di immagine e anzi, avrebbe dato al processo stesso un risalto probabilmente indesiderato. Il rigetto della costituzione di parte civile, in poche parole, autorizza il Comune a credersi assolto. In secondo luogo, con la sua decisione, il tribunale manda un segnale alla politica, intesa in senso lato: le istituzioni, i movimenti, i media si tengano fuori da questa vicenda. Il giudice vuole eliminare il rischio che la vicenda di Renato suggerisca analisi e prese di posizione, che vada oltre il semplice fatto di cronaca e di tribunale: che qualcuno che non sia un testimone, un imputato o un avvocato dica la sua, foss’anche un sindaco. Già ci sono i compagni di Renato a piangere e a lottare per esprimere l’amore, la rabbia e i sogni di Renato.
Anche il rifiuto di costituzione di parte civile da parte dell’ANPI, Associazione Nazionale Partigiani, si inserisce in questo quadro che diviene così ancora più grave. Noi per primi abbiamo parlato fin dall’inizio di un’aggressione, ma chiaramente non di un’aggressione premeditata e organizzata da militanti di una struttura neofascista organizzata, quanto invece di un atto forse ancor più grave e preoccupante: ovvero di un omicidio commesso per mano di giovani sicuramente simpatizzanti della destra radicale ma che hanno agito da cani sciolti, sentendosi però legittimati da un clima culturale, sociale e politico costruito ad arte da alcuni personaggi politici della destra istituzionale che in diverse forme hanno dato indicazioni politiche su “chi” colpire e criminalizzare, costruendo il comodo meccanismo del nemico pubblico numero uno. Target sociale da colpire e che secondo il peso elettorale e di consenso politico che può riscuotere di volta in volta viene sostituito a rotazione: dai centri sociali agli immigrati, dalle battaglie ipocrite contro le droghe alle campagne contro gay, lesbiche e trans. Un clima che si manifesta su più livelli. Uno macroscopico sostenuto e costruito da politici più o meno popolari come Alemanno, Storace e Berlusconi che proprio nei giorni della morte di Renato rilasciavano dichiarazioni a difesa della “nazione contro l’invasione degli immigrati”, con slogan tipo: “Italia agli italiani”. Uno intermedio, militante e meno visibile, incarnato dalle strutture della destra radicale come Fiamma Tricolore che giocando strumentalmente sull’emergenza abitativa di Roma, occupa e fa occupare ai suoi militanti palazzine e spazi abbandonati trasformandoli in covi di neofascisti dove circolano apertamente posizioni politiche e culturali dichiaratamente neofasciste. Covi come Casa Pound e altre occupazioni così dette non conformi – le OSA – o altri covi più o meno attivi come quelli di Forza Nuova, da cui molte volte partono squadracce di picchiatori e potenziali assassini che con lame e bastoni aggrediscono il loro target del momento e che sostanzialmente agiscono anche indipendentemente dal primo e macroscopico livello, ma proseguono sulla traccia della stessa traiettoria.
E poi c’è il livello sociale di una parte minoritaria di giovani e pischelli di questa città che affascinati da questo immaginario dell’aggressione infame e al buio, con le lame alla mano, più o meno gratuitamente agiscono come hanno agito i due fascistelli di focene, con un livello di consapevolezza politica molto bassa ma quanto basta per sentirsi legittimati ad agire dentro questo clima di razzismo e intolleranza.
Quindi negare la matrice politica dell’aggressione e dell’omicidio è un atto gravissimo. I due ragazzi sono infatti innegabilmente legati all’ambiente della destra del litorale romano, e la celtica tatuata ne è conferma, tanto quanto l’atteggiamento razzista e prevaricatore che ha spinto i due ad aggredire, armati di coltelli, un gruppo di ragazzi usciti da una dance-hall reggae palesemente organizzata da realtà locali di sinistra. Questa è la verità, scomoda per molti, troppi poteri, più o meno influenti.
In ultimo ci preme sottolineare come Vittorio Emiliani sia solo uno dei due responsabili diretti di quell’omicidio. Poco si parla, anche nelle aule dei tribunali, della situazione del minorenne affidato ai genitori poco dopo l’arresto, reinserito quindi a “rieducarsi” nello stesso ambiente in cui è maturato l’omicidio, con tanto di amici giovanissimi e esultanti che fin fuori al tribunale hanno dimostrato per il ragazzo la propria stima, Amoroso, diciassette – ormai diciotto – anni di Nola, è responsabile dell’omicidio e delle coltellate di quella notte tanto quanto l’Emiliani. Il gioco delle parti per rimpallarsi la responsabilità e uscirne entrambi più o meno puliti, non funzionerà perché giorno dopo giorno noi saremo insieme, compagni, amici, familiari di Renato a gridare che la verità non si cancella. Aspettiamo le motivazioni della sentenza tra 90 giorni, ma non vogliamo contribuire al clima che sembra circondare il minore, scaricando la responsabilità solo su uno dei due ragazzi.

Quella notte del 27 agosto ’06 a Focene due persone armate di coltelli hanno aggredito e ferito tre persone. Una, Renato, è morta. Tanta era la determinazione di uccidere.

Queste sono le nostre verità. Per affermare questa unica e veritiera versione dei fatti: un omicidio come atto politico, un aggressione di stampo fascista e non una rissa tra bande o tra balordi. Per questo continueremo a lottare giorno dopo giorno.

Col sorriso di Renato nel cuore

“Anche se voi vi credete assolti siete lo stesso coinvolti”

I familiari di Renato, l’ Associazione Culturale “I sogni di Renato”, i compagni e le compagne di Acrobax, gli amici e i fratelli di Renato.

lettere
r_lazio


articolo precedente           articolo successivo