antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom
- Vicenza, vede un immigrato e lo accoltella alla pancia. Arriva la polizia: picchia anche gli agenti

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”
- Parma, il “bollino antifascista” per le associazioni che vogliono lavorare col Comune
- Mantova Antifascista. No a Casapound In 500 contro il fascismo

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa
9.10.19 Dove si radunano i neofascisti tra social network e dark web
18.09.19 Repubblica: “I Signori della Curva spa tra manganelli e Cosa nostra. Viaggio all’interno delle curve italiane”
22.08.19 Diabolik, Roma sud blindata per i funerali. Saluti romani all’arrivo della bara nera.
20.08.19 Fascismo del vecchio e nuovo millennio: viaggio “nel cuore nero” di Brescia
20.08.19 Sì, il problema di Roma è (anche) Casapound
9.08.19 Omicidio Diabolik, ex leader Irriducibili: "Nostre strade divise da tempo" - doppio filo, tra gli Irriducibili e Forza Nuova
9.08.19 L’Italia nera

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 29.06.07
Fascisti immaginari, botte reali
·

Fascisti immaginari, botte reali

Jacopo Matano, 29 giugno 2007
L’aggressione di un gruppo di neofascisti a Villa Ada a Roma durante un concerto rock: due ragazzi accoltellati, un carabiniere contuso. L’ultimo di una lunga serie di episodi di violenze che, da qualche anno, hanno fatto ripiombare la Capitale in un clima da anni ‘70. In contemporanea con il risveglio dei “cattivi ragazzi”

Un’aggressione fascista in piena regola, se nella violenza ci fossero davvero delle regole. Ieri sera erano in trenta, forse pochi di più, eppure dovevano sembrare tantissimi quando verso l’una si sono accalcati ai cancelli dell’ingresso nord di Villa Ada, dove, nell’isola sul laghetto, era appena terminato il concerto della Banda Bassotti. Fascisti, a volto coperto. Mentre il pubblico defluiva, secondo i testimoni hanno cominciato a tirare petardi (qualcuno parla di bombe carta) inneggiando al duce. Poi lo scontro fisico, le bastonate, le urla. Gli organizzatori della manifestazione “roma incontra il mondo” hanno fatto chiudere i cancelli, mentre alcuni spettatori hanno chiamato le forze dell’ordine. Qualcuno però, purtroppo, è rimasto fuori. All’arrivo dei Carabinieri, nell’apice della confusione, la situazione è degenerata in guerriglia, il risultato è stato di due ragazzi feriti, un agente contuso, due volanti del 112 danneggiate. E tanta, tanta paura.

Unanime e trasversale la condanna dei partiti e delle istituzioni a quella che si è prefigurata, da subito, come un’azione a sfondo politico. Il gruppo romano di Forza Nuova, inizialmente indicato come responsabile, ha smentito il coinvolgimento per bocca del suo portavoce, mentre Gianni Alemanno (An), ha espresso solidarietà alle vittime: “Ho appreso con sconcerto del gravissimo episodio avvenuto la scorsa notte a Villa Ada. Si tratta di un fatto oltremodo preoccupante, che rischia di rinnescare una spirale di violenza tra i giovani”. Il sindaco Veltroni, insieme all’assessore Silvio Di Francia, ha fatto visita ai due feriti, ricoverati all’ospedale Sandro Pertini. “All’improvviso ho sentito un’esplosione, poi si è sparsa la voce che i fascisti volevano entrare. Mi sono ritrovato in un parapiglia, sono caduto in terra e mi hanno picchiato prima con le spranghe, poi hanno tirato fuori i coltelli”, è la testimonianza di Marco di Pillo, il quarantenne ricoverato nel reparto di chirurgia generale dell’ospedale. Marco ha nove ferite di arma da taglio, di cui, come racconta una sua amica, due profonde sulla schiena. A lui è andata bene. Non come a Renato Biagetti, ucciso il 27 agosto scorso mentre usciva da una dance-hall reggae sul litorale di Focene.

Raid che riportano alla mente gli anni ‘70, le irruzioni con le spranghe e le “lame”, cori che inneggiano a Mussolini, ai feriti a terra. Immagini che sembravano sepolte dalla pacificazione costituzionale, dalla fine della prima repubblica. Roba vintage, ci fanno addirittura i film. Ma per i ragazzi che Roma la vivono, che seguono la politica giovanile, che frequentano i centri sociali o semplicemente le feste estive di partito, gli anni di piombo non sono mai finiti: ci sono posti dove andare ed altri dove non mettere piede, quartieri a rischio, serate difficili, tensioni latenti che sfociano in violenza. Nell’ultimo anno, le aggressioni a scopo intimidatorio non si contano. Dall’omicidio di “Renatino” alle svastiche su via Tasso e sulle vetrine dei negozianti ebrei di Viale Libia e Viale Eritrea. Dalle botte in pieno giorno all’univeristà di Roma Tre al pugno in faccia ad una ragazza nel contesto “istituzionale” della consulta provinciale degli studenti. Fino alle botte di venti giorni fa a Tor Vergata, dove un cric in testa e bastonate col passamontagna sono costate venti punti di sutura ad un militante di “sinistra critica” che affiggeva manifesti anti-Bush. Il tutto condito dall’ onnipresente spettacolo delle bravate in motorino, dei raid al grido di “Duce, Duce” davanti alle feste delle sezioni territoriali dei partiti di sinistra. Gesti e saluti così naturali, anche a 60 anni di distanza.

L’universo della “peggio gioventù” della Capitale negli ultimi cinque-sei anni si è espanso a macchia d’olio. Era l’epoca di Francesco Storace alla regione, quando sui muri di Roma cominciavano a campeggiare i segni della “rinascita” fascista. La tregua tra le tifoserie delle curve e la volontà di uscire allo scoperto, di darsi un’identità culturale: vennero le occupazioni “non conformi” e quelle a scopo abitativo (“osa”, che suona a pennello come un’audace esortazione), i ragazzi di Casa Montag prima e Casa Pound poi, il foro 753 (vicino ad Azione Giovani) nello stabile destinato al museo della Shoah, il 2punto11 (2.11, ovvero la seconda e l’undicesima lettera dell’alfabeto: B ed M., iniziali di Benito Mussolini), Casa d’Italia. I fascisti immaginari, quelli del libro di Luciano Lanna e Filippo Rossi, diventavano reali. E invitavano gli autori di quella e delle altre indagini sulla cultura della destra antagonista a confrontarsi con loro. Alcuni chiedevano il Mutuo Sociale e si candidavano con Storace per il suo secondo mandato alle regionali (Gerri, la “testa di ferro”). Il tutto, in contemporanea al restyling politico, culturale e soprattutto grafico della Fiamma Tricolore, che accanto ai manifesti in ricordo dei bei tempi (“sostieni la squadra del cuore”, con l’immagine di una squadraccia del ventennio), negli ultimi due anni è riuscita ad attirare una miriade di giovanissimi intorno all’organizzazione Blocco Studentesco, allo slogan di “la ricreazione è finita”. Oltre, naturalmente, alla sempreverde (o semprenera) Forza Nuova, alle domeniche allo stadio, alla musica degli zetazeroalfa, alle magliette “nel dubbio mena”, o “me ne frego”.

Tra libro e moschetto, se l’intento era quello di far prevalere il primo, l’operazione non sembra del tutto riuscita. Fuori dai convegni con gli ex repubblichini, dalle iniziative editoriali e dai concerti, infatti, la lotta per la conquista del territorio romano si svolge parallelamente con le immancabili violenze. E trenta persone che si ritrovano fuori da un’iniziativa dell’Estate Romana con petardi, bombe carta, caschi, spranghe e coltelli non sono certo “schegge impazzite”. Nei centri sociali “rossi”, ma anche nei collettivi universitari, si parla di “guerra sul territorio”, di “reazioni” necessarie, di bisogno di proteggersi. E quindi ecco le uscite sempre in gruppo, a volte le spedizioni. La dialettica politica si trasforma in faida, nella sfiducia verso le forze dell’ordine e la volontà di “farsi giustizia da soli”. E se il Comune non riesce a denunciare l’esistenza di un’ “emergenza”, le iniziative destinate alla memoria non bastano. Perché esse si scontrano con una “nuova versione” della memoria che nega, rivede, rilegge, e soprattutto si fomenta, trae dall’antagonismo la spinta per crearsi una nuova identità e, sempre più spesso, la determinazione per scendere in strada con le armi in mano. All’ombra di Montecitorio e del Campidoglio, a pochi chilometri dai palazzi della politica, c’è una guerra immaginaria fatta di violenze reali.

documentazione
r_lazio


articolo precedente           articolo successivo