antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara
- Torre Maura, ancora tensioni: bomba carta e saluti romani mentre vengono trasferiti i primi rom

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova
- Pontedera: in centinaia scendono in piazza contro CasaPound
- Bari, stretta del sindaco su Casapound: “Quella sede va chiusa”
- Reggio Emilia Marcia Forza Nuova, approvato odg contro “ronde neofasciste”

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Il virus nero - Servizio di Report
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà
21.03.20 La singolare galassia de “Il Primato Nazionale”
5.03.20 Grecia. Il colonnello di Alba dorata a caccia di profughi: siamo patrioti
5.03.20 Roma, il dossier sugli episodi di neofascismo in VII municipio
5.03.20 Argentina, trova lista di 12mila nazisti tra le carte di una banca in disuso: dentro, il tesoro sottratto a milioni di ebrei
3.03.20 Hanau, se quei lupi solitari diventano un branco xenofobo internazionale
8.02.20 Latina, le collusioni mafiose di Lega e Fratelli d'Italia
23.01.20 Germania, rapporto della polizia: dal 1990 l’estrema destra è colpevole di 100 omicidi
18.01.20 Ma con chi ce l’ha Salvini quando critica “l’antisemitismo di certa destra tradizionalista”?
15.01.20 I buchi del 41 bis: il fascista Roberto Fiore fece incontrare il boss di camorra e il fratello
6.01.20 La persistenza della cultura fascista si manifesta nel comportamento della polizia
13.12.19 Tifo, i cori razzisti al pub dei tifosi del Verona: "Niente negri, lalalalalala-la…niente negri"
29.11.19 Neonazisti, una talpa nella polizia avvertì miss Hitler. “Gli sbirri ti osservano”. E scattò l’allerta
21.11.19 Sapevate che in Abruzzo esistevano 15 campi di concentramento? Torture e deportazioni
11.10.19 Quanto è diffuso il terrorismo nero in Europa

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 20.04.07
Parma: corteo il 25 aprile
·

25 APRILE

Ritrovo ore 10 in piazzale S.Croce.

Perché manifestare il 25 aprile dopo 62 anni? Con chi?
Non dalla parte di chi ha costruito e continua a gestire i CPT, i lagher che oggi abbiamo in tutta europa.
Non dalla parte di chi parlerà sul palco, pavoneggiando valori che ha dimenticato da decenni.
Manifesteremo insieme ai rifugiati del Darfur che due settimane fa hanno occupato uno stabile dopo che da mesi vivevano in strada a Parma, città medaglia d’oro per la resistenza. Per ribadire i valori dell’uguaglianza sociale, per il rispetto dei diritti fondamentale di tutti.

Parma, 24 Aprile 2007

Comunicato Stampa: Parma, evitato lo sgombero di 20 rifugiati politici e umanitari

Sabato 14 aprile 20 rifugiati politici e umanitari hanno occupato un ex asilo a San Pancrazio (PR), vuoto da circa 8 anni. Da diversi mesi dormivano in strada pur avendo tutti iniziato un percorso di integrazione nel territorio frequentando scuole di formazione professionale e di italiano. Attualmente, terminata la prima parte teorica dei corsi, stanno iniziando gli stage presso le aziende.
Le istituzioni, da ottobre 2006 quando queste persone vivono a Parma, non hanno mai offerto l’accoglienza loro dovuta per legge. Il Comune di Parma (i) non ha preso alcun contatto con gli occupanti, (ii) ha firmato immediatamente un’ingiunzione di sgombero in quanto l’edificio è stato dichiarato inagibile nel 2003 (iii), ha sollecitato la forza pubblica affinché sgomberasse lo stabile senza offrire alcuna soluzione alternativa. Di fronte alla determinazione dei rifugiati e di coloro che hanno dato appoggio e solidarietà, Prefettura e Questura hanno ritenuto di non intervenire con la forza e il Comune di Parma è stato costretto a ritirare la richiesta di sgombero e a coprire i costi di un dormitorio che verrà aperto nei prossimi giorni per ospitare tutti i nuovi abitanti dell’ex asilo di San Pancrazio. È stato garantito inoltre che il periodo di permanenza nel dormitorio non è a termine e, in ogni caso, nessuno uscirà senza una soluzione alternativa auspicabile quando i rifugiati avranno terminato il percorso di inserimento nel mondo del lavoro.
Le istituzioni sono state costrette a riconoscere che l’occupazione non è un atto illegale, che lo stato è obbligato a garantire assistenza a chi fugge da un paese in guerra. Senza scomodare esempi storici imbarazzanti, senza evocare le leggi razziali del periodo fascista, oggi anche chi ci governa è stato costretto ad ammettere che applicare la legge non significa violare i diritti delle persone.
I ragazzi sono sbarcati sulle coste siciliane tra agosto e settembre 2006. Dopo essere stati portati nei centri di identificazione a tutti è stato riconosciuto lo stato di rifugiati, accordato l’asilo politico o l’asilo umanitario, fornito il permesso di soggiorno. Si sono trovati quindi sul territorio nazionale senza una meta o una prospettiva di accoglienza. Ad ottobre 2006 sono arrivati a Parma dove per circa un mese hanno dormito sotto i portici di Piazzale della Pace, una piazza nel centro di Parma. Dopo circa un mese la Polizia Municipale buttò via durante il giorno le coperte e gli indumenti che utilizzavano per difendersi dal freddo: i media locali diedero risalto alla notizia e alcuni di loro vennero ospitati in albergo o nei dormitori in città per circa una settimana. Tra dicembre 2006 e gennaio 2007, in periodi differenti, il Comune ospitò per un periodo medio di 3 settimane queste persone in dormitorio. Da febbraio 2007 tutti i 20 rifugiati sono tornati a dormire in Piazzale della Pace fino a quando hanno occupato l’ex asilo di San Pancrazio.
Il Comitato Antirazzista di Parma appoggia la lotta e le rivendicazioni dei rifugiati politici e sarà a loro fianco per verificare che le promesse fatte oggi vengano mantenute e i diritti di queste persone rispettati.

Comitato Antirazzista Parma

25aprile2007
r_emiliaromagna


articolo precedente           articolo successivo